Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno scolastico
Condividi

Stress, angoscia, ansia: come superare i blocchi psicologici in algebra?

Scritto da Natalia, pubblicato il 27/10/2016 Blog > Sostegno scolastico > Matematica > Come Vincere la Paura della Matematica?

La matematica detiene un grande primato, quello di scatenare la maggior parte delle crisi di nervi e di pianto tra gli studenti, durante il loro percorso formativo, che sia nella scuola pubblica o durante lezioni private.

Ma come fare ad innamorarsi della matematica e studiare raggiungendo ottimi risultati? I numeri possono diventare davvero odiosi!

Dalla scuola primaria alla facoltà d’ingegneria: chiunque di noi può ritrovarsi un giorno bloccato di fronte ad un esercizio e perdersi d’animo.

Questa ansia e questo stress vengono rinforzati dal fatto che la matematica riveste un ruolo cruciale all’interno del programma didattico ministeriale.

La scienza dei numeri permette agli studenti di capire il mondo che li circonda e, in particolare, rappresenta la base per intraprendere molte carriere professionali. Sei ben consapevole del fatto che il diploma è di certo il trampolino di lancio più importante, dal momento che apre le strade al settore dell’istruzione universitaria.

Risulta quindi fondamentale dover sconfiggere una volta per tutte questa paura dell’aritmetica. Ma come? Con chi?

Corinne

I nostri insegnanti sono talmente contenti

”Con Superprof, ho potuto trovare degli allievi seri, motivati e con molta voglia di imparare. Consiglio assolutamente Superprof!”

Come evitare i blocchi psicologici in matematica?

Tutti gli studenti, dalla scuola primaria fino al liceo e agli studi universitari sanno bene quanto questa disciplina sia fondamentale: non solo all’interno del percorso scolastico ma anche nella vita professionale e quotidiana.

I blocchi psicologici in matematica possono diventare frequenti dalla scuola primaria all'università La matematica a volte può diventare uno stress!

Da qui la necessità di prestare attenzione alla matematica e di ascoltare l’insegnante.

Consapevoli di tale importanza, ecco che questa materia diventa motivo di panico, ansia, angoscia, crisi… In breve, è ciò che di solito definiamo “paura della matematica”, fino al punto di arrivare a parlare di blocchi mentali, disturbi d’ansia e attacchi di panico. Certo, non è affatto divertente! Ecco 5 consigli per non avere più paura durante le lezioni di matematica:

  • Prendere lezioni private di aritmetica, in compagnia di un professore qualificato. Questo tipo di insegnamento privato e personalizzato permette di sbloccare alcuni studenti. Grazie a risorse didattiche specifiche, questo docente, che può essere sia un professore dipendente statale o un autodidatta (un laureando ad esempio o un ingegnere) sa come farti superare e vincere lo stress emotivo legato alla matematica.
  • Utilizzare supporti concreti: la paura nei confronti di questa disciplina può essere risolta attraverso un approccio pedagogico adeguato e dei supporti concreti. Immagina di imparare la matematica con pietre, oggetti, perline… Per comprenderne la logica e rimuovere un tappo emotivo.
  • Superare l’ansia per la matematica attraverso un libro specializzato.
  • Identificare il blocco psicologico: il trauma a volte è legato ad un evento familiare. L’insegnante di matematica può trasformarsi in uno psicologo.
  • Riapprendere la matematica: aritmetica, moltiplicazione (tabelline), decimali, interi, divisioni, triangolo, bisettrice, teorema di Talete, di Pitagora, simmetria, cerchio, angolo, geometria, trigonometria, algebra, radice quadrata… insomma, tutti i fondamentali per prepararsi al diploma o superare gli esami all’università!

Le spiegazioni relative alla paura della matematica

La scuola primaria, le medie, il liceo o l’università talvolta possono causare un disamore per la matematica.

Ma perché la matematica fa così paura? La matematica non sarà mai il mio mestiere!

Questo è ciò che accade spesso quando una lezione qualsiasi innesca una reazione di ansia, stress nonché di sfiducia di non essere all’altezza. Altri trovano invece che la trigonometria, l’algebra, il calcolo letterale, i numeri relativi e molti altri concetti siano noiosi e poco attraenti.

E se l’amore per la matematica fosse una questione cerebrale? Sembrerebbe che, per farsi piacere una funzione lineare, gli esercizi di matematica, di geometria piuttosto che il teorema di Pitagora, sia necessario essere un po’ dei dolci sognatori come lo era Albert Einstein. Grande genio ma soprattutto studente creativo, intuitivo e dotato di una mente analitica.

Per altri, la matematica può arrivare addirittura a far provare dolore! Uno studio ha dimostrato che il semplice fatto di pensare in anticipo a un compito o a un problema di matematica potrebbe farci star male e trasformarsi in dolore. O sfociare in un vero e proprio disturbo emotivo, quando l’angoscia è collegata a emozioni dolorose del passato. Per non parlare addirittura della vergogna che uno studente può provare se non è in grado di risolvere un’equazione alla lavagna.

In breve, tutto questo panico, disturbi d’ansia, barriere psicologiche, inquietudine provocano irrimediabilmente disgusto e odio nei confronti della matematica. Questa disciplina può quindi condurre ad attacchi ripetuti, perdita di autostima e sensazioni di tristezza. Ma ci sono diversi modi per aiutare un bambino in preda alla paura a sbloccarsi in geometria, algebra o aritmetica:

  • Valorizzare i buoni risultati
  • Incoraggiarlo nei suoi tentativi
  • Non punirlo
  • Ascoltare la sua angoscia
  • Fare giochi di matematica

Solo il 2% delle persone non è in grado di fare matematica, perfino ad alti livelli

Solo il 2% delle persone è realmente negato per imparare la matematica Non convincerti di essere negato in matematica!

Nel momento in cui prendiamo un po’ la distanza da tutto questo stress generato dalla matematica, dalla scienza (biologia, chimica, fisica, scienze ingegneristiche) o dalla tecnologia, ci rendiamo conto che in fondo queste materie non sono poi così inaccessibili.

La scienza ha dimostrato che il cervello umano ha la capacità di aumentare di volume o di ridursi. Con riferimento alla matematica, ora sappiamo che il fatto di commettere errori durante le lezioni o in aula permette al cervello di svilupparsi di più. D’imparare dai propri errori insomma. La prova che l’ansia e gli attacchi di panico non sono razionali e che questi errori, per quanto stressanti, possono effettivamente rendere più intelligenti. Pensa dunque che, nel momento in cui commetti un errore, stai aumentando e moltiplicando i tuoi neuroni e le loro connessioni.

Ma c’è di più. Grazie ad un esperimento condotto da Jo Boaler, ora sappiamo che solo il 2-3% della popolazione in realtà ha realmente difficoltà ad imparare la matematica. Tutte le altre persone quindi sono assolutamente in grado di fronteggiare lo stress e risolvere esercizi di matematica, compresi quelli di alto livello. Dobbiamo quindi cercare di trasformare questo senso di panico e l’ansia in qualcosa di buono, in uno stress “positivo” che sia da stimolo per progredire.

Jo Boaler ha inoltre dimostrato che una pressione costante legata alle limitazioni di tempo, potrebbe non far funzionare correttamente il cervello. Eliminando questo concetto di tempo, lo studente può compiere notevoli progressi in algebra, aritmetica, trigonometria, geometria e risolvere frazioni, funzioni, calcoli mentali…

Dimentica i tuoi problemi in matematica divertendoti

Per allontanare la pressione, è anche possibile studiare matematica divertendoti!

Molti siti specializzati offrono già questo tipo di approccio pedagogico specifico:

  • Gioco.it propone diversi tipi di sfide per aguzzare l’ingegno, dai puzzle alle associazioni mentali, dalle equazioni alle addizioni da risolvere al volo.
  • Indovina il segno è un gioco in realtà molto elementare ma che migliora la capacità di riflessione e la velocità di risoluzione delle equazioni, puntando tutto sul segno delle operazioni e non sul risultato.
  • Savvy Math rappresenta un vero e proprio rompicapo, che richiede la pazienza e il sangue freddo di un vero saggio! Il numero in basso nel cerchio rappresenta il totale da raggiungere sommando i vari numeri presenti qua e là nella griglia ma che aumentano e cambiano velocemente!
  • Matematicamente è il sito adatto a tutti, sia a chi deve familiarizzare con la matematica, e quindi si aspetta un livello di base, sia a chi ha già un po’ di dimestichezza in più e necessita di un livello di difficoltà maggiore.
  • Math Playground è un vero e proprio campetto da gioco della matematica, divertente ed esaltante perché permette di mettere in atto delle sfide interessanti in cui cimentarsi. Il punto di forza è il connubio tra la matematica e la lingua inglese: l’ideale per chi vuole migliorare anche la propria capacità d’espressione in questa lingua.

Se la matematica ti fa impazzire e pensi che non ti piaccia, prova i videogiochi e le App per divertirti! Puoi imparare la matematica divertendoti!

Esistono inoltre alcune App dedicate alla matematica, che aiutano ad eliminare lo stress, l’ansia e il panico nel momento in cui ti avvicini ad un esercizio: una di queste è Mathpix, perfetta anche per i più pigri. L’applicazione è gratuita anche se per poterla utilizzare si ha sempre bisogno di una connessione dati attiva.

Imparare la matematica: teoria e pratica del riapprendimento

Se il metodo che prevede d’imparare le materie scientifiche divertendosi non ti convince, allora forse apprendere nuovamente la matematica farà più al caso tuo.

Studiare la matematica è come studiare una nuova lingua, giusto? Quindi, se non hai acquisito come si deve i fondamentali di questo linguaggio, avrai sempre delle carenze. Sarà allora necessario fare pratica, molta pratica per padroneggiare questa “lingua”. Se questo non è stato fatto, sentiti libero di passare attraverso una fase di riapprendimento. Che sia prima della maturità, di un concorso o di un esame presso l’Università.

Per fare questo, un insegnante privato e delle lezioni di matematica personalizzate sono molto raccomandate. Alcuni cercano di fare tutto da sé, da autodidatti, con l’aiuto di manuali, siti web, applicazioni… Ma per raggiungere risultati eccellenti ed eliminare completamente le tue sensazioni di ansia e panico, oltre a seguire tutti i consigli che ti abbiamo elencato fin qui, dovrai combinare diversi metodi tra cui:

  • Fare schede
  • Rivedere i manuali specializzati
  • Imparare la matematica con i LEGO
Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *