La rivista che ama gli insegnanti, gli allievi, le lezioni private e la condivisione delle conoscenze.

Come usare al meglio le tue lezioni private di chitarra?

Par Catia le 28/11/2016 Blog > Musica > Chitarra > Come Ottimizzare il tuo Corso di Chitarra
Table des matières

Se vuoi imparare a suonare la chitarra per acquisire delle basi sufficienti per suonare tra amici o esibirti con un gruppo, scoprire un nuovo genere, aprire i tuoi orizzonti musicali o diventare un professionista della chitarra, non hai molte opzioni: devi seguire un corso di chitarra per poter imparare.

Anche i grandi musicisti che si definiscono autodidatti (e quelli che lo sono veramente non sono poi così numerosi) sono passati almeno una volta nella loro vita per un « corso di chitarra. »

I corsi di chitarra portano molte cose belle: apprendimento delle scale, del solfeggio, scoperta di nuove tecniche, arricchimento culturale, apertura mentale verso nuovi tipi di musica.

Anche sul piano personale i corsi di chitarra apportano molti benefici: sviluppo personale, condivisione di una passione, espressione della propria personalità, soddisfazione nel suonare i brani che si amano.

Seguire un corso di chitarra con un insegnante indipendente, significa poter rispondere a tutto questo e avere un professionista appassionato che risponde alle tue aspettative, ai tuoi desideri e si adatta al tuo livello.

Un altro modo per studiare chitarra è con un insegnante privato che si dedichi completamente a te La passione per la chitarra ti avvicina al tuo insegnante privato!

Non solo, ti spiegherà e ti accompagnerà lungo il cammino della conoscenza della chitarra (esercizi pratici e teorici), ma sarà anche presente per farti comprendere e suonare altri generi di musica a cui non avevi pensato.

Seguendo dei corsi privati condividerai una passione comune, un universo unico.

Ma come usare al meglio questi corsi privati di chitarra?

La preparazione dei corsi privati di chitarra

Il vantaggio con i corsi privari di chitarra è che, qualunque sia il metodo e l’insegnante di chitarra, rimarranno dei segni indelebili nel tuo modo di dominare la chitarra.

Infatti, i corsi privati esistono per aiutarti a sviluppare le tue competenze e creare nuove abitudini che conserverai per tutta la tua vita da chitarrista.

Se adotti delle buone abitudini e i movimenti giusti, allora potrai suonare tutti i tipi di musica. Se non è così prima o poi ti arenerai e non saprai più come suonare la chitarra.

Prepararsi bene per il corso di chitarra

Seguire dei corsi privati ti aiuta ad acquisire delle basi solide, tanto sul piano teorico che pratico.

Per conservare le novità apprese e avere sempre dei buoni riflessi, i giusti movimenti della  mano destra e della sinistra, preparati per i tuoi corsi privati, fai le prove con degli amici.

Molto allenamento con le corde della chitarra ti preparano al meglio per il tuo corso Prova gli esercizi prima di ogni lezione di chitarra!

Non esitare a ripetere gli esercizi che hai visto con il tuo maestro di chitarra, lavoraci su lentamente poi aumenta il tempo.

Non dimenticare una cosa: è con la regolarità e la costanza, la ripetizione e la pazienza che potrai fare progressi con la chitarra.

Lavorare su esercizi specifici prima della lezione di chitarra

Poi, se non ti senti a tuo agio con quello che ti suggerisce di fare il tuo insegnante, non esitare a parlargliene: rivedete insieme qual è il tuo livello (in qualità di professionista saprà valutarlo facilmente) e aggiustate il corso di chitarra di conseguenza anche in base ai tuoi desideri.

Chiedi al tuo insegnante dei brani per allenarti nel genere di musica che ami, domandagli se ha degli esercizi tipo da fare a casa come ad esempio le diverse scale: scala maggiore, minore, pentatonica, blues (che è una scala pentatonica con una nota blues), gli accordi di settima, i diversi modi ecc.

Può anche darsi che esistano dei brani più o meno semplici (in base al tuo livello) che possono essere alla tua portata e che potrebbero aiutarti a migliorare, e superarti.

Ottimizzare i corsi di chitarra privati

Una questione di rispetto verso l’insegnante di chitarra

Ovviamente, affinché un corso di chitarra sia il più interessante possibile devi fare in modo di essere sempre in orario per la lezione, e questo è il minimo.

Non arrivare in ritardo è un modo per sottolineare il rispetto che hai verso il tuo insegnante che è lì per trasmetterti la sua passione e alimentare la tua. Vuol dire anche assumersi un impegno nei confronti della musica e dello studio della chitarra.

Osservare l'orario è un segno di rispetto nei confrornti del tuo insegnante di chitarra Sii puntuale alle lezioni di chitarra!

Rimanendo in tema, devi arrivare ai corsi con tutto il materiale necessario.

Può sembrare un po’ banale, ma non spetta al maestro portare gli esercizi, gli spartiti o le tablature, e ancor meno il materiale che ti serve per suonare la chitarra come il capotasto, le corde di ricambio o il plettro.

Arricchire il rapporto con l’insegnante di chitarra

Per fare in modo che i corsi di chitarra siano sempre interessanti e ti portino sempre qualcosa di nuovo, devi partecipare attivamente al tuo corso e non subirlo.

E’ al livello del tuo rapporto con il maestro di chitarra che si gioca tutto: spetta a te coltivare questa relazione, ricercare i suoi consigli, chiedergli di eventuali esercizi su cui lavorare, strade da percorrere, brani da ascoltare per saziare la tua cultura musicale.

Sta e te fare le domande giuste e instaurare un buon rapporto con il tuo insegnante di chitarra Coltiva il rapporto con il tuo maestro di chitarra!

Più cose saprai chiedere al tuo insegnante di chitarra, più avrà piacere a guidarti nel tuo cammino per sviluppare i tuoi gusti in fatto di chitarra.

Avete una passione in comune quindi discutetene, alimentatela. Parla con il tuo maestro dell’attualità della musica, chiedigli qual è il suo punto di vista su come suona un certo chitarrista o le eventuali difficoltà nel suonare un certo brano.

Davanti al tuo entusiasmo e al tuo investimento l’insegnante (che spesso si sposta per venire da te) non si tirerà indietro e ti darà tutte le informazioni di cui hai bisogno.

E dopo il corso di chitarra?

E’ chiaro che il tuo corso privato di chitarra non finisce quando termina la lezione.

Prima della fine dell’ora comincia a definire la lezione successiva, a capire cosa si aspetta il tuo insegnante.

Bisogna tornare su alcuni punti in particolare? Lavorare di nuovo su una tecnica con il plettro o aggiustare la posizione delle dita sul manico? Una concatenazione di accordi o un assolo da rifare per renderli più fluidi?

Durante la lezione di chitarra l’insegnante ti ha senz’altro corretto, dato delle dritte per realizzare una cera tecnica o consigliato di suonare una tale scala oppure di provare a suonare un pezzo nuovo.

Non aspettare che passino troppi giorni tra l’ultima lezione e la successiva e rivedi al più presto quello che è stato detto e fatto nella lezione precedente.

Avari la memoria ancora fresca, e avrai ancora bene in mente le indicazioni ricevute.

Preparati per il corso di chitarra successivo

In più, quando sei a casa tua, puoi anche preparare il corso successivo: se provi delle difficoltà a interpretare un brano, se non riesci a rendere la tua esecuzione più fluida e naturale facendo gli arpeggi richiesti, annota tutto da qualche parte, un quaderno che tieni sempre con te, o che riporrai nella custodia della chitarra oppure su un promemoria nel tuo smartphone.

L’importante è non lasciar correre niente e parlarne subito con il tuo maestro: è in questo modo che il tuo corso di chitarra avrà successo e ne uscirai avendo imparato qualcosa di nuovo.

Più ne parli con il tuo insegnante, più difficoltà esternerai e più lui saprà come adattare il corso e tirare fuori il massimo da te.

Infine, puoi completare il tuo apprendimento con altre risorse.

Le altre risorse per lavorare alla chitarra

Con internet ci sono decine e decine di possibilità per aiutarti a suonare la chitarra.

Internet è un mezzo rivoluzionario che ti può sostenere nello studio della chitarra, ma devi servirtene bene!

Non c’è più bisogno di riascoltare i brani per decifrarli nota per nota. Oggi i video e i tutorial offrono degli esercizi estremamente specializzati e accessibili al grande pubblico.

Internet ti offre un aiuto per imparare a suonare la chitarra Ci sono molti tutorial con esercitazioni!

Molti siti web offrono formazione di qualità e video pedagogici. Ne possiamo citare alcuni:

  • Guitarlessons.com: lezioni (tracce audio o video accompagnati da tablature) classificati in 3 livelli che permettono a tutti i chitarristi di trovare la felicità
  • Guitar Player TV: centinaia di video per tutti i livelli. Le lezioni sono più orientate alla pratica dello strumento piuttosto che al solfeggio
  • Guitar Bob: la caverna di Ali Baba per tutti i chitarristi che desiderano fare passi avanti nella conoscenza nel mondo della chitarra e della musica.
  • Guitar Dreams: un sito destinato ai chitarristi con un livello avanzato di tecniche come il legato, il tapping, il picking, ecc.
  • Guitar Compass: un sito tradizionale ma che ha molti video per scoprire numerosi riff e assoli.
  • Ci sono anche i corsi di chitarra tramite webcam!

I libri non rimangono certo a guardare (alcuni esistono anche sotto forma di ebook), e possiamo citare « Chitarra per negati » di Jon Chappell e « Come suonare la chitarra » di Roger Evans o il « Manuale completo di chitarra » di Massimo Varini.

Altri siti e libri ti insegnano anche il solfeggio con un metodo pedagogico ed esercizi online. Un esempio è il sito crearemusica.net.

I corsi di chitarra sono un vero must per imparare a suonare

Abbiamo capito che i corsi di chitarra sono un vero complemento per imparare a suonare e maneggiare lo strumento, ma sono anche un’ottima occasione per arricchire la propria cultura musicale, allargare gli orizzonti e scoprire nuovi generi musicali.

Sei tu che fissi gli obiettivi del corso di chitarra e scegli il prezzo migliore!

E’ un’opportunità per condividere la passione con un professionista che vuole trasmetterti il suo sapere e le conoscenze teoriche e pratiche.

E tu, perché non fai un corso di chitarra?

Nos précédents lecteurs ont apprécié cet article

Cet article vous a-t-il apporté les informations que vous cherchiez ?

Aucune information ? Sérieusement ?Ok, nous tacherons de faire mieux pour le prochainLa moyenne, ouf ! Pas mieux ?Merci. Posez vos questions dans les commentaires.Un plaisir de vous aider ! :) (moyenne de 5,00 sur 5 pour 1 votes)
Loading...
Catia
Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue

Commentez cet article

avatar
wpDiscuz