Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corsi di italiano con le canzoni

Di Igor, pubblicato il 13/06/2018 Blog > Sostegno Scolastico > Italiano > Lezioni di Italiano in Musica

Senza musica la vita sarebbe un errore.
(Friedrich Nietzsche)

Senza offesa per i filosofi antichi che hanno associato lo studio delle armonie musicali con quello della matematica, la canzone è oggi più che mai legata alla letteratura.

In una certa misura, ha preso il posto una volta dedicato alla poesia…

Serve infatti a esprimere sentimenti e pensieri, in modo artistico, talvolta superando la realtà per dirigersi in dimensioni di sogno…

La pedagogia moderna ha colto l’occasione incarnata dal carattere totale della musica con le parole: sia per imparare italiano come lingua straniera o per chi già parla l’italiano, è facile oggi usare questo supporto, interattivo per eccellenza, molto popolare tra gli studenti più giovani.

Sperimentare dunque questo strumento in una master class al college o in una scuola superiore o per un corso privato a casa è un’esperienza da provare!

 

Quali sono le canzoni più usate in un corso di italiano?

A tutti noi è capitato fin dalla più tenera infanzia di imparare canzoni… in effetti sono il modo migliore per apprendere nuove parole. Pensiamo a cosa succede quando siamo molto piccoli e all’asilo iniziamo a canticchiare le prime filastrocche che poi servono spesso come biglietto da visita dei nostri genitori per farci presentare al pubblico di amici e parenti e far vedere quanto siamo bravi!

Fra le filastrocche più conosciute senz’altro abbiamo la celebre “Ambarabà ciccì coccò” il cui testo per quanto vagamente oscuro la rendere tuttavia una delle grandi hit dell’infanzia.

Le canzoni per bambini sono fra le prime che conosciamo! Le prime parole che i bambini imparano a memoria sono sicuramente i testi di canzoni e filastrocche!

Altrettanto famosa è la versione italiana di Frère Jacques, che in italiano diventa Fra Martino.

Il mondo delle canzoni per bambini però non si esaurisce con le filastrocche, ma è pieno di esempi anche di musica d’autore che possono aiutarci ad arricchire il nostro vocabolario da piccoli. A queste poi si aggiungono tutte le sigle dei cartoni animati (se non lo conoscete, andate a ripassare il repertorio di Cristina d’Avena!).

 

Scopri come imparare italiano con la letteratura.

Ecco 5 canzoni d’autore per bambini che probabilmente molti di noi conoscono:

  1. La tartaruga di Bruno Lauzi. Autore estremamente versatile Bruno Lauzi ha scritto questa canzone che è anche stata utilizzata come sigla di un programma televisivo negli anni 70.
  2. La gatta di Gino Paoli. “C’era una volta una gatta che aveva una macchia nera…” chi di noi non ha mai canticchiato almeno una volta questo celebre capolavoro?
  3. Amico di Dario Baldan Bembo. Grandissimo autore di molti capolavori, Baldan Bembo è autore di questo famosissimo brano uscito negli anni 80.
  4. Il gatto e la volpe di Edoardo Bennato. Questo brano fa parte di un album, Burattino senza fili del 1977, in cui si raccontano le vicende di Pinocchio in chiave rock.
  5. Ci vuole un fiore di Sergio Endrigo. Autore raffinato ed estremamente delicato, Endrigo ha una produzione estremamente varia che comprende molte canzoni per bambini, fra cui la celebre Ci vuole un fiore.

Queste canzoni dovranno assolutamente entrare nella playlist del vostro corso per imparare italiano!

Quali autori classici possono aiutarti per il tuo corso di italiano?

La musica pop italiana deriva indubbiamente dalla musica popolare napoletana, ma ha subito molte influenze anche dalla musica straniera, in particolare dagli anni Sessanta.

Intanto non possiamo dimenticare che la lingua italiana per moltissimo tempo è stata per eccellenza la lingua utilizzata dai compositori di musica classica. Quando parliamo di musica classica ovviamente pensiamo al genere che maggiormente utilizza la lingua come parte integrante della sua composizione, ossia l’opera.

 

Ecco qualche film per imparare italiano.

La tradizione operistica italiana ha radici molto antiche, ma è nell’800 che probabilmente vive la sua stagione di massimo splendore con autori come Rossini, Puccini, Verdi… che hanno reso celebre l’opera italiana in tutto il mondo e che ancora oggi vengono rappresentati sui palchi di tutto il mondo. Ma non erano soltanto gli autori italiani a preferire l’italiano come lingua per le proprie opere, basti pensare per esempio alle Nozze di Figaro di Mozart per avere uno dei massimi esempi di uso dell’italiano da parte di un autore non italiano per la realizzazione di un’opera musicale.

Puccini Rossini e Verdi sono tre dei più grandi compositori italiani. L’opera ha reso celeberrima l’Italia nel mondo!

La canzone italiana in qualche modo affonda le proprie radici nella cultura delle arie dei più celebri compositori italiani. La conoscenza di queste arie può esserci di aiuto per arricchire attraverso la musica il nostro vocabolario. Anche se il linguaggio è sicuramente un po’ antiquato, rappresentano comunque una fantastica opportunità per entrare in contatto con la lingua italiana! Oltre al fatto che spesso queste arie sono usate ancora oggi nei più importanti film di Hollywood.

Ecco una lista di 5 celebri arie d’opera che possono aiutarti nel tuo corso di italiano:

  1. “Casta diva” dalla Norma di Bellini è una delle arie più celebri dell’Ottocento italiano.
  2. “Libiamo nei lieti calici” dalla Traviata di Verdi, autore importantissimo anche per il valore politico che veniva attribuito a questo autore.
  3. “Nessun dorma” dalla Turandot di Puccini, splendido esempio delle sonorità orientaleggianti tanto ricercate da questo autore così moderno.
  4. “Largo al factotum” dal Barbiere di Siviglia di Rossini esempio della straordinaria ritmica di questo autore e delle sue capacità di autore virtuoso.
  5. “Va’ pensiero” una delle arie più celebri di Giuseppe Verdi tratta dalla sua opera Nabucco, diventata un vero inno della liberazione dell’Italia dal gioco austriaco nel periodo dell’unificazione italiana.

Ecco come imparare italiano con la poesia.

I migliori cantanti e autori contemporanei per imparare l’italiano

Come dicevamo la tradizione musicale napoletana ha influito molto, insieme alle arie delle opere e poi all’influenza della musica straniera, sulla nascita della musica pop contemporanea.

Ci sono moltissimi esempi di cantanti contemporanei che possono aiutarci a migliorare il nostro italiano, in particolare per il fatto che l’Italia ha una consolidata tradizione di quelli che a partire dagli anni 60 sono conosciuti come “cantautori”, definizione coniata proprio in quegli anni in seno alle prime grandi case discografiche e usata per indicare gli autori di canzoni che pian piano si trasformano anche in interpreti dei loro brani.

Ecco allora alcuni nomi di cantanti e di cantautori che hanno una buona dizione e che potranno aiutarti in un corso di italiano.

Fabrizio De Andrè

Autore ligure dalla voce profonda e suadente, è uno dei grandi cantautori della musica italiana oltre che l’esempio in carne e ossa della forza della lingua e delle sue capacità poetiche. I testi di De Andrè sono davvero tutti dei capolavori per la loro intensità e la loro bellezza. Praticamente di De Andrè potremmo consigliare tutta la discografia, perché non c’è un brano che non sia adatto per migliorare il proprio italiano e comprendere le potenzialità espressive che ha questa lingua.

Oltre all’italiano De Andrè ha anche cantato canzoni in alcuni dialetti italiani, che possono essere un buon modo per entrare in contatto con una cultura profonda e interessantissima. Scopri come integrare lo studio dell’italiano.

Ascolti consigliati: l’intera discografia, ma dovendo limitarci La buona novella, dove troviamo la splendida Il testamento di Tito.

La scuola romana di cantautori ha sfornato dei grandissimi artisti. Venditti, De Gregori e Cocciante, rappresentanti della cosiddetta scuola romana.

Fiorella Mannoia

È la volta di una cantante celeberrima, dalla pronuncia limpidissima, particolarmente apprezzata dai cantautori italiani (in particolare da quelli della cosiddetta scuola romana). Fiorella Mannoia ha interpretato moltissime canzoni scritte da grandi autori come Avogadro, Lavezzi, Ruggeri… Senza dimenticare un  altro grande autore e cantautore della musica italiana: Ivano Fossati. Dalla penna di quest’ultimo sono usciti molti capolavori della musica italiana, da Pensiero Stupendo di Patty Pravo a Non sono una signora di Loredana Bertè. Per la Mannoia ha scritto Le notti di maggio, Oh che sarà e l’indimenticabile I treni a vapore.

Ascolti consigliati: I treni a vapore, album del 1992 che contiene l’omonima canzone scritta da Ivano Fossati.

Lucio Battisti

Altra pietra miliare della musica italiana, Lucio Battisti è fra gli autori che hanno più condizionato la musica italiana degli anni Settanta. Nato come autore, Lucio Battisti si è poi distinto per l’interpretazione dei suoi brani con la sua voce estremamente particolare e delicata, che all’inizio della sua attività di cantante gli costò anche numerose critiche. Lucio Battisti ha collaborato con Mogol per la creazione di molti capolavori della musica degli anni Settanta anche per altri cantanti e altri gruppi musicali, perciò uno sguardo al suo lavoro merita davvero la pena.

Ascolti consigliati: Emozioni, album del 1970 che contiene l’omonima canzone. Una vera perla della musica italiana utilissima anche per imparare nuove parole ed espressioni!

Mina

Considerata la più grande interprete italiana (mi permetto di dire a torto, se non altro per quanto riguarda la produzione degli ultimi 30 anni) Mina è una vera fucina di canzoni. Ha praticamente cantato qualunque autore della musica italiana, perciò nel suo repertorio è praticamente impossibile non trovare qualcosa di interessante. Indubbiamente il suo personaggio ha molto influito sulla sua popolarità (gli scandali degli anni 60, il ritiro dalla vita pubblica nel 1978…) ed è dotata indubbiamente di una grande voce… Addirittura Liza Minnelli la considera la più grande voce al mondo!

Ascolti consigliati: …bugiardo più che mai… più incosciente che mai…, album del 1969.

Al Bano e Romina sono ricordati per il loro lunghissimo sodalizio artistico e personale Romina Power: una delle star italiane più famose all’estero

Le grandi star italiane famose nel mondo

Non è tutto oro quello che luccica e allo stesso modo non è solo la musica migliore quella che noi esportiamo all’estero, ma indubbiamente quella che diventa famosa all’estero è musica che suona “italiana” perciò di questo dobbiamo prendere atto.

Fra i primi brani musicali di cantanti famosi all’estero possiamo ricordare la celebre Volare di Modugno, che ha conquistato i cuori di tantissimi ascoltatori in tutto il mondo. Per arrivare al giorno d’oggi possiamo invece ricordare la grande Laura Pausini, che negli ultimi anni ha acquisito grandissima popolarità in particolare in Sudamerica, così come Tiziano Ferro.

C’è poi un fenomeno particolare che possiamo ricordare ed è la grande popolarità di molti cantanti degli anni 80 nei paesi dell’ex Unione Sovietica: la caduta della cortina di ferro ha permesso di esportare all’estero talenti come i Ricchi e Poveri, Al Bano e Romina, Toto Cutugno, Pupo… insomma il trionfo del pop italico negli anni spesso a torto considerati più trash della musica!

Buon ascolto!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar