La rivista che ama gli insegnanti, gli allievi, le lezioni private e la condivisione delle conoscenze.

Le tecniche per collegare al meglio gli accordi alla chitarra

Par Alessandro le 24/11/2016 Blog > Musica > Chitarra > Come Suonare gli Accordi alla Chitarra?
Table des matières

Per coloro che vogliono avvicinarsi alla musica, imparare a suonare la chitarra è un’idea eccellente. Infatti, questo strumento a corde è perfetto per chi desidera riprodurre al più presto le canzoni che adora.

Una volta acquisite le basi della chitarra è anche possibile improvvisare dei pezzi.

Ma quali sono queste basi?

Le scale, la lettura delle note e delle tablature, gli accordi.

Che siano in maggiore, in minore, di settima, oppure che si tratti di un giro armonico, gli accordi sono una parte essenziale del tuo apprendimento della chitarra.

Impossibile evitarli, per questo è importante imparare a posare correttamente le proprie dita sul manico e a collegare un accordo con quello successivo.

Solo una volta acquisite queste nozioni potrai dire di saper suonare la chitarra.

Un apprendimento progressivo degli accordi

Specialmente per i chitarristi principianti, l’apprendimento della chitarra non è un fiume tranquillo: infatti, le corde fanno male alle dita e la mano destra non riesce a coordinarsi con la mano sinistra come dovrebbe. E che dire poi di tutti questo accordi in barré e che non vengono mai bene?

Per coloro che desiderano diventare dei bravi musicisti (e magari diventare i nuovi Bob Dylan), il consiglio è di imparare le basi dei principali accordi alla chitarra, ma soprattutto di capire come collegarli affinché il suono venga fluido e corretto, soprattutto per porre fine al dolore alle punte delle dita.

Su Internet e sulle riviste specializzate, puoi trovare tanti accordi per chitarra di canzoni famose, ottime per esercitarti.

Ma all’inizio come puoi riuscire a collegare due accordi senza perdere il ritmo alla chitarra? Come puoi arrivare al punto di saper suonare bene un pezzo intero?

Ecco qualche suggerimento.

Trovare i punti in comune tra gli accordi

Conoscere bene gli accordi e identificarli

Per ottimizzare e favorire il collegamento tra due o più accordi, devi iniziare col trovare gli eventuali punti in comune che questi possono avere.

  • È possibile che due accordi consecutivi abbiano delle dita in comune, in modo da facilitare il posizionamento della mano senza doverla muovere tutta.
  • La posizione tra i due accordi è solo scalata di uno o qualche tasto: benissimo, in tal caso il posizionamento delle dita non cambia, basta spostare l’intera mano su altri tasti.

Come posizionare correttamente le dita sulla chitarra? Ottieni il suono giusto partendo dagli accordi semplici!

  • La posizione dell’accordo è spostata di una o più corde: anche qui, non c’è alcun bisogno di spostare le tue dita singolarmente, perché la tua mano si sposterà a seconda del numero di corde che bisogna saltare.
  • Tutte le dita sono impiegate nello stesso ordine: può succedere che due accordi che si susseguono siano nello stesso ordine. In tal caso, basta tenere le dita insieme per posizionarle più rapidamente.
  • Alcune note sono in comune, ma la collocazione delle dita non corrisponde: può essere interessante cambiare il posizionamento delle dita su uno degli accordi per dare l’impressione che entrambi abbiano più dita in comune.
  • Non c’è alcun punto in comune tra gli accordi: questa situazione non propone alcuna scorciatoia, devi imparare a memoria come eseguire questi due accordi per collegarli in modo fluido e leggere rapidamente gli spartiti.

Perché localizzare gli accordi?

Guardando più da vicino come articolare i vari accordi che devi suonare e collegare, potrai avvantaggiarti dei punti in comune. Sarà l’occasione di spostare tutta la tua mano senza muovere le dita o di limitare i tuoi sforzi migliorando la fluidità della tua esecuzione.

Esercizi per ottimizzare la localizzazione

Se alcune delle tue dita restano nello stesso punto tra due accordi, prova a tenerle più immobili che puoi mentre muovi le altre.

Se devi cambiare l’intera posizione della mano, esercitati a mantenere le dita nella loro posizione anche se rilassandole un attimo: l’obiettivo di questi esercizi è di riuscire a posizionare un qualsiasi accordo a vuoto, senza posare la tua mano sinistra sul manico.

Grazie a questi piccoli esercizi, la tua mano sarà in grado di anticipare il posizionamento delle tue dita, facendoti guadagnare in agilità e fluidità.

Scomporre un movimento

Se i tuoi due accordi contengono delle corde non occupate dalle dita, puoi suonare delle note a vuoto già disponibili senza bisogno di sforzi.

Impara a scomporre un movimento, a verificare se delle note possono essere suonate senza bisogno di applicare una pressione delle dita sulle corde.

Risparmierai tempo e i tuoi collegamenti tra gli accordi verranno più naturali.

Collegare concretamente gli accordi

Collegare un accordo con un altro comporta in media 6 piccole tappe che puoi scomporre a seconda del tuo livello.

Innanzitutto, impara a memoria tutti gli accordi. Poi, esercitati su un cambio di accordo in particolare.

Come bisogna mettere le dita per suonare bene un accordo alla chitarra? Impara subito gli accordi principali per poter suonare centinaia di canzoni!

È impossibile imparare a cambiare e a collegare gli accordi in una volta sola, anche seguendo un corso privato di chitarra.

Ecco invece il metodo che dovresti seguire:

  • Componi il primo accordo con la tua mano sinistra.
  • Cambia lentamente posizione per formare il secondo accordo.
  • Osserva come si posizionano le tue dita. Nota se esistono punti in comune, se le dita si incrociano, se alcune di queste non cambiano posizione.
  • Passa dal primo al secondo accordo sulla chitarra e fai il movimento inverso, passando dal secondo al primo, in modo sempre dolce e lento: le tue dita devono rimanere il più possibile rilassate e vicine alle corde della chitarra per minimizzare i movimenti.
  • È importante effettuare degli « scivolamenti » tra gli accordi in modo particolarmente lento, così da allenare i muscoli delle dita e abituarti a posizionarle in un certo modo. Poi, puoi cambiare dinamica aumentando il ritmo e la velocità dei collegamenti.
  • Ripeti questa tappa per 20 volte, e anche oltre se necessario: lo scopo è di rendere naturali e istintivi questi gesti, facendoti sentire a tuo agio.
  • Ora, l’ultima tappa consiste nell’effettuare tutti questi esercizi suonando anche le corde della chitarra con la tua mano destra. Per verificare che il suono sia corretto, fai suonare ogni corda singolarmente per capire come reagisce. Questo ti permetterà anche di suonare gli arpeggi!

Trucchi e consigli per collegare gli accordi

Un esercizio regolare

Intendiamoci, per riuscire a collegare gli accordi come un vero professionista (come farebbero Eric Clapton, Bob Dylan e Ben Harper, per intenderci) il consiglio è solo uno: allenati regolarmente.

Adotta lo stile di Ben Harper alla chitarra! Ti piacerebbe suonare bene come Ben Harper?

Che significa questo? Quando si arriva ad acquisire un buon livello di fluidità? I chitarristi professionisti consigliano una pratica quotidiana o a giorni alterni di 10-15 minuti, utili affinché i movimenti diventino automatici e i muscoli « memorizzino » gli accordi e il posizionamento delle dita.

L’aiuto di un insegnante di chitarra

Se non riesci a motivarti, o semplicemente a compiere il collegamento tra accordi, chiedi aiuto a un insegnante di chitarra indipendente. Di sicuro, sarà in grado di darti dei saggi consigli durante le lezioni private.

Ti mostrerà dove sbagli, noterà se prendi cattive abitudini e ti correggerà dove hai bisogno.

A cosa può servire un insegnante di chitarra privato? Impara a collegare gli accordi con l’aiuto di un insegnante privato!

Avere un insegnante accanto ti permette di avere un riscontro immediato su quello che fai: sarà il tuo specchio, arricchendo e velocizzando notevolmente la tua comprensione della chitarra.

Tenere il ritmo

Il ritmo è un fattore molto importante per il buon esito di un’esecuzione alla chitarra. Quando colleghi gli accordi, diventa cruciale non perderlo.

Non rallentare per cambiare accordi e impara a suonare con un metronomo: in questo modo, imparerai a suonare al ritmo giusto, né troppo velocemente né troppo lentamente.

Una volta che hai imparato a gestire gli accordi e i tuoi posizionamenti delle dita ti sembrano corretti e coerenti, fai partire un cronometro e prova a suonare il più possibile salendo e scendendo sul manico della chitarra.

Privilegia sempre la qualità sulla quantità: è meglio fare bene 5 collegamenti tra accordi in 1 minuto che 15 dal suono completamente scadente.

Attenzione alla respirazione

Non parliamo della tua respirazione, ma di quel piccolo momento nel collegamento degli accordi in cui lasci suonare le corde a vuoto.

Questa « respirazione » deve sempre essere fatta prima di cambiare accordo. Più precisamente sull’ottava che precede il primo momento della battuta successiva.

A voler essere tecnici alla chitarra, quando colleghi due accordi (spesso costituiti da un paio di ottave) suonando col plettro, invece di suonare due colpi, lascia l’ultima battuta a vuoto per posizionare correttamente la tua mano sinistra.

Visualizzare il collegamento degli accordi

Impara a visualizzare il cambiamento degli accordi.

Chiudi gli occhi e concentrati sulle tue dita che si posizionano sul manico per eseguire una sequenza corretta di accordi.

Devi fissarti l’immagine di questi movimenti in testa. Servirà a preparare il tuo cervello a eseguire questi gesti con agilità assoluta.

Se possibile, utilizza le dita che non si muovono come appoggio o come perno per effettuare il tuo cambiamento di accordo.

Una volta imparati questi trucchi, suonare la chitarra ti sembrerà molto più facile di quanto non credessi all’inizio. Ricordati di essere costante nell’apprendimento e concentrati sulla tecnica che stai imparando. Quando ti sembra di essere a un punto troppo difficile, fai un passo indietro e ripeti le cose che già padroneggi. Inoltre, fai attenzione a non saltare mai le tappe dell’apprendimento, sii sempre paziente e procedi in modo progressivo.

Quindi, non perdere mai la motivazione, inizia a rimboccarti le maniche e vedrai che potrai diventare una star della chitarra!

Nos précédents lecteurs ont apprécié cet article

Cet article vous a-t-il apporté les informations que vous cherchiez ?

Aucune information ? Sérieusement ?Ok, nous tacherons de faire mieux pour le prochainLa moyenne, ouf ! Pas mieux ?Merci. Posez vos questions dans les commentaires.Un plaisir de vous aider ! :) (moyenne de 5,00 sur 5 pour 1 votes)
Loading...
Alessandro
Appassionato di storytelling, mi piace raccontare scrivendo, disegnando e traducendo.

Commentez cet article

avatar
wpDiscuz