Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Perché si considera morto l’idioma degli Antichi Romani?

Di Francesca, pubblicato il 26/03/2018 Blog > Sostegno Scolastico > Latino > Perché il Latino è una Lingua Morta?

Nella scienza politica, il linguaggio è spesso utilizzato come indicatore culturale dell’identità e cemento di una nazione: è per questo motivo che l’italiano, ad esempio, è la lingua della nazione italiana.

Parlare la stessa lingua – una lingua volgare – è un fattore determinante dell’integrazione sociale all’interno di una comunità ed è uno degli elementi costitutivi di una cultura comune.

All’epoca dell’antica Roma e poi sotto l’Impero Romano (dall’VIII secolo a.C. al V secolo d.C.), il latino era la lingua obbligatoria per comunicare e commercializzare in tutti i territori sotto il dominio romano.

Tuttavia, sebbene sia stato utilizzato in tutto il Mediterraneo per oltre mille anni – dall’Antichità romana al Medioevo – il latino è stato gradualmente sostituito in ogni Paese da un dialetto, ognuno dei quali forma oggi tutte le lingue indoeuropee: inglese, spagnolo, italiano, francese, rumeno.

Ormai, nessuno è più in grado di decifrare un testo latino e di capire il vocabolario latino senza passare attraverso un processo di apprendimento della lingua.

Di fronte a tutto ciò, sorgono diverse domande:

  • Perché la lingua latina è considerata una lingua morta?
  • Non c’è davvero più nessuno che sappia parlare il latino?
  • Perché si insegna ancora il latino al liceo e perché esistono ancora molti latinisti capaci di comprendere i testi letterari dei grandi scrittori romani – da Cicerone a Ovidio, fino a Seneca, se questa lingua, priva di parlanti, è considerata morta?

In questo articolo, Superprof affronterà le cause che hanno fatto cadere in disuso il latino.

Come definire una lingua morta?

In linguistica, una lingua è considerata morta o estinta quando non ci sono più persone che la utilizzano come mezzo di comunicazione nella vita di tutti i giorni.

Quindi una lingua sarebbe morta quando l’ultimo parlante è morto.

Il latino è ancora molto vivo nelle chiese! Se il latino è morto, perché lo si trova ancora impresso sui gradini delle chiese?

In effetti, chi nel 21° secolo utilizza ancora il latino come lingua madre? La risposta è semplice: assolutamente nessuno.

Viene quindi considerata “morta” qualsiasi lingua che non è più parlata, che non ha più nessun utente al mondo.

Questo è il caso dell’egiziano antico, del fenicio – la prima lingua semitica, che diede origine all’arabo -, dell’accadico, delle lingue celtiche, tra molte altre lingue antiche.

Eppure alcuni ricercatori – linguisti, archeologi, storici – riescono a parlare fluentemente questo idioma. Esiste infatti una vera filologia della lingua latina e del greco antico.

Da un lato, alle superiori si studia ancora il latino. Conoscere le parole latine e la grammatica latina (latino lezioni) può essere un prerequisito o una risorsa per alcuni corsi universitari (lettere classiche, lettere moderne, medicina, chimica, botanica, ecc.).

D’altro canto, il latino sarebbe sopravvissuto, secondo alcuni, perché serviva da supporto grammaticale a diverse lingue figlie: le lingue romanze.

Così, italiano, francese, spagnolo, portoghese, rumeno – e in minor misura l’inglese – sono lingue di origine latina parlate oggi da circa 2-2,5 miliardi di persone sulla Terra.

Inoltre, il latino è rimasto il linguaggio liturgico ufficiale della Chiesa Cattolica Romana. Ancora oggi, infatti, il Vaticano ha il latino come lingua ufficiale.

In questo senso, non vogliamo davvero considerare il latino come una lingua morta e scomparsa, ma piuttosto come una lingua dimenticata.

Inoltre, non si scrivono i secoli, i nomi dei re e dei papi in numeri romani, e quindi in latino (XX e XXI secolo, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Luigi XIV, Luigi XVI, Carlo X , Napoleone III, la Quinta Repubblica, ecc.)?

Il declino della lingua latina in più fasi

La lingua latina emerse nell’Italia centrale, nel Lazio, e fu probabilmente influenzata dagli Etruschi.

In italiano, la lingua latina è più viva che mai! La lingua latina è considerata morta, eppure utilizziamo ancora certe parole latine in italiano!

Nel VI secolo a.C., il latino era già utilizzato e conobbe diversi sviluppi nel corso dei secoli prima di diventare la lingua ufficiale della civiltà romana.

Questa prima forma di latino, chiamata latino arcaico, mutò in latino classico intorno al III secolo a.C., periodo che corrisponde all’espansione territoriale dell’antica Roma.

Il latino resistette alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente (476 d.C.) perché era un linguaggio di comunicazione, una lingua scientifica, liturgica e artistica, che impregnò la storia della letteratura per lungo tempo, fino al Rinascimento nel XVI e XVII secolo.

Tuttavia, l’Impero Romano d’Oriente passò sotto l’influenza culturale greca (e ortodossa) fino alla sua caduta nel 1453 e, con la conquista dell’Impero ottomano, di fronte alla lenta e progressiva unificazione delle lingue romanze, il latino scomparì a poco a poco dalle lingue madri o lingue ufficiali.

Gli storici hanno individuato tre tappe nel processo di avvicinamento del latino verso la sua morte lenta:

  • La lingua cessa di essere volgare: il momento in cui il latino, volgare o classico, non veniva più utilizzato nella vita di tutti i giorni. Storicamente, questo corrisponderebbe al periodo tra il VII e il X secolo: con l’Impero Romano caduto, altre influenze incoraggiavano la lenta formazione di altri dialetti e le lingue romanze soppiantarono il latino.
  • Il latino cessa di essere una lingua vivente: nel XVI secolo, il Rinascimento valorizza l’umanità, l’arte, la razionalità, l’individualismo e la logica, ma il latino cessa di essere una lingua vivente perché non viene più utilizzata da nessuno in alcuna attività.
  • Il latino cessa di essere compreso da tutti: ecco il momento in cui il latino cessa di essere operativo, come identità culturale e come linguaggio di riferimento.

Le cause dell’abbandono del latino

Il motivo principale per cui il latino è una lingua morta è storico.

Un esempio dell'eredità lasciata dagli Antichi Romani in Europa, in Francia! Ecco un esempio dell’eredità lasciata dagli Antichi Romani in Europa!

Durante l’epoca romana, imparare il latino – lingua latina – era un mezzo di scambio che permetteva anche di riuscire a farsi spazio nei territori passati sotto il dominio dell’Impero Romano.

“Gli studenti di latino erano in contatto con i madrelingua di questa lingua: antichi legionari stabiliti nelle province, funzionari di Roma o mercanti romani che circolavano nell’Impero. (U. Reutner, Dal latino alle lingue romanze.)

Una strategia di assimilazione forzata venne quindi adottata per tutti i popoli conquistati.

Diffondere il latino era anche per il potere romano uno strumento di resistenza contro l’influenza dei Galli e delle lingue germaniche del nord.

Essendo Roma il sistema politico più potente, quello con le più grandi ramificazioni, il latino fungeva da lingua universale nel mondo occidentale, quando ogni altra lingua e cultura veniva considerata una prerogativa dei popoli barbari.

Nel Medioevo, però, i regni e le province non avevano più bisogno di un linguaggio uniforme come il latino: fu limitato a poco a poco alla Chiesa Cattolica, parlato solo nell’ambiente ecclesiastico.

Un’altra spiegazione: le evoluzioni culturali delle società occidentali.

A causa dell’emancipazione di ogni dialetto come lingua comune, il latino gradualmente svanì e diede origine alle lingue romanze che conosciamo oggi:

  • l’italiano, che deriva direttamente dal latino.
  • Il francese – all’epoca ancora diviso tra lingua d’oïl e lingua d’oc -, il fiammingo e il romancio.
  • Il castigliano (lo spagnolo) e il portoghese – influenzate dalla lingua araba e dalla cultura gotica dei Goti e dei Visigoti.

Ecco il testo latino utilizzato come riempitivo nelle grafiche! Chi comprende oggi questo famoso testo latino che generiamo in attesa di scrivere il contenuto di un sito web?

Possiamo anche vedere l’estinzione del latino come il risultato di cause politiche.

Infatti, il Medioevo (fino al Rinascimento) è il momento in cui si consolidano i confini dei regni e degli imperi di ogni Paese occidentale.

L’abbandono della lingua latina diventa in questo angolo di analisi un modo per emanciparsi da un modello culturale decaduto (l’Impero Romano d’Occidente), per unificare il suo regno e assicurare la sua egemonia sulle altre potenze.

Soltanto la Chiesa cattolica è rimasta fedele al latino parlato: si è dovuto attendere fino al XX secolo, al Concilio Ecumenico Vaticano II, inaugurato l’11 ottobre 1962 da Papa Giovanni XXIII e conclusosi l’8 dicembre 1965, per la celebrazione della prima Messa in una lingua diversa dal latino (l’italiano).

Da allora, i preti hanno avuto il diritto di abbandonare il latino e di celebrare la messa nella loro lingua madre.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar