Alle spalle dobbiamo avere solo la chitarra e i ricordi

Luis Sepùlveda

Scegliere la chitarra in un negozio di musica o su un sito online di vendita di strumenti musicali può essere una scelta complessa. Ma come scegliere, allora, tra una chitarra classica e una acustica o, ancora, una elettrica?

Se stai per iniziare il tuo primo corso di chitarra, qui troverai i nostri consigli per effettuare l’acquisto migliore.

Come riconoscere una chitarra classica?

Come tutte le chitarre, anche quella classica ha sei corde.

Effettivamente, alcune chitarre si legano indissolubilmente ad una cultura o ad un’altra.
La chitarra per il flamenco: i cliché sulla Spagna!

Ciò che la differenzia da una chitarra elettrica, da una acustica da una manouche sono le corde in nylon.

Le tre corde più acute sono in nylon, mentre le tre corde più acute sono in nylon ricoperto da metallo. Oltre il corpo della chitarra, sul suo manico è possibile suonare su 12 tasti. Più spesso di quello delle chitarre acustiche o folk, il manico della classica offre un maggiore spazio tra una corda e l’altra: le dita della mano sinistrar (su di una chitarra per destrimani) o quelle della mano destra (su di una chitarra per mancini) saranno meno soffocate, meno strette, rispetto ad una acustica.

A volte si parla di chitarra spagnola, dato che le classiche consentono di suonare sì la musica classica, ma anche il flamenco.

La chitarra da flamenco assomiglia molto a quella classica, ma il suo manico è più sottile e nel complesso è più leggera.

Anche la sonorità è diversa, dato che quella andalusa, da flamenco o gitana che dir si voglia, ha un suono più vivo, più metallico, brillante, che si avvicina di più al suono dell’acustica.

Le corde sono regolate molto vicino al manico, il che consente di accrescere la velocità nello spostamento delle dita.

Molti chitarristi utilizzano la classica, come strumento per gli assoli, dato che ha una potenza moderata e consente soprattutto di suonare più stili musicali tradizionali: musiche antiche, barocche, romantiche, dell’America Latina, musiche brasiliane e cubane, flamenco, …

Il XIX secolo è stato il secolo d’oro delle chitarre classiche e spagnole.

Come scegliere la chitarra acustica?

Una chitarra acustica è in genere più imponente di una chitarra classica e su di essa tutte e sei le corde sono in metallo.

Strimpellare con una Fender sin dal primo giorno, forse non è la soluzione ideale per imparare.
Pensi che sia il migliore modello per iniziare?

Le corde acute sono in acciaio, mentre le tre gravi sono ricoperte di bronzo.

Il manico, diversamente da quello della chitarra classica, è dotato di 14 tasti, oltre alla cassa di risonanza; altri sette tasti sono posizionati sulla tavola di armonia.

Queste chitarra hanno un manico più sottile rispetto alle classiche, il che, una volta che si sia imparato a suonare, è piacevole.

Infatti, questo tipo di chitarra è più difficile da suonare quando si sia agli inizia: le corde metalliche da pizzicare causeranno un po’ più di dolore ai polpastrelli.

La chitarra acustica è una chitarra secca, declinata in più modelli:

  • La chitarra dreadnought,
  • La chitarra folk jumbo,
  • Le chitarre elettro acustiche,
  • Le chitarre jazz manouche.

Le prime della lista (le Dreadnought) sono imponenti, grandi e si caratterizzano per un volume sonoro importante. Sono le più vendute ai principianti e agli iscritti al primo corso di chitarra.

La folk Jumbo, quanto a lei, possiede un corpo dalla forma più arrotondata, con un suono ricco nei toni bassi e con più sonorità.

Quanto alle chitarre elettro acustiche, sono delle chitarre folk dotate di microfono e di elettronica, che possono essere collegate ad un amplificatore.

il suo impiego, dunque, è duplice: quello di suonare in acustica a casa e quello di esibirsi in concerti, con un amplificatore di suoni collegato.

Le corde della chitarra acustica in acciaio danno un suono molto chiare e sono scelte per suonare brani rock e pop.

Non ci sono solo le corde a distinguere un modello dall’altro: la tavola di armonia, la casa di risonanza e ogni parte dello strumento sono specifiche e variano in funzione dello stile suonato; proprio come non suoneresti con un acustica quello che dovresti fare con una flamenco, allo stesso modo, non trasformeresti una classica in una folk!

Come scegliere la chitarra: le differenze tra i diversi tipi!

Se non conosci le differenze sonore tra i due tipi di chitarra secca, probabilmente è perché non hai mai messo le tue mani sul manico di una chitarra.

Ma capirai in fretta.

Se poi continuerai a suonare, potrai passare ad una più di tuo gusto.
Tasti larghi, suono dolce e colorato: ideale per i principianti!

Il suono da uno strumento di musica all’altro è certamente diverso. Le differenze tra chitarra acustica e chitarra classica ti aiuteranno a capire quale dei due modelli si addica maggiormente ad un principiante.

Queste differenze riguardano il confort del manico, le corde, la sonorità attesa, lo stile del suono e l’estetica dello strumento. Un musicista confermato potrà scegliere anche in funzione del legno utilizzato dal liutaio per assemblare la chitarra: manico e/o tavola in abete rosso, ebano, palissandro, …

Il manico

Una chitarra classica ha 19 tasti, di cui sette sulla tavola di armonia. il suo manico è più corto di quello della chitarra acustica. La larghezza dei tasti facilita lo spostamento delle dita, ma, allo stesso tempo, per un principiante dalle dita corte, è più complesso suonare, rispetto ad un musicista dello stesso livello, ma con mani più grandi.

Al contrario, il manico di una chitarra acustica possiede 21 tasti, la cui larghezza si riduce mano a mano che ci si avvicina al ponte.

Il manico della chitarra elettro acustica, invece, è più simile a quello di una elettrica pura. Ha a disposizione più note della chitarra classica o flamenco.

Le note sono quindi più facilmente accessibili per chi sia agli inizi di un corso di chitarra per principianti.

Ti raccomandiamo di scegliere una chitarra con la cassa tagliata, genere Grand Auditorium, in quanto consente di accedere alle note più acute del manico, senza troppe difficoltà, e di avere più giocabilità nell’andare a cercare i tasti da 15 a 1, senza fare una ginnastica con il polso e la mano.

Le corde

Le corde della chitarra classica sono in nylon, più morbide e più gradevoli al tatto rispetto a quelle in metallo, sono plebiscitate dai professori di chitarra per i principianti. Questi consigliano, in effetti, la chitarra classica, per iniziare, perché il nylon offre belle sfumature di suono, oltre che la possibilità di suonare in crescendo e decrescendo, con più vibrazioni.

Le corde per chitarra acustica sono in metallo. Fanno male alle dita, almeno per chi inizi lo studio della chitarra; in realtà, però, il callo al dito si fa in fretta e quindi il problema si risolve da solo.

La chitarra acustica, jazz o elettro acustica si suona spesso con il plettro ed è lo strumento faro dei chitarristi rock, pop, manouche o e blues.

Con quale chitarra iniziare a suonare?

Allora, come scegliere una chitarra che corrisponda allo stile di musica che si vuole suonare?

Certo è che prima dovrai imparare a suonare e solitamente si inizia dalla classica, anche se questa non è una regola.
Classica, acustica o elettrica: dipende dai tuoi gusti!

Sono diversi i criteri da prendere in considerazione:

  • Il confort della pratica dello strumento
  • Il rapporto qualità prezzo
  • Lo stile di musica che vuoi suonare (classica-flamenco, rock-pop, blues, jazz, etc.)
  • Il livello di pratica
  • La tecnica con cui suonerai (ritmica con il plettro, arpeggio con le dita, picking, …)
  • La sonorità dello strumento,
  • La necessità di avere un amplificatore o no

Scegli un modello di chitarra entry level, se sei un principiante assoluto. Non ti servirà a nulla avere una Ibanez o una Gibson da professionista per imparare a suonare Jimi Hendrix o i Pink Floyd.

Da un punto di vista della sonorità, i due tipi di chitarra ti consentiranno di suonare qualsiasi cosa. Devi solo tenere a mente che la chitarra classica possiede un suono dolce e cristallino, più adatto a suonare con le dita, a fare assoli e arpeggi; la utilizzi per fare flamenco, classica, tango, bossa nova o canzoni di varietà. La chitarra acustica invece ha un suono più d’effetto, che percuote maggiormente rispetto alla classica. La dovrai privilegiare per cantare in accompagnamento o per suonare gli accordi barré e gli stili di musica americani (rock, blues, country, pop) e francesi (jazz manouche, con corde specifiche, però).

All’inizio, la presa in mano della chitarra folk potrà sembrare più facile rispetto alla classica. per sapere quale sia la chitarra adatta a te, abbiamo solo un altro consiglio da darti: vai in negozio e provane diversi modelli.

Dovrai essere a tuo agio con il manico e con la taglia della cassa. Devi anche prendere in conto il peso dello strumento, che appoggerai sulle tue gambe: potrebbe avere un impatto di un certo tipo per i più giovani.

Allora, hai scelto il tipo di chitarra?

Non ti resta che comparare i tipi di legno impiegati dal liutaio, la larghezza dei manici, lo stile di musica che farai e il formato della chitarra (4/4, 7/8, 1/2...)!

Bisogno di un insegnante di Chitarra?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Charlotte

Lettrice plurilingue, appassionata di entomologia e robotica.