Disegno
Italiano Lingua Straniera
Francese
Disegno
Italiano Lingua Straniera
Inglese
Italiano Lingua Straniera
Flauto
Superprof la community
1.421.871
di prof e insegnanti privati
TOP 10 insegnanti
Italiano Lingua Straniera
Matematica
Storia dell'arte
Inglese
Matematica
Italiano scolastico
Matematica
Matematica
Disegno
Italiano Lingua Straniera
Francese
Disegno
Italiano Lingua Straniera
Inglese
Italiano Lingua Straniera
Flauto
Italiano Lingua Straniera
Matematica
Storia dell'arte
Inglese
Matematica
Italiano scolastico
Matematica
Matematica
Superprof la community di prof e insegnanti privati
TOP 10 insegnanti
Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno scolastico
Condividi

Da cosa è composto lo strumento di un chitarrista rock?

Scritto da Igor, pubblicato il 17/03/2017 Blog > Musica > Chitarra > Corso di Chitarra Elettrica: Tutti gli Elementi dello Strumento!

La chitarra è probabilmente  lo strumento preferito da molti giovani.

Ma chi conosce davvero questo strumento così attraente e le caratteristiche della chitarra elettrica

La chitarra classica, la chitarra zigana, la chitarra folk, la chitarra elettrica, la chitarra acustica, la chitarra elettro-acustica, il basso, il basso elettrico… Ognuna di queste chitarre si compone di molti elementi che permettono di “strimpellare” di tanto in tanto!

Dalla testa al corpo, passando per il manico, le chitarre prendono vita in fabbrica o da un liutaio. E questo in vari materiali legnosi: ebano, abete rosso, cedro, palissandro, mogano, acero…

Arrivano poi nelle nostre mani, già pronte, sotto forma di “chitarre da studio”.

Non resta a quel punto che suonare la chitarra!

Ma per chi fosse interessato alla fabbricazione della propria chitarra, ecco tutto quello che essa deve possedere.

Corinne

I nostri insegnanti sono talmente contenti

”Con Superprof, ho potuto trovare degli allievi seri, motivati e con molta voglia di imparare. Consiglio assolutamente Superprof!”

Come si fabbrica una chitarra?

I grandi liutai, altrimenti detti fabbricanti di strumenti a corda (violino, arpa, chitarra,…), conoscono perfettamente le tappe di produzione di una chitarra. Fanno d’altronde parte, essi stessi, della storia della chitarra elettrica.

Ecco come si procede :

  1. Questa fabbricazione artigianale inizia dalla elaborazione di ogni elemento. Una chitarra è composta da una testa, un corpo ed un manico. Una vera macchina vivente. Ogni elemento è quindi costruito con diversi tipi di legno (abete rosso, cedro, mogano, palissandro, quercia, acero, …)
  2. Una volta costituiti questi elementi, arriva  la tappa dell’assemblaggio. Vanno allora raggruppati tutti gli elementi, uniti per dar forma alla chitarra. Il liutaio termina la fabbricazione con la finitura.
  3. La terza tappa consiste nel verniciare il legno, cosa che spesso fa variare il prezzo dello strumento.

Più le rifiniture sono dettagliate, più la chitarra sarà cara. Inoltre, le chitarre  di produzione artigianale stanno al top di gamma. L’ebanista deve essere preciso e padroneggiare ogni tappa della costruzione (cassa, assemblaggio, tensione delle corde, verniciatura, …)

Il liutaio è un professionista completo, che deve conoscere ogni elemento della chitarra e della tecnica di emissione dei suoni. Quello del liutaio più che un lavoro è un’arte!

E i microfoni in tutto questo ?

Già, perché per avere una chitarra elettrica è indispensabile installare i microfoni. Le meccaniche vengono installate dopo la terza tappa per non rischiare che vengano verniciati. Il processo di costruzione termina con l’installazione di corde adeguate.

Tutto ciò permette in seguito di variare i suoni e gli effetti della chitarra elettrica.

Ma allora si può costruire una chitarra in casa?

La costruzione fai da te di una chitarra è possibile, a patto di possedere qualche conoscenza. Ed anche alcuni strumenti… Le componenti meccaniche possono essere ordinate su internet.. Occorre in seguito reperire il legno ideale per lo strumento prescelto. Disegnare il modello della chitarra a grandezza naturale su della carta. Ciò faciliterà la riproduzione col legno.

Tramite attrezzi idonei, si ritaglieranno tutti gli elementi della chitarra e li si monterà insieme. Resterà allora soltanto la verniciatura con un prodotto apposito e, infine, l’inserimento dei componenti meccanici!

Alcuni autodidatti, su internet, propongono dei tutorial per mostrare l’elaborazione di una chitarra tappa dopo tappa.

Si potrà anche inventare una chitarra propria con materiale di recupero. È ciò che fanno molti appassionati all’origine di Guitar Box.

Il corpo della chitarra

Uno degli elementi fondamentali di una chitarra è naturalmente il corpo, altrimenti detto cassa della chitarra. È fatto da diversi elementi come i microfoni o il cavalletto.

Ecco una piccola rassegna di tutti questi elementi…

I microfoni

Senza microfoni sarebbe impossibile percepire le vibrazioni subite dalle corde della chitarra e trasferirle all’amplificatore per far sì che il suono sia potenziato.

Due microfoni sono piazzati sul corpo della chitarra:

  • Il microfono grave è basato laddove il suono è più basso, come indicato dal termine.
  • Un altro microfono è messo alcuni centimetri più lontano. Si tratta di quello acuto.

Il cavalletto

Il cavalletto è una piccola parte situata subito oltre i microfoni, che permette di tenere le corde in posizione corretta.

Il fissaggio delle corde varia in base ai modelli di chitarra.

Il selettore di microfoni

Sul corpo della chitarra, il selettore dei microfoni permette di scegliere tra i due microfoni presenti.

Si sceglierà tra il microfono acuto e quello grave, in funzione di quello che si desidera suonare e degli effetti ricercati.

Alcune chitarre danno la possibilità di utilizzarli simultaneamente

Sulla cassa di risonanza troviamo le corde, i microfoni e le prese jack. La cassa di risonanza è la parte più importante della chitarra!

Regolazione del volume

Per permettere di scegliere il livello sonoro della chitarra si utilizza proprio questo tasto.

Esso permette di scegliere tra più volumi. Tale pulsante di controllo è presente ugualmente sull’amplificatore di chitarra (o amplificatore).

Di che far salire il suono alle stelle, se lo si desidera!  Ma attenzione ai vicini, ovviamente …

La presa jack

È nel connettore jack che si inserisce il filo per collegare la chitarra all’amplificatore!

Attenzione ai falsi contatti che possono essere frequenti e che impediscono di suonare la chitarra nel modo in cui lo si desidera. Bisogna prendersi cura di questa presa, ed anche del cavo che l’accompagna …

Il pulsante per la tracolla

Questo piccolo imbuto è spesso piazzato nello stesso luogo della presa jack.

Ciò consente di collegare una cinghia allo strumento, al fine di poter suonare in piedi appoggiando la chitarra alla spalla. Un effetto assicurato per imitare i propri idoli!

Bisogna conoscere perfettamente lo scheletro del proprio strumento per poter padroneggiare ed applicare tutte le tecniche della chitarra elettrica!

Il manico della chitarra in quattro elementi

Adesso che abbiamo un’idea di ciò che possiamo trovare sulla cassa di risonanza della chitarra, ecco come si caratterizza il manico!

È sul manico che si pizzicheranno le corde per suonare accordi ed arpeggi.

1. I tasti

Il manico è composto da tasti.

Il numero di questi tasti varia da chitarra a chitarra. Le chitarre classiche hanno generalmente meno tasti di quelle acustiche o elettriche.

È su queste tasti che si piazzano le dita per suonare gli accordi.

2. Le barrette

Queste piccole lineette determinano il limite tra due tasti.

E’ accanto a queste barrette che si piazzano le dita per pizzicare correttamente le corde ed evitare un eccesso di vibrazioni (il vibrato non piace a tutti…).

Sul manico della chitarra corrono le corde, solitamente sei. Ma si trovano anche strumenti a 12 corde. Per funzionare bene, il manico non deve essere curvo!

3. I riferimenti

Spesso è sgradevole dover contare ogni tasto per trovare dove mettere le dita

Per facilitare la vita dei chitarristi, la maggior parte degli strumenti possiede dei punti di riferimento!

Può trattarsi di punti, dei quadrati, di trangoli o di tutt’altro tipo di segno. Si trovano di solito su lato del manico, verso i tasti 5 e 7.

4. Le corde della chitarra

Un manico non servirebbe a nulla se sprovvisto di corde. La maggior parte delle chitarre elettriche possiede sei corde: Fender, Stratocaster, Telecaster, Jumbo, Ibanez, Epiphone, Gibson Les Paul, Yamaha, Dean…

La corda superiore è la più grave, quella inferiore è la più acuta. Le corde esercitano una pressione sul manico che, a sua volta, ne consente la tensione. Ecco perché è importante cambiare subito una corda rotta, se non si vuole che la chitarra si deformi.

In giro si incontrano anche chitarre a dodici corde.

La testa di chitarra

Per finire, si arriva alla testa della chitarra. Si tratta del logo in cui si possono regolare le corde, una per una.

Le chiavette (o meccaniche)

Sono quei piccoli bottoni che permettono di accordare le corde girandole. Più si tendono le corde più il suono sarà acuto.

I perni

I perni sono legati alle meccaniche. È all’interno dei perni che occorre passare la corda quando la si cambia. Essa va incastrata all’interno, fatta girare tramite la meccanica perché si attorcigli attorno al perno.

Sulla testa della chitarra troviamo le chiavette, i perni, il capo tasto e le corde. La testa della chitarra racchiude tutte le meccaniche!

Il capotasto

Questa parte gioca un ruolo chiave nella vibrazione delle corde.

Il capotasto si trova tra la testa della chitarra e il manico. Fatto in nylon rigido, permette di non fare vibrare le corde al di là del manico.

Delle piccole fessure consentono di inserire le corde precisamente.

Accesso alla barra di rinforzo

La barra di rinforzo è integrata al manico. Non è possibile vederla poiché si trova all’interno del manico e permette di mantenerlo dritto.

Per regolare questa sbarra, si accede ad una vite dalla testa della chitarra.

Conoscete i diversi tipi di chitarra elettrica?

Come riparare questi elementi ?

Ad un certo momento, potrebbe capitare che la chitarra presenti qualche segno di indebolimento. Potrebbe anche rompersi in occasione di un urto, o dopo che le sia stato dato fuoco… alla Jimi Hendrix.

Mai aspettare che i danni siano irreparabili prima di portarla ad aggiustare!

Bisogna tener conto del fatto che ogni parte dello strumenti può essere riparata. A meno che la chittarra non finisca dentro un frantoio …

In un primo momento, meglio formulare una diagnosi o rivolgersi direttamente ad un liutaio. In base all’entità delle riparazioni eventualmente necessarie, quest’ultimo dirà se conviene riparare o se sia meglio acquistarne una nuova.

Si potranno anche effettuare delle riparazioni fai da te, a condizione di conoscere sufficientemente l’ambito. In tal caso, converrà comunque procurare degli strumenti adeguati e magari affidarsi a dei consigli su internet.

Ecco, quindi, diversi elementi. Ma la chitarra elettrica è qualcosa di più: basti pensare, ovviamente, a tutti gli accessori legati alla chitarra: accordatore, corde di chitarra da cambiare, accessori aggiuntivi per manicini,  carica, consolle, diapason, spartito, intavolatura, …

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar
wpDiscuz