Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Dare un corso di cucito per conto di una associazione

Di Igor, pubblicato il 22/07/2019 Blog > Arte e Svago > Cucito > Impartire Lezioni di Cucito in un’Associazione?

“Il cucito governa il mondo”

Pindaro

Imparare a cucire, effettivamente, assicura una posizione di forza, rispetto a tutto l’universo dell’industria tessile! E non è poco. Se tutti sapessero creare i propri abiti non avremmo più bisogno di sarti e produttori di vestiti. Di che fare fallire i poveri creatori di moda…? Beh, non esageriamo!

Oggigiorno sono sempre più giovani le persone che decidono di creare da sole il proprio guarda-roba. Mentre un tempo – fino a pochissimi anni orsono – il termine “cucire” evocava proprio l’idea di una persona rigorosamente di sesso femminile ed appartenente ad una certa fascia d’età, oggi questi clichés sono piuttosto in via di estinzione. Ragazzi, e per di più anche molto giovani, si interessano all’arte del cucito, cercano di apprenderla e poi, più tardi negli anni, di insegnarla.

Il cosiddetto DIY (do it yourself) nell’ambito della moda e del cucito concerne prevalentemente donne, in età compresa tra i 25 ed i 35 anni. Il marchio Singer, uno dei più famosi nell’ambito delle macchine da cucire, ha visto un incremento del 10 % dal 2014.

Il nuovo mercato che è venuto a crearsi, fra l’altro, ha visto anche il nascere di un gruppo volenteroso di sarte pronte ad insegnare la propria arte: dal rammendo, alla creazione totale di un capo d’abbigliamento, passando per la sostituzione di bottoni e cerniere.

È facile trovare un’occupazione come insegnante di cucito?

Un conto è un’occupazione remunerata, un altro è insegnare cucito per pura passione, a fini “benevoli”, per così dire, ossia senza scopo di lucro. Le due situazioni sono ben diverse, per quanto alla base vi sia sempre la passione per l’arte di usare ago e filo.

Superprof ti dà oggi diverse informazioni relativamente a tutti i vantaggi ed i percorsi da seguire per dare lezioni e prendere lezioni di cucito presso associazioni, con privati, nelle scuole apposite.

Esistono i circoli in cui dare lezioni di cucito?

Per cucire una cerniera su dei jeans, è obbligatorio utilizzare una macchina da cucire! Ne hai già una o la devi acquistare? Il mercato è ricco di offerte, che non aspettano che te e le tue necessità.

Che sia per padroneggiare l’arte del cucito da principiante o per perfezionarsi nell’arte della creazione di moda, sappi che sono numerosi gli allievi che si rivolgono a piccole scuole di cucito, ad associazioni, gruppi spontanei, circoli di svago. In tal modo ottengono lezioni di cucito a poco prezzo o addirittura gratis.

Cosa ci guadagna una persona che insegni cucito o ricamo senza scopo di lucro? Chiedetelo a tutti quelli che negli anni hanno lavorato per conto di oratori, circoli ricreativi, gruppi di svago e sostegno a fini sociale. Innanzitutto, si tratta di riceverne in cambio una grossa soddisfazione personale; in secondo luogo, lo scambio con altre fasce sociali, generazionali, di genere.

La “restituzione di ruolo” è molto importante, a fini di benessere psicologico. Una sarta in pensione potrebbe provare un grosso beneficio dal fatto di scambiare trucchi, esperienze, con altra gente, piuttosto che rimanere da sola in casa a vivere una pensione tra quattro mura, senza più contatti sociali.

Incontrando allievi alle prime armi, ed anche altri insegnanti di cucito, l’insegnante di cucito cresce a sua volta. Non è detto, infatti, che chi insegna gratuitamente sia in tarda età. A volte può trattarsi di sarti alle prime armi che intendono mettere a disposizione il proprio sapere, fresco fresco di scuola. Le lezioni di cucito a Napoli spesso vengono tenute in sessioni per piccoli gruppetti. E così le occasioni di scambio cordiale sono molte. Si danno consigli agli allievi, ci si dedica alle loro richieste specifiche. Nessuno giudica gli altri, tutti vogliono imparare qualcosa, da zero o perfezionarsi nel cucito.

Il laboratorio di cucito è un ottimo modo per conoscere altra gente. La cosa è particolarmente utile se ci si è trasferiti da poco in una grande città e non si sa come trovare dei nuovi amici. E ciò vale tanto per gli allievi, quanto per gli insegnanti di cucito. Nelle metropoli a volte ci si sente molto soli e si decide di lanciarsi alla scoperta di un nuovo sapere. Imparando a cucire potresti trovare degli amici, dei conoscenti con cui scambiare qualcosa al di là del cucito stesso. Si può finire anche a mangiare una pizza tutti insieme, insomma, o a organizzare un pic-nic sull’erba, che segua una lezione di cucito all’aria aperta.

I corsi di haute couture, naturalmente, sono più rari. Intanto si inizia con i corsi base ed è davvero una grande soddisfazione per tutti – allievi ed insegnanti – vedere il prodotto finale: un abito progettato e realizzato dalla A alla Z. Ricami, rifiniture… l’insegnante accompagnerà l’allievo fino alla fine del suo progetto personale.

Come avviene nel caso di ogni tipo di insegnamento, anche per le lezioni di cucito, l’insegnante è lì proprio per rispondere ad ogni domanda degli allievi. Se certi allievi di cucito frequentano il corso per perfezionarsi in due o tre pratiche particolari, altri vorranno magari scoprire come si usa una macchina da cucire. Altri ancora vorranno appropriarsi della tecnica per rifinire e ritoccare un abito subito dopo lo shopping d’occasione.

Puoi realizzare un abito su misura durante un corso di cucito! Porta le tue conoscenze e distribuiscile agli studenti: vedrai la passione accendersi nei loro occhi.

Naturalmente, bisogna saper insegnare. E trovarsi a contatto con gli allievi è qualcosa che aiuta a diventare ottimi pedagoghi. Con queste doti si riesce davvero ad incoraggiare i propri allievi affinché diano il meglio di loro stessi.

Occorre dapprima evidenziare le loro richieste:

  • Un allievo viene a lezione di cucito per imparare a fare un orlo? Benissimo! Glielo si insegnerà affidandogli un lavoro più ampio, come la creazione di una federa dalla A alla Z.
  • Un’allieva desidera cucire un bottone? Perché non indurla a creare un intero abito, pieno di bottoni?
  • Gli allievi si mostreranno più e meno sicuri di loro stessi: la cosa importante è insegnare loro a perseverare, a non scoraggiarsi e a lavorare sodo.

La soddisfazione è davvero grande quando si riesce a fare qualcosa che si riteneva inarrivabile. Il corso di cucito sarà reputato un successone!

Insegnare il cucito può anche aiutare l’insegnante a liberare la propria creatività. Aiutare degli allievi con i loro progetti può fungere da stimolo creativo per i progetti stessi dell’insegnante di cucito.

Preferisci insegnare presso una scuola di cucito?

I corsi di cucito presso una scuola già esistente

Nel quartiere della tua grande città o al comune del tuo piccolo paesino, informati circa le iniziative legate all’insegnamento del cucito: associazioni di volontariato, chiese e parrocchie, gruppi d’ogni sorta possono proporre corsi di cucito. Esiste già qualche scola di taglio e cucito? Pubblica, privata? Paritaria? Come funziona?

Qualcuno, tra coloro che la frequentano, potrebbe richiedere lezioni private di cucito, di recupero?.

La realizzazione di abiti per i più piccoli è molto à la page! D’altro canto, il mercato di vestiti per bambini è molto florido, dato che loro cambiano taglia molto spesso e che le nostre attenzioni nei loro confronti sono decuplicate.

Non lasciarti sfuggire l’opportunità di aggregarti a queste situazioni, circolo, scuola a pagamento, associazione di volontariato.

Contatta i responsabili e proponi i tuoi servigi, che potrebbero essere questi:

  • Cucito facile,
  • Cucito per bambini,
  • Consigli,
  • L’arte del recupero,
  • La soddisfazione di realizzare un prodotto fatto a mano,
  • Il saper tenere in mano forbici ed altri attrezzi da cucito,
  • La sostituzione degli aghi in una macchina da cucire,
  • L’orlo a caldo…

Su Internet si riesce a precisare la ricerca: una scuola di cucito specifica per chi voglia realizzare pantaloni, ad esempio. O per chi debba saper rammendare e basta. O, ancora, per giovani creatori di abiti inediti. Naturalmente, i target sono ben diversi. Così come l’impegno richiesto ad insegnanti ed allievi.

Naturalmente, una volta reperiti nomi e indirizzi, potresti recarti direttamente ad assistere ad una lezione di cucito. Potresti sia imparare qualcosa di nuovo, sia scoprire qualche trucco per meglio gestire le future lezioni di cucito che intendi dare.

Un conto è saper cucire, saper mettere una fodera ad un abito; un altro è riuscire ad insegnare tutto questo in modo efficace.

E assistere ad una lezione consente di mettersi nei panni di un allievo per capirne i bisogni. Si tratta di un ottimo modo per analizzare la pedagogia dell’insegnante. Prendi appunti ed immaginati al suo posto, mentre darai tu stesso lezioni. Prendi spunto, per l’appunto!

Attenzione, però, tieni sempre conto di una differenza rilevante tra chi dà lezioni per conto di associazioni, comuni e parrocchie e chi mette su un’impresa. In un caso non si tratta di fare reddito, chi vi insegna generalmente non può essere remunerato; Si tratta di prestazione d’opera a fini benevoli. Nell’altro caso si tratta, invece, di creare un piccolo giro d’affari. Il che implica remunerazione di chi insegna e pagamento di una retta da parte di ogni allievo. Esistono poi delle situazioni intermedie, come quando si insegni per conto di una ente pubblico, di un scuola statale… Altrimenti, dovresti dare delle vere e proprie lezioni private di cucito!

Alla base di una sfilata di moda, ci sono sempre delle mani che lavorano! Forbici e stoffa e molto ingegno: queste sono gli elementi che hanno fatto grandi i grandi couturier!

Definizioni chiave parlando di corsi cucito

Tutorial couture, corsi di ricamo, lezioni di gruppo di taglio e cucito, corsi di cucito online… Ognuna di queste formule offre diverse possibilità per scoprire il mestiere del sarto gradualmente ed arrivare a saper produrre da capo a piedi un abito da uomo, da donna, per bambini.

Corsi cucito: cos’è un carta-modello?

Si tratta della rappresentazione cartacea, di faccia o di schiena, di un abito a venire. Serve per aiutare il sarto durante le fasi della realizzazione.

Corsi cucito: cos’è la passamaneria?

Si tratta di una matassa di tessuto, pelle o merletto con cui si ricoprirà una cucitura o un’altra parte dell’abito per metterne in risalto degli aspetti, impreziosendola.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar