Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno scolastico
Condividi

Quali sono le capacità matematiche dei tuoi figli?

Scritto da Alessandro, pubblicato il 10/10/2016 Blog > Sostegno scolastico > Matematica > Tutti i Bambini Possono Imparare la Matematica

Quando si è piccoli, approcciarsi al mondo della matematica sembra la scalata dell’Everest.

Tutto sembra difficile, vero?

Eppure, se si inizia presto e si è ben guidati da un insegnante motivato, non c’è alcuna ragione per non avere successo in matematica.

Quindi, se ti chiedi se i tuoi figli siano capaci di imparare le tabelle delle moltiplicazioni, delle addizioni, delle sottrazioni e addirittura la geometria, la risposta è certamente sì, in quanto il programma di matematica è svelato per tappe in relazione all’età e alla maturità intellettuale.

I tuoi figli otterranno così qualità che si riveleranno utili molto presto nella vita e per tutto il corso della loro esistenza, come:

  • La certezza delle loro capacità
  • L’opportunità di accedere a carriere prestigiose e a diverse tipologie di lavoro
  • Saper risolvere un problema e capire il motivo della decisione presa
  • Poter usare le nuove tecnologie, specialmente quelle informatiche
  • Imparare a gestire il tempo e il denaro nella quotidianità

Grazie a esercizi pratici, concreti, e a esempi di vita quotidiana, i tuoi figli si apriranno sempre di più ai numeri, alla numerazione, alla geometria, all’algebra, alle probabilità, ecc.

Se tu hai incontrato difficoltà con la matematica, renditi conto che i tuoi figli sono diversi e dispongono di un forte potenziale di apprendimento.

Sei pronto a scoprire perché?

Dopo aver letto questo articolo, saprai come insegnare la matematica ai bambini!

Corinne

I nostri insegnanti sono talmente contenti

”Con Superprof, ho potuto trovare degli allievi seri, motivati e con molta voglia di imparare. Consiglio assolutamente Superprof!”

Perché imparare la matematica molto presto

Secondo uno studio svolto dalla professoressa Michele Mazzocco del Center of Early Education and Development dell’Università del Minnesota di Minneapolis (USA), i bambini in età prescolare (cioè dai 3 ai 6 anni circa) sviluppano più facilmente l’attitudine ad acquisire competenze di base in matematica.

Ad esempio, i bambini possono imparare le nozioni di geometria e simmetria costruendo delle torri con i blocchetti per costruzioni tipo Kapla, o avvicinarsi al concetto di divisione giocando coi Lego o condividendo la merenda coi loro compagni.

Gli studi dimostrano anche che i bambini al di sotto dei 6 mesi sarebbero già in grado di distinguere 2 immagini diverse, una con 10 punti luminosi e un’altra con 20, esprimendo così una comprensione dei numeri comparati. Delle vere promesse della matematica, no?

Come imparare le basi della matematica da piccoli? Perché non diventare una promessa della matematica?

Di fatto, i bambini sono più ricettivi nell’imparare in giovane età (verso i 5 o 6 anni), e grazie a un insegnante che spieghi loro i principi fondamentali della matematica a questo punto della loro vita saranno maggiormente in grado di sviluppare capacità matematiche come un adulto.

Possiamo dunque porci la domanda legittima: perché non tutti i bambini imparano la matematica alle elementari? Infatti, perché affrontare varie barriere in questo campo dell’educazione?

Se la capacità e la curiosità sono doti innate, è possibile che le spiegazioni provengano dall’ambiente in cui cresce il bambino, o dal mancato sostegno dei genitori, in quanto questi non hanno saputo superare il loro blocco con la matematica da giovani.

Perché gli insegnanti devono essere istruiti in anticipo sulla matematica?

Per insegnare la matematica, gli insegnanti dovrebbero essere più istruiti, più informati e meglio formati in materia.
Infatti, se gli insegnanti fossero più sicuri della loro capacità nell’insegnamento della matematica, i bambini si mostrerebbero più interessati, più entusiasti e quindi più propensi a imparare.

Con l’esempio si impara, e i bambini sono delle vere “spugne emozionali”: dipende solo dall’insegnante mettere tutta la sua abilità pedagogica, tutta le sua competenza e la sua motivazione per insegnare questa materia, affinché i bambini lo seguano senza porsi domande e soprattutto senza creare delle barriere psicologiche di fronte all’apprendimento.
Perché non usare dei giochi educativi, dei giochi di calcoli mentali, o adattare la matematica a un livello elementare attraverso delle nozioni di base?

Scopri le tecniche per imparare la matematica divertendoti! Giocare e imparare la matematica allo stesso tempo.

Gli studi dimostrano anche che un insegnamento individuale e dettagliato dei concetti è più efficace affinché un bambino possa capire e interpretare ogni idea e teoria invece di imparare semplicemente tutto a memoria.

Ciò dimostra anche che i bambini sono capaci di maneggiare e comprendere degli algoritmi in vari modi.

Però, se gli insegnanti stessi impongono delle barriere nell’educare su questa disciplina, non riusciranno a instillare nei bambini la fiducia necessaria a dimostrare tutte le loro capacità matematiche.

É possibile insegnare la matematica ai bambini anche a casa!

L’importanza di un buono stato d’animo

In ogni azione intrapresa da un bambino (ma ciò vale anche per gli adolescenti e gli adulti), la questione dello stato d’animo è fondamentale, e contribuirà al successo o meno dei suoi risultati scolastici.

I bambini che sanno o ai quali si insegna a mantenere sempre uno stato d’animo positivo, ad avere a cuore l’apprendimento, pensano di poter sviluppare sempre la loro intelligenza.

Sono più propensi a buoni risultati rispetto ai bambini con uno stato d’animo basilare, immobile, senza apertura mentale.
Questi ultimi ritengono di avere delle capacità limitate, mentre gli altri continueranno a progredire e ad avere successo.

Che esercizi di matematica fare alle elementari? Se sei motivato, capisci meglio la matematica!

Lo sviluppo dell’impostazione mentale avviene nel tempo e con l’esperienza.

Se affronti dei problemi, non puoi risolverli regolarmente con dei genitori o degli insegnanti che non si aspettano da te un successo totale: penserete probabilmente di non avere alcuna competenza nel settore.

Quando questo meccanismo si applica ai problemi di matematica, potresti pensare che l’argomento non faccia per te.

Non è più necessario imparare la matematica a memoria. Imparare a memoria non è per forza il modo migliore per capire, ad esempio, le divisioni.

Allo stesso modo, iniziare dagli esercizi di aritmetica non è un buon allenamento.

Imparare a sviluppare un nuovo stato d’animo

Nel 2003, durante un laboratorio, dei ricercatori hanno scoperto che gli alunni della classe di quinta erano maggiormente in grado di imparare e di sviluppare nuove competenze.
Agli studenti è stato spiegato che il loro cervello è un muscolo, e che quindi ogni volta che imparano una nuova tecnica “estendono” il loro cervello, rendendo così più semplice il processo di apprendimento di nuove materie in futuro.

Dopo aver partecipato al laboratorio, i bambini e gli adolescenti hanno creduto fermamente di poter acquisire nuove competenze e di ottenere voti migliori in matematica con un po’ di sforzo e di pratica.
Ciò dimostra molto chiaramente che tenere un certo stato d’animo può essere insegnato dai genitori come dagli insegnanti, e che un certo modo di fare i corsi di matematica può far cambiare idea agli allievi che fin’ora hanno pensato di non avere particolari capacità matematiche.

Come imparare i calcoli matematici alle elementari? Sviluppare capacità matematiche con dei giochi di calcolo.

Un programma che sviluppa le competenze in matematica, così come la fiducia degli allievi nella loro capacità di familiarizzare con la matematica, sarebbe quindi uno strumento molto efficace.

Questa combinazione è stata trovata attraverso il programma di matematica JUMP, destinato non solo agli insegnanti della materia ma anche a tutti gli altri docenti, affinché acquisiscano fiducia nelle proprie competenze matematiche. Così potranno sostenere e aiutare i loro studenti nella formazione.

Il programma si basa sull’apprendimento in piccole tappe, e offre ai bambini un premio che li spinge a migliorare, piuttosto che un meccanismo di scoraggiamento ogni volta che sbagliano.

Tutti i bambini sono in grado di imparare la matematica?

La risposta appare più complessa di un semplice sì o no.

E in più spesso si crede che i bambini siano più forti in matematica rispetto alle bambine

Tuttavia, con un ambiente favorevole, degli incoraggiamenti e un metodo formativo adeguato, i bambini sono in grado di istruirsi grazie al loro desiderio naturale di imparare e sviluppare competenze, se non un vero piacere nel fare matematica, acquisendo così un potenziale migliore per risultati migliori nel loro futuro.

Come può un insegnante privato aiutare gli allievi?

Uno dei mezzi per acquisire questo metodo positivo e incoraggiante per imparare la materia sono le lezioni private di matematica.

Infatti, al contrario delle lezioni tradizionali che hai ricevuto a scuola, riceverai un insegnamento su misura, totalmente personalizzato.

Non ti sentirai perduto nella massa di concetti e il tuo insegnante si potrà occupare personalmente di te.

Perché vale la pena seguire corsi di matematica sin dalla scuola elementare? Seguire corsi di matematica sin da bambini.

Col tuo aiuto, L’insegnante determinerà quali sono le tue lacune in matematica riguardo alle frazioni, le probabilità, la geometria, le equazioni e più incognite, l’algebra, ecc.

In parallelo, da piccoli i bambini sono nel pieno della loro formazione linguistica. I genitori spesso si aspettano troppo da loro e li confrontano con dei gruppi o dei dati. Ovviamente, questa non è la soluzione migliore.

Inoltre, l’insegnante penserà a un programma, a esercizi e a lezioni di matematica adattate al 100% al tuo livello.

Sul piano psicologico, un insegnante privato dà tanto al suo allievo: giustamente, potrà mostrarsi positivo e spiegare nozioni di matematica con un punto di vista più personale. Avrai l’impressione che la matematica sia facile.

Sarà come un personal trainer che ti consiglierà, motiverà, orienterà verso nuove tecniche e nuove accortezze, e ti proporrà degli esercizi per farti progredire.

Avrai una vera relazione di scambio col tuo prof, che ti farà vedere questa disciplina con un occhio nuovo.

In quanto studente, quando incontri un problema non esitare a porre delle domande. Condividi i tuoi pensieri e le tue idee, discuti e rendi viva la matematica.

Esprimendo le tue idee imparerai a ragionare in termini matematici. Perché non diventare il prossimo Einstein e cambiare il mondo della matematica?

Tutti possono imparare la matematica, bambini e non. Certo, richiede sforzo, investimento personale e tempo, ma non è un esercizio difficile in sé.

È una questione di mentalità e di stato d’animo: se sei incoraggiato a lavorare e ad avere successo, se hai qualcuno che ti dimostra che hai le capacità per farcela, allora imparerai senza neanche rendertene conto.

E in caso di problemi di apprendimento, scopri come insegnare la matematica a un dislessico! Leggi subito in nostro nuovo articolo!

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *