Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno scolastico
Condividi

I consigli per progredire rapidamente nell’idioma di Joyce

Scritto da Igor, pubblicato il 11/07/2017 Blog > Lingue straniere > Inglese > Come Imparare l’Inglese con Esercizi Quotidiani?

In molti, studenti o già lavoratori, desiderano imparare l’inglese per recuperare del tempo perduto.

Ma non sempre si ha il tempo di investirsi intensamente nell’apprendimento dell’inglese.

Come imparare l’inglese? Puoi farlo, lavorandoci solo 20 minuti al giorno? Se lo chiedono tutti.

Corinne

I nostri insegnanti sono talmente contenti

”Con Superprof, ho potuto trovare degli allievi seri, motivati e con molta voglia di imparare. Consiglio assolutamente Superprof!”

Imparare l’inglese in soli 20 minuti al giorno: una trovata pubblicitaria?

E' importante staccare pur sempre nella metodicità. Il cervello e il corpo si ritemprano e il lunedì sarai ancora più carico. Dal lunedì al venerdì: e durante i weekend riposo!

Molti siti parlano della possibilità di apprendere l’inglese in soli 20 minuti al giorno o addirittura in 5. L’idea alletta. Non sempre si dispone di tempo per un apprendimento metodico, assiduo ed intenso della lingua di Shakespeare. Chi, al giorno d’oggi, con gli impegni lavorativi, lo sport all’aria aperta o in palestra, i figli da portare ai corsi di musica o di danza, chi – dicevamo – riuscirebbe a ricavare almeno un’ora al giorno per 3 o 4 giorni a settimana?

Difficilissimo, forse impossibile (a meno di essere già in pensione e di non avere nipoti troppo impegnati da scarrozzare a destra e sinistra). Da qui l’idea di imparare l’inglese, dedicando allo studio solo 20 minuti al giorno.

D’altra parte, imparare l’inglese è oggi un vantaggio innegabile professionalmente. Anche poter seguire un film in versione originale senza perdersene la metà leggendo i sottotitoli non è male come vantaggio. Poter viaggiare per il mondo facendosi capire ovunque non ha prezzo. È sempre possibile farsi capire all’estero se si parla inglese, questo lo sanno tutti.

A che servono i metodi “miracolo” che promettono di far diventare bilingue in pochi mesi esercitandosi solo 20 minuti al giorno?

Partiamo dalla motivazione, un aspetto imprescindibile per affrontare qualsiasi nuova sfida. Per riuscire a parlare inglese rapidamente occorre volerlo, occorre amare o apprendere ad amare la lingua.

20 minuti al giorno (per quanto pochi) saranno sprecati se non riuscirai a sentirti davvero implicato .Bisogna prendere gusto nell’apprendimento.

Seconda osservazione: la regolarità è una delle chiavi dell’apprendimento in qualsiasi ambito. Meglio lavorare un po’ ogni giorno, che farlo per ben tre ore ogni quindici.

In teoria, quindi, il metodo d’apprendimento basato su sessioni corte può essere efficace.

E del resto, poi, 20 minuti al giorno fanno pur sempre due ore alla settimana, in media (a seconda che si consideri il week end o meno).. Il metodo funziona se i venti minuti sono ben utilizzati…

In compenso, lavorare meno di venti minuti al giorno non sembra proprio promettere gran che. 20 minuti rappresentano la durata minima di ogni tipo di apprendimento in qualsivoglia dominio. Anche perché bisogna tener conto che cinque minuti occorreranno, ogni volta, per entrare in medias res. Partire da 0 in inglese non è cosa facile.

Pianificare l’apprendimento e darsi degli obiettivi

Lavorare 20 minuti, in astratto non vuol dire nulla. Ciò che conta è definire cosa si intenda per “lavorare”. In economia, e non solo, la durata del tempo di lavoro conta meno della produttività.

Il tuo cervello deve abituarsi sempre e solo alla lingua inglese; solo così potrà rispondere in inglese agli stimoli che riceverà. Se tutto quello che fai, lo fai in inglese, migliorerai rapidamente!

È meglio lavorare 15 minuti essendo produttivi, che non trenta …senza lavorare realmente. I venti minuti giornalieri di esercizio possono essere efficaci in tempi brevi se:

  • Si lavora assiduamente
  • Si segue un planning per non abbandonare a metà strada e si rispetta il programma d’apprendimento.
  • Ci si danno degli obiettivi: imparare l’inglese in cinque mesi per esempio.

Di fatto, il rischio principale, lavorando 20 minuti al giorno, è abbandonare dopo un paio di settimane.

Succede di trovare qualche scusa per annullare una sessione di lavoro. In modo generale, è difficile concedersi ogni giorno questi 20 minuti, anche se non si tratta di una durata lunga. Se lavori intensamente 20 minuti al giorno, otterrai risultati assai presto, ma bisognerà attenersi al planning

Ecco perché molti preferiscono organizzare delle sessioni di un’ora ogni tre giorni. La cosa risulta più facile da rispettare, meno costrittiva. Imparare l’inglese lavorando 20 minuti è possibile, ma richiede forte motivazione, determinazione senza tregua, impegno reale. Se vuoi imparare l’inglese studiando 20 minuti al giorno, la durata dell’apprendimento dipenderà dal tuo livello iniziale d’inglese.

Se sei proprio un principiante considera 6 – 8 mesi. Se hai già delle basi, puoi iniziare a ben capire l’inglese in 4 mesi. In base al livello ed al numero delle lezioni di inglese, fissa in partenza la durata necessaria ad imparare la lingua.

Si tratta di un buon modo per riuscire a rispettare gli impegni.

È anche utile fare una lista di tutti i vantaggi che ti offrirebbe la padronanza completa dell’inglese. Dovrai esercitare l’ascolto, la pratica, la lettura e la scrittura dell’inglese.

Tieni sott’occhio questa lista (o almeno in testa): se dovessi perdere la motivazione, rileggerla ti farà ripartire col piede giusto!

Quando prevedere le sessioni di 20 minuti?

Come posso apprendere a parlare la lingua inglese?

Non esiste una regola generale: alcune persone studiano meglio al mattino, altre a mezzogiorno, altre la sera.

Soprattutto, ogni cosa dipende dal tuo impiego del tempo. Ecco, tuttavia, alcuni consigli generali:

  • Al mattino si è generalmente più efficaci, anche se la cosa varia da un soggetto all’altro. Se prendi il bus o il treno per recarti a scuola o al lavoro, perché non provi a studiare durante il tragitto?
  • Alcuni lavorano bene tra mezzogiorno e l’una, durante la pausa pranzo. Se non ti avvali del trasporto pubblico al mattino e se alle sette sei ancora troppo stanco per far lavorare il tuo cervello, puoi provare a riservare i venti minuti verso l’ora di pranzo. Una forchettata di pasta e un verbo irregolare!

Durante la pausa pranzo, nei trasporti pubblici, o la mattina prima di colazione. Trova i tuoi 20 minuti da dedicare all'inglese. Trovare 20 minuti in un giorno, è facile!

  • Altri amano studiare la sera, anche tardi. Diciamo che sarebbe sconsigliato, anche se come sempre dipende dai soggetti. Perché? Perché dopo una giornata di lezioni (non di lezioni d’inglese) o di lavoro, il cervello ha di solito lavorato fin troppo ed è dunque più stanco e meno efficace. E poi la notte è fatta per dormire, per consentire al corpo di riposare e per non sballare i ritmi circadiani.
  • Esercitare il tuo inglese 20 minuti ogni giorno senza eccezione può rivelarsi barboso e scoraggiante. Per non demotivarti di fronte a questa meticolosità da orologiaio svizzero, fai una pausa durante il week-end e nelle vacanze. Ti sarà più facile accettare questa autodisciplina dei venti minuti quotidiani durante la settimana.
  • Puoi anche leggere le notizie in inglese e consultare delle risorse in inglese. Anziché aprire i portali di un quotidiano italiano, cerca la stampa inglese o americana. Le notizie dal mondo saranno le stesse, magari trattate anche meglio, ma sicuramente imparerai vocaboli nuovi.

Fissarsi degli obiettivi quotidiani

Al di là dell’obiettivo globale che è quello di padroneggiare l’inglese, devi fissarti dei sotto-obiettivi. In 20 minuti non si può riuscire a dedicarsi sia alla grammatica, sia al vocabolario, sia alla lettura.

Devi organizzare un planning che alterni ogni giorno diversi aspetti della lingua da approfondire. Ad esempio: potresti decidere di imparare dieci parole di vocabolario il lunedì, di dedicarti al present perfect il martedì, di leggere un articolo in inglese il mercoledì, di apprendere altre 10 parole il giovedì, di imparare una regola di grammatica il venerdì. E di riposare durante il weekend. Nell’apprendimento, la memoria è la facoltà più sollecitata.

La memorizzazione è in parte “arte della ripetizione”.

Se vuoi memorizzare in fretta, devi “ripassare” ciò che già sai, devi riapprendere le stesse cose più volte.

Concretamente, se impari dieci parole di vocabolario lunedì, rileggi la lista il mercoledì per fissare bene nella tua memoria i nuovi termini.

Altrimenti, il rischio che correrai è quello di dimenticare tutto a mano a mano che avanzi nel programma di apprendimento. Se non seguirai questo consiglio, avrai lavorato per niente (o quasi).

Nota bene: esistono molti manuali con schede di inglese su ogni aspetto della lingua, tra cui il vocabolario, la grammatica, la coniugazione (del tipo “50  schede di vocabolario inglese”). Dedica un po’ di tempo alla scelta dei libri giusti.

Di preferenza, opta per un libro a tema: sul vocabolario, sulla grammatica, etc.

I libri saranno così anche meno pesanti trasportare, cosa importante se ti interessa studiare sul treno o sul bus (per ingannare il tempo durante uno spostamento).

Ricordati di praticare l’inglese

Non basta dedicarsi 20 minuti al giorno al proprio inglese. Infatti, per avanzare seriamente nelle lezioni di inglese, bisogna innanzitutto praticare insieme a degli anglofoni.

Ma con chi parlare inglese? Domanda che si pongono in molti.

Come si può fare per imparare la lingua inglese da soli, senza l’aiuto di nessun altro? Come si possono capire le mille sfumature degli accenti e delle pronunce se non sentendo ripetere le parole e le frasi da un inglese doc?

Domanda giustificata, in parte: si sa che gli italiani non sono delle cime in inglese. Può quindi sembrare pazzesco cercare degli interlocutori.

In realtà se vuoi dialogare nella lingua dell’autore dell’Ulisse, vi sono diverse possibilità a tua disposizione:

  • Di certo avrai un amico, un vicino, un parente che parla inglese. Cerca di chiacchierare con lui in inglese.

Se quello che conosci non vive qui in Italia, lo puoi sempre raggiungere per telefono o, meglio ancora, via Skype. Per affinare la tua pronuncia e la tua comprensione, parla con un inglese!

  • Puoi anche informarti presso associazioni di anglofoni.
  • Su internet è facile trovare degli anglofoni, dei corrispondenti e dialogare con loro via Skype. Esistono anche degli appositi siti dedicati a questo genere di incontri.
  • Prendi delle lezioni di inglese da un insegnante privato di inglese.

Cerca di parlare inglese almeno un’ora – un’ora e mezzo al mese.

Questa pratica concreta dell’inglese completa bene l’apprendimento teorico fatto in solitario. Per progredire rapidamente occorre mischiare sempre pratica e teoria.

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *