Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Come si diventa personal trainer?

Di Catia, pubblicato il 17/01/2018 Blog > Sport > Personal Trainer > Dare Corsi Sportivi

Non si può diventare personal trainer dall’oggi al domani solo perché si è guardato un reality alla TV!

L’idea può sempre venire da lì, ma la preparazione per questa professione deve essere acquisita in maniera metodica. E’ professione che va pensata e organizzata.

Assicurazione, stipendio, tipo di clientela…I punti da trattare prima di cominciare sono molti e cruciali!

Scopri subito come diventare un insegnante di sport a domicilio!

Come si diventa personal trainer?

Sui social network come Instagram, Snapchat o Facebook, senza dimenticare YouTube, ovviamente, il fitness la fa da padrone.

Il culto del corpo probabilmente non è mai stato così condiviso, come succede sul web. I social network sono sempre lì a ricordarcelo. Da qui nascono le “star del fitness” e altri Youtubers del benessere provenienti dall’Italia e dal mondo intero.

Alcuni, come il francese Tibo In Shape, hanno raggiunto oltre 4 milioni di iscritti alla loro vocazione: rafforzamento muscolare, perdita di peso o un’alimentazione equilibrata…il tutto con una vena umoristica.

Un personal trainer può anche essere divertente e avere milioni di iscritti sul suo canale youtube. Il personal trainer francese Tibo In Shape conta milioni di utenti su YouTube!

E’ in questo contesto di ultrademocratizzazione del fitness che vuoi diventare personal trainer! Sei ancora più convinto dopo aver letto articoli sul business delle star del fitness su Instagram.

Alcuni non si accontentano più di rimanere dietro al proprio smartphone, ma organizzano dei veri corsi davanti a centinaia di fan. Estelle Archer, per esempio, è un’insegnante di fitness americana che dopo aver raggiunto 115.000 abbonati, ha aperto la propria palestra su richiesta dei fan. E questo è solo un esempio.

Prima di arrivare a questo punto però, bisogna definire le proprie priorità:

  • Tenere dei corsi di sport a domicilio?
  • In azienda?
  • In palestra?
  • Avere una o più specializzazioni?
  • Proporre i tuoi servizi su un sito web o un sito per insegnanti privati?

Si tratta anche di presentarsi in maniera professionale ai propri clienti. Potresti prendere un titolo di studi formale come quello di educatore o animatore sportivo. Potresti laurearti in Scienze motorie e sportive e poi seguire dei corsi di specializzazione in fitness, per esempio.

Personal trainer: come trovare degli studenti?

Prima di lanciarti a capofitto, è meglio pensare alle questioni pratiche.

Come si svolgeranno le tue sessioni di allenamento?

Che profilo avranno i tuoi clienti?

Quali tariffe richiedere?

Come organizzare un corso di sport a persone che vogliono trovare un personal trainer?

Ma la domanda principale è: come trovare allievi per il personal training.

Come si crea una clientela che ti porti un compenso regolare mese dopo mese? E se cominciasse tutto con un annuncio? Puoi farlo tramite un centro per l’impiego o internet, la carta stampata o la bacheca universitaria. Usa qualunque strumento di comunicazione per presentare le tue tariffe e le tue specializzazioni: perdita di peso, acquisizione di massa muscolare con bicipiti, tricipiti, pettorali dorsali, cardio training, sport e alimentazione, stretching, yoga, corsa, addominali e pancia piatta…

Perché non tentare anche di trovare dei clienti tramite la scuola o l’università che hai frequentato? Non bisogna mai sottovalutare la potenza e l’uso delle reti scolastiche e professionali.

Oggi i tuoi maggiori alleati  marketing e le tue leve commerciali sono le piattaforme per gli insegnanti privati tipo Superprof, un sito web personale, i social network e un canale YouTube!

Le 5 qualità richieste per diventare personal trainer

Sei sicuro di avere quello che ti serve per seguire il tuo percorso?

Un buon personal trainer è anche un coach capace di ascoltare le esigenze anche emotive dei propri allievi. L’ascolto è una componente fondamentale nel personal training!

Diventare personal trainer significa prendere sotto la tua responsabilità delle persone che vogliono dimagrire, guadagnare resistenza, rimettersi in forma, mantenersi in forma o seguire una preparazione fisica con un professionista.

Quali sono le qualità di un personal trainer? Quali competenze deve avere un personal trainer?

Innanzitutto, ogni personal trainer ha delle attitudini diverse. Un istruttore di sport in palestra non userà la stessa metodologia di un personal trainer a domicilio o di un insegnante di educazione fisica!

Tuttavia, quando di parla di vero personal training a domicilio ci sono 5 qualità che non possono mancare:

  • Avere una buona formazione professionale o universitaria per poter mettere in pratica un programma di allenamento su misura e soprattutto, per evitare che i clienti si facciano male;
  • Saper scegliere un luogo di lavoro: coaching in azienda, a domicilio, all’aria aperta (in spiaggia, al parco, in un campo per l’atletica, in piscina…), in palestra, ma anche lezioni individuali o collettive;
  • Saper ascoltare, perché nel personal training c’è anche una dimensione di coaching. E’ quell’aspetto psicologico, pedagogico, che è fondamentale per infondere motivazione e fiducia in se stessi;
  • Sapersi allenare perché un insegnante di sport deve presentarsi ai propri clienti in perfetta forma fisica. Potremmo dire che la muscolatura e la silhouette di un personal trainer sono il suo biglietto da visita, una vetrina che tutti i potenziali clienti possono vedere!
  • Pensare al futuro: purtroppo non si possono tenere corsi sportivi per tutta la vita, soprattutto perché non ci si può allenare per ore all’infinito. Con l’avanzare dell’età bisognerà riconvertirsi. Potresti diventare direttore o responsabile id un centro sportivo, allenare altri personal trainer, creare una tu associazione sportiva ecc. Sta a te pianificare la tua carriera!

Quale assicurazione scegliere per il personal training?

Nel mondo appassionante del personal training ci sono anche delle questioni amministrative da considerare.

Come puoi proteggere la tua attività? Quale assicurazione per il personal training?

Un professionista dell’attività fisica, del benessere, dei programmi di allenamento per rimettersi in forma, degli esercizi per addominali e gambe e del sollevamento pesi corre dei rischi durante l’esercizio della sua attività e quindi devi avere un’assicurazione!

Impegnandosi con gli atleti o i clienti, l’insegnante si assume la responsabilità contrattuale della perdita di peso o del cambiamento fisico richiesto. Insieme a questo, assume anche una funzione di coaching comportamentale. Quindi, se il cliente si fa male o non riesce a raggiungere gli obiettivi fissati, può richiedere un risarcimento.

Durante gli esercizi per il rafforzamento muscolare il coach sportivo a domicilio fa ricorso a tutte le sue competenze, il suo patrimonio di conoscenze, la sua proprietà intellettuale. Un’assicurazione diventa fondamentale!

Per assicurarsi un insegnante di sport può sottoscrivere un’assicurazione responsabilità civile o un’assicurazione professionale. Nel primo caso è coperto da qualunque evento porti danni a terzi, mentre nel secondo caso è tutelato durante le sessioni di allenamento.

Aggiungendo, un’assicurazione sanitaria privata e un assicurazione tutela giudiziaria sarai coperto in caso sia tu a farti male durante gli allenamenti e nel caso dovessi aver bisogno di un avvocato.

Qual è il percorso di formazione per diventare personal trainer?

Cerchiamo di capire meglio la questione formazione per personal trainer.

Anche il personal trainer deve passare per i banchi di scuola! Per diventare un buon personal trainer devi avere una buona formazione!

C’è da precisare, che anche se la figura del personal trainer è sempre più diffusa, non ci sono delle normative specifiche in materia. E questo è ancor più vero per il personal trainer a domicilio o il personal trainer online.

E’ possibile trovare dei personal trainer senza laurea. Perché non potresti farlo tu, allora? Aspettati però delle tariffe più contenute, o una clientela meno soddisfatta se tenti la sorte senza una precisa formazione.

E’ meglio essere preparati! Per esempio, potresti diventare personal trainer seguendo dei corsi riconosciuti dal CONI, Comitato Olimpico Nazionale Italiano e dalle federazioni sportive, come la FIF, Federazione Italiana di Fitness. Alcuni corsi sono aperti a chi ha una laurea in Scienze motorie e sportive, altri accolgono gli iscritti alle federazioni anche senza laurea.

Il percorso cambia a seconda che tu voglia diventare educatore sportivo, un istruttore di fitness, o un preparatore atletico con conoscenze sempre più approfondite sul corpo umano, la teoria e la pratica delle attività sportive.

Quanto guadagna un personal trainer?

C’è un’altra domanda fatidica da affrontare: quanto prende un istruttore di fitness?

Quanto si guadagna con il personal training a domicilio?

Per rispondere a questa domanda possiamo cominciare con la media di un’ora di corso di sport su Superprof: 23€ l’ora. Dei circa 120 insegnanti presenti sulla piattaforma, alcuni richiedono tariffe ben più alte, mentre altri sono al di sotto di questa cifra, a seconda della propria esperienza e formazione.

Inoltre, i parametri variano anche in base alla regione di residenza, la motivazione e i casi di successo di alcuni insegnanti.

Più alta è la formazione, più esperienza hai nel personal training e più casi di successo presenti più i tuoi allievi sono disposti a pagarti. Un personal trainer esperto ha un compenso più alto!

Sul web ci sono testimonianze di personal trainer che cominciano con uno stipendio mensile di 1000€ per finire con cifre invidiabili da 4.500€ fino a 6.000€ al mese.

Un personal trainer a inizio carriera può sempre massimizzare il proprio compenso:

  • offrendo dei titoli di studio professionali come una laurea in Scienze motorie e affini e corsi di specializzazione riconosciuti nel personal training, nel fitness, nel body-building ecc;
  • lavorando in alcuni posti dove il compenso è maggiore: un personal trainer di Milano ha una tariffa oraria più alta rispetto a un personal trainer di Napoli;
  • allenando le celebrità: riuscire a soddisfare un certo tipo di clientela significa poter arrivare a compensi più alti, facendosi conoscere su larga scala o su una nicchia di mercato molto florida.

Sta a te giocare le tue carte!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar