Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Un annuncio ripetizioni per un aiuto per tutta la durata della scuola!

Di Igor, pubblicato il 27/06/2019 Blog > Lezioni private > Prendere Lezioni Private > Le Lezioni Private: una Soluzione sul Lungo Periodo?

Lo constatiamo settimana dopo settimana: sempre più genitori scelgono di investire nelle lezioni private!

Il motivo è: assicurare l’avvenire dei figli! Alcuni genitori, tuttavia, esitano ancora a fare il passo e si chiedono ancora se le lezioni private possano veramente rappresentare il complemento ideale alla scuola pubblica.

Se ti riconosci nelle descrizione di questo genere di situazione, per via dei tuoi figli, della loro scuola o perché conosci qualcuno vicino a te che stia vivendo questa problematica, ti consigliamo questo modo di essere, oltre ad interferire con le relazioni coi compagni, poteva influire negativamente sull’apprendimento, tramite l’instaurazione di un rapporto non equilibrato con gli insegnanti.

Potrai, naturalmente, esprimere la tua opinione, inserendo dei commenti in seguito alla lettura.

Superprof.ti spiega perché si tratti di una soluzione valida sul lungo periodo e risponde alle tue domande sulle lezioni private.

Lezioniprivate: un approccio ideale per i bambini timidi

Mentre la scuola trasmette il sapere tramite comunicazione orale e partecipazione degli studenti, cosa succede a tutti quei ragazzi dal carattere riservato o estremamente timido?

La loro timidezza gioca un ruolo negativo nell’assimilazione delle conoscenze?

Gli studi sulla timidezza sono innumerevoli. All’inizio essi si sono spesso svolti in concomitanza con certe forme di condotta autistica. Proprio perché certi tratti comuni apparivano simili, nelle conseguenze e anche in qualche “causa”.

Può la riservatezza, può l’introversione, giocare un ruolo così significativo nella storia dell’apprendimento di ognuno di noi?

È probabile! Se è vero che questo non ha nessun effetto sulla comprensione diretta delle lezioni giornaliere, cosa succede invece in quelle materie in cui sia richiesta una interazione, una partecipazione dello studente (come nel caso delle lingue moderne)?

È questo il punto.

Una lingua straniera si impara tanto meglio quanto più la si parla, ossia, quanto più si riesce a prendere la parola! Ed ecco perché i timidi, così come coloro che hanno lievi ritardi nel linguaggio, possono avere dei problemi iniziali nell’affrontare lo studio di Francese, Inglese…etc.

Si crea, poi, spesso, attorno a questi studenti introversi, un alone di incomprensione: l’insegnante interpreta il loro tacere come un’assenza di competenza, di preparazione, di studio e di interesse. Automaticamente scatta il processo di sanzione negativa, tramite il voto, la frequenza di interpellazione, in un effetto che può essere poi a catena. Il discente, non più incoraggiato ad intervenire, tende a farlo sempre meno… e così non allena mai la lingua.

Nulla di esoterico e nessuna fatalità: tutto può essere preso in tempo, intervenendo opportunamente, con piccolissimi accorgimenti. Quello di prendere un mentore a pagamento è una delle possibili soluzioni.

La giornata e la vita scolastica dei giovani, oggi, sono fatte di tante frazioni: gradevoli alcune, ostiche altre. Non sempre ogni singolo studente riesce ad affrontare bene, da solo, tutto quanto. Alcuni possono avere problemi nello studio a casa, altri possono perdere la concentrazione in classe, altri risentire proprio di tensione psicologica, durezza della relazione docente –discente.

Pensiamo anche alle interrogazioni e alle esposizioni o ai dibattiti. Passare dalla teoria alla pratica è sempre un mezzo perfetto per far metabolizzare una lezione rapidamente. Potrebbe, quindi, essere interessante, per i genitori, demistificare la scuola grazie a delle lezioni private.

Pensiamo anche alle interrogazioni e alle esposizioni o ai dibattiti. Passare dalla teoria alla pratica è sempre un mezzo perfetto per far metabolizzare una lezione rapidamente. Potrebbe, quindi, essere interessante, per i genitori, demistificare la scuola grazie a delle lezioni private.

Molte volte è sufficiente scoprire di essere in grado di esprimersi fuori dalla classe, per riuscire poi ad imporsi anche durante le interrogazioni. Un insegnante – tutor può aiutare tuo figlio ad uscire dalla timidezza!

Lo sappiamo bene, anche per averlo vissuto in prima persona: una classe, anche di amici, può intimidire uno studente, a volte. La paura di venire presi in giro, il timore degli sguardi, di essere giudicati o anche solo di dire una sciocchezza, incitano a rinchiudersi e a non partecipare.

Il compromesso ottimale potrebbe, quindi, essere di trasporre questa relazione insegnante – studente a casa, con un professore privato.

Durante il faccia a faccia tra i due, la paura di venire giudicati scompare, a tutti vantaggio di un apprendimento, efficace al 100%, fatto di lavoro, di domande, di risposte e di partecipazione dello studente.

Innegabilmente, per questo tipo di bambino o di ragazzo e per la loro scolarità, le lezioni private rivestono un’importanza capitale. Permettono di realizzare a casa, nella cameretta, il lavoro che non è stato fatto a scuola, con i compagni di classe.

Come vedremo più tardi, sempre in questo articolo, la scuola primaria, le medie e poi il liceo sono tappe evidentemente essenziali nella vita scolastica di uno studente. Che si tratti dell’acquisizione di conoscenze o di semplice orientamento!

Investire nelle lezioni private a quest’età, soprattutto in caso di difficoltà, può essere salvifico! Soprattutto in considerazione dei prezzi delle lezioni private!

E tu consideri le lezioni private come un rimedio alle difficoltà del sistema educativo nazionale?

Frequentare i siti ripetizioni per trovare aiuto per gli esami

A volte, succede di raggiungere i propri limiti in materia di ripasso o di studio individuale …!

La comprensione di ognuno, evidentemente, può avere dei limiti. Peggio: uno studente può bloccarsi su una o più materie, che gli causeranno difficoltà al momento dei compiti in classe o degli esami.

Questo problema non deve essere preso alla leggera, che riguardi lo studente o i genitori. All’esame di terza media o all’esame di maturità o all’università, questi esami determineranno una gran parte della scolarità dello studente, così come la sua vita professionale futura.

Un piccolo problema di organizzazione personale o una mancanza di aiuto esterno non devono dunque diventare un problema preoccupante sul lungo periodo.

Noi di Superprof, da sempre, crediamo che le lezioni private possano risolvere numerosi problemi e questo soprattutto quando si tratti di esami importanti.

Prendiamo l’esempio dell’esame di maturità.

Perché aspettare l’ultimo momento e le ultime settimane dell’anno scolastico per mettersi a ripassare? Questo è il modo migliore per rendersi conto che una buona parte del programma ministeriale non è stata assimilata e che urge una soluzione tempestiva. Sarebbe dunque fondamentale, per chi ne abbia le possibilità (economiche), iniziare a pensare alla maturità, già durante il quarto anno di scuola superiore.

Oltre ad insegnarti i contenuti, il prof riuscirà a spiegarti e a inculcarti un metodo, che risulterà utile anche in futuro. Prendi in mano la tua penna e inizia a lavorare con il tuo prof di ripetizioni!

Questo rappresenta, è vero, un carico di lavoro supplementare notevole, ma consentirà allo studente di arrivare preparato all’esame di fine percorso scolastico. Il resto è facile: con dei buoni voti, rappresentativi del suo vero potenziale, lo studente potrà orientarsi come meglio preferisce, in base ai suoi gusti.

Per trovare coraggio in te stesso, poi, potresti anche prendere lezioni di una qualche disciplina sportiva: yoga, pilates fitness, … e molto altro sono altrettante discipline che potrebbero infonderti fiducia, necessaria ad affrontare anche le discipline più “teoriche”!

Domanda supplementare: pensi che sia necessario parlare delle lezioni private che frequenti con i tuoi insegnanti di scuola?

Cerca prof privati alle medie per assimilare un massimo di conoscenze

Il bambino può seguire delle lezioni private fin dalla più tenera età. A partire dalla scuola elementare, dunque. Questo affinché un insegnante (privato) lo possa aiutare nei compiti e soprattutto perché possa imparare perfettamente le discipline della lettura, della scrittura e del calcolo.

Così, se questa tappa è ovviamente determinante, anche il seguito, ovvero le scuole medie, lo è altrettanto.

È, questo, il tempo in cui si imparano tutti i concetti fondamentali! Dalla prima media, il bambino opera un grande salto nel vuoto, durante il quale passa dallo status di assistito a quello di persona con delle responsabilità!

Classe dopo classe, dalla prima media alla terza media, questo andrà ovviamente accentuandosi. Lo studente impara nuovi metodi e cercherà di diventare via via più autonomo.

In parallelo, il numero di ore delle lezioni si accelera anch’esso, anno dopo anno. Il carico di impegni aumenta sempre più. Per aiutare lo studente a superare o a evitare i blocchi o ad approcciare correttamente i compiti per casa, è spesso utile seguire delle lezioni private.

Ma è soprattutto nell’apprendimento delle materie principali delle scuole medie che il professore privato si rivelerà essere un vero investimento sul lungo periodo.

Per l’adolescente, la scuola media può essere un trampolino di lancio o una sconfitta. Questi tre anni, se si svolgono male, possono portare ad una serie di insuccessi negli anni successivi o, peggio, all’abbandono scolastico.

Al contrario, questi stessi tre anni possono spingere il ragazzo verso una direzione (umanistica) o l’altra (scientifica) o l’altra ancora (tecnica), … E poi, se il caso, verso gli studi universitari.

Così, mentre la scuola media rappresenta il momento di ogni apprendimento (matematica, Italiano, storia, geografia, Inglese, scienze, …), è allo stesso tempo essenziale affiancare alle lezioni della mattina un sostegno nelle ore del pomeriggio, per dare allo studente un aiuto che si rivelerà, poi, essere stato di fondamentale supporto nel proseguo della carriera scolastica.

E per ottenere risultati ancora più brillanti, perché non impegni il tempo tra una lezione e l’altra con del lavoro personale?

Cerco aiuto per tesi di laurea: preparati assieme ad un esperto

Se la scuola media rappresenta, dunque, il tempo di tutti gli apprendimenti (3 anni di insegnamento molto generale, ma anche molto intenso), i cinque anni delle scuole superiori (licei o istituti tecnici che siano) sono decisivi in più ambiti (formativi e professionali)! E la scelta della filiera delle scuole superiori si prepara da subito

Purtroppo, però, non tutti i genitori e non tutti gli studenti hanno coscienza dell’importanza di questo aspetto; e solo in corso dell’ultimo anno della scuola media, allo studente viene chiesto cosa voglia fare dopo la licenza media!

Per non trovarsi nell’imbarazzo, è primordiale, innanzitutto, iniziare già da subito a porsi la questione molto seriamente. E questo per evitare sorprese.

Sfortunatamente, 14 anni è un’età troppo prematura per decidere cosa fare: filiera scientifica, letteraria, tecnologica o professionalizzante?

È difficile, è vero, ma è comunque necessario riflettervi attentamente. Che tu lo creda o meno, ricorrere ad un professore privato a domicilio può rappresentare un ottimo aiuto da questo punto di vista. Ti aiuterà a lavorare sui tuoi punti di forza e a migliorare in quelli di debolezza, oltre che ad ottimizzare i mezzi (educativi, formativi) che ti interessano.

Per questo è importante completare degnamente gli anni di scuola, superando le difficoltà e le carenze. La riuscita a scuola si traduce anche in riuscita nel mondo del lavoro!

Non è certo irreversibile, ma una buona scelta di percorso, potrebbe avere delle buone conseguenze sul seguito dei tuoi studi e, quindi, sulla tua vita professionale. Difficile pensare a tutto questo quando si hanno 14 anni, ma, certo, devi comunque tentare di tenerlo bene a mente.

Ovviamente, più avanzi durante gli anni di scuola superiore, più le lezioni private saranno importanti, per te. Volendo parlare anche solo dell’aiuto per superare l’esame di maturità, questo si presenta come il momento essenziale per chiedere l’aiuto di un professore privato. Ancora una volta, il tuo insegnante, durante le ore che consacrerà a te al 100%, ti aiuterà a lavorare sulle materie in cui hai accumulato del ritardo, così come sui tuoi punti forti, per ottenere degli ottimi voti. Non devi dunque mai esitare a farti accompagnare da un insegnante privato, quando prepari l’esame di maturità. Si tratta di un investimento sul lungo periodo.

Tanto più che le lezioni private si digitalizzano. E chissà a cosa assomiglieranno le lezioni private di un prossimo futuro!?

Andiamo ora al discorso ancor più spinoso, del passaggio dalle superiori all’università.

Purtroppo, anche gli studenti più applicati ed impegnati, una volta giunti all’università, si trovano spesso spaesati nel dover redigere delle tesine. Non parliamo poi di tesi vere e proprie, come quelle per concludere un dottorato di ricerca.

Ebbene, in materie come la lingua francese, l’Inglese, ma anche l’Italiano stesso, è essenziale, certamente, saper scrivere correttamente. E ciò, a sua volta, si lega in vario modo al fatto di saper ben leggere i testi. Altrimenti, come potrebbero essere scoperte le opere letterarie in lingua originale? Come si potrebbe tentare di costruire una critica letteraria, una descrizione di una ricerca?

Molto dipende dall’emulazione delle figure genitoriali! Se un genitore passa del tempo a leggere, è facile che anche il figlio leggerà, e viceversa!

Si pensa, generalmente, che chi si laurea in discipline letterarie debba necessariamente avere la passione per la scrittura e saper scrivere correttamente. In parte, questo pensiero è fondato. Ma da un altro punto di vista, invece, la tesi rappresenta un vero e proprio inedito. Nessuno, praticamente, giunto all’università ha idea di come si debba scrivere uno scritto di livello “universitario”. La scuola superiore non insegna, in Italia, come sviluppare un’argomentazione, come articolare tesi, antitesi, sintesi, esempi, dati, analisi e descrizione delle osservazioni. Ed ecco che anche i più brillanti e studiosi giovani si ritrovano “impantanati” al momento di scrivere la loro prima pagina di tesi.

Alcuni reggono bene alle critiche dei docenti universitari e riescono a migliorare le formulazioni e le stesure in tempi ragionevoli. Altri, però, finiscono con l’essere davvero scoraggiati, perdere mesi e semestri, ritardando così la fine degli studi.

Piuttosto che finire in tal modo, allora, sarebbe opportuno chiedere un aiuto, prendere delle ripetizioni con un insegnante preparato nella stesura di tesi, tesine e articoli scientifici. Naturalmente, al momento di contattare e reperire un insegnante a tal fine, occorrerà fare molta attenzione. Meglio accertarsi che si tratti di una persona davvero adusa alla stesura di documenti scientifici e o letterari, in base alle esigenze. Le brutte sorprese possono essere davvero tante.

Specificate sempre cosa volete: non si tratta certamente di una correzione grammaticale o sintattica (sebbene suggerimenti anche in tal senso dovranno essere sempre i benvenuti); non si tratta affatto di richiedere una correzione ortografiche, una rilettura di bozze. Si tratta di entrare in contatto con un esperto nella pianificazione della tesi da stilare. Il piano iniziale, infatti, è l’opera più difficile di tutto il progetto di tesi. Lo è ancor più della fase documentaria, della fase di ricerca sul terreno, dello studio effettuato durante gli anni precedenti. Redigere un piano per la stesura delle tesi è un’operazione da fare assolutamente bene. Ne va della successiva scrittura, della capacità di avanzamento, della linearità delle argomentazioni e della presentazione di proposti in modo coerente.

Insomma, le ripetizioni che prederete per riuscire a redigere la testi dovranno costituire un punto di partenza, una fase propedeutica alla stesura e con un momento finale di correzione affidata a terzi. Ecco perché la ricerca dell’insegnante privato dovrà effettuarsi con strema cautela. Non potete affidare a chiunque il vostro lavoro che corona anni di studio universitario.

La piattaforma di Superprof consente di valutare gratuitamente i profili di diversi insegnanti che danno lezioni private. Solo in caso di effettivo contatto con un prescelto, si paga un piccolissima somma forfettaria. Il contatto non sarà vincolante e la prima lezione è generalmente gratuita. L’insegnante privato dovrà convincerti, nel corso di questo primo contatto. Convincerti di essere la persona adatta ad aiutarti.

Parlerete, in questo primo incontro, di come poter articolare il vostro lavoro insieme: delle lezioni iniziali, prima di iniziare a scrivere? Dei contatti settimanali in cui rileggere quanto scritto e prevedere delle trasformazioni strutturali delle perifrastiche? Gli esempi sono infiniti. Tutto dipende dalle abilità logiche di chi scrive, dalla qualità del lavoro già redatto, dall’esperienza già avuta dal discente in termini di scrittura.

Non possiamo fare un quadro esaustivo delle possibilità. Diciamo che ad ogni tesi, servirà il suo fido controllore. Soprattutto, prima di ogni tesi, sarà utilissimo un fido consigliere che aiuti a chiarirsi le idee: si dispone di tutte le informazioni necessarie? Si ha un’idea per presentarle chiaramente? Come si intende articolare la stesura? Come si effettuano le note a pie’ di pagina? Come si creano gli indici ed i sommari? Serve un indice analitico?

Non tutti i bambini hanno lo stesso approccio e lo stesso rapporto con i libri! Ma è possibile avvicinare i piccoli ai libri e allo studio grazie ad un approccio più ludico e meno rigido ai programmi scolastici.

Naturalmente, prima ancora di selezionare un insegnante, consigliamo sempre di dare un’occhiata in rete, per farsi una chiara idea su cosa richiedere al candidato mentore!

Inoltre, la lettura di testi classici circa la scrittura, come quello di Umberto Eco su “Come si fa una tesi di laurea” (Bompiani, 1977), è sempre un ottimo modo per entrare in medias res! Consultalo presso la tua biblioteca di riferimento o procuratene una copia da tenere sulla tua scrivania.

Il periodo della redazione della tesi di laurea può essere lungo, mediamente lungo in ogni caso, sarà sempre un’esperienza emozionante. Fanne un’occasione di arricchimento personale e non credere che ormai tutto il sapere sia in te! Commetteresti un errore di presunzione che inficerebbe la conclusione dei tuoi studi pur validi.

La tesi di medio percorso, la tesi finale, la tesi di dottorato sono occasioni in cui dovrai dare il meglio di te: coloro che dedicheranno tempo al tuo elaborato dovranno percepire da subito che non stanno perdendo tempo, leggendoti. Non puoi deluderli. Scrivi bene e chiaramente fin d’all’inizio e sarai premiato dal loto interesse. Chi lo sa, poi, da cosa nasce cosa…. Magari un eccellente piano elaborato prima della stesura insieme al tuo insegnante privato ti porterà a scrivere correttamente, ad appassionare il tuo lettore e a … ricevere delle proposte post-lauream.

Hai messo un annuncio come questo: cercasi ripetizioni Roma? Potresti rimediare alle difficoltà scolastiche!

Trova ripetizioni private per studiare musica!

Per concludere questa dimostrazione di quanto le lezioni private siano fondamentali sul lungo periodo, parliamo ora del tempo libero. Noi di Superprof lo sappiamo benissimo: le lezioni private non si limitano alle materie scolastiche. Parliamo, dunque, di una delle nostre materie preferite: la musica. Che si tratti di chitarra, piano, batteria, violoncello, basso, …

Molti genitori, durante i primi anni di vita dei loro figli, spingono questi ultimi verso lezioni di musica. Sfortunatamente, quando si è bambini o adolescenti, non si riesce a vedere la musica come il piacere o la ricchezza che questa rappresenta realmente. Ma, dopo tutto, scoprendo questa disciplina, quest’arte, è possibile che il piacere venga da solo.

Certo, perché le lezioni private ti possono permettere di progredire in qualsiasi campo tu abbia necessità. Non solo scuola, anche orchestra, con il tuo prof privato!q

Per altri, questa scoperta richiede un tempo maggiore. Può anche succedere molto più tardi, all’età adulta. A questo punto sì, che il corso di chitarra o di piano rappresenterà un vero e proprio piacere. Ma se delle basi solide non sono stata inculcate all’inizio (in tenera età, ma anche dopo), le difficoltà non mancheranno.

Ecco allora che si capirà la ricchezza della musica, la ricchezza della passione, tutta da sviluppare. L’apprendimento della musica dalla più giovane età è anche in questo caso un bonus da sfruttare sul lungo periodo. Perché le basi restano anche nel corso degli anni e la musica diventa allora un vero piacere, quando si sia realmente pronti ad ascoltarla e a praticarla.

Le lezioni private, spesso, sono un pegno da pagare per completare la propria scolarità!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar