Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Immersione culturale e linguistica nel Paese del Sol levante!

Di Nicolò, pubblicato il 28/12/2018 Blog > Lingue straniere > Giapponese > La Cultura È Il Miglior Corso Di Giapponese

I Giapponesi sono celebri per le loro relazioni uniche con la bellezza, la natura, la filosofia zen, ma anche la tecnologia e i manga. 

In Giappone, tutto è un buon pretesto per intraprendere nuove sfide, tanto tecniche quanto estetiche, soprattutto se si tratta di celebrare la lingua di Mishima. 

Quando si parla del Giappone, si pensa inevitabilmente a:

  • La bellezza dei paesaggi, 
  • I manga, 
  • Il sushi, 
  • La tecnologia…

In Italia, ma anche negli altri paesi occidentali, la cultura giapponese è onnipresente. 

Chi non ha mai mangiato sushi? 

Chi non ha mai letto un manga?

Chi non ha mai sognato di parlare la splendida lingua giapponese? 

Scopriamo in questo articolo tutto il successo culturale della lingua giapponese…

Scoprite la storia della lingua giapponese e il suo ruolo al di fuori del Giappone!

La gastronomia giapponese e il successo del sushi

Sushi, maki, wasabi... tante sono le parole che potete imparare grazie alla cucina . La cucina è un buon metodo per imparare la lingua: oltre ad apprendere, farete piacere alle vostre papille gustative!

Secondo l’Associazione Italiana Ristoratori Giapponesi, in Italia i ristoranti di sushi sono tantissimi. 

Se ne contano infatti più di 400 nella sola Milano.

Come saprete di certo, il sushi è il piatto principale della cucina giapponese, e negli ultimi dieci anni ha conosciuto un successo incomparabile anche in Europa. Grazie a questo prodotto che ci arriva dal Sol levante, la cultura giapponese ha conosciuto un boom di celebrità, per la gioia delle nostre papille gustative! 

Il sushi è principalmente composto da riso e pesce crudo, che può essere accompagnato da un’alga chiamata “nori“. 

Tuttavia, si possono distinguere diversi tipi di sushi. 

In effetti, esiste il sushi nigiri, che è la forma più conosciuta di sushi. 

Somiglia a una palla di riso cosparsa di aceto, sulla quale si posiziona una fetta di pesce crudo che può essere: 

  • Gambero, 
  • tonno, 
  • salmone, 
  • orata. 

Si può anche aggiungere un tocco finale, l’alga nori, che si arrotola intorno al pesce e al sushi come per decorarli con un fiocco. Alcuni aggiungono anche il wasabi tra il pesce e il riso. 

Un’altra ricetta giapponese: i sushi chiamati maki, che consistono nell’avvolgere l’alga nori intorno a una quantità di riso inserendo al centro un mix di verdure e pesce crudo. 

Esistono anche i california rolls, chiamati anche semplicemente california. Questi però non sono nati in Giappone, bensì negli Stati Uniti. 

Sono composti da riso all’esterno e rinchiudono un cuore di alga, verdure e pesce crudo all’interno. 

Un buon mezzo per farsi venire l’aquolina in bocca… Ma anche per imparare parole in giapponese! Poiché è anche questo la gastronomia giapponese. 

L’Italia e il Giappone hanno un punto comune: la loro gastronomia è riconosciuta come patrimonio culturale immateriale dell’umanità. 

Yoshihiro Murata, chef molto celebre in Giappone, ha detto: 

« Il mondo intero si interessa alla nostra cucina, è quindi molto importante preservare la nostra cultura »

Conoscete le basi della scrittura e l’arte della calligrafia giapponese?

L’Haiku o l’arte del poema conciso 

Studiare gli haiku vi permetterà di imparare tante nuove parole Gli Haiku, poesie giapponesi per eccellenza, sono un buon mezzo per imparare la lingua.

Che cos’è l’haiku? 

L’haiku è una forma poetica della lingua giapponese. E un altro mezzo per gli abitanti del Paese del Sol levante di esportare la cultura e la lingua giapponese nel mondo. 

Ecco qualche regola per imparare a scrivere un haiku: 

  1. Si scrive in 3 righe: corta – lunga – corta (di solito 5-7-5 sillabe), 
  2. Comporta una parola legata alla sfera della realtà, e, spesso, alla natura, 
  3. Comporta un taglio che fa scivolare il testo da un’immagine a un’altra, 
  4. Essendo molto breve, l’haiku permette di descrivere cose molto piccole, momenti quasi invisibili. 

Ecco un esempio di haiku: 

« Vecchio stagno (parola reale)

Una rana spicca un salto (taglio)

il rumore dell’acqua (3 righe, corta-lunga-corta) »

Imparare a padroneggiare gli haiku permette di imparare a scrivere, a leggere e a capire la lingua giapponese, ma anche i valori celebrati da questa civiltà. 

Poiché l’apprendimento degli haiku richiede  attenzione, semplicità, humor e modestia. 

Come la lingua giapponese, l’haiku è poesia, emozione e pazienza.

Scoprite inoltre le regole grammaticali e di sintassi della lingua giapponese…

La calligrafia giapponese: l’arte di scrivere 

In Giappone, l’apprendimento della lingua è particolare e molto importante per gli abitanti. È anche un modo di esportare la lingua giapponese, che è messa in valore grazie al successo della calligrafia nipponica. 

Imparare giapponese significa: 

  • Imparare l’autocontrollo, 
  • Rispettare il sistema grafico giapponese, la forma dei caratteri, il peso delle parole, la fonetica, 
  • scoprire nozioni della filosofia zen, 
  • Elevarsi a livello spirituale. 

L’apprendimento del giapponese permette di abbordare a tutti questi punti, per, evidentemente, poter partire a fare un soggiorno linguistico in Giappone e continuare a perfezionare il proprio giapponese. 

La calligrafia nipponica è talmente importante per i giapponesi, che porta persino un nome: shodo, che significa “arte della scrittura”. 

Si tratta dell’arte di formare i caratteri di scrittura (kanji o kana) con un pennello calligrafico e dell’inchiostro nero. 

La scrittura deve esser morbida, precisa e armonica.

Il calligrafo traccia la sua opera in un solo tratto, e non può apportare il minimo ritocco. 

Ai giorni nostri, la calligrafia resta molto in voga in Giappone, e questo anche per i bambini in tenera età.

Ma anche tra gli allievi che fanno corsi di giapponese, poiché la calligrafia è una tappa indispensabile dello studio della lingua. 

Trova un corso giapponese in qualche clic con Superprof.it!

L’arte del manga ai quattro angoli del globo

Grazie ai manga tanti giovani si sono avvicinati alla cultura giapponese. I manga in versione originale permettono di imparare il giapponese divertendosi.

Chi non ha mai letto manga? 

Chi non ha mai sognato di scriverne? 

Questi fumetti in bianco e nero che fanno ormai parte integrante del patrimonio culturale e linguistico del giappone hanno un grande successo tra i giovani occidentali! 

I manga si presentano come libri e si leggono da destra a sinistra. Nei manga, una storia si svolge principalmente in più volumi (in media una decina di tomi). 

E in Giappone, tutti leggono i manga! I giovani tentano persino di scriverne. Ci sono addirittura corsi specifici per coloro che vogliono imparare a disegnare e scrivere questa forma particolare di letteratura giapponese. 

Fanno parte integrante della cultura giapponese e piacciono ai bambini, agli adolescenti, agli adulti e agli anziani…

I temi affrontati sono molto vari (polizieschi, storie d’amore, fantastico, sport, cucina,…).

I manga sono arrivati in italia negli anni ’80 grazie alla loro versione televisiva, gli “anime”. Negli anni ’90 i cartoni animati giapponesi hanno invaso i canali tv. 

I manga in versione originale permettono:

  • Di scoprire la cultura giapponese, 
  • Di tentare di capire la lingua e di provare a scrivere in giapponese, 
  • Di trovare la voglia di partire in Giappone, anche per viverci, 
  • Di allenarsi a pronunciare parole giapponesi, 
  • Di imparare a capire i caratteri e la scrittura. 

Se letti in lingua originale, i manga sono eccellenti corsi giapponese. Se all’inizio farete fatica, con un po’ di pratica imparerete in fretta!

Marc Bernabé, uno scrittore, ha addirittura pubblicato una serie di manga specialmente ideati per le lezioni di giapponese. All’interno ci sono decine di esercizi che permettono ai lettori di immergersi nella grammatica, la scrittura e il vocabolario giapponese. 

Con i manga in versione originale, potete anche imparare la lingua giapponese. 

Come fare? 

Prima di tutto, meglio scegliere un manga non troppo complesso, senza vocabolario specializzato, e procurarsi un volume, con l’equivalente in italiano.

La versione italiana permetterà al lettore di capire il senso generale. 

Oggi, l’Europa e il mondo intero sono diventati ghiotti di questo celebre passatempo giapponese. 

La “mangamania” conosce il suo apice in questi ultimi anni.

Eccovi una prova: il Giappone rimane il secondo esportatore di beni culturali al mondo, dopo gli Stati-Uniti, principalmente grazie ai manga, ma anche agli adattamenti cinematografici e televisivi. 

I manga e i disegni animati contano un numero impressionante di appassionati, in particolare in Asia ma anche in Europa. Tra i fumetti venduti in Italia, più di un terzo sono manga. 

Queste cifre esprimono chiaramente il fascino che il Giappone e la lingua giapponese esercitano in occidente.

I videogiochi: imparare il giapponese divertendosi 

Imparate il giapponese grazie ai videogiochi! I videogiochi giapponesi possono diventare un ottimo connubio di passatempo e attività didattica.

Con circa 100 giochi in 30 anni, Mario è evidentemente il gioco che ha fatto avvicinare maggiormente i giocatori alla lingua giapponese. 

Pur conservando l’aspetto ludico, questi videogiochi hanno spinto i giovani italiani a familiarizzarsi con le parole giapponesi, come ad esempio:

  • kana, 
  • hiragana, 
  • katakana, 
  • kanji, 
  • romanji. 

Il mercato giapponese dei giochi nel 2014 ha fatto ricette da ben 6,38 miliardi di euro. Secondo la stima dell’analista americana App Annie, il mercato dei giochi in Giappone ha conosciuto circa il 50% di crescita annuale nel 2015. 

I videogiochi sono praticamente nati in Giappone, approfittando dei fallimenti americani degli anni ’80. 

In Giappone, l’industria videoludica ha beneficiato dell’appoggio del MITI, il potente ministero dell’industria giapponese, che ha azionato la leva del protezionismo esonerando però le industrie di alta tecnologia. Questo modello ha generato ad esempio il tandem Mitsubishi/Nintendo. 

Il gigante giapponese Nintendo e la console NES hanno travolto il mondo videoludico e permesso a migliaia di bambini di: 

  • Scoprire la cultura giapponese, con i suoi simboli, i suoi valori e il suo decoro, 
  • Divertirsi con dei personaggi dai costumi tradizionali giapponesi, 
  • Ripetere senza sosta alcune espressioni giapponesi dei loro personaggi preferiti. `

Trovate un maestro giapponese su Superprof, prendete lezioni giapponese e scoprite tutto quello che c’è da sapere sulla lingua di Mishima!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar