Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Un aiuto multiforme per lottare contro l’insuccesso scolastico

Blog > Lezioni private > Ripetizioni > Le Ripetizioni Private: un Lavoro d’Equipe tra Studente, Genitori e Insegnante!

Il dopo-scuola non è una cosa da niente. L’insegnante privato non ha un lavoro come un altro da svolgere.

Impartire lezioni private domanda un’implicazione delle più grandi.  Naturalmente ciò non riguarda solo l’insegnante. Si parla infatti di un vero e proprio lavoro di squadra, tra insegnante, genitori ed alunno. Ogni attore si affiderà agli altri due. Per ragioni plurime.

L’obiettivo finale è uno ed uno solo. Far migliorare la media del ragazzo, alzare i suoi voti, superare un esame, evitare una bocciatura, prepararsi ad accedere ad università a numero limitato.

Il ricorso sempre più sistematico dei genitori alle ripetizioni

Una relazione di fiducia, come prima cosa

Anno dopo anno, le lezioni private e le ripetizioni a domicilio conoscono un successo crescente.

Naturalmente, noi di Superprof sappiamo bene di cosa stiamo parlando. Misuriamo il fenomeno costantemente, per via della missione che svolgiamo.

Deve invece capire quanto sia fatto per il suo bene e per il suo futuro. Fai in modo che il bambino non veda le ripetizioni come una punizione!

Le soluzioni on line, come la nostra, non cessano di moltiplicarsi. Insegnanti, professionisti, autodidatti spuntano come funghi, in tutta Italia. Le discipline proposte durante le ripetizioni sono sempre di più.

I genitori, da parte loro, non hanno alcuna remora a rivolgersi ad un insegnante, cui affidare con serenità ed entusiasmo i figli.

In effetti, a partire dal primo contatto, si tratta di stabilire una vera e propria relazione di fiducia reciproca tra le parti. E le parti, lo sappiamo, sono tra: insegnante, genitori, alunno. Ad ognuno spetterà svolgere una certa parte di lavoro, affinché l’alunno interessato raggiunga e superi obiettivi ed ostacoli (dalla scuola materna, passando per le elementari, la scuola media, la scuola superiore, fino all’università).

Questione di tempo o di competenze?

Come si potrebbe spiegare, al giorno d’oggi, il ricorso via via più sistematico ad insegnanti privati che tengono dopo-scuola a domicilio?

Per poter fornire risposte precise a questo genere di domande, ci siamo decisi ad intervistare un insegnante privato di Italiano e Storia. Parte integrante del sistema di istruzione pubblica, costui nota da decenni un cambiamento radicale a livello societario, cui imputa le nove tendenze del dopo-scuola.

Alcuni decenni fa, erano i genitori i primi concorrenti degli insegnanti privati. Il dopo-scuola era il tempo pomeridiano che mamme e bambini trascorrevano insieme. Una volta ritrovati i piccoli, fuori da scuola, padri e madri prendevano in carico la loro scolarità. Nulla di più classico, insomma.

Anche oggi, naturalmente, chi può continua a seguire da vicino i compiti dei propri figli. A volte lo fanno dei nonni o dei parenti. Ma le cose sono cambiate di molto.

La vita è cambiata molto negli ultimi decenni. Le madri hanno cambiato vita. Le donne lavorano oggi in modo ben più sistematico di quanto non facessero quelle delle passate generazioni.  Ed ecco emergere con forza la necessità di ripetizioni e dopo-scuola.

D’altra parte, sia madre che padre vengono spodestati, a causa di impegni lavorativi, rispetto alla funzione di mentori. Studiando sempre di più, specializzandosi, i genitori, che potrebbero oggi benissimo seguire i propri figli a scuola, svolgono ruoli lavorativi grandemente impegnativi. Devono allora rinunciare del tutto a seguire la scolarità della prole.  E restano via da casa per moltissime ore a settimana. E una volta rientrai, non è certo più l’ora di far svolgere i compiti ai bambini.

Non si tratta, insomma di competenze che mancherebbero, ai genitori, per riuscire ad aiutare i propri figli. Si tratta di totale e crudele mancanza di tempo.

Aiuto ai compiti: quali benefici attendersi?

Dopo tutto, perché occorre rivolgersi ad insegnanti del dopo-scuola a domicilio, prevedendo un accompagnamento nei compiti? E’ necessario,  utile, far prendere ripetizioni al proprio figlio, quando questi sembra seguire bene ciò che succede a scuola?

Diciamo, innanzitutto, che non si tratta di un problema di programma ministeriale.

Si tratta di scoprire i vantaggi innumerevoli delle ripetizioni a pagamento. Diciamo che tramite le lezioni private, tramite i corsi faccia a faccia, qualsiasi ragazzo si sente più stimolato. La libertà pedagogica propria del dopo-scuola a pagamento si evince, fra l’altro, tramite gli esercizi interattivi, tramite la curiosità e le discussioni, anche animate, possibili tra allievo ed insegnante privato. Questi ed altri aspetti mancano del tutto alle ore di lezione in classe.

D’altra parte, laddove un insegnante non possa proprio attardarsi a risolvere le difficoltà di un alunno, dovendo far seguire il programma ad una classe intera, un insegnante privato interverrà potendo soffermarsi a lungo. Ecco in cosa consiste l’importanza della presenza di un mentore a pagamento, di un segnante privato a domicilio. Costui si dedicherà ad ogni problema di comprensione, fino a raggiungere l’assimilazione della nozione corrispondente.

Starà ai genitori e al prof privato fargli capire l'importanza di andare a lezione doposcuola. Ovvio, che all’annuncio di ripetizioni cui andare, nessun bambino sarà mai così felice!

Il vantaggio del dopo-scuola risiede nel fatto di proporre una pedagogia più libera, rispetto a quella scolastica. Rilassata, per così dire, insomma. Sappiamo, del resto, che nella scuola pubblica italiana, si trovano ancora insegnanti non laureati. Ebbene, ingaggiando un insegnante privato, sarà possibile decidere anche che titolo di studio si pretende che questi abbia. Può sembrare senza peso, infatti. In realtà, tutto dipende dagli obiettivi che ci si prefigge, ricorrendo alle ripetizioni a pagamento.  Si vuole andar oltre il semplice programma scolastico? Si vuole che il proprio figlio punti ad una università a numero chiuso?

Ecco i ragionamenti dei genitori… Non sempre dei ragazzi, naturalmente… Ecco perché in un discorso generale sul ruolo delle ripetizioni a domicilio conta proprio l’intero trittico degli attori interessati. Andiamo a vedere, da vicino, questa relazione a tre.

Dopo-scuola a pagamento: analisi del trittico genitori-alunno-insegnante!

Senza una relazione di fiducia fra i tre attori, genitori, alunno ed insegnante, l’obiettivo del dopo-scuola non può essere mai raggiunto. E ciò a prescindere da quale sia, nel dettaglio, il servizio richiesto dai genitori:

  • Accompagnamento ai compiti,
  • Lezioni di recupero,
  • Aiuto per migliorare il livello scolastico,
  • Approfondimento nozioni specifiche,
  • Preparazione ad esami di accesso a facoltà a numero chiuso,
  • Preparazione di esami di scuola ed universitari,
  • Accompagnamento perenne allo studio,
  • Studio durante i periodi di vacanza…

Per aiutarti a vederci più chiaro, relativamente all’obiettivo che insieme a tuo figlio e all’insegnante privato vuoi perseguire, Superprof ti propone qui di provare a proiettarti nelle future lezioni a domicilio. Ci stai riflettendo su, ma non sai ancora decidere? Vediamo insieme dove possa portare questa relazione fra le tre parti…

La relazione genitori-alunni

Come ogni genitore di questo mondo (o quasi) ti preoccupi anche tu, relativamente all’avanzamento scolastico dei tuoi figli.

La preoccupazione sarà tanto maggiore quanto più tuo figlio, sia egli alla scuola media o al liceo, incontri delle difficoltà scolastiche. In un caso di difficoltà, lo sappiamo, si è spesso smarriti, non si sa subito come agire.  Si tratta di situazioni in cui, ormai, né gli elogi, né gli eccessivi rimproveri possono essere sufficienti a riparare.

A volte, un ragazzino deve affrontare e superare un sorta di blocco psicologico, specialmente in materie come la matematica, la chimica ed altri grossi ostacoli…

E' importante far passare il messaggio relativo all'utilità delle ripetizioni. Le ripetizioni private a domicilio sono così: ok!

Ma i genitori, non optano per il dopo-scuola a pagamento solo in caso di difficoltà. Succede spesso che facciano questa scelta proprio per via di ambizioni di rilievo. Può trattarsi di assicurare una media d’oro al proprio ragazzo o, come dicevamo prima, di facilitargli l’accesso a facoltà a numero chiuso.

Insomma, diciamolo chiaramente: nel 99% dei casi sono i genitori che prendono l’iniziativa delle ripetizioni a casa, non i ragazzi in prima persona. Ora, in questa «relazione scolare-parentale» sarà cura del genitore presentare al figlio, in modo desiderabile, questa prospettiva delle ripetizioni a pagamento. Insomma, bisogna che il ragazzo non prenda il dopo-scuola come un calvario o, peggio ancora, come una vera e propria punizione.

Dal canto suo, il ragazzo dovrà prendere coscienza del fatto che i suoi genitori stanno investendo una considerevole somma di denaro nelle lezioni private. Per molte famiglie, del resto, il sacrificio economico è duro da sostenere. Il giovane dovrà prendere sul serio l’insegnante e le lezioni a domicilio. Altrimenti l’investimento andrà a fondo perduto e sarà un vero e proprio spreco.

La relazione genitori-insegnante

Anche in tal caso, è molto interessante sottolineare il concetto di fiducia! Eccome!

Per un recupero del livello richiesto in base alla classe frequentata a scuola, per combattere il rischio di una bocciatura o per far sì che il giovane possa accedere ad una facoltà molto selettiva, hai deciso di affidare tuo figlio alle cure di un insegnante privato. Non è certo una cosa da poco.

L’insegnante da te prescelto, in effetti, riceverà a casa propria tuo figlio. In casi più sporadici si sposterà presso il vostro domicilio, per prodigare consigli, saperi e metodi. La fiducia da accordargli dev’essere a dir poco totale! Insomma, devi fin da subito essere convinto che questa persona possa essere il miglior professore per il dopo-scuola di tuo figlio.

Starà solo a te porre le giuste domande a tutti gli insegnanti che contatterai, per riuscire ad effettuare una corretta scelta. Bisogna che, attraverso le risposte di ognuno, tu possa facilmente sapere chi possa essere l’insegnante che fa al caso tuo. Ed è davvero importante sapere se l’insegnante selezionato sia davvero in grado di tenere delle buone ripetizioni a domicilio personalizzate per tuo figlio.

La fiducia, del resto, un vero professionista dell’insegnamento sa guadagnarsela, a ragione. Lo scopo delle lezioni, da parte dell’insegnante privato, non sarà di certo di correre col programma, ma di ottenere risultati concreti: voti migliori e mantenimento del miglioramento.

Teniamo presente che la relazione fra insegnante e genitori, oltre che di fiducia, sarà una relazione lucrativa. Un rapporto professionale e salariale, per dirla più crudamente. E un dettaglio, a tal proposito, non deve sfuggirti: in quanto rapporto di lavoro, questa relazione potrà dar diritto ad uno sgravio fiscale. È evidente, qui, che non stiamo proprio contemplando l’ipotesi di un’assunzione in nero.

La relazione insegnante-alunno

Un ruolo fondamentale nel successo ce l'ha la relazione di fiducia tra i tre attori. Uno studente felice, perché le sue lezioni private si svolgono nel migliore dei modi!

La relazione tra insegnante ed alunno è il meccanismo più delicato ed importante, in questa macchina costituita dall’incontro delle tre parti. Se questa s’inceppa, tanto dal punto di vista scolastico, quanto da quello affettivo, le ripetizioni saranno inefficaci.

Al contrario, se alunno ed insegnante riescono ad avvicinarsi relazionalmente, allora i risultati potranno superare le aspettative.

Ma la prima cosa è che l’insegnante venga davvero adottato dal proprio alunno. L’insegnante deve imparare come parlare al proprio alunno. Deve decriptare i suoi bisogni rapidamente. E se il ragazzo presenta blocchi di tipo psicologico rispetto a qualche disciplina e nozione oggetto del dopo-scuola, l’insegnante dovrà individuarli e trattarli.

È proprio in tal caso, alla fin fine, che la professione di insegnante privato rivela i suoi aspetti più psicologici che teorici. È la scuola, a volte, a produrre queste situazioni di stallo e blocco psicologico negli studenti. E non basta schioccare le dita, perché tutto scompaia. Occorre un lavoro minuzioso e dedicato!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar