Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

È possibile imparare la lingua spagnola da autodidatta?

Di Igor, pubblicato il 31/05/2018 Blog > Lingue straniere > Spagnolo > Come Imparare lo Spagnolo da Soli?

Per un motivo o l’altro, ti chiedi come fare per imparare lo spagnolo da solo? È forse perché sei stufo delle lezioni di spagnolo online o a domicilio?

Sei insoddisfatto delle lezioni frontali? Non ti piace il metodo vetusto che consiste nello stare di fronte ad un insegnante ad ascoltare delle regolette grammaticali?

O desideri risparmiare qualche denaro?

Diciamo subito che non sei il solo a voler tentare la via dell’apprendimento linguistico da autodidatta. Sono in molti, oggi, gli italiani che decidono di imparare lo Spagnolo da soli.

In parte sono incoraggiati dall’apparente estrema facilità della lingua spagnola. In parte tendiamo sempre, noi Italiani, a credere di poterci arrangiare con certe lingue neolatine. Imparare lo Spagnolo da soli è una pretesa che hanno in molti, come del resto capita con la lingua francese scritta.

Il fatto di riconoscere a primo ascolto e a prima vista delle parole che si differenziano dall’Italiano soltanto per via di una vocale, in realtà non garantisce che si possa davvero diventare da soli dei poliglotti.

Però è giustissimo, nella vita, avere delle ambizioni. Chi non risica non rosica. Inoltre, è vero che provare a studiare Spagnolo da soli, per un italiano, non è di certo come tentare di decifrare di punto in bianco il Giapponese ed il Russo partendo da zero. L’impresa è, tutto sommato, fattibile!

In ogni caso, saprai di certo che la cosa è un po’ più difficile di quanto non appaia all’inizio. Diciamo, in altri termini, che apprendere una lingua da soli può rivelarsi una vera e propria battaglia.

Comunque, non stiamo dicendo che la missione sia impossibile.

Volli, volli, fortissimamente volli, disse Tasso! Trasformalo fin d’ora nel tuo motto!

Consideriamo, innanzitutto, che se, per esempio, conosci già altre lingue straniere, impararne una ulteriore non dovrebbe esserti poi così difficile.

Isolarti sì, ma solo dagli italiani. Al contrario, andrà benissimo frequentare gli spagnoli! Devi essere come Robinson Crusoe per imparare la lingua di Cervantes da solo?

Chi è già per natura tendente al bilinguismo, chi ha un orecchio musicale, chi ama e pratica già una seconda lingua oltre l’Italiano, potrà con facilità accostarsi a qualsiasi altra lingua. Imparare lo Spagnolo da soli non potrà mai essere più difficile di imparare l’Inglese a scuola! Specialmente se parliamo della scuola italiana!

La similarità tra termini delle lingue neo-latine ti consente di usufruire di una vasta panoplia di modi per imparare lo Spagnolo da solo. L’arte, la letteratura, la musica…al bando la grammatica frontale! Sintassi e regole potranno giungerti, questa volta, per via induttiva, indirettamente, “per caso”, potremmo azzardare…

Ma di certo dovranno pur arrivarti, pria o poi!

Munisciti di un dizionario, allora e preparati ad un viaggio virtuale all’insegna della scoperta induttiva e del sapere auto procurato … stiamo per darti qualche trucchetto per imparare la lingua di Manuel Vazquez Montalban e, perché no, diventare magari addirittura bilingue un giorno.

Prima tappa per imparare lo spagnolo: individua il tuo livello

Prima di tutto, bisogna fare il punto su “dove ti trovi, esattamente, in termini di conoscenze linguistiche”.

Se non possiedi alcuna nozione di spagnolo, il consiglio che dobbiamo darti per iniziare è quello di prendere almeno qualche ora di lezione per principianti, in modo tale da poter quantomeno scoprire la logica soggiacente alla lingua.

“Ma come” – starai pensando – “non dovevo imparare da solo”? Certamente, ma ogni cosa va preparata. Con dovizia di particolari e dotandosi di tutti i mezzi opportuni, necessari e disponibili.

Se incontri quattro volte i=un insegnante privato, potrai avere indicazioni sul come procedere da solo. Dopo di ché, procederai a capire cosa ti deriva esattamente.

Valuta il tuo livello su una scala da 1 a 10!

La cosa migliore sarebbe quella di possedere un minimo livello di spagnolo, tanto da poter effettuare degli scambi verbali con degli Ispanofoni. La cosa sarà facile, dopo queste quattro lezioni con un insegnante privato di Spagnolo.

Poi potrai lanciarti ad esplorare la lingua.

La cosa che ti consigliamo di fare è quella di battere la tua timidezza iniziando, da subito a cercare degli interlocutori con cui improvvisare delle conversazioni. Ovviamente potresti anche parlare da solo o interloquire con la televisione in Spagnolo… ma sarebbe meno noioso interagire con persone vere, magari degli iberici.

Non è importante se per adesso non fai che sbagliare. Ricorri pure a termini di altre lingue per completare i tuoi concetti. Non temere di fare ricorso alla mimica facciale e corporea per farti capire. L’obiettivo: riuscire a conversare con altri individui.

Anche se studi da solo, poi il consiglio è quello di mettere in pratica le tue conoscenze. Esercta il tuo Spagnolo parlando di continuo!

Ti rendi conto che vista così, la full immersion da studente autodidatta ha molto di sociale, socievole e socializzante! Il topo per chi sia piuttosto estroverso. Ma non temere, anche se dovessi essere, al contrario, un vero e proprio timidone, il fatto di leggere ad alta voce in un’altra lingua ti porterà, col tempo, a diventare un vero chiacchierone, ottenendo allora dei risultati anche dal punto di vista della tua socialità…

Le doti comunicative sono rilevanti quando ci si deve cimentare nell’apprendimento di un sapere. Il sapere, per sua natura, vuole e deve essere comunicato, sia per diffondersi, sia per consolidarsi – non foss’altro che per il canale della memorizzazione tramite ascolto – dal suo stesso divulgatore, da colui che legge, declama e pronuncia.

Seconda tappa per imparare lo spagnolo da soli: procurarsi testi adatti

Una volta che avrai fatto il punto sul tuo livello di spagnolo, ti consigliamo di fornirti di testi consigliati per imparare la lingua. In commercio ve ne sono di svariato tipo e livello.

Naturalmente, ognuno di noi conosce il proprio margine di spesa. Ognuno di noi sa che investendo molto si può ottenere di più. Ma ciò non vuol dire che per imparare lo Spagnolo da soli ci si debba poi rovinare, come se si stipendiasse un insegnante privato a domicilio, diplomato ad Harvard!

Poco sopra parlavamo del fatto di iniziare lo spagnolo da zero e senza insegnante. Se davvero ti senti pronto ad affrontare questa sfida solitaria, dei testi specifici potranno aiutarti. E non tutti saranno costosi, dato che esiste anche il prestito fra amici. Internet offre molte occasioni per scambiare materiale cartaceo e virtuale concernente l’apprendimento dello Spagnolo da soli.

Diciamo che, in generale, è facile scovare dei testi scolastici di ogni grado.

Se hai figli, nipoti, parenti e vicini che studiano spagnolo, puoi chiedere consiglio a loro. Potresti anche chiedere loro in prestito qualche libro o degli appunti per imparare da solo lo spagnolo.

Per quanto riguarda altri testi da consigliarti, riteniamo che tu possa benissimo, per il momento, fare riferimento ai testi adottati nelle scuole pubbliche in cui si insegna la lingua spagnola. Puoi anche consultarti con i librai di riferimento del tuo quartiere che riforniscono gli alunni di elementari, medie e licei.

E considera anche la possibilità di acquistare un dizionario o scaricare un’app che traduca.

Terza tappa per imparare lo spagnolo da solo: trovarsi un corrispondente spagnolo o ispanofono

Se pensi che per imparare lo spagnolo da solo devi isolarti e non far altro che studiare, sbagli di grosso.

Come detto sopra, l’interazione linguistica è alla base di ogni memorizzazione di vocabolario, dunque di ogni forma di apprendimento linguistico.

Quando diciamo “imparare lo spagnolo da soli” intendiamo, coi propri mezzi, fissandosi un programma da autodidatta, evidenziando da soli obiettivi e strumenti. Non intendiamo il fatto di rinchiudersi in casa a leggere libri, abbandonati a se stessi, senza supporti tecnologici, senza interazioni e in una dimensione del tutto desocializzata!

Saremmo dei folli….

Ricorderai bene che quando eri piccolo hai iniziato a comunicare, prima di saper parlare, gesticolando ed osservando i gesti dei tuoi cari. Sai bene che i bambini iniziano con versi ad attirare l’attenzione degli altri, poi cominciano ad ascoltarli ed infine ad imitarli….

Perché le cose dovrebbero essere diverse, parlando dell’apprendimento di una lingua straniera?

Imparare lo Spagnolo da soli, ossia senza andare a scuola, significa sempre e comunque cercare di imitare e riprodurre i suoni prodotti dai nativi spagnoli. E per riprodurli, naturalmente, converrà anche trovarsi a contatto questi spagnoli.

Ecco perché imparare la lingua spagnola da autodidatta è qualcosa che riesce tanto meglio, quanto meno soli si è…. Come in tutte le cose, diciamo.

La scienza, la cultura, esistono anche e soprattutto per essere comunicate… Figuriamoci una lingua, anche considerata a livello spurio. No?

In questo modo potrai farti consigliare sull'utilizzo della lingua. Trova un amico di penna di lingua spagnola!

La solitudine ti sembrava qualcosa di attraente, di per sé? Ebbene abbandona il tuo spirito decadente…

Eh no. Per imparare una lingua occorre comunicare con persone che parlino correntemente questa lingua.

Puoi anche scegliere persone che siano ugualmente in fase di primo apprendimento come te. Ma ti consigliamo di avere sempre almeno un vero spagnolo tra i tuoi interlocutori.

Per iniziare potresti iniziare a corrispondere con un bilingue spagnolo-italiano. Così, da un lato la persona potrà correggerti, dall’altro potrete comunicare e capirvi, eventualmente anche ricorrendo all’italiano. Anche se la cosa migliore sarebbe quella di utilizzare sempre e solo l’idioma di Javier Cercas!

Se poi vuoi effettuare un salto di qualità, perché non contattare degli Spagnoli che desiderano apprendere l’italiano? In tal caso, alla dimensione dello scambio si aggiungerebbe anche quella della certezza di “servire a qualcosa e a qualcuno” … di non essere solo qualcuno che prende, ma anche qualcuno che da agli altri…

Solo così il tuo spagnolo potrà progredire rapidamente. Niente di meglio che chiacchierare con degli ispanofoni!

La cosa potrebbe apparire anodina, ai più, invece non è così. Adolescenti, persone della terza età, potrebbe attraversare una fase in cui si sentono di poca utilità nel mondo. E’ un fenomeno comune…Tutti noi, almeno una volta nell’esistenza, ci siamo già sentiti inutili…

Ebbene, sapere che qualcuno pende dalle nostre labbra potrebbe rincuorarci, oltre a farci vivere una splendida avventura linguistica bilaterale!

Esistono numerosi siti ed annunci per trovare persone che desiderino scambiare tramite la conversazione orale o scritta. Se per il momento non ti senti a tuo agio nel parlare, ti consigliamo di cominciare scrivendo ad altre persone e leggendo le loro mail o messaggi di chat.

Con mail e chat sarà facile il dialogo istantaneo.

E solo dopo, quando ti sentirai più sicuro e deciso, potrai passare all’orale. La cosa potrà farsi sempre via internet, ad esempio con Skype, o incontrando fisicamente la gente.

Ognuno, naturalmente, nel cercare il proprio canale ideale per imparare lo Spagnolo da solo, dovrà fare i conti con la propria personalità, col proprio carattere…

Sarebbe inutile sottoporsi a noia, stress intollerabile, ma forzarsi un minimo per perseguire degli obiettivi è comunque auspicabile…

Cerca di instaurare un rituale quotidiano o settimanale col tuo corrispondente. Durante questo momento dedicato allo spagnolo userai solo la lingua spagnola, naturalmente. L’interlocutore potrà risponderti in spagnolo o in Italiano, a seconda delle vostre scelte iniziali e delle necessità, voglie e capacità rispettive.

Vedrai che i progressi si presenteranno, inevitabilmente.

Quarta tappa per imparare lo lingua da solo: lo spagnolo online

Grazie ad internet abbiamo adesso la possibilità di accedere a numerosi strumenti on line.

Gratuiti e non, sul web circolano supporti ed aiuti innumerevoli e vari.

Prima cosa: i siti di traduzione

Google Translate et Reverso.net sono i più noti nel campo. Ma un consiglio è d’obbligo: non prendete per oro colato le traduzioni proposte. Sono eccessivamente letterarie e non fanno che seguire degli algoritmi, in modo per lo più cieco.

Google Translate è stato sicuramente migliorato ed affinato, di recente, ma occorre restare svegli e critici nei confronti delle traduzioni proposte. Detto questo, si tratta pur sempre di stupendi strumenti tecnologici da avere sempre sotto mano nel caso in cui serva una parola al volo, o una frase semplice da tradurre.

Seconda cosa: YouTube

Il celebre sito raggruppa un gran numero di video dedicati all’apprendimento dello spagnolo online. Basta digitare “apprendere lo spagnolo” nella barra delle ricerche per trovare tutto quello che si vuole.

Inoltre, potrai ascoltare la pronuncia orale ed allenarti a dire le parole a tua volta. Si tratta, insomma, di un ottimo modo per progredire rapidamente e semplicemente.

Inoltre, su YouTube si trovano molte canzoni son i testi sottotitolati. Scegli e seleziona delle canzoni spagnole che possano piacerti e divertiti a tentare di tradurle.

Terza cosa: gli e-book gratuiti per imparare lo spagnolo

In effetti, è possibile trovare opere che somiglino a manuali scolastici e siano addirittura gratuiti. Non guasta mai risparmiare un po’, se si può.

Quarta cosa: i siti e le app per imparare lo spagnolo

Numerose persone hanno capito l’importanza di conoscere più di una lingua straniera.

Sul web trovi i traduttori simultanei, i siti per l'apprendimento, le grammatiche online e le app per smartphone e tablet. Grazie ad internet, potrai trovare un sacco di supporti tecnologici all’apprendimento dello spagnolo!

Ed ecco perché hanno messo in piedi siti ed applicazioni dedicate in particolar modo all’apprendimento di una lingua. Questo genere di applicazioni di spagnolo su iPad (o tablet in genere) e smartphone esiste a pagamento o gratuita.

Per gli strumenti a pagamento, informati bene prima di acquistare o sottoscrivere abbonamenti. In ogni caso, i siti di applicazioni ti propongono di imparare una lingua gradualmente e senza forzare troppo la mano.

L’obiettivo: praticare alcuni minuti ogni giorno. In base al tuo livello, troverai diversi podcast in spagnolo, che ti consentiranno di migliorare il tuo vocabolario, la grammatica, la coniugazione e la pronuncia.

Sul computer, sul portatile, sul tablet: la scelta è tua.

Prima di tuffarti, dedica del tempo alla scelta degli strumenti più idonei. Frequenta i forum in cui le informazioni di cui hai bisogno saranno presto reperite.

Sei dislessico? Scopri come imparare lo spagnolo!

Ultima cosa da fare per imparare da solo lo spagnolo: viaggiare

Per imparare una lingua, è ovvio che i viaggi siano il metodo migliore.

Attento però, non viaggi turistici attorniato da italiani, ma soggiorni linguistici in cui dovrai fonderti con la massa locale.

Trova famiglie che ti ospitino, in cambio di piccole somme di denaro, oppure cerca di condividere un appartamento con gente spagnola!

Si tratta di un ottimo modo per praticare quotidianamente la lingua senza per forza prendere lezioni di spagnolo. Attento però a non cadere nell’inganno di frequentare altri italiani. La cosa ti porterebbe a rallentare il processo di apprendimento.

La cosa migliore? Riuscire ad immergerti completamente nel paese in cui ti rechi. Cerca di trovare un lavoretto che ti permetta di praticare la lingua quotidianamente. Di sera vai al bar e cerca di conoscere nuova gente.

Hai solo l'imbarazzo della scelta, tra la Spagna e quasi tutto il Sud America. Viaggia e parti alla conquista dello spagnolo!

Il tuo livello progredirà assai rapidamente e in un tempo relativamente breve inizierai a sentirti sempre più a tuo agio. Nel giro di 6 mesi, sarai praticamente bilingue. La condizione, però, è che tu non parli mai in Italiano durante il soggiorno all’estero.

La cosa più importante per imparare lo spagnolo da solo: divertirti!

Sai perché imparare una lingua da solo è più difficile ?

Perché occorre trovare una grande motivazione per praticare al quotidiano.

In effetti, l’apprendimento di una lingua deve svolgersi tramite esercizi regolari, orali e scritti. In ogni caso, dovrai praticare ogni giorno, senza eccezione.

Con l’aiuto di un insegnante, e con delle sedute regolari, saresti obbligato a praticare. Da solo la cosa è più difficile.

È un po’ come fare sport. Durante le prime settimane si è molto motivati.

Poi un giorno, basterà essere stanchi per dire “oggi salto, non fa niente”. Ed invece, proprio per il fatto di aver saltato un corso di spagnolo, si tenderà poi a saltarne un altro, ed un altro ancora…

Così, per imparare da soli, è molto importante potersi divertire.

Se mentre impari spagnolo ti diverti, lo sforzo si trasformerà in piacere e avrai voglia di dedicartici sempre di più.

Ecco perché sta solo a te di scegliere, in base a quello che ti piace.

Per esempio, se li ami, potresti praticare dei video giochi nella lingua di Francisco Goya, guardare dei film in spagnolo, ascoltare musica in spagnolo, intrattenere scambi verbali con degli Spagnoli su diversi temi, etc.

Non ci stuferemo mai di ripetertelo: è difficile imparare lo spagnolo da soli. Se non ti piacciono le lezioni collettive di spagnolo, potrai sempre contattare un insegnante privato di spagnolo solo per te.

In ogni caso, ti abbiamo fornito alcuni trucchetti per farti iniziare con lo spagnolo fin d’ora. Al lavoro, quindi!

Altre condotte e considerazioni che ti aiuteranno ad imparare lo Spagnolo da solo

Organizza una bella festa

Vuoi davvero mettere a frutto e soprattutto alla prova le tue conoscenze di spagnolo? Vuoi sapere se hai imparato di più a lezione o studiando da solo la lingua spagnola?

Ebbene, ti proponiamo di organizzare, periodicamente, dei piccoli party, delle cosiddette fiestas, magari a casa tua o presso il bar dell’angolo.

Imparare lo spagnolo significa soprattutto poter poi usarlo per conversare

Se abiti in un centro universitario, allora, perché non radunare tutti gli spagnoli presenti sul territorio, organizzando un conviviale apericena per studenti Erasmus ispanofoni?

Sai che questo è il modo migliore per ottenere indirizzi, numeri di telefono di ragazzi e ragazza spagnole?

Si tratterebbe anche di un modo per riunire culture diverse.

Il tema da dare alla tua serata è proprio questo: “spagnoli e italiani a confronto: raggiungici al pub, stasera, per scambiare due chiacchiere nelle lingue neolatine per eccellenza”.

Naturalmente, questo è solo un esempio. Questo “titolo” attirerebbe di certo chi si interessa agli scambi relazionali a fini linguistici. Se invece volessi selezionare ulteriormente i tuoi ospiti – (che fra l’altro non dovrai per forza di cose invitare effettivamente a spese tue, ma semplicemente incoraggiare a raggiungerti in un locale pubblico) –  potresti buttarti su un tema più specifico.

Serata sui più bei dipinti spagnoli contemporanei’’ oppure “serata di lettura in spagnolo” o, ancora, “aperitivo attorno al periodo storico franchista-fascista”.

I primi decenni del XX secolo sono stati il teatro di eventi tragici in Spagna. Uno dei capitoli tristi della storia della Spagna!

Insomma, imparare lo spagnolo significa soprattutto servirsene. E quale miglior modo del sentire uno studente di storia spagnola che parla del suo paese in epoca contemporanea?

Naturalmente, si potrà interagire in entrambe le lingue, il che aiuterebbe gli spagnoli presenti a mettere, a loro volta, alla prova la loro conoscenza dell’Italiano.

Imparare lo spagnolo accanto a qualcuno che vuole imparare l’italiano è la miglior soluzione del mondo. Gli scambi, gli strafalcioni, le risate accompagneranno progressi inimmaginabili, impercettibili e per niente faticosi sul momento. Ma i grossissimi risultati emergeranno in seguito, una volta ritornati, magari, alle lezioni sui banchi, a prendere in mano un testo, ad ascoltare una radio in lingua spagnola.

Di colpo, ti capiterà di capire tutto, mentre accanto al tuo nuovo amico magari ti sentivi piuttosto ‘scarsetto’. Ebbene, imparare una lingua straniera significa rendersi conto di quanto difficile e diversa dall’italiano essa sia. Ed è proprio per questo che la tua frequentazione di giovani e adulti ispanofoni avrà un duplice effetto. Sul momento ti farà sentire davvero limitato, ancora troppo ignorante. Sul lungo periodo, invece, ti darà frutti maturi e sorprendenti.

Se durante questi incontri festosi ti sembrerà spesso di essere Totò, nella famosa scena “noio volevon savuar”….., giorno dopo giorno, costeggiare gente più brava di te in Spagnolo avrà degli effetti che nemmeno riesci a spiegarti. Ti impregnerai di sonorità, di grammatica, anche!!!! E non solo di sangria …che comunque non guasta, per gli amanti, come lubrificante delle serate linguistiche.

Se pensare ad una serata in un locale con degli studenti Erasmus, poteva darti sempre l’idea di perdere del tempo, di trascurare ore di studio e riposo, scoprirai presto che sta a te trarre il massimo beneficio, intellettuale, culturale e linguistico, da ogni momento della tua giornata. Anche da una pausa con snack.

Perché prendere il solito caffè col tuo amico di infanzia, quando puoi farlo insieme ad uno studente spagnolo, trasformando la tua pausa in un investimento conoscitivo?

Imparare dev’essere piacevole. Pena il fallimento di tale impresa. Cò che non si ama non può essere davvero compreso, ossia, letteralmente, preso con sé – ‘’imparato’’, per l’appunto. Imparare lo spagnolo non può non essere divertente.

Climi e lingue: dove parlare cosa?

A proposito di gente che vuole imparare lo spagnolo … sapevi che recenti studi di linguistica, incoraggiati da osservazioni a carattere antropologico che datano già dall’epoca di Montesquieu, provano l’importanza della relazione tra temperatura dei luoghi e tipo di lingua che vi si parla?

Parrebbe, come sospettato quattrocento anni orsono, che le fasce e le relative condizioni climatiche possano agevolare, o al contrario rendere difficoltoso, il movimento delle mandibole. E questo avrebbe fatto sì, nel corso del tempo, che determinate lingue si sviluppassero in zone caldo-umide ed altre nei climi del centro Europa.

Ecco perché imparare la lingua di Zafon, per noi italiani, è come un gioco da ragazzi, mentre gli studenti di lingua cinese arrancano tentando di apprendere italiano, spagnolo o francese.

Come dire che per tutto c’è una ragione…

Comunque a tutto v’è rimedio. Ed infatti non è di certo impossibile imparare lo spagnolo, anche se si è di lingua madre mandarina. Il tutto è questione di buona volontà, motivazione, intelletto.

Lo provano gli sforzi assidui di studenti asiatici che, in barba alle difficoltà rilevanti in inglese, riescono comunque a spostarsi all’estero per effettuare studi di economia, ad esempio.

Romanzi, saggi, quotidiani: le possibilità di lettura in Spagnolo sono tantissime. Un bel libro può aiutare tantissimo nel perfezionamento della lingua spagnola!

E tu vorresti tirarti indietro difronte ad una “lingua amica” come quella di Gabriel Garcia Marquez?

Prendi casomai in considerazione l’idea di spostarti, di tanto in tanto, presso conoscenti, amici o parenti ispanofoni – ovunque essi vivano – in modo da sentire di meno il distacco tra la tua cultura, il tuo paese, le tue frequentazioni e l’arduo compito che ti stai dando: quello di riuscire ad imparare lo spagnolo da solo.

Essere di parola spagnola

Come ti abbiamo suggerito molte volte, anche parlando dell’apprendimento di lingue straniere come l’inglese e il francese, l’utilizzo frequente di pensieri e parole spagnole è importantissimo.

Ciò significa che non occorre solo studiare, scoprire, memorizzare termini, ma anche buttarsi ad utilizzarli, rischiando anche di esagerare, perché no?

Insomma, stiamo parlando del fatto di ricorrere a termini spagnoli, anche quando si è da soli. Stiamo parlando di cercare di ritradursi in mente ogni concetto, ogni riflessione vena in mente nei momenti di ozio e relax, magari aspettando l’autobus o il passaggio di un conoscente in ritardo.

“Si sta facendo tardi” anziché innervosirsi e fumare mentre pensi ciò, a causa del ritardo del tuo amico che doveva passarti a prendere mezz’ora fa, perché non traduci queste riflessioni in lingua spagnola?

Imprechi per il caldo? Rilassati, respira, poi ritraduci l’imprecazione in spagnolo. Se non la conosci, cercala su un dizionarietto tascabile, o meglio ancora, tramite il tuo smartphone. E poi, soprattutto, pronunciala alta e forte. Per farlo correttamente potrai usufruire del lettore di pronunce Google.

Temi di passare per pazzo? Non importa. Meglio saper parlare una lingua “loca”, che restare ancorati nel proprio silenzio, temendo di sbagliare la pronuncia, perché non si ha l’abitudine di sentirsi parlare in una lingua straniera.

Insomma, la lingua va esercitata, come ogni altro muscolo.

Anche a costo di parlare da soli, di interagire con la televisione, sappi che più parli…. Meglio sarà.

Insomma, tieni conto che ogni occasione dev’essere quella buona per parlare in spagnolo. Ferma, per strada, con una scusa qualsiasi, tutti gli ispanofoni che incontri. Scopri e incuriosisciti sulle loro esistenze e culture. Naturalmente, più il tuo interesse sarà autentico, più il tuo livello linguistico trarrà giovamento dalle conversazioni che riuscirai ad avere con la gente che trovi in giro.

La Spagna ha molto da offrire a livello culturale, in senso stretto, ma anche in senso lato come nel caso delle specialità culinarie. Fai un tuffo culinario nella cultura iberica?

L’attenzione, infatti, scaturisce dall’interesse per i temi. Se un discorso non ti attira, farai fatica a memorizzare e comprendere tutti i termini pronunciati. Non avrai il livello di veglia sufficiente per imparare qualcosa, soprattutto una lingua straniera.

Nei momenti di solitudine forzata – ognuno di noi, per fortuna ne ha durante il giorno –  poi, cerca di rielaborare tutto quanto ascoltato dagli ispanofoni madre-lingua – alla radio, in tv, in strada, in facoltà – al fine di fissare nella mente tutto il nuovo.

Trascrivere su carta – portando sempre con te un taccuino e una penna – i nuovi termini, i dubbi, le ipotesi di parole che elabori e di cui cerchi conferma, può aiutarti molto. Questi appunti, pensieri e riflessioni potrebbero essere poi “corroborati” – o più semplicemente corretti – insieme ad un madre-lingua o cercando informazioni su Internet, nei libri…

Uno spirito ed un’indole riflessiva, naturalmente, saranno più inclini a dedicarsi anche senza un insegnante, allo studio della lingua spagnola. Scrivere e comunicare pensieri, idee, riflessioni e scelte, allo scritto e all’orale è tipico di una certa profondità concettuale e culturale. Qualsiasi lingua, vicina o lontana rispetto alla nostra, potrà fungere da veicolo espressivo e liberare il potenziale comunicativo del più timido tra i timidi, se costui troverà un fattore scatenante.

Imparando la lingua di Cervantes da soli, il fattore scatenante dovrà attivarsi molto presto, corrispondendo ad un pretesto per leggere, scoprire, indagare, chiedere. L’indole speculativa, in termini di emozioni, scienze esatte, scienze umanistiche, sarà più facilità nello studio linguistico da autodidatta.

Essa richiede ed implica, abitualmente, una naturale propensione verso forme comunicative altre dalla sola pratica della lingua madre. La musica, una seconda, una terza ed una quarta lingua, a volte, sono i tratti distintivi del profilo culturale degli animi più sensibili e forieri di grossi risultati artistici, di fama mondiale.

Quando comunicare è avvertito come un’esigenza forte, nascono dipinti, brani, poesie destinati a diffondersi rapidamente e col plauso dei più vasti pubblici.

Chi ha un’indole artistica spesso si dà ugualmente con successo a diverse “arti”: linguistiche, oratorie, figurate…

Se parlare benissimo una seconda lingua può essere considerato un’arte, sappi che anche imparare lo Spagnolo – o altre lingue – da soli potrà essere considerato alla stessa stregua. Scoprire da solo le strutture sintattiche, i fonemi non è da tutti, ma oggi diversi strumenti tecnologici ti mettono nelle condizioni di poterlo fare.

Imparare lo spagnolo si fa parlando, scrivendo e leggendo, poi testandolo nell’interazione con altri individui…e con le macchine (i programmi per imparare lo spagnolo on line possono infatti prevedere un “botta e risposta” di fronte al proprio schermo, oltre ai casi di conversazione via Skype e simili).

I tuoi migliori amici, se decidi di imparare lo spagnolo da solo, all’estero o al corso di spagnolo, saranno il tuo stesso orecchio ed il blocchetto con penna. Infatti, con il primo capterai, afferrerai l’evento; con il secondo cercherai di fermarlo, per potervi ragionare su, per rielaborare e fare tutto quello che accade e scorre durante i tuoi giorni.

Allora che aspetti, carpe diem.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar