Se vuoi imparare a suonare la chitarra, ma non conosci il solfeggio, se la lettura delle note su di uno spartito è una cosa completamente nuova per te, esiste, per tua fortuna, un’alternativa interessante: le intavolature.

Non importa la tua nazionalità, non importa il tuo livello di utilizzo della chitarra, le intavolature si leggono e si decifrano alla stessa maniera in tutto il mondo.

Prima, però, devi conoscere le basi della lettura!

Come leggere le intavolature per chitarra? Esistono dei segni universali, affinché tutti possano leggere alla stessa maniera? Esistono dei tutorial per chitarra che insegnino a leggere le intavolature? Mai pensato di seguire una lezione di chitarra?

Superprof ha fatto il punto per te su questo altro metodo per suonare la chitarra. Ecco il tuo primo corso di chitarra semplificato!

Tablatura o intavolatura: chi è costei?

Partiamo dalla definizione e, in particolare, dall'origine del termine. Il quale come molti altri, ma non tutti, utilizzati nella musica, deriva dall'inglese; tablature, però, deriva a sua volta dal latino (altra lingua dalla quale una gran parte dei termini sono estrapolati) e il tabulatura della Roma antica deriva da tabula, che semplicemente significa tavola. Non a caso, un sinonimo che noi italiani utilizziamo al posto di tablatura è intavolatura!

Chi pensi che le prime tablature le abbia messe online il signor Google si sbaglia di grosso, dato che primi esempi di questi spartiti semplificati risalgono addirittura a cinque secoli fa. All'epoca, venivano scritti e letti da chi suonava il liuto, il clavicembalo e l'organo.

Non solo liuto, però, ma anche clavicembalo e organo.
Sapevi che le prime tablature evenivano usate oltre cinquecento anni fa per suonare il liuto?

E come funziona la tablatura? In maniera estremamente semplice: essa mostra al chitarrista come suonare le note sullo strumento, indicando esattamente la corda da pizzicare e il tasto da premere.

Attenzione a non commettere un grossolano errore di valutazione: non confondere pentagramma e tablature. I due non sono alternativi, bensì complementari! Infatti:

  • il pentagramma serve a scrivere e leggere la musica in maniera analitica e perfettamente dettagliata, senza bnessun riferimento allo strumento su cui deve essere suonata;
  • la tablatura serve invece a scrivere come la stessa musica debba essere suonata, ma con un determinato strumento (nel nostro caso la chitarra)!

Quando suonerai la chitarra o il basso, avrai bisogno della tablatura e del pentagramma, altrimenti il tuo spartito non sarà completo!

Infatti, anche se tu sapessi leggere alla perfezione una tablatura, ma non sapessi interpretare il pentagramma, ti mancherebbero:

  • il metro di riferimento del brano musicale (2/4, 3/4, 4/4, 6/8, ecc.)
  • il tempo a cui va suonato il brano (120 bpm? 60 bpm?)
  • la durata delle singole note all’interno delle battute, cioè il ritmo.

Come si legge una Tablatura per Chitarra?

Detto questo, sappi che leggere una intavolatura è semplicissimo. Considera che su di essa troverai sei righe orizzontali, ognuna delle quali rappresenta una corda della tua chitarra: la prima riga in basso rappresenta la sesta corda (Mi basso), quella in alto rappresenta la prima (Mi cantino).

I numeri scritti sulle righe indicano il tasto su cui suonare quella specifica corda: se c’è scritto 0 (zero), vuol dire che la corda va suonata a vuoto.

Quando guarderai uno spartito per chitarra, troverai il pentagramma in alto e l'intavolatura in basso; inoltre, i numeri sulla tablatura saranno scritti in corrispondenza delle note del pentagramma. Così, avrai una visione completa di come suonare, dato che, come detto, dal pentagramma puoi interpretare durata, ritmo e tempo del brano.

A lezione per capire l'intavolatura chitarra

Come detto poco sopra, non è più obbligatorio saper decifrare le note musicali, perché i chitarristi, oggi, possono leggere la musica sulle intavolature, dette anche tablature.

Si tratta di un sistema che presenta qualche inconveniente, ma che ha il vantaggio di essere facilmente e rapidamente imparabile e di essere condivisibile in tutti gli stili di musica, anche da altri musicisti.

Se conosci già tutti i tutorial per iniziare a suonare la chitarra (come i corsi di chitarra per debuttanti), saprai già che saper leggere le tablature è una condizione sine qua non  per ogni chitarrista degno di questo nome: si tratta della lingua per eccellenza per ogni chitarrista.

I simboli della chitarra sulle tablature

L’intavolatura altro non è che una lettura musicale semplificata e mirata ad uno strumento in particolare: esistono, infatti, delle intavolature per chitarra, altre per pianoforte, altre per il basso e altre ancora per la batteria.

Ma su quale corda si deve suonare?

Su di una tablatura, ogni corda è rappresentata da una linea.

Le intavolature ti semplificano il compito di suonare diversi brani, ma devi imparare a conoscerle.
Ecco i principali accordi da conoscere per suonare la chitarra!

La corda in basso sullo spartito è la corda più grave della tua chitarra (ovvero la corda corrispondente al Mi basso).

La corda più alta, di conseguenza, è la corda più acuta (rappresenta, quindi, il Mi alto)

Leggi la tablatura e suona la chitarra

La lettura di una intavolatura si effettua da sinistra a destra; ogni cifra corrisponde ad un tasto ben preciso sul quale dovrai appoggiare le tue dita.

Le intavolature per chitarra danno unicamente delle informazioni sul posizionamento delle dita sul manico.

Le corde senza nessuna indicazione, al contrario, sono corde che non vanno suonate in quel preciso momento.

Quando, invece, trovi la cifra 1, per esempio, questo corrisponde al tasto del manico sul quale appoggiare il dito partendo dal capotasto.

La cifra 1 rappresenta il tasto più vicino al capotasto, quindi la nota più bassa sulla corda stessa.

Ecco una piccola astuzia per aiutarti a memorizzare posizioni, simboli e interpretazioni: il primo tasto che comporta due punti corrisponde al tasto numero 12 a partire dal capotasto.

Quando le cifre si allineano in una misura, devi suonarle assieme, perché rappresentano degli accordi di chitarra.

Leggere una intavolatura non è un’operazione difficile in sé, perché si fa da sinistra a destra, come per qualsiasi altra lettura musicale; quando arrivi alla fine di una linea, è sufficiente passare alla linea successiva e continuare a suonare le note nello stesso senso.

Corso specifico sui simboli delle tablature per chitarra

Una tablatura, tuttavia, contiene alcune piccole singolarità alle quali devi porre attenzione, come imparerai durante il corso di chitarra.

  • La maggior parte delle tablature non indica la ritmica da applicare. La tablatura è segmentata in misure, ma è piuttosto raro conoscere la ritmica dei brani da suonare con la chitarra. Il consiglio è quello di assimilare il meglio possibile il brano che vuoi suonare, di ascoltare come sia strutturato, di contare il numero dei tempi di ogni misura (nel 90% dei brani rock, pop e folk, si tratta di misure in quattro tempo, dette anche “a 4/4”.
Con l’aiuto delle intavolature potrai suonare anche i brani più difficili e quelli apparentemente inarrivabili.
Trova le griglie di accordo per ottimizzare le tue interpretazioni!
  • Le intavolature più elaborate riportano anche il ritmo: lo ritrovi sotto forma di annotazioni, vicino ad ogni nota, con un indice che mostra la durata di ogni nota.
  • I simboli ritmici per intavolature per chitarra, sono rappresentati così: un “w” per una nota completa, “h” per una mezza nota, “e” per un ottavo di nota e s” per una nota di un sedicesimo.
  • Se vi sono dei punti riportati dopo una lettera (come nel caso di “w.), questo significa che dovrai prolungare le durata per la metà del suo valore.

Come leggere le tablature e mettere in pratica gli stili di chitarra?

Sulle intavolature, ti renderai conto che esistono numerosi piccoli simboli, che sono altrettante indicazioni per sapere come suonare le note o come legarle tra loro.

È, quindi, importante riuscire ad individuare questi simboli, impararli a memoria e riconoscerli per poter riprodurre un suono all’originale, o almeno il suono che tu ti sei immaginato per il tuo brano e per gli arpeggi di chitarra.

Ecco i simboli più rappresentai. Ne avrai bisogno, durante il tuo primo corso di chitarra.

Intavolature per chitarra e hammer-on

Per suonare un hammer-on, devi colpire una corda in modo verticale tra due tasti e farla vibrare.

La nota suonata dal semplice martellamento è di conseguenza una nota più acuta di quella che hai appena colpito.

Rappresentato, solitamente, dalla lettera “h”, sarà inserito tra il primo tasto da suonare e il tasto sul quale devi effettuare la tecnica dell’hammer on (per esempio: “4 h 9”, indica di suonare prima il quarto tasto e poi il nono).

Ti potrà capitare di trovare il segno “^”, al posto della lettera “h”, proprio come in 4^9.

Tablatura chitarrae pull-off

La tecnica del pull-off è l’inverso dell’hammer on.

Consiste, quindi, nel ritirare rapidamente un dito posizionato su di un tasto, per ottenere una nota più bassa.

Le tecniche di chitarra elettrica sono l’ideale per far impazzire i fan sotto il palco.
Moltiplica gli effetti speciali alla chitarra con pull off e hammer on!

Il segno “p” (a volte “po”) è quello utilizzato per indicare il pull off; è posizionato tra il primo tasto da suonare e il tasto sul quale dovrai realizzare il pull-off.

Troverai, quindi, l’indicazione “8 p 6” oppure la scrittura “8^6”.

Sai curare lo stile con cui suoni la tua chitarra?

Il Bend sulle intavolature

La tecnica del Bend consiste nel torcere una corda, dopo aver suonato una nota per cambiare nota, pur restando sullo stesso tasto.

In genere, il segno utilizzato è una freccia ricurva, con un’indicazione come “½” o “¼” o ancora, “full”, per indicare di quanto fare variare la tonalità della nota.

Se la freccia si ripiega su se stessa o se è indicato “R” (per Bend Release), questo significa che devi ritornare sulla tua nota di partenza, dopo aver effettuato il Bend.

Un’altra indicazione è possibile con il segno “b”, che è posizionato tra il primo tasto da suonare e il successivo, il cui suono deve essere ottenuto grazie al Bend (per esempio, potresti, trovare 10b12).

La lettera “r” per Release può allora essere aggiunta in questa configurazione, per indicare che la corda deve essere lasciata, come indicato qui di seguito: 8b10r8.

Come leggere una tablatura e mettere in pratica lo Slide!

Per la tecnica dello slide, devi scivolare da un tasto all’altro, in modo da ottenere un suono più acuto (si parla, allora, di slide up) o uno più grave (slide down), tenendo la corda premuta.

Lo slide ascendente è indicato dal simbolo “/”, mentre lo slide discendente è rappresentato dal simbolo “\”, proprio come in 6/8\6.

Lo slide può essere anche legato, ovvero uno slide tradizionale, in cui non suoni la prima nota con il plettro. La nota sembrerà naturale, senza nessun effetto.

Si tratta di un’altra tecnica che ti permetterà di suonare i pezzi che hanno fatto la storia del rock.
Divertiti, suonando con la tecnica dello slide!

Alcuni chitarristi ritengono che non si debba suonare con il plettro sulla nota in questione, ma che sia invece fondamentale non lasciare dei vuoti tra le due note.

L’altra particolarità dello slide è lo shift slide, ovvero il fatto di suonare una nota sulla stessa corda, anziché su di un’altra, per evitare che le due corde risuonino nello stesso tempo.

Se adotterai questa strategia, eviterai di cambiare le corde della chitarra troppo spesso.

Sull’intavolatura troverai il simbolo “S”.

Tutti i chitarristi hanno iniziato con il  leggere le intavolature, anche un grande come Joe Satriani!

Quali sono i simboli chitarra meno utilizzati?

Altri simboli meno utilizzati, ma altrettanto importanti, appaiono a volte sulle intavolature: è importante che tu sappia riconoscerli, in modo da sviluppare una tua tecnica con la chitarra, ottenere il suono più corretto ed evitare di perdere tempo.

  • Il segno “~” significa che devi suonare un vibrato: questa tecnica consiste nel far variare il tono di una nota (è utilizzato molto spesso con le chitarre elettriche, dotate di un vibrato manuale o che possono essere collegate ad un pedale specifico.
  • La “S” o la “T” indicano lo Slap o il Thumb, che consistono nel colpire la corda con il pollice. Si utilizza spesso questa tecnica con il basso, ma anche con la chitarra elettrica e con l’elettro acustica.
  • “PM” significa Palm Mute: questa tecnica consiste nell’addolcire il suono, appoggiando molto leggermente il palmo della mano (destra per i destrorsi) o con il polso, sulle corde accanto al ponte della chitarra.
  • La “X” sta per mute e significa che la nota e il suono corrispondente devono essere soffocati dalla mano sinistra.
  • Il simbolo “n” invita ad usare la tecnica del tremolo, mentre la “n” situata tra i due slash, di cui il secondo rovesciato, indica il numero di note da suonare: \6/ significa, quindi, che devi diminuire l’ampiezza della nota di 6 mezzi toni; “\n” invita a suonare la nota e a fare un tremolo verso il basso, per ridurne l’ampiezza, mentre “n/” richiede un tremolo verso l’altro, per accrescerne l’ampiezza.
  • Infine, la lettera “t” minuscola indica che devi effettuare un Tapping con la tua mano destra. Si tratta di una tecnica molto efficace per cambiare rapidamente ampiezza delle note.
  • Su una intavolatura puoi trovare anche “2h6t12p6p2”: sono le indicazioni che si riferiscono agli accordi.

Per imparare a leggere le intavolature, la cosa più importante è quella di saper tenere alta la propria motivazione a suonare la chitarra!

Bisogno di un insegnante di Chitarra?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 2 vote(s)
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura