"Una lingua diversa è una diversa visione della vita”. Federico Fellini (1920 - 1993).

Se seguire dei corsi di inglese è una buona soluzione per familiarizzare con la lingua di Shakespeare, soggiornare presso una famiglia ospitante per una full immersion linguistica è una formazione ancora migliore.

Il Regno Unito di T. May ha deciso, secondo il Guardian, di ridurre il rilascio di visti per ragioni di studio, passando da 300.000 a 170.000, nonostante gli studenti stranieri fruttino circa 11 miliardi di sterline (13 miliardi di euro) allo stato.

Poco importa, l’obbiettivo resta comunque quello di andare nel Regno Unito o in un altro paese anglofono per diventare bilingue?

Ecco i nostri consigli per partire e vivere da una famiglia: la full immersion linguistica è considerata il miglior metodo per imparare l’inglese rapidamente.

Un soggiorno linguistico presso una famiglia ospitante: quali sono i vantaggi?

Poco importa l’età dello studente: perché andare all’estero quando si possono seguire corsi privati a domicilio grazie ai professori di Superprof o frequentare i corsi di un istituto scolastico italiano?

Soggiorno linguistico in Inghilterra
Vivere presso una famiglia inglese ci permette di imparare la lingua ma anche la tolleranza verso il prossimo.

Perché ci permette innanzitutto di imparare una lingua straniera stando immersi dalla mattina alla sera nella lingua e nella cultura del paese prescelto.

Imparare a parlare l’inglese all’interno di una famiglia significa seguire corsi intensivi presso un’insegnante madrelingua (la famiglia) e allo stesso tempo seguire una formazione in maniera informale.

Lo studente potrà condividere i pasti con chi lo accoglie, partecipare alle faccende domestiche e lasciarsi coinvolgere nelle loro attività, cose che lo aiuteranno a migliorare senza sforzo.

In questo modo si impara senza avere l’impressione di studiare intere pagine per memorizzare la grammatica inglese, i verbi irregolari e i vocaboli, il che è anche molto più efficace del guardare film in versione originale.

Il soggiorno all’estero è più economico di un programma studio in una scuola di lingua, poiché lo studente paga “solo” l’affitto della camera, quando invece spesso si sborsano almeno 1500 euro per un mese di corsi nella stessa scuola a Londra, Melbourne o New York.

Anche partendo dal livello principianti, parlare inglese tutti i giorni è senza dubbio il miglior metodo di apprendimento per ottenere un buon livello di lingua parlata e l’accento tipico della regione dove si risiede.

Si evita inoltre di ritrovarsi in situazioni in cui si può facilmente parlare la propria lingua madre trovandosi di fronte a un interlocutore italiano, come può capitare in un ostello della gioventù (backpacker hostel), un ostacolo fin troppo comune tra i viaggiatori.

Oltretutto è interessante poter imparare accenti diversi a seconda del paese dove si va: inglese americano, inglese scozzese, inglese irlandese, inglese australiano ecc.

Al contrario, i corsi frequentati in Italia in una scuola media o superiore, come prima o seconda lingua straniera, non danno accesso a questa peculiarità: vi si insegna un inglese letterario il cui insegnamento verte alla comprensione scritta più che all’espressione orale.

Oltre a memorizzare l’inglese grazie ai padroni di casa, ci si può far capire sempre più facilmente e migliorare ogni giorno l’intonazione, l’accento tonico, la pronuncia, le espressioni idiomatiche e ci si abitua a pensare in inglese.

Soggiorno linguistico in Inghilterra
All’inizio Alex voleva andare a New York, invece è andato da una famiglia a Toronto e si sta divertendo un sacco!

Ecco gli altri vantaggi del farsi ospitare da una famiglia:

  • Seguire corsi intensivi adattati: corsi di lingua almeno quattro ore al giorno tutta la settimana,
  • Vivere una full immersion linguistica,
  • Viaggiare all’estero ci permette di stringere nuovi legami di amicizia e di sentirci in vacanza,
  • Approfittare di una formazione “su misura”: si può scegliere tra opzioni del tipo corso+alloggio o corso+alloggio+semi-vitto o corso+alloggio+trasporto,
  • Lavorare sul posto: si può decidere di cercare un lavoro per finanziare il soggiorno e memorizzare altri campi lessicali più tecnici (per progredire rapidamente nell’inglese degli affari, per esempio),
  • Perfezionarsi e prepararsi a test di inglese quali il TOEIC, il TOEFL o lo IELTS,
  • Offrirsi un vantaggio comparativo sul proprio CV: agli occhi di un datore di lavoro la capacità di parlare fluentemente l’inglese è un importante fattore di idoneità.

Inoltre, tutti i giorni e a tutte le età, si potrà porre domande per scoprire la storia familiare o la cultura sociale della famiglia ospitante, capire meglio la storia dei paesi anglofoni e forse anche le loro tradizioni (compleanni, pasti, gite, vita di tutti i giorni e cultura inglese).

Porre domande per soddisfare la propria curiosità aiuterà dunque a migliorare rapidamente l’inglese!

Dove effettuare il soggiorno linguistico?

Bene, chi si deve contattare per trovare una famiglia ospitante?

Esistono miriadi di agenzie di viaggio e di scuole di lingue che organizzano soggiorni linguistici: passare per un organizzatore di viaggi all’estero permette di mettersi più facilmente in contatto con una famiglia ospitante.

Soggiorno linguistico in Inghilterra
Vivere all’estero: questa gente dipinge in modo strano, meglio far finta di niente...

Lingoo

Lingoo è una piattaforma che mette in relazione le famiglie che vorrebbero ospitare studenti stranieri e gli studenti che vorrebbero partire per uno scambio linguistico. Ciò non vuol dire che imparare l’inglese così sia facile (niente è facile quando si parte a studiare all’estero), ma il vantaggio è che ci si crea un viaggio a seconda dei propri obbiettivi, situazione ed età: non ci sarà più bisogno di fare noiosi esercizi di inglese, di grammatica e di vocaboli per assimilare ogni parola.

Migliaia di famiglie sono registrate su questo sito: assicurano ai loro ospiti vitto e alloggio, propongono loro di partecipare alle loro escursioni e alla loro vita di tutti i giorni. La particolarità di Lingoo è che permette alle famiglie e agli studenti di conoscersi prima della partenza, in modo tale da sapere già in anticipo se si hanno interessi in comune, se si condividono le stesse abitudini alimentari o lo stesso credo: ci si assicura insomma che lo scambio vada per il meglio!

Scegliere tra i profili delle famiglie iscritte, contattarle e prenotare un viaggio all’estero non è mai stato così facile!

La vita con la famiglia ospitante: una giornata tipo!

Chi decide di effettuare un viaggio linguistico, che si tratti di un bambino, di un adolescente, di uno studente o di un adulto, lascia un porto sicuro per andare a esplorare nuove abitudini: si tratta, insomma, di uscire dalla comfort zone per scoprire un universo sociale diverso dal proprio.

Soggiorno linguistico in Inghilterra
Partire in Australia per imparare l’inglese può anche voler dire assistere a un matrimonio nello stato di Victoria (Melbourne), kitsch ma unico!

È quindi una fonte di legami sociali e un vettore di socializzazione, ma bisogna imparare a vivere in una famiglia le cui abitudini e norme sono diverse dalle proprie.

Però, se la famiglia ospitante deve considerare il proprio ospite come membro della famiglia a tutti gli effetti per l’intera durata del soggiorno, è anche evidente che non modificherà i suoi programmi o abitudini a seconda di quelle della persona ospitata.

Diventeresti vegetariano solo perché uno studente che non mangia carne trascorre 15 giorni in Italia? Scommetto di no!

È l’ospite che deve adattarsi alla quotidianità della famiglia che lo accoglie e non il contrario, al fine di scoprirne la cultura, le abitudini e lo stile di vita.

All’interno di una famiglia l’apprendimento della lingua viene facilitato poiché si è spronati a conversare tutti i giorni in inglese: il che è perfetto per assimilare le regole di grammatica e arricchire il vocabolario!

Non bisogna aspettarsi di ricevere porzioni abbondanti a pranzo e di cenare alle 22: nelle società anglosassoni spesso si cena alle 18 e a pranzo le famiglie mangiano separatamente, a turno, un tramezzino.

Anche la colazione inglese è diversa dalla nostra: spesso è molto più consistente di quella italiana, dato che poi il pranzo è esiguo.

Ebbene sì, un viaggio linguistico va ben al di là dello studio della lingua, poiché si estende anche ai costumi del paese in questione.

Infine, ecco qualche consiglio per vivere in armonia con la famiglia ospitante all’estero, ben lontani dalla voglia di imparare l’inglese online:

  • Avere una mentalità aperta,
  • Comunicare con chi ci ospita,
  • Portare loro un regalo quando si arriva,
  • Adattarsi al loro ritmo (ai pasti, all’ora di andare a dormire o di svegliarsi, ecc),
  • Accettare le differenze culturali o socioeconomiche,
  • Partecipare alle faccende di casa (sparecchiare, aiutare a fare le pulizie o a cucinare, ecc.),
  • Ascoltare le loro conversazioni (ideale per imparare rapidamente l’inglese).

Ed ecco una cosa che non si fa mai abbastanza una volta tornati in Italia: restare in contatto con la famiglia che ci ha ospitato! Forse un giorno, diventando loro amici, si potrà tornare a trovarli senza dover passare per un’agenzia di soggiorni linguistici!

Bisogno di un insegnante di Inglese?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Stella

Traduttrice letteraria e linguista, mi piacciono i luoghi sperduti, i cactus e il rumore delle onde in tempesta.