Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

La pedagogia del dopo-scuola e dell’aiuto ai compiti come alternativa alla scuola?

Blog > Lezioni private > Ripetizioni > Le Ripetizioni Private: una Libertà Pedagogica a Servizio dello Studente!

Cos’è il dopo scuola? Possiamo rispondere parlando di ”libertà assoluta”?

La libertà di impegnarsi in questo genere di esperienza, innanzitutto. Ma anche la libertà relativa alle discipline. Agli strumenti per insegnare. Alla pedagogia, Alla relazione tra insegnante ed alunno.

Se a volte sono vissute come punitive, le ripetizioni a pagamento possono altre volte essere vissute come fonti di vero piacere. Il piacere di imparare. E specialmente quando si allontanano molto dalle lezioni di tipo scolastico. L’insegnante sarà più “alla mano”, con un linguaggio più giovanile.

Vi sono altri aspetti che distinguono il dopo-scuola dalla scuola?

Scuola vs dopo-scuola? Due cose del tutto diverse?

Un peccato il fatto che vi debba essere, agli occhi di molti, questa contrapposizione. Scuola contro dopo scuola: chi vincerà?

Coloro che hanno già fatto l’esperienza delle ripetizioni a domicilio, capiscono probabilmente cosa intendiamo con “libertà pedagogica”. Anche io, al liceo, presi qualche ripetizione e riuscii a far risalire la mia media. Si decise, all’epoca, di fare affidamento al dopo-scuola, per favorire dei progressi.

Venne a casa mia, per un periodo, uno studente universitario di ingegneria. Scoprii metodi mai incontrati a scuola. Questo insegnante, non aveva una lunga esperienza, ma mi prodigava saperi attraverso una speciale relazione che si era instaurata a livello umano.

Sicuro della sua materia, ricco di conoscenze, il giovane teneva lezioni chiare e comprensibili, in un clima rilassato ed amichevole.

L’età di un insegnante, del resto, può a volte favorire certe relazioni. Egli parla ancora un linguaggio giovanile e non è ancora formattato secondo il sistema d’insegnamento della scuola pubblica e secondo un’esperienza ventennale. Ciò svolge un ruolo chiave nell’abbattimento della barriera insegnante-alunno.

E il dopo-scuola consiste anche in questo. Non sempre si trovano insegnanti “classici”. Spesso si ha la fortuna di scoprire dei giovani dai metodi inediti.  Alcuni sono studenti universitari di matematica, lingue, lettere.

Disciplina o flessibilità? Un confronto ai fini del successo scolastico

Non è per forza corretto situare l’insegnamento a scuola nella categoria “disciplina” e quello privato a casa nella categoria “flessibilità”. È proprio una riduzione semplicistica.

Però è una questione di metodo, il fatto di operare questa distinzione. Come mai?

Prendiamo l’esempio di un insegnante della scuola elementare, media, etc. Il suo comportamento, dovendo gestire una classe numerosa, avrà già una simbolica del tutto propria. Legata al concetto di autorità. Egli terrà la sua lezione, e tutti dovranno star dietro ai suoi ritmi, ai suoi metodi, alla sua pedagogia.

Forse anche per questa sua incapacità di evolvere, spesso la scuola è lontana dallo studente. Il banchetto di scuola: simbolo di una vecchia concezione della scuola!

Per quanto esistano pedagogie alternative, spesso a scuola il tutto si risolve in una lezione frontale. L’acquisizione del programma scolastico, dettato dal Ministero, rende la classe sottomessa e poco incline alla partecipazione creativa.

È un dato di fatto.

Torniamo ora al dopo-scuola a domicilio. Per il solo fatto che insegnante privato ed alunno si incontrino presso il domicilio di uno dei due, le cose cambiano. La relazione sarà diversa. L’insegnante, faccia a faccia con lo studente, mostrerà tutta la sua flessibilità. Non dovrà di certo gestire il problema della disciplina, del silenzio, dell’ordine. Si dedicherà solo alla trasmissione.

Farà capire la lezione ad un solo ragazzo, piuttosto che dedicarsi ad azzittirne venticinque.

E poi, sebbene l’insegnante resti tale, lui ed il ragazzo formeranno un vero e proprio duetto. La relazione umana avrà lo scopo di produrre efficacia nello studio, nello svolgimento dei compiti e nella preparazione di un esame. L’accompagnamento sarà di lunga durata. L’insegnante non diventerà certo un “amicone”, del discente, ma non sarà di certo quel maestro autoritario che ci si attende di incontrare in classe.

Quando un insegnante privato si adatta al suo studente

Nel mestiere di insegnante del dopo-scuola la flessibilità è d’uopo. Ma questa non basta per far recuperare uno studente o perfezionarlo in una disciplina.

L’adattamento è un altro termine chiave. Se parliamo di ripetizioni di qualità, un insegnante non darà mai lezioni allo stesso modo a tutti i discenti…

Le ripetizioni a casa: soluzione su misura

E del resto è ovvio: ogni alunno è differente. Di solito i profili comuni sono tre:

  • Alunno in difficoltà. Deve evitare una bocciatura e recuperare dei ritardi in una o più discipline.
  • Alunno dalla media appena sufficiente. Egli la raggiunge senza troppo faticare. I genitori non si accontentano. Oppure, egli studia molto, senza mai riuscire a migliorare la media. In tal caso, si tratta di far venire fuori il vero potenziale del giovane.
  • Alunni dalle grandi ambizioni. Sanno già che frequenteranno giurisprudenza o tenteranno l’accesso presso facoltà elitarie. A casa devono allora lavorare di più, tramite qualche lezione privata.

Questo è l'aspetto più rilevante delle lezioni private adomicilio: la flessibilità dell'ora trascorsa tra il prof e lo studente. Proprio come un sarto, il prof privato ritaglia le lezioni su misura per il singolo studente!

Perché mai dare lo stesso tipo di lezioni a questi tre tipi di allievi diversi? Sarebbe dannoso. L’insegnante privato deve adattarsi all’alunno che ha di fronte. Alle debolezze di questi, ai suoi blocchi, ai suoi desideri e bisogni.

Il dopo-scuola offre questo aspetto “su misura” di cui ogni ragazzo ha bisogno, se vuole progredire con successo.

L’insegnante privato, inoltre, dovrà adattarsi al temperamento dell’alunno. Se ha di fronte un giovane curioso e dinamico, sarà un conto. Se ha a che fare con un ragazzo passivo, in opposizione, timoroso, si tratterà di altrettanti casi da valutare, volta per volta…. L’insegnante del dopo-scuola si adatterà al temperamento del giovane, per poter instaurare una relazione di fiducia reciproca.

Una relazione di vicinanza affettiva, per sconfiggere i blocchi psicologici dell’alunno

Lo si sa da tempo: la scuola può provocare vera e propria repulsione, blocco psicologico, timori e remore nei giovani e nei bambini. Lo vediamo alla scuola elementare, all’asilo, e poi di certo al liceo, come alla scuola media.

Concentriamoci, comunque, qui sul blocco rispetto al concetto di scuola, piuttosto che alla paura della scuola.

A partire dal momento in cui i programmi ministeriali diventano più consistenti, non tutti gli studenti, in una classe di venticinque, possono necessariamente seguire e comprendere allo stesso modo e con gli stessi tempi. La lezione verrà recepita diversamente da un caso all’altro. Vi saranno dei ragazzi che dovranno tornare più volte su una nozione ed un concetto. Altri che, pur studiando e ripassando, non riusciranno proprio a stare al passo, acquisendo tutto.

Non è che si tratti per forza di limite dell’intelletto, intendiamoci. Spesso il tutto si deve ad un vero e proprio blocco psicologico. Un problema che può far abbassare voti e media di tuo figlio.

Per riuscire ad aiutarlo, se la scuola non riesce in questa missione, il dopo-scuola online potrà spesso essere la soluzione efficace. Contrariamente all’insegnante di scuola, quello privato avrà tutto il tempo e la libertà di attardarsi sulle barriere che inconsciamente l’alunno si è costruito nel tempo.

La qualità di un insegnante privato del dopo-scuola dev’essere tale da poter identificare la faglia. In seguito, il mentore fornirà gli strumenti e le soluzioni necessarie per annullarla.

L’insegnante privato interverrà nella giusta misura. Poi sarà il giovane a recuperare il livello scolastico relativo alla sua età, mirando finalmente al successo scolastico.

Relativizzare e comprendere il programma

Parliamo qui innanzitutto della libertà pedagogica caratterizzante il dopo-scuola privato (come avviene con le ripetizioni online).

Anche il metodo, naturalmente, rende diverso il dopo-scuola dalla scuola. La relazione intima che si instaura tra insegnante e alunno è al centro di questa particolarità. Il lavoro di studio e di ripasso è del tutto personalizzato, poi, come anche il supporto nello svolgimento dei compiti. Anche la possibilità di “trasgredire” rispetto al programma, rende il dopo-scuola un’esperienza unica nel suo genere.

Nulla costringe un insegnante privato a seguire passo dopo passo il programma. Se i genitori lo assumono per dare ripetizioni a domicilio, è anche perché essi credono nell’importanza di un metodo inedito.

E così, per perseguire uno stesso obiettivo, l’insegnante privato potrà comunque scegliere metodi diversi da quelli dei suoi colleghi. Ugualmente, la lezione sarà strutturata con estrema libertà.

Come omettere di citare le nuove tecnologie, ad esempio, nel quadro di un discorso sul dopo-scuola a domicilio? Diverse app per smartphone o tablet consentono oggi di:

  • Organizzare la propria tabella di marcia, programmando ripassi e studio per gli esami,
  • Cronometrare i propri temi di lavoro e studio,
  • Imparare grazie alla fruizione di video,
  • Accedere ad infografiche, quiz e giochi interattivi,
  • Imparare divertendosi,
  • Ricevere delle lezioni online,
  • Scaricare lezioni di matematica, corsi di lingue, ripetizioni di latino e greco, ripassi di geometri…

Questi nuovi strumenti, e non solo questi del resto (pensa ai podcasts, per esempio, e ai video Youtube) permettono di apprendere una lezione in modo diverso.

Ripetizioni e libertà di spingersi oltre

Se vuoi che tuo figlio punti in alto, comincia a pensarci per tempo. Le università prestigiose sono prese di mira!

Il dopo-scuola può insomma prendere strade diverse per condurre ad un recupero.

E soprattutto, poi, se intendi andare più oltre, le ripetizioni a pagamento non ti deluderanno. Ti consentono infatti di imparare più di quanto preveda il programma ministeriale. È questo il bello. Superarlo e superarsi.

Se lo studente è abbastanza dotato per riuscire a seguire il programma alla velocità dell’insegnante, potrà essere interessante “sfidarlo”, in un certo qual modo. Ed è questo il vantaggio delle ripetizioni private! Tanto più se si sta già pensando di iscriversi ad una facoltà a numero chiuso, con test d’accesso molto impegnativo.

Le ripetizioni a pagamento, anche se uno studente si trova al liceo, ad esempio, consentono di anticipare delle materie che incontrerà l’anno seguente, in facoltà. Si può predisporsi al futuro, insomma. Ecco perché poi, al momento dell’esame di maturità, del test di ingresso, il giovane si troverà già munito di molti dei mezzi indispensabili.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar