Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

I consigli per progredire rapidamente nell’idioma di Joyce

Di Igor, pubblicato il 31/05/2018 Blog > Lingue straniere > Inglese > Come Imparare l’Inglese con Esercizi Quotidiani?

Sono davvero numerose le persone, di ogni età ed estrazione sociale, studenti o lavoratori, che desiderano imparare l’inglese a un certo punto del loro percorso di studi o nel corso della loro carriera. In molti casi questo desiderio è legato alla necessità di recuperare il tempo perduto, perché non si ha mai avuto la possibilità di approfondire la conoscenza di questa lingua, o perché la si è studiata per troppo poco tempo.

Esistono mille ragioni per decidere di studiare l’inglese, e ancor di più le applicazioni pratiche di questa lingua, un vero e proprio passe-partout per i viaggi, per la comunicazione online (corso inglese online) e per mille altri ambiti, lavorativi o ricreativi che siano.

Tuttavia non è sempre possibile trovare il tempo necessario da investire in modo serio nell’apprendimento dell’inglese. Lo studio di una lingua straniera, così come nel caso di una qualsiasi disciplina, richiede molto impegno, molto tempo e soprattutto molta dedizione.

Per poter imparare e progredire in modo significativo è assolutamente necessario dedicarsi quotidianamente allo studio e all’esercizio, diversamente i risultati potrebbero tardare ad arrivare. Pertanto prima di decidere di intraprendere un percorso di studio è importante comprendere se si è in possesso delle energie, del tempo e della passione necessari per poter affrontare con dedizione lo studio e il costante esercizio richiesti!

Come imparare l’inglese in soli 20 minuti al giorno

E' importante staccare pur sempre nella metodicità. Il cervello e il corpo si ritemprano e il lunedì sarai ancora più carico. Dal lunedì al venerdì: e durante i weekend riposo!

In che modo è possibile imparare a parlare fluentemente una lingua come l’inglese, molto diversa dall’italiano e con un sistema di pronunce davvero diverso e impegnativo? Sicuramente impegno, dedizione e una certa passione, ovviamente, saranno i tuoi alleati per affrontare lo studio di questa lingua. Non bisogna assolutamente temere, però, perché non si tratta certamente di un’impresa impossibile, al contrario! Nel nostro percorso di vita sono davvero tantissime le cose che possiamo  (e dobbiamo!) imparare, e lo si può davvero fare! Ma è possibile ottenere dei buoni risultati lavorandoci solamente una ventina di minuti al giorno? Questo è ciò che si chiedono tutti coloro che vorrebbero studiare l’inglese, e a questa domanda proveremo a dare una risposta qui di seguito!

In moltissimi siti web viene proposta l’idea e la reale possibilità di imparare la lingua inglese in soli venti minuti al giorno, o persino in soli cinque minuti. Sarà vero? E soprattutto, sarà una cosa possibile? L’idea è certamente allettante e, se davvero applicabile ed efficace, potrebbe attirare l’attenzione di tutte quelle persone che non dispongono di molto tempo da dedicare allo studio di una lingua straniera! Non sempre infatti si dispone del tempo necessario per un tipo di apprendimento metodico, assiduo ed intenso della lingua di Shakespeare.

Chi  di noi, infatti, dispone al giorno d’oggi – con gli impegni lavorativi, lo sport all’aria aperta o in palestra, i figli da portare ai corsi di musica o di danza- di circa un’ora al giorno per 3 o 4 giorni alla settimana da dedicare allo studio e all’approfondimento di una lingua straniera? Perché per poter davvero imparare una lingua seguendo un metodo tradizionale e strutturato le tempistiche sono proprio quelle. L’impegno normalmente richiesto è quello, all’incirca tre quattro ore settimanali e un costante esercizio scritto e orale.

Disporre di tempistiche simili è oggettivamente arduo quando si hanno impegni lavorativi e familiari da rispettare, pertanto può davvero risultare utopico ritagliarsi un’ora al giorno o poco meno da dedicare allo studio. Sicuramente uno studente risulta agevolato, perché generalmente il tempo a sua disposizione è sicuramente maggiore rispetto a quello di una persona che lavora, come maggiori sono la predisposizione allo studio quotidiano e la propensione a imparare cose nuove e a metterle in pratica rapidamente. Una mente già allenata e costantemente abituata a imparare e a ripetere sicuramente avrà performance migliori rispetto a una mente non più abituata a studiare e a memorizzare nozione, di qualunque tipo esse siano.

Studiare richiede tempo Studiare richiede un gioco a incastro del proprio tempo

Essere in possesso di tanto tempo è una chimera che riguarda davvero poche persone nella nostra società: a volte è difficilissimo, forse impossibile, ritagliarsi del tempo per sé, a meno di essere già in pensione e di non avere nipoti troppo impegnati da scarrozzare a destra e a sinistra! Proprio per questo motivo sta prendendo sempre più piede l’idea di imparare l’inglese “in pillole”, dedicando allo studio di questa bellissima lingua solamente 20 minuti al giorno! Si tratta di un’idea davvero interessante per tutti coloro che vorrebbero imparare velocemente la lingua senza necessariamente dover sacrificare il proprio risicato e preziosissimo tempo!

Purtroppo oggi le cose che più ci mettono in difficoltà sono il sovraccarico di impegni e l’esiguità del tempo a nostra disposizione, pertanto tutte le idee o i sistemi che possano in qualche modo consentirci di risparmiare tempo e riuscire a consentirci comunque di svolgere ciò che desideriamo fare sono sempre ben accetti! Il tempo è davvero merce rara oggi giorno, per cui va valorizzato e soprattutto gestito in modo adeguato!

D’altra parte imparare l’inglese è oggi un  vantaggio innegabile professionalmente, oltre a essere quasi un obbligo per moltissime persone e per innumerevoli professioni! Nell’attuale mondo globalizzato conoscere le basi dell’inglese è un prerequisito essenziale per svolgere tantissimi lavori, dall’insegnamento alla vendita, dall’informatica al turismo! Sul piano professionale è davvero importante possedere un inglese fluente e sciolto, e poter inserire nel proprio curriculum vitae questo tipo di competenza non può che risultare un plus innegabile, oltre al fatto che realmente non se ne può fare a meno in tantissime situazioni, e non solo di natura lavorativa!

Anche seguire un film in versione originale senza perdersene la metà leggendo i sottotitoli non è male come vantaggio, non credi? Siamo infatti immersi in una cultura globalizzata quasi del tutto dominata dal mondo anglo sassone, che con i suoi film, la sua musica le sue serie tv influenza quotidianamente le nostre vite! Inoltre non sottovalutiamo la dimensione comunicativa davvero importantissima: oggi per poter viaggiare in qualsiasi parte del mondo parlare un po’ di inglese è diventato un requisito fondamentale!

Poter viaggiare nel  mondo facendosi capire ovunque non ha davvero prezzo, e conoscendo le basi della lingua inglese consente di affrontare un qualunque viaggio nella piena certezza di potersela cavare, almeno per le comunicazioni essenziali. L’inglese è diventata la lingua franca incontrastata in tutto il mondo, e anche nei più remoti angoli del pianeta troverete qualcuno in grado di parlottarlo un po e con il quale potrete comunicare! In questo senso l’inglese è davvero una competenza essenziale se si desidera viaggiare e conoscere il mondo intorno a noi!

Inglese e mondo del lavoro Imparare l’inglese è un ottimo investimento per il proprio futuro lavorativo

Ma a cosa servono e come funzionano questi supposti  metodi “miracolosi” che promettono di farci diventare bilingui nell’arco di pochissimi mesi con il solo sforzo richiesto di circa venti minuti al giorno? Sarà davvero possibile conseguire risultati significativi con un tipo di impegno così limitato?

Bisogna sicuramente partire dalla motivazione, un aspetto imprescindibile per affrontare qualsiasi nuova sfida e per dedicarsi a un qualunque nuovo apprendimento. Per riuscire a parlare inglese rapidamente infatti occorre volerlo fortemente, occorre amare (o imparare ad amare) la lingua, e a trovare degli stimoli sempre nuovi, per mezzo dei quali affrontare questo tipo di studio risulterà eccitante e sempre stimolante!

Appassionarsi ai film in lingua originale, così come studiare i testi delle canzoni sono infatti metodi sempre validi e decisamente fruttuosi, pertanto il nostro consiglio è quello di provare a iniziare partendo proprio da un genere musicale o da un genere cinematografico. Appassionandosi a qualcosa che ci piace si è certamente facilitati nel percorso di apprendimento di una lingua straniera!

Un impegno di circa venti minuti al giorno (per quanto siano davvero pochi) verrà sprecato se non riuscirai a sentirti davvero implicato, coinvolto con la disciplina che intendi approfondire.  Bisogna prendere gusto nell’apprendimento, e per poterlo fare è davvero fondamentale trovare degli “appigli” culturali che consentano di voler fortemente imparare la lingua. Che si tratti di un film o di una poesia, di uno sport o di un argomento culturale di qualunque natura, la passione può davvero essere la chiave di volta nel tuo percorso di apprendimento! Tuttavia, per quanto davvero importante e centrale, la passione e l’interesse culturale per una lingua non sono purtroppo sufficienti per poter progredire in modo significativo e conseguire dei risultati soddisfacenti!

La nostra seconda osservazione, che è anche un consiglio (molto prezioso!) è la seguente: la regolarità è una delle chiavi dell’apprendimento, a qualsiasi ambito esso appartenga. Meglio lavorare un po’ ogni giorno, che farlo per ben tre ore ogni quindici! La costanza, l’esercizio costante e un approccio metodico e sistematico all’apprendimento ti consentiranno di fare moltissima strada nel tuo percorso, perché lavorare un pochino ogni giorno farà si che le tue competenze si consolidino man mano, sedimentandosi in modo profondo. Come per lo studio di qualunque disciplina, un atteggiamento caratterizzato da una grande  dedizione e da un impegno costante è ciò che garantisce un successo assicurato!

Studiare tutti i giorni fa migliorare Sessioni di studio brevi, ma costanti: la chiave del successo!

In teoria, quindi, un metodo d’apprendimento basato su delle sessioni brevi e non troppo impegnative potrebbe risultare efficace!

E del resto in effetti venti minuti al giorno sono pur sempre due ore alla settimana, in media (a seconda che si consideri il week end o meno)! Davvero il segreto di metodi basati su un impegno breve ma costante consiste nell’obbligare il discente a riflettere e ripassare quotidianamente gli elementi chiave della disciplina che studia, mantenendo sempre fresche le competenze e vitale l’interesse! Il metodo ovviamente potrà  davvero funzionare solamente se i venti minuti in questione verranno utilizzati bene e soprattutto in modo sensato!

In compenso, lavorare meno di venti minuti al giorno non sembra proprio promettere gran che, ne garantire dei risultati soddisfacenti! Questi famigerati venti minuti rappresentano infatti la durata minima di ogni tipo di apprendimento in qualsivoglia dominio. Questa soglia minima non va mai disattesa, se si vuole evitare di perdere il proprio tempo! Anche perché bisogna tener conto che ogni volta occorreranno almeno cinque minuti per entrare in medias res e per raggiungere la concentrazione necessaria per poter entrare nel vivo dello studio! Partire a esercitarsi da zero è davvero impegnativo, pertanto quei venti minuti serviranno sia a scaldarsi che a entrare appieno nell’argomento studiato! L’esercizio costante può risultare efficace solo se nel farlo si rispetteranno le tempistiche suggerite, e nel rispettarle le si utilizzino in modo sensato.

Pianificare l’apprendimento e darsi degli obiettivi

Lavorare 20 minuti, in astratto non vuol dire nulla. Ciò che conta è definire cosa si intenda per “lavorare”. In economia, e non solo, la durata del tempo di lavoro conta decisamente molto meno della produttività.

Il tuo cervello deve abituarsi sempre e solo alla lingua inglese; solo così potrà rispondere in inglese agli stimoli che riceverà. Se tutto quello che fai, lo fai in inglese, migliorerai rapidamente!

È meglio lavorare quindici minuti essendo produttivi, che non trenta senza lavorare realmente. Saper utilizzare in modo fruttuoso il proprio tempo è un talento oltre che un’abitudine, e andrebbero entrambe coltivate e sviluppate! I venti minuti giornalieri di esercizio possono essere efficaci in tempi brevi solamente se:

  • Si lavora seriamente e assiduamente
  • Si segue un planning per non abbandonare a metà strada e si rispetta il programma d’apprendimento
  • Ci si danno degli obiettivi: imparare l’inglese in cinque mesi, per esempio

Di fatto, il rischio principale, lavorando venti minuti al giorno, è abbandonare dopo un paio di settimane: in effetti la disciplina è un elemento critico per molti di noi. L’idea do dover seguire una routine quotidiana può risultare davvero faticosa, sebbene sia un aspetto imprescindibile in qualunque percorso di apprendimento. Solamente l’impegno quotidiano e costante ti può garantire un buon successo nell’imparare la lingua inglese, che, pur non essendo troppo complessa, richiede comunque una concentrazione e un esercizio costanti!

Preparati quindi a individuare un breve momento all’interno della tua routine quotidiana durante il quale poterti esercitare, scegliendo il modo a te più congeniale. Che si tratti di esercizi di ascolto, o di scrittura, l’importante è essere costanti e non mollare mai! Più si insisterà nell’esercizio, maggiori saranno i risultati!

Succede di trovare qualche scusa per annullare una sessione di lavoro e, più in generale, è difficile concedersi ogni giorno questi famigerati venti minuti, anche se non si tratta di una durata eccessivamente lunga. Se lavori intensamente venti minuti al giorno, otterrai degli ottimi risultati in tempi relativamente brevi, ma dovrai attenersi in modo saldo e fedele al planning che avrai scelto di seguire e che sarà stato creato per rispondere alle tue esigenze! Tale pianificazione è il segreto del tuo successo! Migliore sarà il tuo planning, migliore sarà il tuo inglese! Provare per credere!

Ecco perché molti preferiscono organizzare delle sessioni di un’ora ogni tre giorni. La cosa risulta più facile da rispettare, meno costrittiva. Imparare l’inglese lavorando 20 minuti è possibile, ma richiede forte motivazione, determinazione senza tregua, impegno reale. Se vuoi imparare l’inglese studiando 20 minuti al giorno, la durata dell’apprendimento dipenderà dal tuo livello iniziale d’inglese.

Studiare inglese a tutte le età Le tempistiche di apprendimento sono legate a molti fattori, anche individuali

Se sei proprio un principiante considera 6 – 8 mesi. Se hai già delle basi, puoi iniziare a ben capire l’inglese in 4 mesi. In base al livello ed al numero delle lezioni di inglese, fissa in partenza la durata necessaria ad imparare la lingua.

Si tratta di un buon modo per riuscire a rispettare gli impegni.

È anche utile fare una lista di tutti i vantaggi che ti offrirebbe la padronanza completa dell’inglese. Dovrai esercitare l’ascolto, la pratica, la lettura e la scrittura dell’inglese.

Tieni sott’occhio questa lista (o almeno in testa): se dovessi perdere la motivazione, rileggerla ti farà ripartire col piede giusto!

Quando prevedere le sessioni di 20 minuti?

Come posso apprendere a parlare la lingua inglese? Con corsi di inglese online? Non esiste una regola generale: alcune persone studiano meglio al mattino, altre a mezzogiorno, altre la sera.

Soprattutto, ogni cosa dipende dal tuo impiego del tempo. Ecco, tuttavia, alcuni consigli generali:

  • Al mattino si è generalmente più efficaci, anche se la cosa varia da un soggetto all’altro. Se prendi il bus o il treno per recarti a scuola o al lavoro, perché non provi a studiare durante il tragitto?
  • Alcuni lavorano bene tra mezzogiorno e l’una, durante la pausa pranzo. Se non ti avvali del trasporto pubblico al mattino e se alle sette sei ancora troppo stanco per far lavorare il tuo cervello, puoi provare a riservare i venti minuti verso l’ora di pranzo. Una forchettata di pasta e un verbo irregolare!

Durante la pausa pranzo, nei trasporti pubblici, o la mattina prima di colazione. Trova i tuoi 20 minuti da dedicare all'inglese. Trovare 20 minuti in un giorno, è facile!

  • Altri amano studiare la sera, anche tardi. Diciamo che sarebbe sconsigliato, anche se come sempre dipende dai soggetti. Perché? Perché dopo una giornata di lezioni (non di lezioni d’inglese) o di lavoro, il cervello ha di solito lavorato fin troppo ed è dunque più stanco e meno efficace. E poi la notte è fatta per dormire, per consentire al corpo di riposare e per non sballare i ritmi circadiani.
  • Esercitare il tuo inglese 20 minuti ogni giorno senza eccezione può rivelarsi barboso e scoraggiante. Per non demotivarti di fronte a questa meticolosità da orologiaio svizzero, fai una pausa durante il week-end e nelle vacanze. Ti sarà più facile accettare questa autodisciplina dei venti minuti quotidiani durante la settimana.
  • Puoi anche leggere le notizie in inglese e consultare delle risorse in inglese. Anziché aprire i portali di un quotidiano italiano, cerca la stampa inglese o americana. Le notizie dal mondo saranno le stesse, magari trattate anche meglio, ma sicuramente imparerai vocaboli nuovi.

Fissarsi degli obiettivi quotidiani

Al di là dell’obiettivo globale che è quello di padroneggiare l’inglese, devi fissarti dei sotto-obiettivi. In 20 minuti non si può riuscire a dedicarsi sia alla grammatica, sia al vocabolario, sia alla lettura.

Devi organizzare un planning che alterni ogni giorno diversi aspetti della lingua da approfondire. Ad esempio: potresti decidere di imparare dieci parole di vocabolario il lunedì, di dedicarti al present perfect il martedì, di leggere un articolo in inglese il mercoledì, di apprendere altre 10 parole il giovedì, di imparare una regola di grammatica il venerdì. E di riposare durante il weekend. Nell’apprendimento, la memoria è la facoltà più sollecitata.

La memorizzazione è in parte “arte della ripetizione”.

Se vuoi memorizzare in fretta, devi “ripassare” ciò che già sai, devi riapprendere le stesse cose più volte.

Concretamente, se impari dieci parole di vocabolario lunedì, rileggi la lista il mercoledì per fissare bene nella tua memoria i nuovi termini.

Altrimenti, il rischio che correrai è quello di dimenticare tutto a mano a mano che avanzi nel programma di apprendimento. Se non seguirai questo consiglio, avrai lavorato per niente (o quasi).

Nota bene: esistono molti manuali con schede di inglese su ogni aspetto della lingua, tra cui il vocabolario, la grammatica, la coniugazione (del tipo “50  schede di vocabolario inglese”). Dedica un po’ di tempo alla scelta dei libri giusti.

Di preferenza, opta per un libro a tema: sul vocabolario, sulla grammatica, etc.

I libri saranno così anche meno pesanti trasportare, cosa importante se ti interessa studiare sul treno o sul bus (per ingannare il tempo durante uno spostamento).

Ricordati di praticare l’inglese

Non basta dedicarsi 20 minuti al giorno al proprio inglese. Infatti, per avanzare seriamente nelle lezioni di inglese, bisogna innanzitutto praticare insieme a degli anglofoni.

Ma con chi parlare inglese? Domanda che si pongono in molti.

Come si può fare per imparare la lingua inglese da soli, senza l’aiuto di nessun altro? Come si possono capire le mille sfumature degli accenti e delle pronunce se non sentendo ripetere le parole e le frasi da un inglese doc?

Domanda giustificata, in parte: si sa che gli italiani non sono delle cime in inglese. Può quindi sembrare pazzesco cercare degli interlocutori.

In realtà se vuoi dialogare nella lingua dell’autore dell’Ulisse, vi sono diverse possibilità a tua disposizione:

  • Di certo avrai un amico, un vicino, un parente che parla inglese. Cerca di chiacchierare con lui in inglese.

Se quello che conosci non vive qui in Italia, lo puoi sempre raggiungere per telefono o, meglio ancora, via Skype. Per affinare la tua pronuncia e la tua comprensione, parla con un inglese!

  • Puoi anche informarti presso associazioni di anglofoni.
  • Su internet è facile trovare degli anglofoni, dei corrispondenti e dialogare con loro via Skype. Esistono anche degli appositi siti dedicati a questo genere di incontri.
  • Prendi delle lezioni di inglese da un insegnante privato di inglese.

Cerca di parlare inglese almeno un’ora – un’ora e mezzo al mese.

Questa pratica concreta dell’inglese completa bene l’apprendimento teorico fatto in solitario. Per progredire rapidamente occorre mischiare sempre pratica e teoria.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar