Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Guida del principiante per imparare la lingua ispanica!

Di Igor, pubblicato il 22/09/2017 Blog > Lingue straniere > Spagnolo > Astuzie per Iniziare ad Apprendere lo Spagnolo!

La lingua di Cervantes non è certamente la più difficile, per noi Italiani, se vogliamo apprenderla da zero, fra le altre lingue straniere di rilievo (l’inglese, il francese, il tedesco).

Le similitudini fra lo spagnolo e l’italiano rendono la prima lingua preferibile ad ogni altra, specialmente per i più timorosi, pigri o per chi non si senta particolarmente portato per le lingue.

Quindi la sfida linguistica, se si tratta dello spagnolo, non è poi del tutto folle, spudorata. Nemmeno se si comincia da meno di zero.

Se adesso ti trovi su questa nostra pagina, vuol dire che con gran probabilità hai già intrapreso il tuo cammino verso lo spagnolo!

E di certo, leggendo quest’articolo saprai che strada prendere in seguito, che aggiustamenti compiere, sempre che ne servano.

Tanto più che, per fare le cose adeguatamente, Superprof ti propone la sua guida dello studente per imparare lo spagnolo partendo da 0.

Le varie Similitudini tra l’italiano e lo spagnolo

Lo spagnolo è probabilmente, con il francese, la lingua più vicina all’Italiano.

Tutte e tre sono lingue neo-latine. Ed è per questo che esse hanno molte similitudini in termini di suono, sillabe, pronuncia e, risaputamente, etimologia.

Quindi, fortunatamente, è piuttosto facile, per un italiano, dedicarsi all’apprendimento dello spagnolo.

Sono molte le similitudini nelle due lingue, ma attenizione a non imporovvisare troppo e fare brutte figure. Spagnolo e italiano: delle similitudini linguistiche!

Molto spesso noi italiani scherziamo sulla facilità presunta dello spagnolo. E ci lanciamo addirittura ad improvvisare la costruzione di parole necessarie a partire da quelle del nostro linguaggio (italiano o dialetto regionale). La cosa è decisamente divertente. Essa può anche dare un aiuto effettivo, in casi di necessità estrema (per esempio se siamo in Spagna e stiamo cercando una toilette). Ma può anche succedere, in tal modo, di dar luogo a vere e proprie scene ridicole alla Totò in terra straniera. E del resto, sono davvero numerose le barzellette che ritraggono gli Italiani all’estero, mentre cercano di improntare brevi conversazioni in francese o in spagnolo, con un bel po’ di superbia, faciloneria e coraggiosa – quando non oltraggiosa – creatività.

Comunque è pure vero che partire da zero in spagnolo, per un italiano, non è come partire da zero in inglese o tedesco!

Date le numerose somiglianze, il primo corso spagnolo ti colpirà proprio perché ti parrà di capire tutto piuttosto bene, perfino delle intere frasi!

E quindi, il tuo compito sarà di memorizzare queste similitudini ed i termini la cui traduzione è identica. Così facendo progredirai davvero in spagnolo!

Possiedi un tablet? Scopri come utilizzarlo al meglio!

Prendere lezioni di spagnolo

Partiamo dal caso in cui tu non abbia ancora mai studiato lo spagnolo a scuola.

E ti piacerebbe, invece, imparare questa lingua, a fini professionali o per gusto personale.

Sappi, intanto, che noi di Superprof amiamo sottolineare come la full immersion sia un’idea eccellente.

Tuttavia, tieni conto che si acquisisce benissimo, in tal modo, una parte della lingua: l’orale.

E lo spagnolo scritto?

Come si scrivono le parole che sentiamo?

Cosa ne è, inoltre, dello spagnolo “letterario”?

Per imparare una lingua del tutto, ogni dominio va tenuto in dovuta considerazione.

Il modo migliore per imparare lo spagnolo è quindi quello di seguire delle lezioni di spagnolo con un insegnante privato. Approfitta delle sue conoscenze metodologiche, oltre che contenutistiche, per fare dei progressi rapidi in spagnolo.

Con le basi linguistiche che egli vi fornirà – e che sono indispensabili all’assimilazione di una lingua – il tuo livello in spagnolo inizierà a montare rapidamente.

Sei un autodidatta? Ecco i nostri consigli!

Imparare la fonetica Spagnola

Cominciare ad imparare lo spagnolo significa, in effetti, rendersi conto delle molteplici somiglianze tra l’italiano e lo spagnolo, cosa che può risultare alquanto comoda.

Si tratta, però, sempre di compiere degli sforzi per assimilare una nuova fonetica. Se non si effettua questo genere di sforzo, si rischia di continuare, a tentoni, a pronunciare determinate parole, senza mai poter essere compresi.

Sappi, per esempio,  che « c » e « s » hanno suoni differenti. La « s » domanda che si metta la lingua accanto agli incisivi superiori. Inoltre, la « z » e la « j » hanno anch’esse pronuncia particolare. La « j », o « jota », va pronunciata di gola o “gutturalmente”.

Saper contare in spagnolo

Naturalmente, il tuo apprendimento dello spagnolo passerà anche attraverso l’assimilazione dei numeri.

Difficile poter parlare una lingua senza nemmeno conoscerne i numeri. Le cifre consentono di indicare, ottenere ed esprimere tante cose quando ci si trova in un Paese straniero.

Contare è un buon inizio per approcciare lo studio della lingua spagnola, Contare in spagnolo: semplice anche per un bambino!

E con in numeri si scopriranno innumerevoli altri aspetti della fonetica spagnola.

Così come i dittonghi, i trittonghi. Si tratta di sillabe a doppio o triplo suono, come nella pronuncia del numero « veinte » (20).

Conoscere i generi maschile e femminile

Lo spagnolo, l’italiano, il francese, il tedesco, hanno in comune una caratteristica rilevante.

S tratta della distinzione tra generi. Il maschile ed il femminile sono diversi. La cosa vale per i nomi, per gli aggettivi, per gli articoli. Di che impegnarsi, insomma! La struttura del discorso non è ultra semplificata come quella della lingua inglese.

E la logica soggiacente, di volta in volta, va scoperta ed assimilata, per quanto differente, a tratti, da quella della nostra lingua madre. Ecco l’arduo compito dello studente di spagnolo. In ogni lingua, del resto, il trucco è quello di destreggiarsi tra regolarità ed irregolarità.

Teniamo presente, poi, che di tanto in tanto una parola femminile in Italiano potrà essere maschile in spagnolo! E viceversa. Lo studio assiduo aiuterà. Ecco l’unica via.

Dislessia? Con le giuste tecniche, si può arginare!

Assimilare il vocabolario di base

Perché non costruirsi delle piccole schede che riassumano i termini da conoscere?

Ad esempio, una scheda sugli alimenti sarà utile andando in un ristorante spagnolo.

Ecco come imparare nuovi termini ogni giorno, memorizzandoli gli uni dopo gli altri.

Il metodo è piuttosto semplice. Uno dei migliori per cominciare.

Per imparare a parlare o a scrivere la lingua, sarà necessario conoscere i verbi di base. Per questo, una delle differenze di base da conoscere per te sarà quella tra il verbo « Ser » e il verbo « Estar ».

In seguito, potrai dedicarti a tutti i verbi d’azione: ir (andare), llamar (chiamare), poder (potere), ver (vedere), oir (sentire), comer (mangiare), comprar (comprare)… Sono tutti indispensabili per costruire le tue prime frasi!

In seguito costruirai poco per volta un vocabolario degli indispensabili: la vita quotidiana, i colori, le date, gli oggetti, la frutta e le verdure, le parti del corpo umano …

Puoi cominciare, allora, col fare una lista di ciò che utilizzi di più e tradurla poi in lingua spagnola. Questo lavoro completerà quello svolto a lezione di spagnolo.

Come si formula e pone un interrogativo?

Altro fondamento immancabile: saper formulare e porre una interrogazione. La grammatica spagnola è fatta in modo tale che costruire un interrogativo non risulta sempre identico alla maniera italiana.

Andranno apprese le diverse forme per costruire un’interrogativa.

E gli stessi termini della sfera interrogativa andranno, in primis, scoperti e appresi. Non sono tantissimi. Il compito non sarà arduo, quindi: que, cual, porque, cuando, como, quien, cuanto…

La coniugazione

Apparentemente, la coniugazione è il solo tema un po’ ostico, quando ci si mette a studiare spagnolo partendo da zero. A differenza dell’inglese, lo spagnolo presenta strutture sintattiche complesse, tipiche delle lingue neo-latine. Un po’ come il francese, insomma. Il che non è nulla di nuovo, in fin dei conti, per un Italiano.

I tempi verbali sono numerosi, le irregolarità lo sono altrettanto.

Ma chi oserebbe dire che in italiano non si compiono azioni incomprensibili nel coniugare e declinare, agli occhi di uno straniero?

Come in ogni lingua latina e neo-latina, in spagnolo esistono verbi irregolari (Comer [mangiare]: como, comes, come, comemos, comeis, comen); dei verbi a modificazione ortografica (Ser [essere]: soy, eres, es, somos, sois, son); dei verbi a dittongo (Jugar [giocare]: juego, juegas, juega, jugamos, jugais, juegan) e molte altre forme speciali da conoscere!

Pronomi ed aggettivi dimostrativi

Oltre a scoprire come maneggiare i verbi, a lezione di spagnolo, scoprirai i pronomi: personali, possessivi, dimostrativi….

I pronomi personali, in effetti, consentono di coniugare i verbi. Ma anche in spagnolo è possibile utilizzare un verbo coniugato, sopprimendo la persona. Proprio come in Italiano.

Si passerà poi ai pronomi possessivi, molto utilizzati, a differenza di lingue come l’Inglese, che se ne servono poco.

Per finire, il tutto sarà completo una volta affrontato il tema dei pronomi dimostrativi: esta, este, esa, ese, estos, estas… Anch’essi estremamente utili, specialmente quando si discute ed espone un argomento all’orale!

Praticare lo spagnolo all’orale

La tematica dell’orale è la più rilevante quando si tratta di una nuova lingua straniera.

I film in lingua originale possono esserti di grande aiuto in questo senso.

Un'ottima relazione per imparare lo spagnolo può essere quella dello studente e del suo prof a domicilio. Un insegnante privato e il suo studente!

Questa breve guida dello studente di spagnolo non potrebbe non tenerne conto.

Tutto quello che abbiamo esposto sopra appartiene all’ABC dell’apprendimento della lingua di Julio Iglesias. Si tratta di un insieme di elementi che costituiranno una base solida, una volta assimilati. Consentiranno, in seguito, di ampliare le conoscenze.

All’orale, i fondamenti dello spagnolo andranno subito a svolgere una funzione chiave.

Ed è importante metterli subito in pratica parlando, d’altro canto. Le abilità fonetiche inizieranno a svilupparsi, il che consentirà dei effettuare via via delle conversazioni più complesse.

L’apprendimento di una lingua straniera non può avvenire senza la pratica orale. Ecco perché ti incoraggiamo, fin d’ora, a parlare spagnolo!

Ti stai ancora chiedendo: perché imparare lo spagnolo? Scopri come farlo gratuitamente con le risorse disponibili su internet.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar