Disegno
Italiano Lingua Straniera
Francese
Disegno
Italiano Lingua Straniera
Inglese
Italiano Lingua Straniera
Flauto
Superprof la community
1.421.871
di prof e insegnanti privati
TOP 10 insegnanti
Italiano Lingua Straniera
Matematica
Storia dell'arte
Inglese
Matematica
Italiano scolastico
Matematica
Matematica
Disegno
Italiano Lingua Straniera
Francese
Disegno
Italiano Lingua Straniera
Inglese
Italiano Lingua Straniera
Flauto
Italiano Lingua Straniera
Matematica
Storia dell'arte
Inglese
Matematica
Italiano scolastico
Matematica
Matematica
Superprof la community di prof e insegnanti privati
TOP 10 insegnanti
Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno scolastico
Condividi

Insegnare per conto proprio: un ottimo modo per guadagnare in autonomia

Scritto da Catia, pubblicato il 11/05/2017 Blog > Lezioni private > Dare delle Lezioni Private > Ripetizioni private: il Miglior Lavoro Indipendente!

Spiccare il volo e guadagnare in libertà: un sogno, vero? L’imprenditoria ti aspetta a braccia aperte!

Sei uno studente (universitario, ricercatore o specializzando) o un adulto più o meno giovane: i servizi alla persona ti offrono delle opportunità da urlo. 

Stando ai vari blog, il motivo principale per cui le persone scelgono di diventare freelancer è la possibilità di gestire il proprio tempo liberamente. Segue il fatto di non avere un capo.

Forti della nostra esperienza nei corsi privati, ti presentiamo gli elementi chiave che ti permetteranno di acquisire maggiore autonomia.

Una soluzione per muovere i primi passi da autonomo: comincia come insegnante privato nel tempo libero, senza lasciare il tuo lavoro da dipendente. Puoi anche dare lezioni private mentre studi all’università.

Dando un’ora di lezione a domicilio la sera o nei week-end potrai:

  • imparare a conoscere il settore del sostegno scolastico e dell’aiuto ai compiti
  • esercitare e consolidare le tue competenze pedagogiche
  • perfezionarti
  • avere il tempo per cercarti i clienti.

Quando pensi che sia arrivato il momento giusto, puoi lanciarti al 100% nella tua attività di coaching e insegnamento a domicilio.

Capirai subito che è inebriante traghettare uno studente o una studentessa verso il successo scolastico, soprattutto quando il tuo aiuto vale un esame di terza media o di maturità.

Ecco 4 buoni motivi per diventare insegnante a domicilio diventando un libero professionista.

Corinne

I nostri insegnanti sono talmente contenti

”Con Superprof, ho potuto trovare degli allievi seri, motivati e con molta voglia di imparare. Consiglio assolutamente Superprof!”

Dare lezioni private per diventare il capo di te stesso

Essere il proprio capo: il nuovo sogno degli Italiani.

Si sa che il posto fisso rimane ancora l’aspirazione di molti Italiani. Eppure, qualcosa sta cambiando.

Con i salari che scendono, la disoccupazione a livelli record, soprattutto per i giovani, e le nuove opportunità date dalla tecnologia, sono sempre più gli Italiani che aspirano a diventare imprenditori di se stessi.

Non è un caso che in base ai dati dell’Istat aumento della disoccupazione e aumento dei lavoratori autonomi vadano di pari passo. In base a delle stime della Banca Mondiale, nel 2016 gli autonomi rappresentano il 24.7% della forza lavoro, mentre in altri Paesi come la Francia sono l’11.5%.

Molti di questi freelancer lavorano per aziende da remoto e fanno lo stesso lavoro dei loro colleghi che hanno un contratto a tempo determinato o indeterminato.

Nel tuo caso, come insegnante a domicilio, la situazione sarebbe completamente diversa. Lavoreresti per te stesso e saresti l’imprenditore di te stesso.

Puoi pensare al tuo lavoro come se fosse un’attività imprenditoriale che svolgi da solo. Se poi sei così bravo da poter assumere anche altre persone per aiutarti a svolgerlo, allora saresti un vero imprenditore che non solo crea lavoro per se ma anche per gli altri.

Anche tu come molti altri ex dipendenti puoi costruire la tua carriera da imprenditore iniziando a dare lezioni private. Essere un insegnante a domicilio è un trampolino di lancio per la tua impresa!

In questo caso creeresti un’impresa.

Secondo i dati del gruppo Cerved, nel 2014 le nuove imprese individuali, formate cioè da una sola persona erano 168 mila, contro 85 mila delle società di capitali.

Questi i dati più interessanti sulle imprese individuali:

  • i giovani al di sotto dei 35 anni rappresentano oltre il 56% dei nuovi fondatori d’impresa!
  • in generale la spinta imprenditoriale femminile e di cittadini stranieri cresce di anno in anno.

Molte persone si sono già lanciate nella loro avventura imprenditoriale, e molte altre sono pronte a farlo.

Diventare insegnante a domicilio significa anche mettere le proprie competenze al servizio di persone di tutte le età che sapranno usarle per cambiare la loro vita.

In altri termini: dare delle lezioni di sostegno scolastico ti rende utile. E poi questa esperienza ti permette anche di includere nel tuo curriculum delle competenze molto ricercate.

Le lezioni private per gestire i tuoi tempi, le tue tariffe e la tua contabilità

Se i corsi a domicilio offrono un reddito complementare, è anche vero che ti permettono di lavorare in autonomia.

Ci sono 3 maggiori vantaggi nel tenere delle lezioni private:

  • programmare il lavoro in base alle tue esigenze
  • fissare la tariffa che ritieni più adatta
  • avere il controllo della tua contabilità (sai esattamente quando vieni pagato)

Gestire la programmazione

Il Trends in Global Employee Engagement, lo studio condotto dalla Aon sulla soddisfazione di 5 milioni di dipendenti in tutto il mondo ha dimostrato che nel 2016:

  • nei paesi dell’Europa del Sud, tra cui l’Italia solo il 58% dei dipendenti è soddisfatto del proprio lavoro, contro il 63% a livello globale:
  • le imprese italiane hanno sempre più difficoltà ad attrarre talenti

Probabilmente le persone più attive si sono già messe in proprio e, come te, stanno pensando che sarebbe meglio lavorare per se stessi. Senza dati alla mano  ma con un piccolo sondaggio tra i nostri amici dipendenti possiamo dire che:

  • i lavoratori dipendenti passano troppo tempo al lavoro
  • vorrebbero migliorare l’equilibrio vita privata/vita professionale
  • sarebbero più soddisfatti  se riuscissero a conciliare lavoro e famiglia. 

Insomma, siamo sempre di più a volere degli orari più flessibili.

Se diventi un professionista della formazione puoi sviluppare la tua attività come meglio credi.

All’inizio è vero, è difficile rifiutare delle richieste di sostengo scolastico.

Piano piano, però, la tua reputazione di insegnante si rafforzerà grazie alle tue capacità e al passaparola. A quel punto sarà più facile dare le lezioni che vuoi. 

Alcuni possono permettersi di selezionare le lezioni fin dall’inizio concedendosi tantissimo tempo libero. Pensa agli insegnanti di musica, filosofia o coaching sportivo.

Applicare il prezzo giusto

Puoi decidere il costo delle tue lezioni in piena libertà.

Il nostro consiglio è di stabilire quanto vorresti prendere al mese. Aggiungi anche le spese, le tasse e l’INPS. Dividi questo totale per le ore che vorresti lavorare ogni mese. Ecco lì la tua tariffa oraria.

Vedi se è in linea con i prezzi medi di Superprof in base all’esperienza, al titolo di studio alla materia insegnata nella tua città.

Non dimenticare che un’ora di lezione di un bambino delle elementari o delle medie ha un prezzo diverso rispetto a quello di un ragazzo del liceo, dell’università o di un professionista.

Sono tutti fattori che ti permetteranno di applicare la tariffa giusta per il servizio di sostegno scolastico e lezioni a domicilio.

Una contabilità semplificata

Ai neofiti la contabilità può fare paura. In realtà, da ormai qualche anno per chi apre una nuova partita IVA la contabilità è semplificata. Questo significa che il tuo reddito è quello che hai incassato. Se qualcuno deve ancora pagarti non sei obbligato a includerlo nella dichiarazione dei redditi e quindi non devi anticipare le tasse.

Le regole sulle nuove partite IVA cambiano ormai ogni anno, ma per la contabilità vale sempre il principio di cassa. L’ennesima riforma della partita IVA, ma la contabilità rimane semplificata!

Non ci sono calcoli complicati da fare. In linea generale, i costi di una partita IVA sotto regime forfettario (2017) sono i costi dell’INPS, pari al 27.72%, e le tasse del 5% per i primi 5 anni e poi del 15% dell’imponibile.

Lanciarsi nelle lezioni a domicilio per applicare i propri principi e le proprie idee

Dare lezioni provate significa assecondare la voglia di trasmettere le proprie conoscenze.

A differenza di un docente della scuola, un formatore indipendente è libero di lavorare come meglio crede.

Puoi gestire i tuoi progetti dalla A alla Z. Nessuno ti dirà quello che devi fare durante i tuoi corsi di matematica, fisica o chimica, i corsi di lingua o di grammatica italiana.

Il bello dell'insegnante a domicilio è che sceglie in libertà come insegnare, senza dogmi e preconcetti sui metodi. Il motto dell’insegnante privato: non farti guidare dalle solite metodologie!

Se lavori per un organismo di formazione specializzato nel sostegno scolastico è possibile che tu debba rispettare un codice di condotta e applicare un approccio rigido.

Se sei tu il capo di te stesso puoi aiutare i tuoi studenti nel modo che ritieni più opportuno. Non dovrai rendere conto a nessuno (a parte i genitori, ovviamente).

Hai carta bianca per sviluppare e applicare i tuoi metodi d’insegnamento.

E’ semplice: sei l’unico autore del tuo successo.

E’ anche per questo che i corsi privati piacciono tanto agli studenti.

La libertà di andare in vacanza quando vuoi

Chiedere le ferie al capo? Un incubo!

Se non è il nostro superiore a chiederci di posticipare le vacanze, ci pensano i colleghi a mettersi di mezzo.

Senza dimenticare le vacanze forzate nel mese di Agosto, quando tutto è più caro.

Sono solo alcuni esempi di quello che i dipendenti devono affrontare ogni anno.

A differenza degli impiegati, gli insegnanti a domicilio scelgono in autonomia quando prendersi una vacanza. Niente più dilemmi per le vacanze: parti quando vuoi!

L’Italia non ha certo il primato del Regno Unito per i giorni di vacanze l’anno, ma comunque non ci si può lamentare. Per ogni italiano ci sono 20 giorni di ferie l’anno e 11 giorni di festività nazionali (vale a dire 31 giorni contro i 38 dei cittadini britannici).

La maggior parte degli imprenditori continua a lavorare anche quando è in ferie.

Non è il caso degli insegnanti a domicilio. Molti approfittano della vacanze scolastiche per stare in famiglia, partire per un viaggio, seguire dei corsi di perfezionamento o semplicemente godersi il meritato riposo.

Altri al contrario, scelgono di approfittare del maggior tempo libero dei loro studenti per tenere dei corsi intensivi. Visto che non hanno impegni scolastici gli studenti possono seguire le lezioni anche di mattina e tu poi incrementare il tuo guadagno.

E poi con le nuove regole sui lavoratori autonomi e con partita IVA che hanno diritto come i dipendenti a ferie, malattie e maternità dovresti essere più tutelato.

Il nostro articolo ti ha fatto sognare? Hai voglia di diventare un insegnante autonomo? Non accampare delle scuse, iscriviti subito a Superprof.

E’ il modo migliore per mettere a frutto la tua passione:

  • Corso di chitarra, pianoforte, violino o solfeggio;
  • Corsi di fitness, yoga, arti marziali;
  • Corsi di di grammatica italiana, matematica, fisica e chimica per il sostegno scolastico;
  • Corsi d’inglese, spagnolo e altre lingue.

Molti studenti hanno bisogno del tuo aiuto per:

  • Superare un esame o un concorso;
  • Capire gli esercizi di matematica;
  • Recuperare una materia (latino, francese, storia, scienze…)

Puoi dare una mano a chi ne ha bisogno e guadagnare in libertà!

Scopri se basta essere appassionati per dare lezioni private.

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar
wpDiscuz