Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Come imparare a suonare il pianoforte grazie alle correnti musicali?

Di Francesca, pubblicato il 26/02/2018 Blog > Musica > Piano > Quali Stili Musicali Sono Fondamentali per il Pianoforte?

Sei più simile a Yann Tiersen, Stevie Wonder o Beethoven?

Nella musica, gli stili variano tanto quanto i gusti. Sin dalla preistoria, quando è nata la musica, si sono sviluppati molti stili. Perché sì, il nostro antenato Homo Erectus sapeva usare a meraviglia i resti delle ossa e il legno per esprimersi.

Ma oggi abbiamo il pianoforte!

Questo strumento a corde, nato secoli fa, ti permette di suonare qualsiasi stile. Che tu sia un musicista romantico o malinconico, troverai il tuo posto nel mondo della musica.

E saper suonare ogni stile non è una perdita di tempo!

Questo ti permetterà di far emergere il virtuoso che è in te e di acquisire nuove conoscenze.

Dipende da te!

La musica classica per apprendere le basi del solfeggio

Mozart, Bach, Schubert, e così via …

Non è veramente il tuo genere?

Eppure.

Se vuoi iniziare con l’apprendimento del pianoforte, dovrai inevitabilmente passare da lì.

In effetti, quando avrai imparato a suonare i brani di musica classica dei più grandi compositori, sarai in grado di suonare tutto ciò che desideri. Anche se pratichi il pianoforte da solo.

La musica classica, o meglio musica accademica, è uno stile particolare e spesso attribuito a un’élite. Caratterizzato da una conoscenza trasmessa per iscritto, utilizzando spartiti, questo stile musicale è spesso associato agli “intellettuali”.

Molti pensano che la musica classica sia noiosa! La musica classica può a volte essere considerata noiosa!

Una musica molto impopolare quindi, ma che è essenziale per qualsiasi apprendimento del pianoforte. A causa delle sue rigide regole e delle numerose partiture trasmesse da secoli, la musica classica permette ai pianisti apprendisti di conservare i codici più importanti per la pratica musicale.

Se scegli di prendere lezioni di pianoforte, il tuo insegnante certamente ti insegnerà le basi della teoria musicale (chiave di sol, chiave di fa, misure, note,…) grazie a compositori come Mozart o Bach.

Non c’è bisogno di avere l’orecchio assoluto, comprendi quindi l’importanza di seguire il ritmo e le accentuazioni di un pezzo al pianoforte.

Ma al di là delle basi teoriche che la musica classica ti porta, questo ti aiuterà anche a progredire sul lato tecnico. Una delle fasi più importanti quando inizi a suonare il pianoforte è la coordinazione di entrambe le mani. La mano destra di solito suona la melodia, mentre la mano sinistra si occupa del ritmo e quindi degli accordi.

La musica classica ti permetterà di prendere buone abitudini facendo lavorare il cervello ma anche l’agilità delle dita e la loro flessibilità.

Usare la musica classica per iniziare a suonare il pianoforte ha anche un altro importante vantaggio…

Quello di poter usare un numero incalcolabile di partiture gratuite per pianoforte! Perché, quando raggiungono una certa età, diventano di dominio pubblico. È quindi possibile ritrovarle su Internet senza alcuna richiesta di contributo finanziario.

Una conoscenza accessibile a tutti se sai come leggere una partitura.

Inoltre, la musica classica comprende diversi stili musicali. Perché in realtà sarebbe più corretto parlare di musica accademica. La musica classica non è che una corrente della musica colta tra il 1750 e il 1800 e fondata dagli storici. Diverse tendenze hanno plasmato la storia della musica come il Romanticismo con Chopin, l’Impressionismo con Ravel o il Barocco con Lully.

Cosa ti piacerebbe se vuoi variare.

E chi dice che musica accademica, non dice sempre noiosa! Molti compositori contemporanei sono altrettanto utili alla tua base di apprendimento come Vivaldi o Hayden.

Se sei un appassionato di cinema, sarai sicuramente molto felice di suonare colonne sonore come quella de Il castello incantato o de Il favoloso mondo di Amélie. Yann Tiersen compone regolarmente nuove canzoni piacevoli da ascoltare, ma anche da suonare.

Il blues o la base degli stili musicali moderni

Una volta che le basi sono state acquisite attraverso la cosiddetta musica classica, troverai più facile suonare pezzi di altri stili.

Anche il blues è particolarmente consigliato.

Proveniente dalle comunità afroamericane, questo stile appare negli Stati Uniti del sud all’inizio del XIX secolo. A quel tempo, gli schiavi cantano nei campi per sopportare il lavoro. Il blues, che significa “idee nere”, diventa il loro mezzo di espressione. Trasmette tristezza, ma anche speranza, quando arriva la sera. Alcuni schiavi liberati usano questo mezzo anche per portare notizie nei campi vicini.

Con l’emancipazione degli schiavi e l’abolizione della schiavitù nel 1863 da parte di Abramo Lincoln, la musica degli schiavi viene esportata fino a diventare uno stile riconosciuto da tutti, e utilizzato in molti pezzi moderni.

Come principiante, la pratica del blues al pianoforte può portarti molto, perché questo stile si adatta a tutti i livelli. Mentre altri stili necessitano di avere mani grandi o conoscenze speciali sul ritmo, il blues diventerà ciò che hai deciso di farne.

Il blues è uno stile praticabile da ogni pianista! Il blues è accessibile a tutti i pianisti!

Basato sull’improvvisazione, ti costringerà comunque a lavorare in armonia con le tue basi. Sebbene piuttosto libero, si basa principalmente su tre accordi ripartiti su dodici misure. Si chiama quindi il blues di 12 misure. È necessario un solo intervallo per suonare il blues.

Cosa piacere ai principianti e agli addetti ai lavori!

Il jazz: dal rigore all’improvvisazione

Ora che conosci da dove proviene il blues e le sue principali caratteristiche, sarebbe impossibile non parlare di jazz.

Perché questo genere trae ispirazione dal blues.

Si tratta infatti di un mix tra la malinconia degli schiavi afroamericani e le aspirazioni dei coloni europei che ha fatto nascere questo stile così diffuso oggi. Ampiamente diffuso nella metà del XX secolo, il jazz ha ormai un posto di rilievo nella cultura musicale internazionale.

Artisti come Bill Evans, Keith Jarrett, Herbie Hancock, Thelonious Monk o Duke Ellington sono stati in grado di farsi un nome e di far conoscere il jazz a molti.

Ascoltali!

Louis Armstrong è la figura di riferimento nel jazz! Louis Armstrong è probabilmente IL jazzista di riferimento!

Per migliorare durante le tue lezioni di pianoforte, non c’è niente di meglio che espandere la propria cultura musicale. Questo ti farà ascoltare. Imparerai a distinguere tutti gli stili del jazz:

  • swing
  • be bop
  • modale
  • fusion
  • contemporaneo.

Tuttavia, ci vorrà ancora qualche sforzo prima di poter suonare il pianoforte.

Perché il jazz, vale la pena!

Ti consigliamo vivamente di fare una deviazione nel blues prima di intraprendere la conquista del jazz. Ciò richiede un’esperienza di due o tre anni prima che tu possa goderne. Perché il jazz è essenzialmente basato sull’improvvisazione. E per farlo, dovrai conoscere perfettamente le tue scale ma anche padroneggiare l’armonia.

E non scoraggiarti!

La strada sarà lunga e sicuramente disseminata di insidie ​​e insuccessi, ma non dimenticare il tuo obiettivo principale. Impara a conoscerti: i tuoi limiti, le tue qualità, la tua personalità ti aiuteranno a suonare meglio, soprattutto nella pratica del jazz.

Il Rhythm and Blues: un po’ di Gospel, per un pizzico di Soul…

Sviluppatosi negli anni ’40, il rhythm and blues non devono essere confusi con l’RnB degli anni ’80.

È un mix di blues e gospel, musica religiosa ispirata al soul. Questo stile musicale ha creato un ponte tra la musica nera e la musica bianca a metà del 20° secolo.

Il rhythm and blues divenne popolare con artisti come Ray Charles o James Brown.

Ma cosa può insegnarti il ​​rhythm and blues al pianoforte?

Come il suo antenato, il blues, il rhythm and blues ti insegnerà a esprimerti. Dovrai far emergere i sentimenti più nascosti della tua anima per sperare di dare un’anima ai tuoi pezzi.

Le partiture sono piuttosto ripetitive, ma dovrai conoscere a memoria le tue scale. Il rhythm and blues ha un tempo molto veloce e rispetta la regola del blues di dodici misure. È molto vicino al rock’n’roll.

Ma quali canzoni interpretare al pianoforte?

Per iniziare a suonare il rhythm and blues, puoi iniziare con il grande Stevie Wonder. La star internazionale ha molti pezzi all’attivo e si trovano quasi tutti online in versione tutorial.

Non devi quindi preoccuparti della teoria musicale per poter suonare canzoni incredibili.

Le più grandi ballate della storia si suonano al pianoforte

E a proposito di canzoni incredibili, chi non ha mai voluto suonare delle belle ballate al pianoforte per la propria dolce metà?

È al piano che molti artisti hanno deciso di gridare il loro dolore e le loro belle storie. Questo flusso di sentimenti ha spesso creato le ballate più belle della storia della musica.

Musica tranquilla e dolce che ci attira. Ecco alcune delle più belle e note ballate.

Can You Feel The Love Tonight è uno dei brani più noti di Elton John! Can You Feel The Love Tonight è una delle ballate più famose di Elton John!

Can you feel the love tonight – Elton John

Scritta nel 1994 per l’uscita del film della Disney, Il Re Leone,  questa canzone è un must nella carriera dell’eterno Elton John. Ha anche permesso all’artista di aggiudicarsi un Oscar per la migliore canzone. E se le immagini di Simba e Nala tornano da te nelle prime note, sappi che la canzone doveva essere originariamente cantata da…Timon e Pumba!

Lucie – Pascal Obispo
La famosa canzone composta da Pascal Obispo è stata scritta nel 1996 da Lionel Florence. Eseguita al pianoforte dal cantante, Lucie ottiene un successo strepitoso tra i pianisti dilettanti, che si cimentano nella sua riproposizione.

Mistral gagnant – Renaud
Questo grande successo di Renaud è un must per il pianoforte. È anche uno dei tutorial più popolari su Internet.

Sarà facile per te trovare online un insegnante in grado di per insegnarti questo bellissimo pezzo del 1985.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar