Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Perché prendere lezioni di batteria in conservatorio?

Di Alice, pubblicato il 10/09/2019 Blog > Musica > Batteria > Come Seguire un Corso di Batteria in Conservatorio?

Dove le parole non arrivano… la musica parla. – Beethoven

La batteria è quello strumento musicale che sentiamo spesso ma che non conosciamo probabilmente abbastanza.

Il suo suono è parte integrante di molta della musica attuale e dà un nuovo respiro al ritmo e alla musicalità.

Esistono diversi modi per prendere lezione di batteria e imparare a suonare questo strumento.

Uno è certamente seguire corsi di batteria all’interno di un conservatorio, il cui prestigio e riconoscimento sono ormai indubbi.

Ecco perché Superprof vuole approfondire questa modalità di formazione, sia che si tratti di seguire corsi batteria sia che si tratti di altri strumenti.

Lezioni batteria: cos’è un conservatorio di musica?

Il conservatorio, un luogo di prestigio, a volte maestoso, che accoglie i talenti musicali di domani!

Il conservatorio ha il vantaggio di beneficiare di un’immagine abbastanza prestigiosa.

Si tratta di quel genere di luogo in cui ci si aspetta che possano entrare (e quindi, di fatto, uscire) solo grandi talenti, qualunque sia la disciplina insegnata: violoncello, tromba, solfeggio…

Questo luogo si avvicina a una scuola di musica in cui la formazione è particolarmente sostenuta.

Proprio questa è in effetti la sua principale caratteristica: si tratta di un impegno importante, di una formazione alla fine del quale si otterrà un diploma e che richiede lavoro duro e rigore all’allievo.

Accessibile a partire dalla più giovane età, il conservatorio dispensa lezioni bi batteria e ogni altro strumento e una formazione strumentale pratica utile a entrare a far parte di un’orchestra sinfonica o di un gruppo rock, a seconda dello strumento che si sceglie.

In compenso, è fondamentale per il bambino riuscire a conciliare il proprio tempo a scuola e il proprio tempo di apprendimento della batteria. Infatti, se scegliere il conservatorio per la propria formazione musicale è un’opzione molto interessante, può rivelarsi difficile in termini di tempo.

Il conservatorio e il corso di batteria richiedono infatti una grande mole di lavoro, cosa che scoraggia alcuni e li porta ad abbandonare il percorso lungo la strada. Esistono conservatori un po’ ovunque in Italia, soprattutto nelle grandi città, in cui sono organi riconosciuti dallo Stato.

In questi conservatori il lavoro darà certamente i suoi frutti e permetterà di accostarsi alla chitarra classica ma anche al canto lirico e riflettere sull’orientamento professionale che si vorrà dare alla propria passione.

Il corso di batteria al conservatorio

Imparare a suonare la batteria? Una missione possibile, che darà tutto un nuovo senso alla musica!

Quando si decide di prendere lezioni batteria al conservatorio, a prescindere dalla città in cui ci si trova, serve innanzitutto una grande passione per questo strumento e per la musica in generale. La batteria non sfugge all’apprendimento del solfeggio, di ritmo e tempo e questo a prescindere dal fatto che si abbiano 5 o 12 anni.

Anche se è possibile imparare l’arte drammatica, il canto corale o la danza contemporanea, la batteria resta lo strumento di nostro interesse all’interno del conservatorio. Nell’auditorium, sosterremo allora un’audizione per l’ingresso nella scuola, spesso molto selettiva, che ci assicurerà un posto prestigioso nel panorama musicale.

La formazione e il corso batteria si svolge lungo l’arco di diversi anni  permette all’allievo di ottenere un diploma che comprovi la sua educazione artistica.

Il giovane musicista è allora immerso in un universo che, sebbene dispendioso a livello familiare, è un punto di partenza davvero prezioso per la sua potenziale carriera.

Questo stesso universo gli permetterà di dare spazio alla propria creatività per – perché no – finire il percorso di formazione e fondare un quartetto rock!

Quando la batteria si impara all’interno di un conservatorio, può dare vita a enormi soddisfazioni!

Questo tipo di centro culturale è perfetto per l’iniziazione musicale a più livelli e le lezioni di batteria, come tutte le altre, sono tenute da professori di grande esperienza e con la migliore formazione alle spalle. Una squadra di pedagoghi che consegnerà la sua cultura e la sua tecnica nelle mani dei suoi allievi durante tutto l’anno scolastico, tra corsi individuali e progetti formativi allargati, quindi importantissima.

Perché il professore di musica è al centro di tutta la formazione, del corso di batteria e anche dell’insegnamento musicale in generale. Bisognerà quindi seguire i suoi consigli e lavorare in sinergia; per questo sarà importante anche il fattore umano.

L’insegnante sarà infatti punto di riferimento anche per tutto ciò che di interessante accade in città e che vede al suo centro la musica.

Perché la cultura musicale si può sviluppare in mille modi, certamente non solo in aula!

Corso batteria: tutti i dettagli per imparare in conservatorio

La vita è come la musica: bisogna imparare il suo solfeggio per suonare le note giuste e realizzare le opere complesse – Anna Ostrovskaya

Prima di arrivare a tenere dei concerti, molti musicisti si trovano a passare dal conservatorio!

Bisogna procurarsi una batteria per poter imparare questo strumento? Posso entrare in conservatorio a 35 anni? Chi saranno i miei insegnanti e mi troverò bene? Queste sono solo alcune delle domande che ci si pone prima di entrare in conservatorio, che sia per seguire corsi di batteria, violino o pianoforte.

Superati i 30 anni, iniziare un percorso di formazione di batteria all’interno del conservatorio può rivelarsi un po’ complicato. In questo caso si possono comunque a volte presentare le domande di ammissione che però non saranno accettate se il vostro livello non è giudicato sufficientemente alto. .

L’impegno che il conservatorio richiede è grande non soltanto a livello di tempo, ma anche a livello economico perché si tratta di corsi che sono a pagamento, ogni anno, in cicli di studio che possono durare tra 1 e 8 anni, a seconda del livello e dell’età dell’allievo.

Serve dunque una enorme passione per la batteria, a partire dall’audizione e fino ad arrivare a ottenere una crescita e una realizzazione personale e artistica di un certo livello.

Il corso di batteria non è certamente qualcosa da fare nei tempi morti, magari seguendo un tutorial su YouTube!

Dunque, presentatevi in conservatorio solo se siete veramente motivati dal sacro fuoco della passione e tenete conto del fatto che “lavoro” sarà la parola chiave dei vostri anni di formazione.

Il conservatorio non è certamente un luogo adatto a voi se siete pigri o non avete particolarmente voglia di darvi da fare.

Preparatevi, al contrario, a un ambiente in cui l’emulazione verso l’alto la farà da padrone: tutti gli allievi saranno infatti portati a dare il meglio, inseriti in un contesto in cui un po’ di competizione risulta essere sana.I giovani musicisti, se sono seguiti da professori qualificati, devono anche sapersi adattare alle loro conoscenze (ma vale anche l’inverso).

Un buon insegnante è colui che riesce a comprendere perfettamente le difficoltà del suo alunno e riesce a fargliele superare, per fare progressi.

Dunque, lo ribadiamo, il corpo insegnanti è il nodo centrale, il pilastro della formazione in batteria e saprà insegnare ai suoi allievi sia come tenere le bacchette, sia a comprendere il senso del tempo; insomma, lavorerà appieno sulla sensibilità musicale dei giovani.

Un vero corso di musica raggruppa infatti moltissimi aspetti differenti, perché la musica è fatta di tecnica e di emozione e su entrambi questi aspetti sarà davvero importante lavorare per arrivare a livelli alti e per poter pensare a un percorso che faccia della musica la vita stessa.

Possiamo quindi dire che, se fatte all’interno del conservatorio, corsi di batteria e di qualsiasi altro strumento a cui si sia interessati possono davvero cambiare la vita.

La batteria tiene la regia del ritmo, il tempo e dà un senso nuovo alla musica tradizionale: ci sono dunque ottimi motivi per appassionarsi a lei e per seguire questa passione anche se, come in ogni cosa, dovrete metterci tutti voi stessi.

Insegnare e imparare a suonare la batteria in conservatorio vuol dire sapere di avere un’occasione enorme per entrare dal portone principale della musica e poter diventare un giorno, perché no, un grande batterista professionista all’interno di un gruppo rock oppure in solitaria!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar