La rivista che ama gli insegnanti, gli allievi, le lezioni private e la condivisione delle conoscenze.

Come dare il via allo studio della chitarra

Par Catia le 15/11/2016 Blog > Musica > Chitarra > Come fare il tuo Debutto alla Chitarra?
Table des matières

La chitarra è sicuramente uno degli strumenti musicali che affascinano e attirano i veri amanti della musica.

A priori, sembra facile imparare a suonarla: conoscendo 5 o 6 accordi puoi da subito comporre la tua canzone o suonare qualche aria o riff conosciuti.

Senti un formicolio alla punta delle dita e hai voglia di rifare l’assolo del tuo idolo, fare colpo sulla tua ragazza o semplicemente provare piacere.

Peccato che non hai mai suonato la chitarra e non sai come fare: devi passare per un insegnante e seguire dei corsi privati, studiare la chitarra da solo con un libro, un metodo, un DVD oppure farti aiutare dagli amici che ti fanno vedere qualche base?

La voglia di suonare la chitarra è l’unica motivazione per imparare

Poter suonare la chitarra è una fonte di piacere Con la chitarra la parola chiave è il piacere!

Prima di cominciare a suonare la chitarra, è fondamentale avere un buono stato d’animo: non solo la volontà di suonare, ma soprattutto essere pronti a imparare perché la pratica della chitarra, come succede per tutti gli strumenti musicali, richiede delle ore di apprendimento con i suoi alti e bassi, i momenti di gioia e quelli difficili.

Tuttavia, il piacere deve rimanere un importante vettore: se non si prova più piacere a suonare, non c’è nessun motivo per continuare con la chitarra. E’ solo rimanendo entusiasta, appassionato e focalizzato sull’apprendimento che imparerai a superarti e a suonare una raccolta di brani.

Perché vuoi cominciare a suonare la chitarra?

Prima di seguire dei corsi di musica guardare dei tutorial e altri video su internet, fatti una sola domanda per guadagnare tempo: « Perché vuoi imparare a suonare la chitarra? »

  • E’ per suonare Bach con una chitarra classica?
  • Vuoi imparare a fare degli accordi per accompagnarti mentre canti?
  • Vuoi imparare a rifare gli assoli infuocati della tua star incontestata (per esempio Slash)?
  • Vuoi diventare un virtuoso e suonare il manico a grande velocità come Satriani?
  • Suonare musica folk per creare l’atmosfera con i tuoi amici?

Rispondendo a queste domande, potrai determinare lo stile di musica che vuoi praticare. A seconda dei tuoi gusti e inclinazioni, sceglierai tra rockabilly, rock grunge, punk ma anche blues tradizionale, blues rock, blues elettrico, jazz manouche, pop, country, reggae, free jazz, ecc.

Quando questa prima domanda essenziale avrà trovato una risposta potrai passare alle cose serie: imparare a suonare questo strumento.

Altre domande prima di iniziare a studiare

Per imparare a suonare la chitarra si aprono principalmente 3 opzioni in materia di strumenti: la chitarra classica, la chitarra folk o la chitarra elettrica (ci sono altri tipi di chitarra, ma non ne parleremo qui).

Quanto alla chitarra classica, è una chitarra acustica con delle corde in nylon che sono molto apprezzate dai principianti, perché fanno meno male alle dita. L’altro vantaggio della chitarra classica è che si può trasportare ovunque, senza bisogno di attacchi elettrici. Una chitarra come la Yamaha C40 è l’ideale per cominciare.

La chitarra folk assomiglia a una chitarra acustica, solo che ha delle corde in metallo. Ti permette di suonare diversi stili di musica, tanto il rock o il country, quanto il jazz o la musica folk o pop. Perché non provare con il modello Cort Earth Acoustic?

Infine, la chitarra elettrica: bisogna attaccarla a un amplificatore per suonarla. Fornita di corde in metallo, la ritroviamo in tutti gli stili di musica, specie in quelli puramente elettrici come il metal e l’hard rock. La chitarra Ibanez GRG 170 M è perfetta per i principianti.

Come posso scegliere la mia prima chitarra?

L’ideale per comparare la tua prima chitarra è andare a provarla in un negozio di musica e, se non sei capace di suonare, chiedi al negoziante di farti qualche accordo per sentirne la sonorità.

E’ un’ottima occasione per cominciare ad esercitare il tuo orecchio da chitarrista e farti una vera idea sulle tue preferenze. Ci sono anche molte grandi occasioni su internet a un prezzo più basso, ma in questo caso non potrai beneficiare dei consigli accorti di un professionista.

Per quanto riguarda i prezzi, è inutile spendere una fortuna per la tua prima chitarra. I tuoi gusti e il tuo livello si evolveranno con il tempo e con la pratica.

Per cominciare, una prima chitarra tra 100 e 200 euro sarà un gran buon affare.

Non fermarti al prezzo più basso perché non avrai la qualità necessaria: una chitarra da 50 euro è più un gioco che un vero strumento musicale.

Ora sei pronto per imparare: devi prendere un insegnante oppure no?

Oggi, grazie a internet, ci sono video, tutorial ed ebooks che mostrano come suonare la chitarra. E’ sempre possibile imparare senza un insegnante, ma c’è il rischio di prendere delle cattive abitudini e non essere corretti.

Sorge un’altra domanda, allora: hai solo intenzione di fare una grattata di tanto in tanto, oppure hai davvero voglia d’imparare a padroneggiare al massimo questo formidabile strumento musicale?

  • Se hai solo voglia di grattare la tua chitarra per piacere, il tuo approccio alla chitarra sarà più semplice: devi apprendere qualche nozione di base per posizionare le dita sul manico, sapere come tenere il plettro o suonare con le dita, i principali accordi maggiori e minori e poi, è fatta, sarai libero di suonare come meglio credi.
  • Se hai veramente voglia d’imparare e padroneggiare la chitarra, l’apprendimento richiederà più rigore e disciplina. In generale, con un insegnante approfondisci la conoscenza dello strumento, ottieni consigli sulla pratica (posizione delle mani, della schiena, correzioni per la ritmica, ecc.). Puoi beneficiare di un monitoraggio personalizzato fatto da un professionista che segue i tuoi progressi.

Qualunque sia la tua scelta, devi sapere una cosa: non arriverai da nessuna parte in un batter d’occhio, dovrai esercitarti in continuazione. E poi, saranno la tua personalità, i tuoi gusti, la tua voglia di andare avanti con la chitarra a farti scegliere un tipo d’insegnamento.

Studiare chitarra senza insegnante

La strada da autodidatta

C’è da sapere che molti artisti lo sono stati (Eric Clapton, Slash, Hendrix o Joe Perry). Bisogna anche considerare che all’epoca la rete pedagogica e dell’insegnamento era molto meno sviluppata dei giorni nostri e non esistevano molte scuole d’insegnamento specializzate in chitarra.

Fai attenzione, comunque: definirti autodidatta non significa che devi imparare tutto da solo.

La maggior parte dei musicisti citati ha imparato a fianco di altri colleghi. Facendo parte di un gruppo, suonando con dei musicisti di maggiore esperienza, si sono inebriati del mondo della chitarra. Hanno osservato, ascoltato, scambiato opinioni sulle loro esperienze e questo ha arricchito molto le loro conoscenze sulla chitarra così come il loro modo di suonarla.

Suonando in compagnia, si sono fatti un orecchio musicale per correggere i loro errori.

E’ un’occasione formidabile per confrontarsi con gli altri e imparare.

Imparare a suonare grazie a un metodo per chitarra

Oggi, se decidi di lavorare in maniera autonoma, ci sono dei metodi; il tuo lavoro può essere semplificato dai numerosi corsi online, audio e/o video. 

Qualunque sia il tuo livello (principiante, intermedio, esperto), c’è un corso di chitarra fatto apposta per te.

Questo « metodo » ha un rovescio della medaglia: richiede una grande disciplina da parte tua.

Se non riesci a scegliere il metodo che ti corrisponde, a pianificare i tempi per suonare e a organizzarti, rischi di fallire nel lungo o medio periodo.

Sta a te capire se sei in grado di auto-disciplinarti. In caso contrario è preferibile evitare questa opzione per non andare a sbattere contro un muro.

Imparare senza un insegnante, significa impiegare più tempo e lavorare di più per ottenere lo stesso risultato che si avrebbe con qualcuno che ti corregge

Il rischio maggiore è quello di abbandonare in corso d’apprendimento

Uno dei primi pericoli quando s’impara a suonare da soli è quello di scoraggiarsi: non c’è nessuno che ti sostiene, ti spalleggia o ti dice « forza, concentrati, è normale, fa parte dell’apprendimento! »

Sentirsi scoraggiati è uno dei rischi quando si studia da autodidatti Non abbandonare lo studio della chitarra!

Non si tratta di guadagnare tempo per imparare più velocemente: a quanto dicono i maestri di chitarra, puoi passare anche tutta la vita a imparare a suonare uno strumento.

L’importante è fare un programma e seguirlo con costanza: non c’è bisogno di forzarti a suonare 1 ora al giorno, perché così ti stancherai nel medio termine, ma facendolo per 15-30 minuti ogni giorno, farai già dei grandi progressi.

Infine, imparare a suonare la chitarra significa destreggiarsi tra la teoria e la pratica.

Anche se all’inizio è possibile evitare la teoria (l’apprendimento delle note, il solfeggio, la lettura degli accordi e delle tablature, ecc.), ci sarà inevitabilmente un momento in cui ci dovrai passare.

Qualche consiglio per imparare a suonare la chitarra da soli

Imparare a suonare la chitarra senza seguire corsi di musica è sempre possibile.

Ma molto spesso i principianti abbandonano per mancanza di fiducia in loro stessi, per mancanza di tempo e disponibilità, per mancanza di convinzione e motivazione, o perché sentono dolore alle dita per via della pratica.

Con molta pratica puoi arrivare a suonare la chitarra da solo! Come fare per imparare a suonare la chitarra da soli?

Il fatto è che per imparare a suonare a chitarra, soprattutto quando vogliamo fare tutto da soli, c’è un solo modo: bisogna fare molta, molta pratica.

1. Su internet c’è tutto: il peggio e il meglio

Comincia cercando i diversi siti d’insegnamento online, ce ne sono decine che offrono corsi.

Daranno un ottimo contributo al tuo allenamento regolare.

E’ su questi siti che hai maggiori possibilità di trovare delle risposte precise alle tue domande.

2. Esplora il tuo strumento

Impara i nomi e le funzioni di ogni componente della tua chitarra, scopri da solo come queste parti interagiscono tra loro, scopri come funziona la tua chitarra.

Più ne saprai sul tuo strumento, più sarai in grado di controllarlo.

3. Quando decidi di imparare a fare un accordo provalo in tutte le posizioni possibili

Facendo questi esercizi per suonare lo stesso accordo in modo diverso, guadagnerai rapidità e agilità con le dita.

4. Fai pratica per almeno 30 minuti al giorno e se possibile tra 4 e 5 giorni a settimana

Per fare progressi in modo continuo, il tuo cervello si deve nutrire con la chitarra durante tutta la giornata; deve creare degli automatismi.

Questo ti aiuterà a sviluppare l’udito e la concentrazione, mentre miglioreranno la tecnica e la coordinazione della tua mano destra con la mano sinistra alla chitarra.

Non c’è bisogno di suonare gli accordi veramente: prova a praticarli in silenzio, prova nuove posizioni delle mani, per esempio mentre guardi la TV.

Dato che memorizzare i movimenti con la mano sinistra è più difficile (se sei destrorso), è consigliato usare tutte e due mani con regolarità.

Se non sei concentrato sulle mani (l’esempio della televisione è calzante), puoi essere più rilassato, meno teso.

Quando avrai registrato la posizione delle dita per un accordo, riproducilo sul manico della chitarra e verifica se la posizione è giusta.

Col tempo guarderai sempre meno la tua mano sinistra e avrai più fiducia in te stesso.

5. Impara a fare i conti con la frustrazione

La motivazione è uno dei fattori per imparare a suonare la chitarra Devi accettare la frustrazione quando fai un corso di chitarra!

Come per ogni altra disciplina, ti capiterà di avere degli alti e bassi, di provare l’ebrezza della perfetta concatenazione di accordi, di un bel suono e l’inferno della stagnazione dove hai l’impressione di non essere più in grado di fare nulla. A meno che tu non sia particolarmente dotato con la chitarra, ti toccherà imparare che anche in quest’ambito ci sono delle tappe da superare per poter diventare un buon chitarrista.

Qualunque cosa succeda continua ad allenarti. Non lasciarti prendere da sentimenti negativi. Dovrai lavorare sodo per poter raggiungere un livello soddisfacente.

Non esitare a esercitare diversi aspetti del tuo strumento come la tonalità, la velocità, l’eleganza, la precisione, gli accordi.

A poco a poco riuscirai a perfezionarti alla chitarra.

6. Prendi spunto dai brani che sei abituato ad ascoltare, mettili come sottofondo e prova a suonare la parte strumentale

E’ uno dei migliori approcci per provare piacere suonando la chitarra. Per quelli che non sanno leggere la musica e non conoscono il solfeggio, imparare a decifrare le tablature è una tecnica comprovata di grande aiuto.

7. Sviluppa il tuo orecchio musicale e cerca di capire quando se stonato

Ci vuole un po’ di tempo, ma acquisire padronanza con il tuo strumento può migliorare il tuo ascolto poco a poco. Impara a identificare i tuoi errori, a sentire quando la nota è sbagliata, quando non segui la cadenza. Non esitare a prenderne nota e a chiedere un parere esterno.

8. Se hai un amico musicista prova a incontrarlo regolarmente per suonare insieme

Anche se suona meglio di te, imparerai molte cose suonando al suo fianco, vuoi sul piano tecnico, vuoi per la comprensione della musica. Osservalo mentre suona, fagli delle domande. Prova a imitarlo, a rifare i suoi gesti e chiedigli di correggerti se ce ne sarà bisogno. 

9. Se hai un software audio seleziona alcuni passaggi dei tuoi brani preferiti e lavoraci sopra

Nel caso di  Audacity (il più conosciuto) o GarageBand,  puoi avere i migliori strumenti gratuiti per sequenziare e registrare la chitarra e un vero programma per creare e modificare la musica.

Sono, sostanzialmente degli studio di registrazione multitraccia.

10. Perché non provi a fischiare e cantare mentre suoni?

Questo ti aiuterà a sviluppare musicalità, senso del ritmo e ascolto.

Non esitare a servirti di un metronomo per cadenzare mentre suoni. E poi, puoi sempre improvvisare alla chitarra!

Imparare a suonare la chitarra da soli: la strada dei corsi online

Grazie alle mille possibilità presenti sul web potrai incominciare a suonare la chitarra e perfezionarti.

Attenzione, anche se la maggior parte di video sono ben fatti, non possono sostituire un professionista che può correggerti e vegliare affinché tu faccia tutti movimenti come si deve.

Con i video online puoi imparare i brani dei tuoi gruppi e cantanti preferiti come gli U2, i Rolling Stones, Bob Dylan, gli Oasis, i Beatles, i Nirvana, i Led Zeppelin, i Blur, ecc.

Il vantaggio di questi corsi online è che l’aspetto ludico rimane intatto: così potrai accettare delle sfide, seguire dei corsi, ottenere ricompense, tracciare i tuoi progressi, ecc.

La maggior parte delle volte i corsi online sono tenuti da esperti in materia, ma non sempre è così.

Questa pratica ha degli inconvenienti: dato che i corsi sono online avrai bisogno di una buona connessione o almeno un accesso 3G, altrimenti la qualità dei video ne risentirà.

L’altro neo è l’abbonamento: di solito è mensile ed è richiesto se si vuole sfruttare a pieno i corsi sul lungo periodo.

Ma c’è anche un lato positivo, e cioè che devi essere perseverante: se paghi avrai forse l’impressione  di « far fruttare il tuo investimento » e quindi terrai duro.

E poi c’è l’aspetto economico: non è la stessa cosa pagare un abbonamento di 15 euro al mese su internet o seguire un corso bisettimanale con un insegnante.

Imparare a suonare con un insegnante di chitarra

E’ importante che tu scelga bene il tuo insegnante.

La strada classica

Avere un insegnante per imparare a suonare uno strumento come la chitarra è come avere una guida. Ecco perché è importante trovare « il tuo » insegnante di chitarra, quello che fa per te, che è in grado di capire i tuoi desideri, le tue aspettative e il tuo stile musicale.

Non c’è nessun motivo per andare da un insegnante di musica classica se pensi di fare rock. Perderai solo tempo e denaro, e alla fine rischi di perdere la motivazione a abbandonare il corso di chitarra.

E’ importante che l’insegnante sappia ascoltare la sensibilità dell’allievo, che si dimostri un pedagogo in grado di portare l’allievo a fare grandi progressi.

La musica, e la chitarra in particolare, deve essere condivisione, una sorta di associazione tra musicisti dove ognuno si può esprimere e allo stesso tempo partecipare all’evoluzione degli altri.

Con un insegnante di chitarra il tuo modo di studiare la chitarra cambia completamente rispetto allo studio da autodidatta. E i cambiamenti riguardano la struttura stessa dell’insegnamento.

Attraverso internet o rimanendo chiuso nella tua stanza corri il rischio di essere dispersivo facendo le cose più disparate che non hanno nessuna connessione con quello che volevi fare all’inizio.

Un corso di chitarra per principianti tenuto da un insegnante provato è il sostegno che ti serve per fare progressi Fatti aiutare da un insegnante di chitarra!

L’insegnante, invece, ti da una linea da seguire in funzione delle tue aspirazioni, i tuoi progressi. Ed è proprio questo il valore aggiunto nell’insegnamento della chitarra: ti trasmetterà un metodo di studio efficace, t’insegnerà a concentrarti, saprà tirati su il morale se sbaglierai e rimarrai indietro.

Il rapporto tra l’insegnante di musica e l’allievo è fatto di condivisione, che è alla base della pratica della chitarra. Tra i due c’è uno scambio continuo, domande e risposte che arricchiscono entrambi.

Un insegnante che tiene dei corsi di chitarra sa darti consigli sensati, alcuni dei quali si possono trovare su internet anche se in forma semplificata, per cui la teoria è seguita subito dalla pratica.

L’insegnante spiega, fa dimostrazioni, suona e l’allievo ripete, si esercita e passo dopo passo potrà diventare un chitarrista navigato, che indipendentemente dal suo livello, avrà delle basi solide.

Potrai avere delle dritte che ti semplificano la vita e soprattutto, avrai sempre un punto di vista esterno grazie al tuo insegnante di chitarra. Invece di rimanere concentrato su te stesso, il che ti  impedisce di vedere i tuoi errori, sarai spronato dal tuo insegnante a guardare a quello che non va bene e, allo stesso tempo, verrai incoraggiato.

L’emulazione, la presa di coscienza, l’incoraggiamento ti faranno migliorare molto di più di un qualunque corso online o dello studio da solo in camera tua.

Un altro punto di forza è che impari molto più velocemente con un professionista rispetto a quanto non faresti da solo.

Nonostante questo, imparare con un insegnante di chitarra può avere dei punti deboli: è chiaro che questo insegnamento ha un costo e rappresenta un investimento dal punto di vista personale e finanziario.

Un altro punto debole è che non ci sono sempre insegnanti disponibili in ogni angolo d’Italia e vicino casa tua: dovrai percorrere qualche chilometro per suonare il tuo strumento preferito, ma si può fare qualche compromesso per questa passione, giusto?

Studiare chitarra seguendo de corsi al Conservatorio

In Italia i Conservatori sono degli Istituti Superiori per gli Studi Musicali e sono equiparati all’Università.

Il corso di studi è diviso in un triennio che rilascia un diploma di I livello, equiparato alla Laurea triennale, e un biennio specialistico che porta al diploma di II livello, ovvero la Laurea magistrale.

Per accedere al ramo accademico bisogna avere un diploma di scuola superiore.

Un altro tipo d’insegnamento che si riceve al Conservatorio sono i corsi pre-accademici.

Per questi corsi non ci sono requisti di accesso, né limiti di età, ma hai l’obbligo di frequenza, e potrai accedere alla parte accademica solo se superi un esame.

C’è sempre un modo per imparare a suonare la chitarra

Qualunque cosa succeda, è sempre possibile imparare a suonare la chitarra. Che tu voglia restare a casa tua, suonare tra amici o andare a casa di un insegnante per un corso privato, o ancora seguire un corso presso una scuola di musica (o perfino al Conservatorio), c’è sempre una soluzione per unire l’utile al dilettevole e suonare il tuo strumento.

Il fattore comune è che dovrai lavorare sodo, da solo o in compagnia di un insegnante.

Ve bene tutto per imparare a suonare la chitarra quando sei appassionato e motivato, l’importante è trovare il tuo linguaggio servendoti di tutto quello che impari.

Se desideri davvero imparare a suonare la chitarra non esitare a fare domande, vai alla ricerca dei professionisti della musica, ad esempio sulle riviste di musica. Qui puoi trovare degli annunci per corsi di chitarra, e se hai ancora qualche dubbio, chiedi a chi saprà orientarti verso un professionista.

Nos précédents lecteurs ont apprécié cet article

Cet article vous a-t-il apporté les informations que vous cherchiez ?

Aucune information ? Sérieusement ?Ok, nous tacherons de faire mieux pour le prochainLa moyenne, ouf ! Pas mieux ?Merci. Posez vos questions dans les commentaires.Un plaisir de vous aider ! :) (moyenne de 5,00 sur 5 pour 1 votes)
Loading...
Catia
Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue

Commentez cet article

avatar
wpDiscuz