Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Modalità di pagamento dei corsi di sostegno e vantaggi fiscali

Scritto da Alice, pubblicato il 24/10/2017 Blog > Lezioni private > Ripetizioni > Come Pagare le Lezioni Private di Mio Figlio e Quali Sono i Vantaggi Fiscali?

Vostro figlio o vostra figlia segue corsi di sostegno scolastico, come accade a sempre più studenti italiani?

Sappiate che le lezioni private presentano differenti aspetti, non solo dal punto di vista della somministrazione ma anche in materia fiscale.

L’Italia ha un volume d’affari relativo al mercato delle ripetizioni che lo scorso anno sfiorava i 900 milioni di euro, di cui moltissimi mai dichiarati al fisco.

Addentriamoci insieme nei meandri di questo mondo parascolastico e degli aiuti finanziari cui potreste essere idonei!

Quest’articolo potrà anche essere utile agli insegnanti privati che desiderano mettersi a disposizione degli studenti per tenere corsi di sostegno e aiutarli nel loro percorso scolastico.

Perché scegliere il sostegno scolastico per vostro figlio?

Le richieste della scuola non permettono certo di ottenere buoni voti senza sgobbare!

Gli alunni trarranno quindi grandi vantaggi da un aiuto supplementare per riuscire a portare a termine i loro compiti e la loro scolarità. Il sostegno scolastico può essere attuato come ripasso o come lezione a domicilio, in gruppo o individuale.

Si tratta di uno dei mezzi più efficaci per ovviare alle difficoltà scolastiche e alle lacune riscontrate nel corso dell’anno.

Il sostegno scolastico è previsto per tutte le materie, in modo da far fronte ai bisogni e alle difficoltà di ogni studente.

Le materie più richieste? Matematica è in testa, seguita – tra i liceali – da greco e latino.

Anche i corsi di lingua sono molto gettonati: avere un buon livello di inglese e una pronuncia impeccabile, in un mondo sempre più globalizzato, è indispensabile per una vita universitaria e professionale soddisfacente.

Ma anche un aiuto compiti in geografia o in storia può essere importante per permettere all’alunno di riascquistare fiducia in sè!

Nella nostra era digitale, numerose piattaforme permettono di selezionare gli insegnanti secondo criteri geografici, la disciplina insegnata o i diplomi e le certificazioni di cui sono in possesso.

Avere un sostegno scolastico in molte materie può essere uno strumento utile a colmare le lacune degli studenti. Matematica risulta tra le materie più richieste in assoluto nel campo delle lezioni private. Le ripetizioni di matematica sono le più richieste in assoluto!

L’inquadramento dei corsi di tutoraggio

Esistono tre modalità principali di ripetizioni:

  1. Lezione privata individuale
  2. Lezione di gruppo
  3. Corso a distanza (piattaforme online, via Skype…).

Ciascuno è libero di scegliere quella ideale sia che si tratti di uno studio continuativo e regolare, sia che si tratti di una sessione una tantum durante le vacanze scolastiche.

A seconda dei vostri desideri potrete dunque rivolgervi a enti di formazione (in questi casi meglio allora chiedere preventivi personalizzati) o a un insegnante che lavorano in proprio. I primi formalizzano giuridicamente il sostegno scolastico, trattenendo una commissione.

Parliamo di associazioni come EF Education First, specializzata in inglese ma anche di enti che hanno a disposizione professori che coprono tutte le discipline, formula interessante per un sostegno scolastico a domicilio continuo e sostenuto.

Gli insegnanti autonomi (modalità che non impedisce di passare da paittaforme sul modello di Superprof) hanno il vantaggio di proporre tariffe orarie per le lezioni più convenienti, variabili in funzione del livello di studi dello studente e dal diploma dell’insegnante stesso.

Un’ora di lezione ha un costo che di solito oscilla tra i 20 e i 30 €, ma può arrivare anche a 50 € perché sono molte le variabili in gioco quando si parla di tariffe!

Poiché il mercato dell’insegnamento privato è libero da monopolio e aperto alla concorrenza, tenetene conto per scegliere l’accompagnamento scolastico più adatto alle vostre esigenze (e alle vostre tasche).

Le differenti modalità di remunerazione dei professori

Una Ricerca condotta dalla Fondazione Einaudi nell’arco dello scorso anno dimostra che il 90% delle lezioni private in Italia vengono pagate in nero. Questa cifra incredibile basta da sola a dimostrare la complessità del mercato dei corsi a domicilio e la “flessibilità fiscale” con la quale le famiglie fanno ricorso al sostegno scolastico.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i metodi di pagamento per gli insegnanti sono simili sia per coloro che hanno a che fare con una società, sia per coloro che lavorano in maniera autonoma. Nella maggioranza dei casi sono i genitori a essere datori di lavoro e non gli intermediari. I clienti pagano quindi una sorta di commissione all’impresa e parallelamente procedono al pagamento diretto dell’insegnante.

Questa remunerazione della piattaforma insegnanti-genitori può assumere la forma di una tassa di iscrizione una tantum, un abbonamento o una spesa singola. Gli enti di sostegno scolastico si occupano del reclutamento, facendosi garanti – attraverso il loro marchio – della qualità pedagogica del personale proposto.

Questa modalità è anche una garanzia di legalità per evitare il «nero». Nel momento in cui i corsi a domicilio sono inquadrati da una scrittura, può succedere che le famiglie decidano di comprare in anticipo dei buoni da consegnare all’insegnante dopo ogni lezione.

Sarà l’insegnante stesso a farsi carico di convertire e incassare il voucher.

Assicuratevi che i buoni possano essere rimborsati in caso di non utilizzo per non trovarvi in una situazione sfavorevole nel caso in cui non foste soddisfatti del servizio ricevuto.

Per quanto riguarda il pagamento diretto, i genitori possono pagare gli insegnanti e accompagnatori scolastici con assegni o denaro contante.

Si tratta dei tre metodi di pagamento più diffusi nell’ambito del sostegno scolastico, poiché carte di credito e bonifici interessano le imprese e solo molto raramente i freelance.

I vantaggi fiscali correlati possono portare a un’inflazione dei prezzi.

Una piccola guida dedicata al sostegno scolastico potrebbe aiutarvi a orientarvi meglio!

Diverse modalità di pagamento possono essere messe in atto dai genitori che ricorrono a ripetizioni per i loro figli. Anche a seconda della posizione lavorativa degli insegnanti privati può cambiare il metodo di pagamento e i vantaggi fiscali ad esso connessi. Professori certificati e aggregati o studenti?

Le detrazioni d’imposta

Le spese che il sostegno scolastico di vostro figlio comporta non sono trascurabili; può essere interessante capire come approfittare di alcuni vantaggi fiscali. L’aiuto compiti è spesso una necessità e, poiché  il mercato delle lezioni private incide sugli introiti dello Stato, è necessaria un’assistenza indiretta alle famiglie che vi ricorrono.

Sul tema però c’è ancora molta confusione! Tra le spese detraibili in dichiarazione dei redditi rientrano infatti per buona parte le spese scolastiche; la Legge 107/2015 dispone la detrazione Irpef del 19%, anche per tutte le spese finalizzate all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto (corsi di lingua, teatro, ecc., svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza) ma non per le lezioni private.

Quale via scegliere dunque? Dal 10 luglio 2017 è possibile utilizzare, per il pagamento del lavoratore autonomo occasionale, i buoni del “libretto per famiglie” acquistabili sul sito dell’INPS dopo essersi registrati. Ogni buono ha un valore di dieci euro, di cui due per contributi previdenziali, assicurativi e oneri di gestione. In tutto, quindi, per ogni buono da dieci euro l’incasso netto del lavoratore sarà di otto euro ma il lavoratore stesso beneficerà di molti vantaggi. Il compenso per queste prestazioni occasionali è esente da ogni imposizione fiscale, non incide sullo stato di occupazione ed è cumulabile con i trattamenti pensionistici e i versamenti volontari.

D’altro canto, la famiglia che ingaggia l’insegnante privato può beneficiare di prestazioni nella completa legalità, avere copertura assicurativa INAIL nel caso in cui si verificano incidenti sul lavoro, senza rischiare vertenze sulla natura della prestazione e senza dover stipulare alcun tipo di contratto.

Questa misura concorre alla lotta contro la frode e favorisce la dichiarazione nel rispetto delle leggi!

Diversi sono i metodi di pagamento attuati dalle famiglie per remunerare gli insegnanti privati. Ad alcuni di essi, come i voucher, sono connessi alcune conseguenze a livello fiscale. Modalità di pagamento dei corsi a domicilio: contanti, voucher oppure assegni!

I problemi cui dare risposta

Abbiamo visto che lo Stato non prevede dunque finanziamenti specifici per il sostegno scolastico individuale.

Questo rischia di aumentare il divario tra  gli studenti che hanno la possibilità di accedere al servizio e quelli le cui famiglie non possono far fronte agli oneri che ne conseguono.

Tutto questo si traduce nell’aumento della dispersione scolastica, che tocca già a livelli altissimi in Italia (siamo ancora lontani dall’obiettivo del 10% di UE 2020) in un circolo vizioso da cui è difficile uscire senza strumenti messi a disposizione di tutti.

Possiamo dunque dire che, in materia fiscale, molto ancora dev’essere fatto per regolarizzare l’attività di sostegno scolastico e per incentivare gli attori in gioco a farlo nel rispetto delle norme.

Tuttavia, questo non deve diventare un alibi per andare ad alimentare il lavoro sommerso.

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar