La rivista che ama gli insegnanti, gli allievi, le lezioni private e la condivisione delle conoscenze.

Cosa contraddistingue un bravo maestro di chitarra?

Par Catia le 25/11/2016 Blog > Musica > Chitarra > I Consigli per Trovare un Buon Insegnante di Chitarra
Table des matières

Ecco come trovare il miglior insegnante di chitarra Segui i consigli di Manuel!

La questione può sembrare molto semplice. In realtà è centrale nello studio della musica, soprattutto quando cerchi di seguire un corso di chitarra con un insegnante privato.

Grazie ai consigli dei migliori insegnanti di chitarra in Italia cercheremo di guidarti nella scelta del tuo maestro.

Che tu voglia imparare a suonare la chitarra classica, folk o elettrica, la scelta del tuo insegnante è essenziale.

La passione per l’insegnamento, per la condivisione della conoscenza non s’improvvisa. Alcuni indizi non mentono.

Innanzitutto, si tratta di distinguere tra un buon e un cattivo insegnante di chitarra. Una volta che hai trovato la tua perla rara, non te la devi far scappare. Segui questi consigli e sarai in grado di trovare l’insegnante privato più adatto per cominciare a seguire i corsi di chitarra.

Bisogna distinguere un buon insegnante da uno cattivo

Un allievo ha la tendenza a fidarsi del suo mentore. Per prima cosa bisogna instaurare un rapporto di fiducia.

Cominciare a studiare uno strumento da molte soddisfazioni:

  • Si è felici di fare musica
  • Ci si sente fieri nel suonare qualche nota
  • Si è entusiasti di fronte alla novità
  • Sì, ma quanto siamo ingenui!

Ed è questo il problema. Abbiamo uno sguardo naif perché non abbiamo dei termini di paragone.

Appena abbiamo la sensazione di aver imparato qualcosa ci sentiamo soddisfatti. E un insegnante qualunque di chitarra poco scrupoloso si accontenta facilmente del minimo. Rimaniamo quindi nell’illusione che stiamo imparando qualcosa, quando invece è falso.

Chi è un cattivo insegnante di chitarra?

Scegliere bene il tuo insegnante di chitarra è importante, non essere ingenuo! Evita i danni!

Un pessimo insegnante di chitarra è quello che:

  • Tiene il suo sapere per sé
  • Non ti spiega che cosa stai facendo
  • Ti da degli esercizi al di là del tuo livello
  • Non tiene conto della tua sensibilità
  • E che dire dei corsi di chitarra via webcam? O corsi di chitarra on line?

Quindi, è un insegnante che ti rende dipendente dai suoi insegnamenti!

Invece ecco quello che ci si aspetta da un bravo insegnante di chitarra!

Per insegnare la chitarra come si deve serve un insegnante pedagogo! Comunicare con te gli deve piacere, e tu devi poter sentire la sua passione quando parla di chitarra. E soprattutto, deve essere preciso!

Un buon insegnante di chitarra deve:

  • Essere un educatore « empatico »
  • Ricordarti che stai facendo musica a ogni esercizio
  • Fare in modo che per te sia un piacere la chitarra
  • Assicurasi che la tua postura e le posizioni siano corrette
  • Spiegarti « come funziona »
  • Avere una profonda conoscenza tecnica e pratica della chitarra
  • Aiutarti ad acquisire fiducia in te stesso

Un buon insegnante di chitarra prima di tutto, deve essere un musicista, uno che si sente appagato attraverso la pratica del suo strumento.

E’ colui che ama condividere le sue conoscenze e il suo amore per la musica con gli altri.

E’ importante che un insegnante di chitarra applichi un prezzo al corso di chitarra in funzione della sua esperienza!

Come scegliere il miglior insegnante di chitarra?

Scegli l’insegnante con cui ti senti più a tuo agio!

Per sceglierlo non esitare a contattarne più di uno. Se hai l’opportunità di conoscerne già uno, scegli quello di cui ti fidi di più e che fa la musica che ti piace!

Non dimenticare che la tua relazione sarà basata sulla musica! E’questo lo scopo del vostro incontro. La musica permette di:

  • Esprimersi
  • Provare sensazioni
  • Stare insieme
  • Sentirsi appagati

Il tuo insegnante di chitarra, quindi, ti deve permettere di esprimerti.

Ti potrà anche aiutare nella scelta della tua prima chitarra.

Devi anche essere libero di esprimere le sensazioni forti che la musica ti fa provare.

Ti deve permettere di usare al meglio i corsi di chitarra.

I corsi vi devono permettere di comunicare insieme

Fate squadra per andare avanti nella tua pratica musicale. Diventate un team vincente! Potrete così sentirvi appagati entrambi. In effetti non bisogna dimenticare che il tuo insegnante insegna chitarra perché gli piace!

Anche lui cerca di trovare soddisfazione nella vostra relazione! Vuole vederti migliorare. Vuole trasmetterti quello che ha imparato quando era più giovane.

Ma chi è un buon insegnante privato di chitarra?

Per avere l'identikit del buon insegnante di chitarra devi guardare alla sua esperienza Dai la priorità all’esperienza!

E’ un musicista agguerrito, un esteta, un educatore, una persona gentile!

Un buon insegnante di chitarra è sorridente, paziente e ti guida passo dopo passo verso il successo. 

Quindi tu sei importante per lui. In effetti, un buon insegnante di chitarra è generoso e in realtà, anche un po’ solitario. Sì, lo nasconde bene, ma i musicisti, come molti altri artisti, spesso si sentono soli.

Il miglior insegnante di chitarra è per forza di cose sensibile! Sarà sempre disponibile per te, in ogni circostanza.

Che fare quando avrai trovato « il » buon insegnante privato di chitarra?

Per approfittare al meglio della vostra super relazione allievo-insegnante ecco qualche buon punto da tenere  a mente:

Per avere una buona relazione con il tuo maestro di chitarra ricordati di ascoltarlo e rispettare sempre gli impegni Coltiva il tuo rapporto con l’insegnante di chitarra!

  • Rispetta sempre i suoi insegnamenti
  • Evita di annullare le lezioni all’ultimo minuto
  • Prenditi cura dei suoi strumenti quando te li presta
  • Ascoltalo e dagli il tuo appoggio nelle sue esecuzioni musicali
  • Fissate insieme gli obiettivi per un corso di chitarra
  • Fagli vedere quanto lo apprezzi

Se la chitarra ti stuzzica non ti resta che guardare gli annunci degli insegnanti di chitarra vicino casa tua e evita i 10 errori che di solito fanno i principianti.

Facciamo finta di scegliere insieme il tuo insegnante di chitarra

Allora, cerchiamo un elenco di maestri di chitarra nella tua città, a Roma, per esempio. Da dove partiamo? Da internet direi, perché è in assoluto il modo più veloce per trovare il maggior numero di annunci.

Il primo screening del tuo maestro di chitarra

Prova a prendere siti specializzati che trattino di chitarra o musica in generale, o quelli che ti mettono in contatto con i professionisti. Hai una bella lista di insegnanti. Comincia a sfogliare le pagine a partire da quelli titolati, « diplomato al conservatorio… » e con più esperienza « …anni di esperienza in scuole riconosciute… »

Se ne cerchi uno un po’ meno abbottonato, cerca uno che abbia fatto « lezioni private di chitarra. » Bene, trovato!

E ora come si fa a capire che il nostro titolato, con esperienza nell’insegnamento privato sia anche un buon insegnante?

Visto che siamo online, sfruttiamo tutte le potenzialità di questo mezzo e andiamo a vedere per ogni maestro identificato le recensioni lasciate dagli attuali o dai vecchi allievi.

E’ vero, non sappiamo chi sono queste persone, ma non saranno mica tutte false e per toglierci il dubbio parla con i suoi vecchi studenti.

Poi comincia ad approcciare il tuo insegnante di chitarra, chiedigli se ha dei video in cui è all’opera con i vecchi allievi, forse in questo modo puoi capire a che livello li ha portati.

Se ti fa vedere che riguardano lui e non i suoi allievi, anche per motivi di privacy, tieni a mente che anche se è un ottimo musicista, non è detto che sappia anche insegnare.

Ovviamente, vedi che prezzo ti chiede. Se è troppo basso, beh, meglio diffidare!

E ora la domanda d’oro: che metodologia usa? Se te ne da una bella e pronta, senza chiederti nulla su di te, beh rimettiti alla ricerca perché anche lui è un insegnante standardizzato.

Se invece oltre a descriverti il suo metodo, prende informazioni su di te, la tua motivazione, i tuoi trascorsi con lo studio della musica, lo stile che ti piace è il caso di andare avanti.

Infine, una domanda fondamentale. Che stile di musica pratica, insegna? C’è anche quello che vuoi imparare tu? E allora è fatta, puoi andare avanti.

Le qualità umane che ogni insegnante di chitarra deve avere

Ora che sulla carta hai trovato l’insegnante giusto, devi cercare di andare al di là dei titoli e capire se è la persona che fa per te.

La generosità del tuo insegnante di chitarra si vede quando condivide con te il suo sapere Un buon insegnante di chitarra sa condividere!

Per farlo, chiedigli una lezione di prova.

Non pensare che sia gratuita, nessun professionista serio può dispensare prove gratis a tutta la rete!

Attraverso la lezione di prova puoi capire se davvero il suo stile ti piace e se sei un principiante assoluto e non hai mai fatto lezioni di chitarra incentrati sulle sue qualità personali.

Sono queste che fanno di un insegnante di chitarra un buon maestro!

Riassumendo possiamo dire che un buon insegnante di chitarra deve essere una persona generosa! Il suo sapere, la sua cultura personale, le sue dritte saranno a tua completa disposizione.

E anche quando fai pratica, non si dimentica mai che sei tu l’allievo che deve suonare, e non solo guardare. Sai, la passione per la chitarra a volte ti prende la mano e molti insegnanti finiscono per fare mini concerti ai loro allievi invece di lasciarli sperimentare.

Un’altra grande caratteristica è l’umiltà. Anche se è la persona più preparata dell’universo, un buon insegnante di chitarra sa riconoscere quando sbaglia, o meglio riesce a riportare i problemi sempre a lui, così sa cosa cambiare per aiutarti.

L’esercizio è difficile? Prova a dirtelo con parole semplici. Se non riesci, cambia il livello, lo stile, la frequenza. Insomma, ha il pieno controllo della situazione perché sa anche quando cambiare rotta.

Infine, il tuo insegnante è un ottimo osservatore. Impara a conoscerti sa come dosare il bastone e la carota, e quindi come ottenere sempre il meglio da te.

Ovviamente anche tu devi fare la tua parte, ascoltalo, lavora sodo, esercitati e studia!

 

 

Nos précédents lecteurs ont apprécié cet article

Cet article vous a-t-il apporté les informations que vous cherchiez ?

Aucune information ? Sérieusement ?Ok, nous tacherons de faire mieux pour le prochainLa moyenne, ouf ! Pas mieux ?Merci. Posez vos questions dans les commentaires.Un plaisir de vous aider ! :) (moyenne de 5,00 sur 5 pour 1 votes)
Loading...
Catia
Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue

Commentez cet article

avatar
wpDiscuz