Nessuno oggi sarebbe in grado di negare l'importanza dell'informatica, sia nel mondo del lavoro, sia nella vita di tutti i giorni. Se non vuoi fare parte di coloro che, per citare Max Weber, vivono in una gabbia d'acciaio e si circondano di oggetti del cui funzionamento non capiscono assolutamente nulla, hai una possibilità: diventare un informatico!

Per essere pronto ad affrontare il mondo del lavoro italiano o per quelli internazionali, devi pensare sin da ora alla formazione che seguirai. Non solo economia, per fare carriera! Oggi, dalle lauree brevi alle magistrali, la scelta dell’Ateneo cui iscriversi è fondamentale, ma lo è ancor più la facoltà: l’informatica ti aprirà moltissime porte, nel settore privato e in quello pubblico, così come da professionista.

Per evitarti una lunga ricerca di informazioni precise, ecco allora la nostra classifica delle migliori university, dove potrai affinare le tue competenze o dove potrai imparare da zero tutto quello che ti servirà per la tua attività professionale del futuro.

Scuole superiori o università di informatica?

Puoi frequentare un Istituto tecnico informatico ed iniziare già da subito a lavorare nel settore: in ogni città italiana, a prescindere dalla dimensione e dalla  latitudine, puoi trovare una o più scuole superiori dove studiare Tecnologie informatiche, Scienze e tecnologie applicate, Sistemi e reti, Tecnologie e progettazioni di sistemi informatici, Informatica, Telecomunicazioni. Effettivamente, queste materie affascinano sempre più i giovani e, di conseguenza, gli Istituti superiori si organizzano per ampliare la propria offerta in questo senso.

Vi è, poi, la possibilità di studiare informatica anche all'Università, ampliando e approfondendo le competenze e le conoscenze in questo settore, al punto da diventare veramente tra i più competenti informatici del Paese e aumentare ulteriormente le proprie possibilità di venire assunti rapidamente e per svolgere mansioni specifiche, per le quali si è studiato nei 3 o 5 anni di studi universitari.

Resta, ovviamente il dubbio: è sufficiente il diploma universitario di tre anni per trovare lavoro o è meglio continuare con il "3+2"? Dipende dalle tue aspettative, dai tuoi desideri, dalle tue possibilità e dalla fretta che hai di entrare nel mercato del lavoro. Certo è che cinque anni di studi nel settore non faranno che darti una marcia in più, rispetto a chi si fermerà al diploma di tre anni. A te la scelta, quindi.

In un caso e nell'altro, qui di seguito trovi la nostra personalissima lista delle migliori università italiane dove studiare informatica.

Un'ulteriore precisione da fare, prima di continuare, riguarda due percorsi di laurea differenti e, in un certo senso, complementari. Il primo percorso è quello che ti condurrà alla laurea mediante l'iscrizione ad una facoltà di ingegneria informatica: qui, imparerai a costruire nuovi apparecchi e a misurare le frequenze in laboratorio. Il secondo percorso è quello specifico di Informatica: segni e manipolazioni, strutture di dati, algoritmi, loro forme e loro limiti.

Impara i segreti della tecnologia con un corso di informatica!

Informatica al Politecnico di Milano

Il primo posto cui guardare per una laurea in Ingegneria informatica è il Politecnico del capoluogo meneghino: i corsi di laurea triennale sono in lingua italiana, mentre per la laurea dei 5 anni, dovrai armarti di tutta la tua conoscenza di inglese, dato che i corsi sono pensati per una platea internazionale e, soprattutto, per dare una dimensione più internazionale ai futuri laureati milanesi. Le sedi presso cui i corsi verranno tenuti sono due: quella di Milano e quella di Como.

Si tratta della prima università italiana per prestigio e qualità degli studi.
La sede del Politecnico di Milano!

La facoltà lombarda è al 44° posto a livello mondiale per il settore informatico.

Informatica al Politecnico di Torino

Non c'è bisogno di percorrere molta strada per trovare un'altra eccellenza italiana dell'informatica. Precisamente, al Politecnico di Torino, tra le prime 100 nel mondo, potrai iscriverti prima al corso di laurea triennale, per completare, subito dopo, con quello quinquennale. A chi esce con il massimo dei voti da qui, sono assicurati ingaggi tra i più immediati e i più importanti, in tutto il mondo.

Studiare a Roma, Informatica alla Sapienza

Anche questa università capitolina è nella top 100 mondiale. Qui, troviamo la netta separazione tra i due percorsi di cui parlavamo poco sopra: da un lato il corso di laurea in informatica, dall'altra il corso di laurea in ingegneria informatica. Trattandosi di una delle facoltà più note in Italia, per entrare alla Sapienza e diventare informatici o ingegneri informatici, sarà necessario superare un test, che garantisca l'ammissione ad uno di questi corsi di laurea a numero chiuso.

Il nostro consiglio, dunque, che vale anche per tutte le altre sedi universitarie italiane, è quello di prepararsi in maniera adeguata e precisa, in modo da non gettare al vento un'ottima opportunità. Se non ti senti sufficientemente pronto in una o più materie, la cosa migliore che potrai fare è quella di cercare un professore privato che ti dia lezioni a domicilio o online (tramite la piattaforma Skype o Zoom, ad esempio). Metterai qualche possibilità in più dalla tua parte.

La Sapienza si trova al terzo posto nella nostra speciale top ten.
La sede del Dipartimento di Ingegneria della Sapienza, Roma!

Informatica nell'Università più antica d'Europa: Bologna

Se cerchi di specializzarti in programmazione, sistemi informativi, reti di computer, applicazioni per il web, sistemi mobili e sicurezza informatica, allora, l'Università della città di Bologna fa al caso tuo. Potrai godere di uno degli ambienti universitari più richiesti d'Italia, seguendo un corso di laurea di tre anni o specializzandoti con il percorso magistrale 3 + 2.

La città emiliana ha la fama di attrarre un grande numero di studenti, anche per l'estrema vivacità della vita che i giovani hanno la possibilità di condurre al di fuori delle aule di studio e delle biblioteche. Questo non significa, tuttavia, che i diplomati e i laureati dell'Alma Mater Studiorum non godano di ottime opportunità lavorative: solo il 3% non lavora entro 3 anni dalla laurea breve, mentre il 57% trova occupazione piuttosto rapidamente e il 40% decide di approfondire l'informatica con il corso magistrale.

L'Università Statale degli Studi di Milano e l'informatica

Se i Politecnici di Milano e Torino, la Sapienza di Roma e l'Università di Bologna rientrano tra le prime 100 università al mondo per prestigio, a partire dalla quinta posizione della nostra top ten, usciamo dal novero delle migliori a livello globale. Questo non significa, tuttavia, che le facoltà di informatica di cui parleremo ora non siano valide. Anzi! Sono, prima di tutto, tra le migliori dieci della penisola; in secondo luogo, i numeri di laureati e i tassi di occupazione a tre anni dalla laurea parlano chiaro: gli insegnamenti impartiti nelle aule della Statale di Milano, dell'Università di Trento, di Tor Vergata, di Firenze , di Genova e di Napoli danno i loro frutti in maniera eccelsa. E i loro laureati possono dirsi soddisfatti delle ore investite nello studio!

Prendiamo la Statale di Milano, ad esempio. Per le matricole sono disponibili tre corsi di laurea di quattro ambiti differenti: Informatica, Informatica musicale, informatica per la comunicazione digitale e Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche (disponibile anche in versione completamente online). Ovviamente, per accedere dovrai prepararti a superare un test (rigorosamente online).

La laurea magistrale è possibile per i percorsi di Informatica e di Sicurezza informatica.

E se ti preparassi con un professore privato di informatica?

Studiare informatica presso l'Università degli studi di Trento

Quella tridentina è una delle migliori scelte che uno studente possa fare (e non solo nell'ambito dell'informatica). Università piccola, relativamente giovane, ma estremamente ben organizzata e dotata, ricca (in tutti i sensi) soprattutto grazie ad una più che oculata gestione dei fondi derivati alla Provincia di Trento in virtù della sua autonomia, garantita costituzionalmente.

Affascinante vista dall'alto, efficiente vista da di dentro.
Questa "cattedrale" bianca è la sede di Ingegneria dell'Università di Trento!

Il Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'Informazione, sito presso la panoramica collina di Mesiano (quindici minuti di bus dal centro cittadino), ospita i corsi di laurea (tre anni) in Informatica, Ingegneria informatica, delle comunicazioni e elettronica, oltre al corso di laurea magistrale (cinque anni) in Ingegneria dell'informazione e delle comunicazioni (che si tiene rigorosamente in lingua inglese). Tutti i corsi di Informatica di Trento sono a numero chiuso.

Ecco come imparare l'informatica con corsi online.

Informatica a Roma Tor Vergata

Per chi  non voglia, invece, impegnarsi nel superamento di un test di accesso, Roma Tor Vergata è un'ottima scelta: oltre a garantire l'iscrizione a chiunque interessato al corso di studi, Tor Vergata gode della disponibilità di un certo numero di professori di ottimo livello. Presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Impresa è possibile iscriversi al corso di laurea breve in Informatica, mentre presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica ci si iscrive al corso di laurea breve in Ingegneria informatica.

Abbiamo detto che l'accesso è garantito a tutti, ma non è completamente esatto: prima dell'iscrizione gli aspiranti studenti dovranno superare una semplice verifica delle conoscenze. I tentativi a disposizione sono due; allo studente che non dovesse riuscire, tuttavia, basterà superare come primo esame analisi matematica o matematica discreta.

Sei a zero con l'informatica? Ecco come fare per iniziare gli studi!

Informatica a Firenze

Anche l'accesso alla facoltà di Informatica di Firenze è agevolato, come a Tor Vergata (Roma 2). Ogni studente ha a disposizione un solo tentativo per superare una verifica delle conoscenze, all'inizio del primo anno; in caso di insuccesso, gli saranno addebitati degli obblighi formativi per integrare le mancanze dimostrate.

Per il resto, l'Università toscana è senza dubbio di buona qualità: lo possono provare i laureati in Informatica e quelli in Ingegneria Informatica.

A Genova per studiare informatica

Nel gruppo delle facoltà ingegneristiche, l'Università di Genova propone il corso di laurea breve in Ingegneria Informatica, mentre presso i Dipartimenti di Scienze Matematiche, fisiche e naturali si trova il corso di laurea breve in Informatica.

Anche l'Università di Genova gode di ottima fama in tutto il Paese e, in parte, all'estero.
Genova, la sede del Dipartimento di ingegneria!

Entrambi i corsi di laurea sono ad accesso libero e offrono opportunità di lavoro presso imprese, pubbliche amministrazioni o come liberi professionisti. Chi voglia proseguire gli studi, a Genova può farlo iscrivendosi al corso di laurea magistrale in Computer Engineering, sempre ad accesso libero.

Leggi anche la nostra guida completa sui corsi di informatica!

L'informatica alla Federico II di Napoli

Last but non least, troviamo l’Università degli studi di Napoli Federico II. Ci troviamo nuovamente in una delle facoltà ad accesso libero, che prevedono tuttavia il superamento di un test di conoscenza, senza il superamento del quale sarà necessario compensare le proprie lacune, seguendo dei corsi specifici.

Nell'area didattica di Ingegneria, gli studenti di Napoli potranno iscriversi ai corsi di laurea in Ingegneria Informatica, mentre nell'area didattica delle Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali troveranno il corso di laurea in Informatica.

A te la scelta!

 

Bisogno di un insegnante di Informatica?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura