"Il reciproco amore tra chi apprende e chi insegna è il primo e più importante gradino verso la conoscenza." Erasmo da Rotterdam

Il Canto degli Italiani è diventato ufficialmente l'inno nazionale italiano solo con una legge approvata nel 2017. Ma prima ancora dell'ufficialità, un'altra legge del 2012 stabiliva che l'inno nazionale fosse insegnato nelle scuole come parte delle attività di educazione alla cittadinanza e alla Costituzione.

Alcuni riferimenti alla sconfitta dell'Aquila austriaca non sono stati accolti con favore, ma in generale, a giudicare dal trasporto con cui si canta l'inno nazionale in occasione di eventi sportivi, il Canto degli Italiani incontra molti sostenitori.

Questioni politiche a parte, perché bisognerebbe imparare l'inno nazionale italiano? Ecco 10 motivi per cantare l'Inno di Goffredo Mameli.

I migliori insegnanti di Canto disponibili
Marco
5
5 (35 Commenti)
Marco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valentina
5
5 (51 Commenti)
Valentina
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marcella
5
5 (36 Commenti)
Marcella
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (7 Commenti)
Paolo
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valerio
5
5 (13 Commenti)
Valerio
40€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Rolando
4,9
4,9 (17 Commenti)
Rolando
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lucia
5
5 (21 Commenti)
Lucia
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alessandra
5
5 (10 Commenti)
Alessandra
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marco
5
5 (35 Commenti)
Marco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valentina
5
5 (51 Commenti)
Valentina
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marcella
5
5 (36 Commenti)
Marcella
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (7 Commenti)
Paolo
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valerio
5
5 (13 Commenti)
Valerio
40€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Rolando
4,9
4,9 (17 Commenti)
Rolando
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lucia
5
5 (21 Commenti)
Lucia
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alessandra
5
5 (10 Commenti)
Alessandra
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Imparare l'Inno di Mameli per cultura generale

L'Inno di Mameli è parte integrande della cultura italiana ancora prima che si facesse l'Unità d'Italia il 17 marzo 1861. Di fatto e di diritto, l'inno è uno dei simboli della Repubblica italiana, insieme alla bandiera, allo stemma, allo stendardo e all'altare della patria.

Imparare il Canto degli Italiani è quindi un modo per arricchire la propria cultura generale. Conoscere la storia dell'inno nazionale, significa conoscere la storia d'Italia in generale e del Risorgimento, in particolare.

Il Canto degli Italiani rappresenta l'Italia a manifestazioni ed eventi internazionali.
L'Inno d'Italia accompagna gli incontri istituzionali e ufficiali!

Il Canto degli Italiani è stato scritto da Goffredo Mameli nel 1847 con l'accompagnamento musicale è di Michele Novaro. I due hanno collaborato "a distanza", con il giovane poeta e combattente Mameli impegnato con le truppe di Garibaldi e il compositore, anch'egli genovese, Novaro, intento a insegnare musica a Torino.

Genova è la città che ha dato i natali a entrambi protagonisti dell'inno!

La storia dell'Inno di Mameli fu molto travagliata perché gli Austriaci ne proibirono l'uso, ma anche durante il Regno dei Savoia incontrò alcune resistente per via del suo spirito repubblicano. Tra i soldati e la popolazione, l'Inno di Mameli fu sempre molto popolare, insieme ad altri canti che marcarono la storia dell'Italia, come la Canzone del Piave, scritta per i soldati al fronte durante la Prima guerra mondiale.

Con il referendum che sancì la nascita della Repubblica italiana il 2 giugno 1946, arrivò pochi mesi dopo, a ottobre, il primo riconoscimento ufficiale per il Canto degli Italiani che divenne inno nazionale provvisorio.

Da allora, ci sono stati dibattiti su quale fosse la canzone più rappresentativa della nuova fase dell'Italia, dalla Canzone del Piave al Va' pensiero di Giuseppe Verdi. Ogni dubbio è stato sciolto ufficialmente nel 2017, "appena" 170 anni dopo la nascita del Canto degli Italiani.

Inno di Mameli: cantare durante una cerimonia

Imparare l'inno di Mameli può essere necessario quando bisogna partecipare a una cerimonia di carattere sportivo o istituzionale. In effetti, l'Inno di Mameli si canta durante gli incontri politici ufficiali, le commemorazioni, gli omaggi o nei tornei in cui partecipa la nazionale italiana.

Se partecipi a una di queste cerimonie è fondamentale conoscere le parole dell'inno.

Naturalmente ogni cittadino è libero di decidere se cantare o meno l'inno nazionale, ma se vuoi accompagnare questo canto ti conviene imparare almeno il testo della prima strofa:

Fratelli d’Italia
L’Italia s’è desta,
Dell’elmo di Scipio
S’è cinta la testa.
Dov’è la Vittoria?
Le porga la chioma,
Ché schiava di Roma
Iddio la creò.
Stringiamci a coorte
Siam pronti alla morte
L’Italia chiamò.

Di solito, agli eventi sportivi si canta solo la prima strofa dell'inno nazionale.
Conosci a memoria le parole dell'Inno d'Italia?

Imparare l'inno nazionale per la scuola primaria

Secondo la legge 222 del 23 novembre 2012, le scuole di ogni ordine e grado dovrebbero celebrare la Giornata dell'Unità d'Italia il 17 marzo, con attività e percorsi didattici che promuovono e diffondono i valori della cittadinanza e della Costituzione.

L'obiettivo generale è quello di:

"...suscitare la riflessione sugli eventi e sul significato del Risorgimento nonché sulle vicende che hanno condotto all'Unità nazionale, alla scelta dell'Inno di Mameli e della bandiera nazionale e all'approvazione della Costituzione, anche alla luce dell'evoluzione della storia europea" - art, 1 par. 1, Legge 23 novembre 2012, n. 222

L'insegnamento dell'Inno di Mameli "e dei suoi fondamenti storico-ideali" è quindi previsto come parte delle iniziative di educazione alla cittadinanza e alla Costituzione che si possono trasmettere fin dalla scuola d'infanzia.

Le modalità possono essere:

  • percorsi didattici
  • iniziative
  • incontri

Il tutto, viene fatto nel rispetto dell'art. 6 della Costituzione sui diritti delle minoranze e in base alle disponibilità finanziarie, umane e strutturali di ogni scuola.

Insomma, non ci sono fondi specifici per celebrare la giornata dell'Unità d'Italia e le scuole devono preparare dei laboratori con i docenti disponibili, le finanze proprie e un tocco di creatività.

Online si possono trovare schede didattiche e video di insegnanti che insegnano la prima strofa dell'Inno d'Italia ai bambini della scuola d'infanzia e primaria.

Scopri come nascono gli inni nazionali!

Rafforzare la memoria per imparare l'Inno di Mameli

Il testo integrale dell'inno nazionale italiano è composto da 176 parole, per cui la lunghezza non è il vero problema. Inoltre il ritornello "Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. L'Italia chiamò" si ripete alla fine di ogni strofa.

La maggiore difficoltà nell'imparare l'Inno di Mameli è il significato delle parole. Trattandosi di una poesia scritta quasi due secoli fa, l'italiano usato è sicuramente "arcaico" alle orecchie di piccoli e grandi di oggi. Inoltre, ci sono tanti riferimenti che per i bambini potrebbero essere difficili da associare: personaggi storici, miti, condottieri, battaglie, simboli di potenze straniere.

Tutto questo rende difficile memorizzare tutto il testo dell'Inno di Mameli!

La strategia per imparare l'inno a memoria potrebbe essere quella di trattarlo come una poesia. Si possono fare delle schede o trascrivere le strofe su post-it da appendere in camera. In questo modo, si possono ripassare a colpo d'occhio in ogni momento.

Potrebbe anche essere utile riscrivere tutto il testo. Attenzione all'ortografia che potrebbe essere diversa dall'italiano attuale. Potresti anche svolgere un quiz sulle parole dell'inno nazionale lasciando alcuni campi vuoti da riempire con la parola giusta.

I migliori insegnanti di Canto disponibili
Marco
5
5 (35 Commenti)
Marco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valentina
5
5 (51 Commenti)
Valentina
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marcella
5
5 (36 Commenti)
Marcella
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (7 Commenti)
Paolo
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valerio
5
5 (13 Commenti)
Valerio
40€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Rolando
4,9
4,9 (17 Commenti)
Rolando
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lucia
5
5 (21 Commenti)
Lucia
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alessandra
5
5 (10 Commenti)
Alessandra
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marco
5
5 (35 Commenti)
Marco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valentina
5
5 (51 Commenti)
Valentina
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marcella
5
5 (36 Commenti)
Marcella
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (7 Commenti)
Paolo
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Valerio
5
5 (13 Commenti)
Valerio
40€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Rolando
4,9
4,9 (17 Commenti)
Rolando
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lucia
5
5 (21 Commenti)
Lucia
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alessandra
5
5 (10 Commenti)
Alessandra
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Imparare l'Inno d'Italia e cantarlo a un incontro sportivo

Naturalmente, avrai notato che durante gli incontri internazionali di calcio, la nazionale italiana canta l'inno prima dell'inizio della partita. Anche se non c'è un'orchestra che suona dal vivo, i giocatori fanno sentire forte e chiaro le proprie voci, anche con l'aiuto del pubblico partecipe e affiatato!

Se anche tu intendi partecipare a una partita ufficiale dell'Italia, dovrai imparare a cantare l'inno nazionale con trasporto.

Anche lo sport gioca un ruolo importante nella diffusione dell'inno d'Italia!
Puoi approfittare di una partita di calcio per imparare l'inno nazionale!

Come per le cerimonie, il Canto degli Italiani non viene cantato nella sua interezza durante gli incontri sportivi. Ascolterai soltanto la prima strofa, quindi non ci vorrà molto per cantare all'unisono con i tuoi giocatori preferiti.

Imparare l'inno nazionale per cantare insieme agli amici

In una serata barbecue, conoscere e cantare l'Inno di Mameli a memoria è un modo per impressionare gli amici, soprattutto se vai oltre la prima strofa. Perché non divertirti a imparare l'inno nazionale nella sua interezza?

Oltre a fare un'ottima impressione, potrai anche anche guadagnare dei punti se fate una sfida musicale o di cultura generale.

Potresti anche fare una parafrasi dell'inno per spiegare il significato di alcune parole!

Studiare l'inno d'Italia come canto corale

L'inno di Mameli è il canto collettivo per eccellenza nelle manifestazioni ufficiali a rappresentanza dell'Italia.

Anche all'interno di un coro, l'Inno di Mameli ha una funzione aggregante. Durante l'esibizione difficilmente i membri del coro leggono le parole del Canto degli Italiani e allora è molto probabile che imparino il testo a memoria.

Rispettare il ritmo, poi, è fondamentale in un'esibizione pubblica!

Inno di Mameli: comprendere il testo per capirne la storia

L'incipit "Fratelli d'Italia" viene usato a volte per denominare l'inno nazionale italiano. In realtà, nel testo originale di Mameli si diceva "Evviva l'Italia". Fu Novaro a modificare l'inizio della prima strofa per enfatizzare lo spirito d'unione e ad aggiungere un sonoro "Sì" alla fine, a manifestare l'entusiasmo di una generazione che si è battuta per vedere unito il popolo e il proprio paese.

La storia dell'Inno di Mameli è la storia di un giovane convinto che un giorno non molto lontano l'Italia sarebbe stata unita. Mameli aveva appena 20 anni quando scrisse l'inno e appena 22 quando morì sul Gianicolo, a Roma, durante la lotta della Repubblica Romana contro i francesi.

Conoscere l'età dell'autore e il contesto in cui ha scritto l'opera fa capire molto di più lo spirito giovanile e pieno di speranza di un canto che si è imposto per la sua apparente semplicità. I riferimenti a Scipione, alla dea Vittoria, ai Vespri siciliani e altri momenti di lotta contro il dominio straniero, dimostrano invece la grande consapevolezza del proprio passato e delle difficoltà riscontrate per essere indipendenti.

Cantare l'Inno di Mameli per divertirsi con gli amici

Visto il suo tratto giovanile, perché non prendere l'inno nazionale come un'occasione per divertirsi con gli amici? Per esempio potreste registrarvi mentre cantate l'inno, creando dei bei ricordi per quando sarete più in là con gli anni.

L'inno d'Italia è sempre più ritmato quando lo si canta spontaneamente con gli amici!

Sfida i tuo amici e vedi se sono pronti a intonare l'inno d'Italia nella sua interezza.
Tutti possono cantare almeno le prime due strofe dell'inno nazionale a memoria!

Imparare l'inno nazionale per lavorare sulla tecnica vocale

Cantare un inno nazionale richiede una certa tecnica vocale, a meno che non sia un componimento esclusivamente strumentale. L'Inno d'Italia si sa che le parole le ha ed è decisamente un canto corale, ma può essere eseguito anche da solista. Durante le lezioni di canto, il tuo insegnante potrà mostrarti come posizionare la voce, respirare correttamente e avere abbastanza aria da completare le frasi musicali.

In effetti, l'inno d'Italia è un canto che richiede del fiato, visto che è un canto di ricerca della rinascita e della libertà!

Imparare l'inno nazionale non potrà che farti bene dal punto di vista culturale, personale e canoro!

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

1a lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (2 voto(i))
Loading...

Catia

Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue