Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Imparare il pianoforte con un insegnante significa anche…

Di Francesca, pubblicato il 09/03/2018 Blog > Musica > Piano > 6 Lezioni di Vita che Imparerai dal tuo Insegnante di Pianoforte!

Decidere di imparare a suonare il pianoforte e diventare pianista significa anche essere consapevoli del fatto che stiamo affrontando diversi secoli di storia della musica.

Creato a metà del 18° secolo, evoluzione del clavicordo e del salterio, lo strumento ha visto avvicendarsi personaggi come Bach, Debussy, Beethoven, Mozart, Vivaldi, Stevie Wonder, Ray Charles e molti altri…

Per provare a suonare il pianoforte, bisogna quindi trovare l’insegnante giusto. Un professionista che ti insegnerà anche i rudimenti dello strumento a corde, ma a volte anche ad andare oltre…

Perché imparare a suonarlo non è così semplice.

Dovrai affrontare problemi, difficoltà, le esigenze di questo pianista esperto che ti sorveglia, ma anche blocchi e melodie complesse.

Inoltre, le tue lezioni di pianoforte, in molti modi, diventeranno anche lezioni di vita da applicare nella tua vita quotidiana.

Perseverare, mostrare pazienza, correggere gli errori…

E se il tuo insegnante di pianoforte fosse anche un maestro di vita?

Lezione di vita n° 1: imparare nel tempo

Se ci pensi, questa lezione di vita che imparerai dal tuo insegnante può essere applicata a quasi tutti i campi.

Quando inizi qualcosa, come le lezioni di pianoforte, è sempre una buona idea iniziare lentamente. Non partire con l’acceleratore!

Il tuo insegnante te lo ripeterà spesso durante le prime note di musica (nero, bianco, ottave, sedicesime, silenzio…) del tuo piano di apprendimento. E avrà ragione.

Può essere difficile partire con Johann Sebastian Bach! Non partire subito con Johann Sebastian Bach!

Come futuro pianista, se tieni ai tuoi cari e al loro udito, non tentare in alcun modo di imparare a suonare il pianoforte a partire dalla 3a sinfonia di Bach! Bisogna partire dal basso: ad esempio, imparando la teoria musicale! All’inizio, un pianista non sempre ascolta i consigli del proprio insegnante.

Se si pensa alla chitarra, vale lo stesso discorso: non si inizia con i pezzi di Jimi Hendrix.

Iniziamo imparando prima il solfeggio. Inizia lentamente con la mano destra, con melodie semplici e talvolta anche conosciute. Quindi aggiungiamo la mano sinistra e altre difficoltà.

L’apprendimento del pianoforte deve svolgersi gradualmente. In un tempo progressivo! Piano, piano…Poco a poco, potresti essere in grado di suonare le più grandi opere dei 10 più grandi pianisti del mondo.

Lezione di vita n° 2: non commettere gli stessi errori due volte

Non vorresti che il tuo insegnante di musica si sentisse frustrato, vero? Nemmeno tu, del resto…

Ancora una volta: questo vale per le lezioni di pianoforte, ma non solo.

Commettere errori è una cosa naturale nella vita o quando desideri imparare a suonare il pianoforte. Numerosi adagio e altri proverbi hanno esaltato, sin dall’alba dei tempi, le virtù del fallimento:

  • “Ciò che non uccide, fortifica”, sosteneva Nietzsche.
  • “Il successo passa da un fallimento all’altro senza perdere l’entusiasmo”, affermava Winston Chruchill.
  • “Ho perso 9000 tiri nella mia carriera. Ho perso quasi 300 partite. 26 volte, mi è stato affidato il tiro della vittoria e ho sbagliato. Ho fallito molte volte nella mia vita. Ed è per questo che ci riesco”, ha spiegato brillantemente Michael Jordan mentre giocava ancora nella NBA.

Queste citazioni sul potere degli errori, passaggi essenziali per il successo, se ne possono facilmente trovare a decine. Ma, soprattutto, sono lì per farti capire che commettere errori quando stai imparando il pianoforte è normale.

Sbagliare instancabilmente, perdere le transizioni, una nota, sbagliare ritmo…Ciò che non è normale, d’altra parte, o almeno intelligente da parte tua, è trascurare questi errori. Questo rallenterà il lavoro del tuo insegnante di pianoforte, così come il tuo apprendimento come pianista.

Imparare a suonare il pianoforte continuando instancabilmente a commettere errori sarà una perdita di tempo per tutti. Sta a te trovare la chiave di sol e andare oltre le difficoltà!

Lezione di vita n° 3: esercitarsi da soli oltre l’orario di lezione

Dovrai imparare a esercitarti anche oltre l'orario di lezione! Il tuo insegnante di musica ti richiederà di imparare a lavorare da solo al di fuori della lezione!

Si può imparare a suonare il pianoforte anche al di fuori delle lezioni con il proprio insegnante. D’altra parte, trascorri in sua compagnia non più di 2 ore a 3 ore alla settimana per imparare la teoria musicale. Forse qualche ora in più se sei particolarmente motivato.

Ma tu che hai fretta di suonare Per Elisa a mamma e papà, non puoi purtroppo contare soltanto sulle lezioni per principianti. Il tuo insegnante di solfeggio te lo dirà sicuramente: per diventare un buon pianista, devi esercitarti anche da solo.

L’ideale è ovviamente quello di suonare il pianoforte ogni giorno per imparare rapidamente la teoria musicale. 30 minuti. Un’ora se il pianoforte ti attrae davvero, se senti il ​​pianista in te bruciare di impazienza.

Ogni lezione impartita dal tuo insegnante si accompagnerà inevitabilmente a nuove cose da imparare. Un passaggio complicato con la mano destra. Poi con la mano sinistra. Un nuovo accordo. Un improvviso cambiamento di ritmo…Non potrai aspettare che per magia il tuo insegnante risolva ogni volta queste difficoltà per te, durante le poche decine di minuti delle tue lezioni di pianoforte.

Ti dirà inoltre: per suonare bene il pianoforte, la maggior parte del lavoro deve essere svolto al di fuori delle lezioni. L’insegnante è qui per fornirti le chiavi della sua conoscenza musicale. Spetta a te quindi imparare come gestirle per apprendere la musica!

Una lezione di vita che ovviamente si applica a molti altri ambiti. Come gli studi, per esempio. Un professore universitario sarà sempre lì per insegnarti le basi della sua materia. Ma senza un regolare ripasso da parte tua, sarà molto difficile superare gli esami.

Infine, l’apprendimento del pianoforte con entrambe le mani sulla tastiera migliorerà la coordinazione e le tecniche delle dita.

I metodi per progredire rapidamente e capire come suonare il pianoforte sono numerosi.

Lezione della vita n° 4: avere pazienza

Il metronomo può esserti di grande aiuto! Il metronomo può darti una grossa mano!

Tu che hai iniziato a prendere lezioni di musica, a imparare a suonare il pianoforte e la teoria musicale, ora dovresti avere familiarità con questo oggetto chiamato “metronomo“, non è vero?

In termini concreti, non occorre avere una laurea in ingegneria per capire che serve a battere la misura a intervalli regolari. Ti propone il tempo da seguire.

Ma, in senso figurato, ti sei mai chiesto cosa avrebbe potuto dire? Il pianista in divenire, attento ai consigli del proprio insegnante di musica, riesce a vedere oltre? Oltre l’immediatezza di questo ritmo che batte senza sosta per te?

E se questo metronomo perfettamente regolare avesse un significato specifico? Non pensi che il tuo insegnante, secondo la sua grande saggezza, volesse insegnarti ad avere pazienza? Un esercizio regolare, la calma e il lavoro ripetuto a intervalli regolari? Non prenderlo per un semplice esecutore. Non pensi che sia una specie di poeta della musica, che ti inculca quest’ultima con messaggi subliminali?

Imparare a suonare il pianoforte, la musica o il lavoro in generale, sono una questione di pazienza. Gli impulsivi non saranno purtroppo sempre i migliori allievi. La regolarità del metronomo dovrebbe ispirarti a esercitarti in maniera regolare al pianoforte e a compiere progressi costanti.

Lezione di vita n° 5: perseverare dopo i propri errori

Hai appena iniziando a imparare a suonare il pianoforte. Ma, mentre stai imparando soltanto la teoria musicale, hai già grandi ambizioni su questo strumento mitico.

Facciamo un piccolo salto nel futuro. E immaginati in un piccolo anfiteatro nella tua città. Il tuo nome viene finalmente chiamato sul palco per fare una rappresentazione. Sugli spalti, numerosi accompagnatori di pianisti come te, i tuoi genitori e il tuo insegnante.

Questa è la prima volta che lo fai. Ovviamente, lo stress è dietro l’angolo. Tu che devi interpretare una melodia di pianoforte dopo soli 6 mesi di apprendimento.

Quindi ti siedi davanti al tuo pianoforte, fai un respiro profondo e corri. Le prime note sono traballanti ed esitanti. “Nonostante la tua conoscenza del pezzo”. Con grande stupore, tuo e del tuo insegnante di musica, commetti anche qualche errore insolito.

La concentrazione è tutto! Respira e concentrati sulla melodia!

Ti senti destabilizzato e deluso da te stesso. Quindi hai un solo desiderio: andartene!

Ma significherebbe arrendersi di fronte a uno sbaglio. Un piccolo fallimento, a proposito, dal momento che sono solo alcune note, sbagliate a causa dello stress. Niente di drammatico, quindi. Perché imparare il pianoforte significa anche questo: perseverare dopo i propri errori. Ma, soprattutto, non arrendersi.

Il pianoforte è uno strumento a corde nobili e può anche essere di grande complessità. Non lo si addomestica così! Ci vogliono molto lavoro e alcuni insuccessi per riuscire, a poco a poco, a scalare le tappe. Quindi forse, a parte il tuo insegnante di pianoforte, nessuno nell’anfiteatro ha notato i tuoi errori!

Tuttavia, se ti fermi nel bel mezzo…tutti lo noteranno. Il sentimento di vergogna, in questi momenti di piccole difficoltà, non è il tuo miglior alleato. La perseveranza, tuttavia…

Qual è lo scopo di una lezione di pianoforte?

Lezione di vita n° 6 del tuo insegnante di piano: guarda avanti!

Puoi star certo di questo: uno dei primi concetti che il tuo insegnante di pianoforte ti trasmetterà, sarà quello di guardare avanti.

Sul momento, ti chiederai sicuramente se parla della vita in generale o del pianoforte. Parla proprio di quest’ultimo. Ma cosa significa esattamente?

Imparare a suonare il pianoforte significa anche imparare a leggere una partitura. Il pianista deve assimilare una nuova lingua da decifrare durante le prime lezioni. Ma, rapidamente, grazie alle solide lezioni di solfeggio, il pianoforte non avrà più segreti per te. Sarai quindi in grado di mettere in pratica i consigli del tuo insegnante: guardare avanti!

C'è molta strada da fare prima di arrivare a quel punto! Dovrai fare spettacoli di quartiere prima di arrivarci!

Questo significa semplicemente essere attenti al passo successivo in modo da non trovarti impotente di fronte ai cambiamenti nella melodia. Un rallentamento, un’accelerazione, una nota da prendere…

Nello sport, si dice spesso che un giocatore di calcio o di basket con la testa alzata sia il segnale di un grande giocatore. Nel lavoro, un visionario sarà sempre davanti a un semplice esecutore, preoccupato solo del momento presente.

È anche grazie a questa qualità essenziale che alcuni imprenditori diventano geni e grandi di questo mondo. Quando gli altri si accontentano di ammirarli da lontano.

Il caso Mark Zuckerberg contro i gemelli Winklevoss è l’esempio perfetto. Il tuo insegnante di pianoforte dovrebbe essere ben informato e raccontarti questo tipo di aneddoti. Questo ti permette di immaginare e proiettarti, per imparare a suonare lo strumento molto più velocemente.

Scopri quanto costa una lezione di pianoforte!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar