“La pazienza è aspettare. Non aspettare passivamente. Questa è pigrizia. Ma andare avanti quando il cammino è difficile e lento." — Lev Tolstoj

A partire dal 4 marzo 2020, giorno in cui le scuole elementari, medie e superiori e le università di tutta Italia hanno chiuso in seguito alle decisioni del governo volte a fermare la diffusione del coronavirus, molti studenti hanno creduto in un primo momento di essersi guadagnati una vacanza supplementare, prima di riprendere i corsi poche settimane più tardi. Purtroppo invece la crisi dovuta al Covid19 si è rivelata più dura del previsto, e tra continue chiusure e riaperture degli stabilimenti scolastici, dovremo attendere probabilmente ancora diversi mesi prima di poter tornare alla vita di prima.

È impossibile ad oggi dire con certezza quando questo periodo difficile sarà definitivamente alle nostre spalle, anche se sembra probabile che entro la fine dell'anno dovremmo tornare ad avere un po' di speranza. Una cosa però è certa: non è possibile smettere di studiare per mesi interrompendo del tutto il proprio percorso scolastico e formativo. Anche perché gli esami di terza media e di quinta superiore, così come gli esami all'università, continueranno a svolgersi anche durante la pandemia, talvolta ricorrendo ai colloqui online, soprattutto nel caso degli studenti universitari.

Ma come si può continuare a studiare e imparare da soli chiusi in casa? Quali sono gli strumenti che insegnanti, genitori e alunni possono utilizzare per consolidare le nozioni acquisite e continuare l'apprendimento scolastico fino alla totale riapertura delle scuole? Superprof ti aiuta a capire come organizzare una vera e propria homeschool per i/le tuoi/tue bambini/e!

I migliori insegnanti disponibili
Prima lezione offerta!
Barbara
5
5 (2 Commenti)
Barbara
25€
/h
Prima lezione offerta!
Maurizio
5
5 (2 Commenti)
Maurizio
20€
/h
Prima lezione offerta!
Giorgia
5
5 (23 Commenti)
Giorgia
20€
/h
Prima lezione offerta!
Serena
4,9
4,9 (14 Commenti)
Serena
25€
/h
Prima lezione offerta!
Rina clece
5
5 (3 Commenti)
Rina clece
16€
/h
Prima lezione offerta!
Cristiana
5
5 (20 Commenti)
Cristiana
20€
/h
Prima lezione offerta!
Lara
4,9
4,9 (14 Commenti)
Lara
25€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (5 Commenti)
Paolo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Laura
5
5 (5 Commenti)
Laura
18€
/h
Prima lezione offerta!
Bruno
5
5 (13 Commenti)
Bruno
15€
/h
Prima lezione offerta!
Nath
5
5 (115 Commenti)
Nath
40€
/h
Prima lezione offerta!
Arianna
5
5 (5 Commenti)
Arianna
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (14 Commenti)
Giuseppe
35€
/h
Prima lezione offerta!
Antonino
5
5 (18 Commenti)
Antonino
20€
/h
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (11 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (6 Commenti)
Andrea
28€
/h
Prima lezione offerta!
Barbara
5
5 (2 Commenti)
Barbara
25€
/h
Prima lezione offerta!
Maurizio
5
5 (2 Commenti)
Maurizio
20€
/h
Prima lezione offerta!
Giorgia
5
5 (23 Commenti)
Giorgia
20€
/h
Prima lezione offerta!
Serena
4,9
4,9 (14 Commenti)
Serena
25€
/h
Prima lezione offerta!
Rina clece
5
5 (3 Commenti)
Rina clece
16€
/h
Prima lezione offerta!
Cristiana
5
5 (20 Commenti)
Cristiana
20€
/h
Prima lezione offerta!
Lara
4,9
4,9 (14 Commenti)
Lara
25€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
5
5 (5 Commenti)
Paolo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Laura
5
5 (5 Commenti)
Laura
18€
/h
Prima lezione offerta!
Bruno
5
5 (13 Commenti)
Bruno
15€
/h
Prima lezione offerta!
Nath
5
5 (115 Commenti)
Nath
40€
/h
Prima lezione offerta!
Arianna
5
5 (5 Commenti)
Arianna
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (14 Commenti)
Giuseppe
35€
/h
Prima lezione offerta!
Antonino
5
5 (18 Commenti)
Antonino
20€
/h
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (11 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (6 Commenti)
Andrea
28€
/h
1a lezione offerta>

Le risorse pedagogiche per gli alunni delle scuole materne e elementari 

Anche se le scuole sono chiuse, gli insegnanti possono sempre restare in contatto con i propri alunni.
Le nuove tecnologie sono alla base di numerose risorse didattiche pensate per gli alunni delle scuole materne e elementari e gli studenti di scuole medie e superiori.

L’email e il telefono 

Sebbene non ci sia una regola fissa a riguardo, raccomandiamo agli insegnanti di comunicare con ogni alunno e con la famiglia almeno una volta a settimana, che sia attraverso uno scambio di online o per via telefonica.

Assicurati quindi che la scuola disponga del tuo indirizzo email e del tuo numero di telefono, in modo che sia il preside che i maestri possano sempre contattarti per verificare come sta il/la bambino/a o per comunicarti informazioni importanti.

Molte scuole comunicano anche attraverso le bacheche che si trovano fuori dall'edificio, o attaccando le circolari sui cancelli di ingresso. Tuttavia, ti ricordiamo che gli spostamenti andrebbero limitati il più possibile, e che bisognerebbe privilegiare gli strumenti che consentono di comunicare a distanza, come email, sms, chat gratuite o telefonate.

La cosa importante è non convincersi che le scuole siano chiuse e non ci sia quindi più bisogno di un dialogo tra alunni, genitori e insegnanti, poiché è essenziale continuare a coltivare lo scambio per rimanere informati su tutti i provvedimenti e per non rischiare che gli alunni perdano l'abitudine di studiare regolarmente.

Le lezioni virtuali 

Molti insegnanti organizzano lezioni virtuali per continuare l'attività didattica anche durante la chiusura delle scuole. Per accedere a una lezione virtuale, tuo/a figlio/a avrà bisogno di un computer con una webcam, di un tablet o di uno smartphone (potrai ovviamente prestare il tuo, poiché è sconsigliato che bambini in tenera età utilizzino dispositivi tecnologici senza la supervisione di un adulto) e di un programma o un'app per le videochiamate (Skype, ad esempio). In questo modo, potrà seguire la lezione da casa anche se la tua regione si trova in zona rossa a causa del covid.

Non preoccuparti, le lezioni virtuali non vogliono sostituire le vere lezioni scolastiche, e non possono avere una durata troppo lunga, poiché non è salutare per un bambino restare troppo a lungo davanti a uno schermo. Inoltre, l'insegnante farà fatica a mantenere alta la concentrazione di tutta la classe in videochiamata.

Si tratta comunque di un ottimo modo per mantenere vivo il rapporto tra compagni/e e tra insegnanti e alunni/e. Mentre il mondo scientifico fa tutto il possibile per trovare una soluzione alla pandemia di coronavirus, sviluppando sempre più vaccini che ci permetteranno di immunizzarci, abbiamo la responsabilità di continuare a far funzionare servizi essenziali come quello scolastico e dell'università, sia pure online.

Posso contattare il preside e gli insegnanti della scuola di mio/a figlio/a? 

Dall'introduzione della scala cromatica dell'indice di contagio per regione, a seconda del colore della zona in cui vivi, le misure di restrizione possono essere più o meno severe. Le regole del distanziamento sociale sono invece sempre valide anche per il/la preside e il corpo docente. Non è quindi consigliabile richiedere un colloquio a quattr'occhi col/la preside della scuola del tuo bambino. Tuttavia, potrai comunicare con lui/lei via telefono o via mail negli orari di apertura delle scuole. Potrà così rispondere alle tue domande e aiutarti a organizzare al meglio l'attività didattica del/la tuo/a piccolo/a da casa. Ricorda che la tua perplessità e i tuoi dubbi sulla dad sono più che legittimi, ma che il personale scolastico sta facendo l'impossibile per adattarsi a questa situazione, che per fortuna non è destinata a durare anni.

La stessa cosa vale per gli insegnanti di tuo/a figlio/a. Dovrebbero essere disponibili via mail o per via telefonica, di solito nelle ore che in genere dedicano alla scuola. Non esitare a contattare la scuola o il comune se hai bisogno di informazioni supplementari sui servizi offerti dalla tua città. Altrimenti, recati sul sito del ministero della pubblica istruzione. 

I bambini più piccoli non possono trascorrere ore sui libri: gran parte dell'apprendimento avviene tramite il gioco.
Ricorda di organizzare delle pause e di privilegiare anche le attività manuali con i bambini più piccoli.

Lavoro nel settore sanitario e ho bisogno di un/una babysitter. Come posso fare? 

Le scuole sono chiuse e i bambini non possono essere accolti come d’abitudine dagli istituti scolastici. Tuttavia, se lavori nel settore sanitario e sei non ti è possibile affidare tuo/a figlio/a ad altri membri della famiglia mentre sei al lavoro, ricorda che potrai accedere ai bonus babysitter previsti dal governo.

Inoltre, la società civile si è dimostrata molto reattiva da questo punto di vista, e molte persone hanno offerto il loro aiuto, arrivando addirittura a creare una app che consente a medici, infermieri ecc di ricorrere a un servizio di babysitting gratuito su base volontaria (trovi le offerte sul portale Yoopies).

Da marzo 2020, la società ha avuto imparare a mutare rapidamente, adattandosi alle esigenze dovute a questa nuova situazione. Una delle categorie più colpite è sicuramente quella dei medici e degli infermieri, che hanno lavorato a un ritmo potenziato correndo talvolta grandi rischi per la propria saluta e vedendo la propria vita stravolta. Superprof ci tiene a ringraziare dottori, dottoresse, infiermieri/e, e in generale tutto il personale sanitario che in questo ultimo anno si è dedicato alle cure di chi è stato contagiato da questo nuovo virus.

Segui i consigli Superprof per continuare a imparare da casa!

Ci sono molti compiti. Sono obbligatori? 

La prima settimana di corso, hai forse avuto l’impressione che tuo figlio/a fosse sommerso/a dai compiti dati dall’insegnante. Il lockdown non è un periodo di vacanze e bisogna trovare la propria velocità di crociera tra il telelavoro, il lavoro all’esterno (se ad esempio fai parte del personale sanitario o lavori in un supermercato), l’organizzazione delle faccende di casa e la homeschool.

Inizialmente, l’obiettivo dell'attività didattica a distanza non consisteva troppo nel far acquisire molte nuove nozioni ai/alle propri/e figli/e, ma nel mantenere quelle acquisite, consolidandole e arricchendole grazie agli esercizi e al ripasso. Purtroppo, con l'aumento dei contagi in autunno e la terza ondata nel mese di marzo, si è dovuto avanzare con lo studio, facendo le scelte più adatte a questa situazione inedita, che permettano ad alunni e insegnanti di seguire il programma scolastico senza accumulare troppi ritardi o lacune.

Continuando a lavorare da casa, gli studenti saranno pronti a tornare a scuola appena possibile, e non avranno perso l'abitudine allo studio.  

Ovviamente non è il caso di punire i bambini che non riescono a svolgere i compiti in questo periodo — gli insegnanti sanno bene quanto questa fase possa essere difficile anche per i più piccoli — ma è proprio nel loro interesse che bisogna spingerli a studiare il più possibile.

Conosci tutte le possibilità che offre internet per continuare a imparare?

Non ho internet, come posso ottenere le informazioni e i compiti? 

Rivolgiti al preside della scuola o agli insegnanti e spiega loro la situazione. La scuola dovrebbe in questo caso prendere le disposizioni necessarie affinché tuo figlio possa lavorare con documenti cartacei: manuali scolastici, quaderni, fotocopie, ecc…

Ti sarà forse chiesto di andare a scuola una volta a settimana per recuperare i documenti, o in alternativa potresti riceverli via posta. Insomma, la soluzione migliore è trovare un accordo con la scuola, a seconda del singolo caso.

Ricorda di agire sempre nel rispetto del personale scolastico, che da marzo 2020 si trova come tutti noi a dover far fronte a uno dei periodi più difficili della storia contemporanea, e anzi, gioca una parte fondamentale in questo periodo storico.

Per alcuni studenti, non poter più andare a scuola e vedere i propri compagni può diventare una grande fonte di stress.
Resta in contatto con i professori di tuo/a figlio/a e informali subito in caso di problemi legati alla sfera scolastica.

Le risorse a disposizioni degli studenti delle medie e del liceo 

I manuali scolastici 

Dal momento che gli studenti li hanno già acquistati a inizio anno, i professori possono servirsi dei manuali scolastici per assegnare esercizi e proporre risorse supplementari agli alunni che devono studiare da casa.

Gli insegnanti possono chiedere agli alunni di leggere i testi del manuale e di analizzarli, ma anche di effettuare una ricerca su un determinato tema studiato in classe. Ovviamente, gli argomenti di studio verranno ripresi durante le lezioni online.

Tuttavia, i manuali scolastici e gli strumenti cartacei sono da privilegiare, perché bisogna evitare che gli alunni passino troppo tempo davanti allo schermo.

Scopri come creare una routine scolastica in casa!

Non ho un computer a casa, come fare? 

Se a casa non hai un computer o una connessione a internet, dovrai contattare il capo dello stabilimento o gli insegnanti di tuo figlio al fine di avere accesso ai documenti in formato cartaceo. 

La scuola di comunicherà le modalità gli strumenti più idonei per permettere a tuo/a figlio/a di studiare durante il lockdown, anche senza ricorrere alle nuove tecnologie, o in alternativa ti presterà un computer fino alla ripresa delle lezioni.

La sfera sociale è quella più colpita dall'epidemia di Covid19. Sentirsi lontani dai propri affetti può causare grande dolore.
Ricorda di stabilire delle pause frequenti nello studio, e consenti a tuo/a figlio/a di mantenere i contatti con i propri compagni di classe e con i/le propri/e amici/che affinché non si senta isolato/a!

Sono rappresentante dei genitori. I consigli di classe si svolgeranno anche durante il lockdown? 

I consigli di classe non sono annullati e possono essere organizzati a distanza. Sta alla scuola e al corpo docenti stabilirne la frequenza, le date, ecc… Mantieniti in contatto con la scuola e assicurati di ricevere tutte le comunicazioni.

Il continuo passaggio tra zone rosse, arancioni e gialle non rende semplice l'applicazione di nuove misure, ma per fortuna con un po' di pazienza potremo presto tornare a usufruire dei servizi scolastici e universitari a pieno, e la dad forzata rimarrà solo un brutto ricordo. In questa fase più che mai è essenziale prestare attenzione non solo alla frequenza di studio, ma anche alla salute e all'equilibrio mentale dei più giovani, che più di tutti potrebbero avere difficoltà ad accettare il distanziamento sociale e la reclusione.

L'esame di terza media e la maturità si svolgeranno anche quest'anno? 

Contrariamente a quanto avvenuto l'anno scorso con gli esami di terza media e di quinta superiore, quest'anno s dovrebbe tornare a sostenere gli esami con le modalità classiche nel mese di giugno. Il tutto però dipenderà ovviamente dai contagi, ed è un po' presto per sapere come andranno le cose.

Il migliore consiglio che abbiamo da darti è quello di tenerti informato/a tenendo sott'occhio le comunicazioni del ministero dell'istruzione. Se dovessero esserci modifiche nel formato dell'esame rispetto agli anni passati, queste verranno prontamente comunicate sul sito del ministero e riportati dalle principali testate giornalistiche.

Se credi che tuo figlio possa aver bisogno di aiuto, puoi anche cercare un professore privato che offra corsi via webcam sulla piattaforma di Superprof. Approfitane: il Pass Alunno Superprof, che ti dà accesso illimitato a tutti i professori per l'insieme delle materie presenti sul sito, è in offerta a soli 9€ al mese. 

Bisogno di un insegnante di ?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 2 vote(s)
Loading...

Nicolò Superprof

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.