Cookie: in origine, piccolo biscotto zuccherato, che si accettava volentieri. Oggi: piccolo file informatico particolarmente salato, da rifiutare con veemenza – Luc Fayard

Sei cosciente che l’informatica implica un continuo rinnovo delle proprie capacità e sei curioso di imparare a programmare? Vorresti diventare uno sviluppatore o un programmatore?

Per molti professionisti, imparare lo sviluppo di applicazioni web e di applicazioni per dispositivi mobili non è troppo complesso, ammesso che si sia motivati e interessati!

Secondo le ultime indagini, sembrerebbe che la cifra di app scaricate dagli utilizzatori di smartphone durante l’anno 2019 abbia raggiunto il numero di 204 miliardi: il che mostra una progressione del 45% in tre anni.

Conoscere la programmazione, dunque, è sempre più necessario: ma conosci l’origine del codice informatico?

Ecco il nostro articolo focus sulla storia dei linguaggi di programmazione!

I migliori insegnanti di Programmazione disponibili
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (14 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marco
5
5 (36 Commenti)
Marco
25€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (36 Commenti)
Daniele
16€
/h
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (20 Commenti)
Lorenzo
40€
/h
Prima lezione offerta!
Diletta
5
5 (8 Commenti)
Diletta
20€
/h
Prima lezione offerta!
Sergio
5
5 (7 Commenti)
Sergio
20€
/h
Prima lezione offerta!
Emanuele
5
5 (28 Commenti)
Emanuele
20€
/h
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (17 Commenti)
Andrea
25€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (14 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marco
5
5 (36 Commenti)
Marco
25€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (36 Commenti)
Daniele
16€
/h
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (20 Commenti)
Lorenzo
40€
/h
Prima lezione offerta!
Diletta
5
5 (8 Commenti)
Diletta
20€
/h
Prima lezione offerta!
Sergio
5
5 (7 Commenti)
Sergio
20€
/h
Prima lezione offerta!
Emanuele
5
5 (28 Commenti)
Emanuele
20€
/h
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (17 Commenti)
Andrea
25€
/h
1a lezione offerta>

Gli eventi precursori della programmazione: prima degli anni Quaranta

Codificare, qualsiasi sia il linguaggio in questione (HTML, CSS, C, PHP, Java, JavaScript o Python), consiste nel programmare e scrivere un linguaggio che permetta di comunicare con un computer.

Nulla a che vedere con i pc di oggi, per non parlare degli smartphone.
I computer nel 1972 avevano dimensioni veramente notevoli!

Saper programmare significa essere in grado di creare delle applicazioni web e mobili, delle pagine web, delle interfacce utenti, questo o quel programma di programmazione o ancora di pilotare e programmare dei robot informatici.

Si potrebbe essere portati a credere che la storia della programmazione sia recente. Tuttavia, le primizie dei linguaggi di programmazione risalgono addirittura al XIX secolo, molto tempo prima dell’invenzione del computer.

Il primissimo modello di programmazione a livello mondiale risale all’anno 1842.

Nell’anno 1840, Ada Lovelace (1814-1852) riesce a definire il principio di iterazioni successive nell’esecuzione di una sola operazione. Probabilmente ha coniato la parola algoritmo, in onore di Al Khawarizmi (780-850), per designare il processo logico di esecuzione di un programma. Al Khawarizmi, infatti, era un matematico del califfato abasside (nell’attuale Uzbekistan), celebre per aver introdotto l’algebra in Europa e soprattutto per aver classificato gli algoritmi conosciuti all’epoca.

La stessa Ada Lovelace (il suo vero nome era Augusta Ada Byron) tra il 1842 e il 1843 tradusse il lavoro di un matematico italiano sulla macchina analitica dell’inglese Charles Babbage (1791-1871). I calcoli delle macchine in quel periodo riposano su delle schede perforate, sulle quali viene codificata l’informazione.

Ada riesce a dettagliare un metodo per calcolare i numeri di Bernulli su queste schede perforate: sarà proprio questo lavoro ad essere considerato poco più tardi il primo programma informatico al mondo.

Insomma, ad Ada Lovelace è attribuito il merito di aver determinato i principi dei calcolatori (i computer dell’epoca), ovvero:

  • Un dispositivo che permette di codificare dei dati numerici (schede perforate, ruote dentate)
  • Una memoria su cui registrar i valori numerici
  • Un’unità di commando, grazie alla quale l’utilizzatore del calcolatore indica alla macchina i compiti da svolgere
  • Un sistema incaricato di effettuare i calcoli
  • Un dispositivo che consenta di venire a conoscenza dei risultati.

I primi calcolatori elettrici sono apparsi solo cento anni più tardi, all’inizio degli anni Quaranta. La ridotta capacità di memoria e la lentezza di esecuzione rendeva i conti o qualsiasi altra operazione una faccenda ancora lunga e fastidiosa: gli scienziati dovevano scrivere dei programmi, utilizzando il linguaggio macchina!

Tra il 1943 e il 1945, un tedesco di nome Konrad Zuse, crea il linguaggio Plankalkül: un prototipo del primo linguaggio di alto livello, ma che non sarà mai impiegato.

Saper programmare è importante: ecco perché!

La programmazione nell’era dei primi computer

Si dovrà aspettare la fine della Seconda Guerra Mondiale, per poter ammirare il primo computer: ENIAC è il suo nome, che significa integratore e calcolatore numerico elettronico.

Nonostante questo, almeno fino al giorno d'oggi, le donne non si sono messe in mostra con la creazione di nuovi linguaggi.
Con l'Eniac, le donne sono state protagoniste della programmazione!

Secondo il progetto, questo computer elettronico era stato inventato per risolvere tutti i problemi di calcolo.

È, tuttavia, solo negli anni Cinquanta che la tecnica di programmazione informatica decollerà davvero!

E sarà ancora una volta una donna a dare l’impulso decisivo: Grace Murray Hopper (1906-1992) è un’americana che lavora per la Marina Americana e riesce a dare vita al primo compilatore, che sarà chiamato A0. La sua invenzione permetteva di generare un programma binario a partire da un codice sorgente.

Il successive linguaggio Fortran (Formula Translator) deve la sua origine all’ingegnere IBM John Backus. È il primo linguaggio di programmazione di alto livello, che sia funzionale ed utilizzato per il calcolo scientifico.

I linguaggi informatici degli anni Cinquanta saranno poi il LISP (per il trattamento delle liste) e il COBOL, inventato per la programmazione di applicazioni di gestione.

La tappa seguente dell’informatica è quella che fa riferimento alla cosiddetta logica di programmazione, con linguaggi di nuova generazione, come ALGOL (Algorithmic Oriented Language), il primo linguaggio che consenta di descrivere i problemi di calcolo in modo algoritmico.

Fortran et Cobol accompagneranno i progressi dell’informatica, soprattutto lo sviluppo dei computer a transistor.

Il Cobol è il linguaggio più utilizzato in assoluto per oltre 20 anni; è anche quello che detiene il maggior numero di linee di codice al mondo.

Gli anni Sessanta vedono il perfezionamento della tecnologia esistente, con la messa a punto di altri linguaggi e del pensiero informatico.

Queste sono le fasi della programmazione: leggi l'articolo!

I migliori insegnanti di Programmazione disponibili
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (14 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marco
5
5 (36 Commenti)
Marco
25€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (36 Commenti)
Daniele
16€
/h
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (20 Commenti)
Lorenzo
40€
/h
Prima lezione offerta!
Diletta
5
5 (8 Commenti)
Diletta
20€
/h
Prima lezione offerta!
Sergio
5
5 (7 Commenti)
Sergio
20€
/h
Prima lezione offerta!
Emanuele
5
5 (28 Commenti)
Emanuele
20€
/h
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (17 Commenti)
Andrea
25€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (14 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marco
5
5 (36 Commenti)
Marco
25€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (36 Commenti)
Daniele
16€
/h
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (20 Commenti)
Lorenzo
40€
/h
Prima lezione offerta!
Diletta
5
5 (8 Commenti)
Diletta
20€
/h
Prima lezione offerta!
Sergio
5
5 (7 Commenti)
Sergio
20€
/h
Prima lezione offerta!
Emanuele
5
5 (28 Commenti)
Emanuele
20€
/h
Prima lezione offerta!
Andrea
5
5 (17 Commenti)
Andrea
25€
/h
1a lezione offerta>

Dagli anni Sessanta agli anni Ottanta: l’adolescenza del codice informatico?

Questo periodo, corrispondente grossomodo a quello della Guerra Fredda, è quello che può vantare un progresso esponenziale delle capacità e delle ricerche per migliorare la programmazione.

Il primo linguaggio di programmazione orientato agli oggetti e di simulazione per eventi discreti è il Simula 67.

Il linguaggio C vede il giorno tra il 1969 e il 1973: linguaggio di basso livello, inventato per riscrivere UNIX, figura, ancora oggi, 50 anni più tardi, tra i linguaggi più utilizzati dagli sviluppatori e dai programmatori.

Questi signori hanno fatto carriera nel campo dell'informatica, così come il loro linguaggio.
Ken Thomson et Dennis Ritchie: sono loro ad aver codificato il linguaggio C!

Il linguaggio Pascal è sviluppato nel 1970 come un erede di Algol. Servirà per sviluppare il sistema operativo Apollo, Macintosh, così come la prima versione di Adobe Photoshop!

SQL (Structured Query Language) è infine creato nel 1974 e, ancora oggi, viene impiegato per creazione, lettura ed estrapolazione di database relazionali.

Nel 1983, sulle macchine compare il linguaggio C++, scritto da Bjarne Stroustrup.

Sapevi, poi, che Objective-C è stato inventato da Brad Cox? È il primo linguaggio di programmazione orientato agli oggetti riflessivo ed è stato utilizzato da NeXTSTEP, per l’azienda NeXT (fondata da Steve Jobs), poi dal sistema operativo di Apple!

Gli anni Ottanta danno un’accelerazione all’utilizzo dei codici informatici, con la creazione dei linguaggi Dbase, C++, Eiffel, Mathematica, Perl, Tcl/Tk.

Qui, trovi i diversi tipi di programmazione!

I linguaggi di programmazione con i web server

Mentre il linguaggio di programmazione cresce e si sviluppa, negli anni Ottanta è ancora al suo stato embrionale.

Gli anni Novanta segnano, finalmente, gli inizi della programmazione web, con le prime comparsate di internet!

Di fronte all’emergere dei linguaggi informatici e di fronte ai dubbi suscitati dallo sviluppo delle macchine nella vita sociale, numerosi pensatori inizieranno a mostrarsi scettici a questo riguardo.

In particolare, l’economista neo classico Robert Solow, premio Nobel evidenzia un paradosso, che porta il suo nome: si può vedere l’era dei computer dappertutto, eccetto nelle statistiche di produttività. Correva l’anno 1987!

Secondo alcuni, questo approccio mostrava una sorta di conservatorismo e di giudizio frettoloso a breve termine, che portava ad una sottovalutazione delle potenzialità rivoluzionarie degli algoritmi e della programmazione, che invece il decennio degli anni Novanta avrebbe conosciuto.

Gli anni Novanta e il primo decennio del nuovo millennio segnano l’inizio dei server web e dell’era internet.

Il web vede la comparsa di linguaggi di script, di linguaggi interpretati, eredi dei linguaggi dei sistemi operativi dei computer.

Innovativi (sono integrati nelle pagine web e codificati in modo da facilitare il susseguirsi di comandi semplici), funzionano sulla base di programmi semplici e piccoli.

Alcuni di questi linguaggi sono, ancora oggi, imprescindibili:

  • Python, creato nel 1991,
  • PHP, JavaScript e Java, creati nel 1995,
  • Ruby, inventato nel 1993,
  • C#, scritto nel 2000.

Python è stato scritto allo scopo di creare un linguaggio orientato agli oggetti e multipiattaforma, per ottimizzare la produttività dei programmatori, con n linguaggio di alto livello e una sintassi semplice da utilizzare.

Trent’anni dopo, numerosi studenti continuano ad imparare a programmare con Python, soprattutto nella ricerca scientifica!

Python permette di approcciare i concetti semplici e le basi della programmazione.

Un aneddoto: sembrerebbe che l’olandese Guido van Rossum abbia chiamato il suo programma così, in quanto fan dei comici britannici "Monty Python"!

Il primato di programma più usato è conteso tra JavaScript e Phyton.
Codifica in Python, il programma più utilizzato nel corso del 2020!

Il linguaggio PHP (Hypertext Preprocessor) è scritto nel 1994 da Rasmus Lerdorf, all’età di 26 anni, per sviluppare il proprio sito web. Qualche anno più tardi, la maggioranza dei siti web sarebbe stata codificata in PHP, soprattutto Wikipédia, Facebook e YouTube!

Lo studio della programmazione deve passare anche per la memorizzazione delle linee di codice informatico in JavaScript. Questo consente di sviluppare pagine web dinamiche, soprattutto per accrescere e migliorare l’esperienza dell’utente.

Attenzione: mai confondere Java e JavaScript, dato che non si tratta dello stesso linguaggio!

Le tecniche di programmazione nel XXI secolo

La maggior parte dei linguaggi da imparare per approcciare la programmazione oggi è stata inventata a metà degli anni Novanta. Tuttavia, lo sviluppo web ha conosciuto una vera rivoluzione digitale, i cui effetti (positivi o deleteri) non sono ancora interamente percepibili alla fine del 2020.

L'informatica e il digitale invadono tutti i campi della produzione dei beni e dei servizi: oggi, tutto quello che consumiamo emana, poco o tanto, da un algoritmo. Un simile sviluppo, d’altro canto, fa legittimamente emergere dei dubbi sulle condizioni della vita sulla Terra in avvenire, sul clima e la biodiversità, sulla stabilità delle istituzioni pubbliche.

Degli elementi dati per scontati, ma che molto probabilmente stiamo distruggendo in nome del progresso e della crescita economica (4G e 5G, robotica e domotica, economia della sorveglianza e del controllo digitale, protezione dei dati, sovranità, diritti e libertà minacciati, …).

Paradossalmente, internet e l’informatica sono stati sviluppati sempre con l’intento di rendere l’informazione accessibile a tutti, qualsiasi sia la classe sociale di appartenenza o di provenienza. E le donne un tempo sotto il giogo della dominazione maschile, hanno sempre avuto un ruolo cruciale nel dominio dello sviluppo informatico.

L’informatica e la programmazione sono quindi il frutto di uomini e donne progressisti e potrebbero essere considerate come un’invenzione libertaria, anarchica. Ne testimonia la possibilità di imparare a codificare gratuitamente online e di poter consultare i codici sorgente senza dover pagare, su tutti i siti web.

Le tendenze dagli anni Dieci di questo nuovo millennio consistono nel migliorare la conoscenza nella programmazione esistente: non vengono scritti nuovi programmi, ma quelli esistenti si adattano permanentemente per supportare le evoluzioni fulgoranti delle nuove tecnologie.

Cerchi dei corsi di programmazione? Numerose biblioteche sono disponibili online: su queste puoi acquisire un linguaggio informatico e iniziare a programmare, anche se sei agli inizi!

Programma! È solo così che potrai diventare un programmatore!

Scopri la nostra guida completa sulla programmazione!

Bisogno di un insegnante di Programmazione?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura