Shoah è il termine con cui il popolo ebraico si riferisce allo sterminio compiuto nei loro confronti dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Tra il 1941 e il 1943 persero la vita sei milioni di cittadini europei di origine ebraica insieme ad altri 11.5 milioni di persone tra cui minoranze rom, oppositori politici, disabili, omosessuali e minoranze religiose.

Il Giorno della Memoria, che si commemora il 27 gennaio di ogni anno, il mondo tiene vivo il ricordo delle vittime di un crimine che nel dopoguerra è stato definito genicidio.

Libri, film, racconti diretti testimoniano l’evoluzione che portò dalle persecuzioni iniziate con le leggi razziali di Norimberga nel 1935, alla decisione, nel 1942 di usare come soluzione finale il sistematico sterminio di tutti gli ebrei d'Europa.

Il cinema ha raccontato l'orrore della Shoah in diversi modi, documentando l'accaduto, riportando sullo schermo storie vere e storie ispirate a fatti realmente accaduti o creando storie che invitano a riflettere.

Questi sono 10 film sulla Shoah che aiuteranno a tenere vivo il ricordo perché quello che è successo non si ripeta mai più.

I/Le migliori insegnanti di Storia disponibili
Lorenzo
5
5 (32 Commenti)
Lorenzo
33€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (18 Commenti)
Giuseppe
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Gabriele
5
5 (7 Commenti)
Gabriele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Michele
4,9
4,9 (16 Commenti)
Michele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (18 Commenti)
Stefano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Massimiliano
5
5 (26 Commenti)
Massimiliano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (11 Commenti)
Simone
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (15 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (32 Commenti)
Lorenzo
33€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (18 Commenti)
Giuseppe
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Gabriele
5
5 (7 Commenti)
Gabriele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Michele
4,9
4,9 (16 Commenti)
Michele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (18 Commenti)
Stefano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Massimiliano
5
5 (26 Commenti)
Massimiliano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (11 Commenti)
Simone
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (15 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Schindler’s List

La lista di Schindler ha riacceso, negli anni novanta, il tema del ricordo dello sterminio dei campi nazisti.
Schindler's List, la Lista di Schindler è uno dei migliori film sulla Shoah.

Il capolavoro del celebre regista americano, Steven Spielberg, fu girato nel 1993 e racconta la storia vera di Oscar Schindler, un industriale tedesco che fece di tutto per salvare gli Ebrei che lavoravano nella sua fabbrica. Il film ricevette 12 nomination agli Oscar e portò a casa 7 statuette, tra cui miglior film e migliore attore attribuito a Liam Neeson, l’interprete di Schindler.

Nonostante sia stato girato nel 1993, il film è in bianco e nero, eccetto alcuni particolari, come il cappotto rosso di una bambina ebrea che si vedrà durante il racconto. Nella parte finale si vede a colori il cimitero di Gerusalemme dove il vero Oscar Schindler decise di essere sepolto.

La trama racconta l’avvio a Cracovia, in Polonia, di una fabbrica di pentole prima e munizioni poi, da parte dello scaltro Schindler che, con regali e inganni fatti alle SS e l’intermediazione del suo contabile Itzhak Stern, riesce a tenere al sicuro almeno 1000 ebrei dalle persecuzioni e dallo sterminio.

Il libro da cui è tratto il libro fu scritto da Thomas Keneally nel 1982 dopo aver raccolto la testimonianza di un negoziante salvato dal campo di sterminio proprio perché inserito nella lista di Schindler.

Nel 1962 Oscar Schindler è stato nominato Giusto tra le Nazioni, un riconoscimento che va a persone non ebree che hanno protetto il popolo ebraico dallo sterminio nazista.

Qual è il significato del Giorno della memoria?

Il Pianista

Il film del regista Roman Polanski, si basa sulla storia del pianista ebreo Władysław Szpilman, interpretato dall’attore Adrien Brody, e della vita nel ghetto di Varsavia. Poco dopo l’invasione della Polonia, il 1 settembre 1939, i nazisti instaurarono una feroce occupazione che colpì particolarmente la comunità ebraica. Wladislaw e la sua famiglia sono costretti a vivere in un luogo che nella realtà arrivò a rinchiudere fino a 500 mila persone in 4 kmq. La potenza della musica di questo straordinario pianista, lo aiuterà a sopravvivere all’olocausto.

I fatti storici legati al ghetto di Varsavia sono la rivolta della comunità ebraica tra aprile e maggio 1943. I nazisti uccisero 13 mila persone e inviarono i restanti ai campi di sterminio prima di distruggere completamente il ghetto.

La Vita è Bella

Nel film La vita è bella, Roberto Benigni riesce a far sorridere e commuovere nel suo racconto della Shoah.
La vita è bella racconta di Roberto Benigni.

La Vita è Bella è un film del 1998 dove il regista e attore Roberto Benigni racconta con la sua delicata comicità una delle pagine più buie della storia mondiale dalla prospettiva italiana. Una famiglia di Ebrei toscani vive sulla propria pelle le conseguenze delle leggi razziali decise dalla dittatura fascista, la persecuzione e la deportazione nei campi di sterminio. Il padre Guido Orefice, interpretato da Benigni riesce a nascondere il figlio Giosuè nel campo di Auschwitz, inventando giochi e storie per proteggere il piccolo dalla straziante realtà.

Il film è stato premiato con 3 premi Oscar, tra cui quello di miglior film straniero annunciato da Sofia Loren alla cerimonia di consegna nel 1999.

Shoah (film)

Shoah è un film documentario realizzato nel 1985 dal regista francese Claude Lanzmann che raccoglie le testimonianze dei sopravvissuti allo sterminio nazista. Tra gli intervistati anche membri delle SS e Raul Hilberg, lo storico statunitense di origini austriache considerato uno dei più grandi studiosi della Shoah.

Il documentario di Lanzmann è molto particolare per le diverse scelte fatte. Innanzitutto, si usa la parola ebraica Shoah per descrivere l'orrore compiuto ai danni del popolo ebraico.

La storia non è romanzata, ma raccontata dai protagonisti senza interrompere il flusso del loro pensiero e senza doppiaggio, con i sottotitoli che aiutano ad ascoltare la voce originale dei testimoni. Viene definita un'opera monumentale non solo perché il film dura più di 9 ore, ma per l'importanza storica di un lavoro di documentazione durato 11 anni.

Qual è il significato di Olocausto?

I/Le migliori insegnanti di Storia disponibili
Lorenzo
5
5 (32 Commenti)
Lorenzo
33€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (18 Commenti)
Giuseppe
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Gabriele
5
5 (7 Commenti)
Gabriele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Michele
4,9
4,9 (16 Commenti)
Michele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (18 Commenti)
Stefano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Massimiliano
5
5 (26 Commenti)
Massimiliano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (11 Commenti)
Simone
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (15 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (32 Commenti)
Lorenzo
33€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giuseppe
5
5 (18 Commenti)
Giuseppe
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Gabriele
5
5 (7 Commenti)
Gabriele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Michele
4,9
4,9 (16 Commenti)
Michele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (18 Commenti)
Stefano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Massimiliano
5
5 (26 Commenti)
Massimiliano
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (11 Commenti)
Simone
30€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (15 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

La Signora dello zoo di Varsavia

I fatti raccontati nella Signora dello zoo di Varsavia sono veri anche se alcuni personaggi ed eventi sono stati reinterpretati o aggiunti in chiave cinematografica.
La signora dello zoo di Varsavia è tratto da una storia vera, con alcune licenze cinematografiche.

Girato nel 2017 dalla regista neozelandese Niki Caro, La Signora dello zoo di Varsavia si ispira alla vera storia di Jan e Antonina Zabinski, direttori dello zoo che riusciranno a mettere in salvo oltre 200 Ebrei della città.

Nella Polonia invasa dai nazisti nel 1939, lo zoo subisce gravi danni, molti animali muoiono e altri sono trasferiti in Germania. I coniugi Jan e Antonina si impegnano per salvare gli animali superstiti, ma poi usano gli spazi rimasti vuoti dello zoo e della propria casa per dare rifugio a centinaia di Ebrei che fanno uscire di nascosto dal ghetto di Varsavia, rischiando la propria vita.

La storia è stata tratta dal libro di Diane Ackerman che si è ispirata al diario della protagonista Antonina, interpretata nel film da Jessica Chastain.

Jan e Antonina Zabinski sono stati riconosciuti nel 1965 Giusti tra le Nazioni dallo Yad Vashem, l'Ente nazionale per la Memoria della Shoah di Gerusalemme istituito nel 1953 per documentare e tramandare la storia del popolo ebraico durante la Shoah.

Train de vie - Un treno per vivere

Il regista ebreo romeno Radu Mihaileanu affronta il tema della Shoah con un film tragi-comico girato nel 1998. L'ambientazione è in uno shtetl, un villaggio abitato da membri della comunità ebraica in Romania. Quando arrivano le notizie dell'arrivo dei nazisti, un comico personaggio del villaggio convince gli abitanti a fare una messa in scena, travestiti da nazisti e finti prigionieri per potersi salvare dalla deportazione e arrivare in Palestina. I profughi in viaggio incontrano anche un gruppo di zingari, anch'essi ricorsi allo stratagemma del travestimento per salvarsi.

La Romania fu uno dei cinque paesi che si unirono alle potenze dell'Asse (Germania, Italia e Giappone) durante la seconda guerra mondiale. Gli altri Stati furono: Bulgaria, Croazia, Slovacchia e Ungheria. I governi filo-nazisti favorirono la deportazione e lo sterminio delle comunità ebraiche e rom, mentre i loro governi in esilio si univano agli Alleati di Usa, Urss e Gran Bretagna.

La scelta di Sophie

Meryl Streep interpreta Sophie, in questo film del 1982 tratto dal romanzo di William Styron del 1976. La donna, sopravvissuta ad Auschwitz, ospita insieme a suo marito schizofrenico, un giovane scrittore, Stingo, con cui diventerà sempre più legata. Sophie arriverà a raccontare al giovane un segreto terribile che riguarda la sua vita in Polonia prima della guerra e la permanenza nel campo di concentramento e sterminio. Per questo ruolo Meryl Streep ha ricevuto un Oscar come migliore attrice.

Il diario di Anna Frank

Nel corso della storia sono state realizzate diverse pellicole che raccontano la vera storia di Anna Frank e del suo diario. Il primo e più conosciuto è del 1959 ed è stato diretto da George Stevens.

Vincitore di tre premi Oscar, il film racconta del ritrovamento del diario regalato da Otto Frank a sua figlia Anna, quando la famiglia dovette nascondersi in una soffitta di un edificio al centro di Amsterdam tra il 1942 e il 1944.

Il figlio di Saul

Il film figlio di Saul racconta la tragica condizione dei sonderkommando.
L'orrendo dilemma a cui furono sottoposti i membri del sonderkommando è raccontato nel film Il figlio di Saul.

Il film del 2015 racconta la storia di un membro del sonderkommando che ritrova tra i corpi che è costretto a smistare, quello di suo figlio. Il regista ungherese Laszlo Nemes è stato premiato con un Oscar per il miglior film straniero.

Nel racconto si affronta la controversa condizione dei sonderkommando, prigionieri scelti per accompagnare altri deportati ebrei nelle camere a gas e a trasportarne i corpi nei forni crematori. La tortura psicologica a cui sono costretti li fa sentire complici o toglie loro qualsiasi emozione. Saul nel vedere suo figlio lotta per sottrarre almeno il corpo del figlio alla disumanità, ed è la sua forma di ribellione.

Storicamente i sonderkommando sono stati prigionieri ebrei usati dalle SS per far sparire le tracce dello sterminio di massa. Essendo a conoscenza della soluzione finale, venivano tenuti separati dagli altri detenuti e anch'essi uccisi. Ad Auschwitz ci fu il più grande tentativo di rivolta armata dei sonderkommando nell'ottobre del 1944.

La tregua

Il film La Tregua, diretto da Francesco Rosi nel 1997, è tratto dall'omonimo libro di Primo Levi. La storia prende le mosse dalla liberazione di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche ed il continuo del libro Se questo è un uomo.

Primo Levi, interpretato da John Turturro, si ritrova insieme a un gruppo di prigionieri di diversa nazionalità, liberi, ma senza punti di riferimento. Con alcuni pittoreschi compagni italiani, inizia il lungo viaggio di ritorno verso Torino, la sua città natale. La difficoltà è quella di ritornare a casa con il peso dell'orrore vissuto, non senza qualche risata strappata da personaggi comici.

In questo film, come nel libro, si racconta il dopo Auschwitz e la difficoltà nel gestire un numero impressionante di sopravvissuti di ritorno ognuno nella propria città a chilometri di distanza dai luoghi dell'orrore. Molti emigreranno verso gli Stati Uniti e clandestinamente verso la Palestina in mano agli Inglesi, fino a quando non sarà creato lo stato di Israele nel 1948.

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

Prima lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (1 voto(i))
Loading...

Catia

Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue