"Una grande carriera è misurata dal numero di fallimenti". Henri Jeanson (1900-1970)

Passare un colloquio di lavoro rispondendo bene alle domande poste e facendo una buona impressione fin dai primi minuti è davvero essenziale quando si deve trovare un lavoro.

Secondo uno studio sul processo di assunzione condotto dalla società di reclutamento Robert Walters, il 79% dei candidati ha già fatto almeno un colloquio di lavoro senza aver mai ricevuto un feedback.

Il 36% degli intervistati afferma di aver già avuto a che fare con un reclutatore maleducato o addirittura irrispettoso.

Abbiamo pensato ad alcuni suggerimenti per far sì che il tuo colloquio professionale abbia successo.

Ilja'
Ilja'
Insegnante di Coaching professionale
4.96 4.96 (78) 50€/h
Prima lezione offerta!
Marcello
Marcello
Insegnante di Coaching professionale
5.00 5.00 (16) 30€/h
Prima lezione offerta!
Danielle
Danielle
Insegnante di Coaching professionale
4.93 4.93 (4) 23€/h
Prima lezione offerta!
Paolo
Paolo
Insegnante di Coaching professionale
4.94 4.94 (7) 40€/h
Prima lezione offerta!
Josè
Josè
Insegnante di Coaching professionale
5.00 5.00 (8) 40€/h
Prima lezione offerta!
Alina
Alina
Insegnante di Coaching professionale
4.96 4.96 (15) 30€/h
Prima lezione offerta!
Giorgio
Giorgio
Insegnante di Coaching professionale
5.00 5.00 (6) 100€/h
Prima lezione offerta!
Danilo
Danilo
Insegnante di Coaching professionale
4.95 4.95 (29) 50€/h
Prima lezione offerta!

Informazioni sulla società

Lo hai già sicuramente fatto per scrivere una lettera di accompagnamento: è fondamentale conoscere l'ambiente dell'azienda e conoscere un po' la sua storia e le sue caratteristiche essenziali: la sua posizione nei mercati, la sua situazione economica e la sua filosofia.

Dal corpo alla voce devi avere tutto sotto controllo… allora come ti devi preparare al colloquio di lavoro?

Ero ben lungi dall'immaginare che il 5 ° piano sarebbe stato il luogo del mio nuovo lavoro!

Ero ben lungi dall'immaginare che il 5 ° piano sarebbe stato il luogo del mio nuovo lavoro!Bisogna conoscere inoltre il numero di dipendenti, le aree di competenza, il fatturato, il tipo di clienti, aree geografiche di attività, prodotti e servizi offerti. Ma, soprattutto, è consigliabile conoscere il personale: l'età dei dipendenti, se le attività sono organizzate internamente, se c'è molto lavoro di squadra, ad esempio.

La sfida è mostrare all'interlocutore che abbiamo imparato il più possibile sulla vita dell'azienda.

Problema: come ottenere queste informazioni? Internet è un mezzo che consente di raccogliere da casa molte informazioni particolarmente utili in questo settore.

Sarai in grado di conoscere i nomi dei leader - se non li conosci ancora -, la data di fondazione dell'azienda, alcuni frammenti sulle attività e sulla crescita potenziale.

Si può anche dare un'occhiata al mercato conoscendo i principali clienti e concorrenti dell'azienda.

Con il sito Web dell'azienda, i social network (Facebook, LinkedIn e Twitter), i siti di stampa che ne parlano, possiamo già raccogliere una certa quantità di dati a supporto delle tue conoscenze.

Anche Google è un possibile mezzo di ricerca, ovviamente, ma si tratta di un "gioco" a doppio senso: devi anche occuparti della tua "reputazione elettronica", reputazione digitale (pensa in particolare all'eliminazione delle foto “sconvenienti” o poco professionali).

Durante il colloquio di lavoro, approfitta di questo momento per porre al reclutatore alcune domande relative alla vita dell'azienda e all'atmosfera lavorativa.

Ecco sa fare invece per superare un colloquio di lavoro!

Scegliere accuratamente e prendersi cura del proprio abbigliamento

Lo stile di abbigliamento è la chiave per un colloquio di lavoro di successo. Naturalmente, questo varia a seconda del tipo di posizione per cui stai andando a proporti.

Il look è molto importante per avere un colloquio di successo!
Il look è molto importante per avere un colloquio di successo!

Alcuni direbbero, senza mezzi termini e con un po' di enfasi, che per avere successo nel tuo colloquio di lavoro, devi essere sicuro di te e molto tranquillo. È vero che è meglio essere rilassati piuttosto che stressati durante un colloquio individuale di fronte a due o tre esperti di assunzioni.

Tuttavia, esiste una verità generale che vale in tutti gli ambiti professionali, e ciò vale per qualsiasi tipo di posizione da coprire: è richiesto un abbigliamento consono per un colloquio di lavoro.

Certamente, un candidato che si presenta in giacca e cravatta per una posizione nelle professioni del web e della comunicazione (sviluppatore web, graphic designer, web editor, programmatore o persino pubblicità) risulterà inevitabilmente un po' snob.

Al contrario, presentarsi con un paio di jeans, una camicia bianca e una giacca per un lavoro nei settori bancario, legale e / o contabile - per esempio - potrebbe purtroppo risultare troppo informale.

Per ottenere il lavoro che desideri, devi adattare i tuoi abiti in base al settore e / o all'azienda in cui ti stai candidando.

Non commettere errori: fare troppo può anche essere controproducente per cui abbi equilibrio!

Devi risultare naturale nel tuo "codice di abbigliamento" perché rischi di sentirti a disagio se hai scelto l'assortimento sbagliato di vestiti. Per esempio questo non succederà se sei vestito come un ministro della Repubblica quando nessuno - nemmeno l'HRD o il CEO - indossa una cravatta, se la scelta dei colori è incoerente o se i tagli sono sproporzionati rispetto alla tua silhouette.

È sciocco, ma la società di oggi - in cui l'apparenza ha la precedenza sulle capacità interpersonali - prevede che ogni candidato debba distinguersi dagli altri, differenziarsi nel rispetto del rigoroso controllo sociale informale (per "distinguersi dalla massa") e, infine, che tutti debbano accettare di essere messi in competizione con gli altri.

Cosa può succedere se il tuo stile di abbigliamento viene trascurato?

Bene, poiché il mercato del lavoro è flessibile e molto competitivo, il recruiter opterà senza dubbio per un altro candidato il cui atteggiamento, linguaggio del corpo e formazione avranno fatto la differenza.

E se dovessimo individuare 5 step per superare un colloquio di lavoro?

Ilja'
Ilja'
Insegnante di Coaching professionale
4.96 4.96 (78) 50€/h
Prima lezione offerta!
Marcello
Marcello
Insegnante di Coaching professionale
5.00 5.00 (16) 30€/h
Prima lezione offerta!
Danielle
Danielle
Insegnante di Coaching professionale
4.93 4.93 (4) 23€/h
Prima lezione offerta!
Paolo
Paolo
Insegnante di Coaching professionale
4.94 4.94 (7) 40€/h
Prima lezione offerta!
Josè
Josè
Insegnante di Coaching professionale
5.00 5.00 (8) 40€/h
Prima lezione offerta!
Alina
Alina
Insegnante di Coaching professionale
4.96 4.96 (15) 30€/h
Prima lezione offerta!
Giorgio
Giorgio
Insegnante di Coaching professionale
5.00 5.00 (6) 100€/h
Prima lezione offerta!
Danilo
Danilo
Insegnante di Coaching professionale
4.95 4.95 (29) 50€/h
Prima lezione offerta!

L'importanza del linguaggio del corpo e dell'atteggiamento nell'intervista

Trovare le parole giuste non è sufficiente per convincere un reclutatore: il linguaggio del corpo e la comunicazione non verbale rappresentano fino al 90% del messaggio che si desidera trasmettere.

Assicurati di avere una stretta di mano sicura!
Assicurati di avere una stretta di mano sicura!

Per iniziare, dai primi secondi, ricordati la stretta di mano.

L'obiettivo di questo gesto è dimostrare di avere fiducia in te stesso. Ricordiamo che la prima impressione è spesso quella che stabilisce la decisione finale del reclutatore, quindi non porgere le mani troppo dolcemente: agita energicamente e francamente la mano della persona (senza rompere le ossa), guardando dritto negli occhi.

Seguite con il saluto di convenienza "buongiorno", e sorridete un po’ allo stesso tempo, se possibile.

Ecco una guida all'atteggiamento da avere in un colloquio di lavoro:

  • sistemati sulla sedia,
  • stai dritto e leggermente inclinato in avanti, le gambe parallele e i piedi appoggiati a terra.
  • Non abbiate paura anche di fare gesti con le mani per accompagnare le vostre parole: il reclutatore cercherà senza dubbio di interpretare questo linguaggio non verbale.

Le mani incrociate sono sinonimo di rinuncia e sfiducia.

Al contrario, le braccia aperte, distanziate e comunicative invieranno il segnale che uno si esprime con facilità, con eloquenza.

Nello scambio, è anche necessario prendersi cura della respirazione - per aiutare a gestire lo stress - e l'attenzione prestata al proprio interlocutore. Perché se lui / lei fa domande aperte e tu rispondi balbettando una risposta incerta, sarà logicamente visto come una strategia da parte tua per porre fine alla comunicazione.

È meglio dettagliare le tue risposte se le domande del colloquio ci invitano a farlo. Ad esempio, con la famosa frase "Mi dica qualcosa di lei!".

Evita di iniziare quando arriva il momento di negoziare il tuo stipendio.

Non esitare a dichiarare i tuoi salari, se ti viene chiesto, è un modo per il reclutatore di verificare ancora una volta se conosci il prezzo del mercato, ossia la remunerazione per la posizione in questione.

Ecco alcune cose da evitare:

  • Nascondere la bocca con la mano,
  • Toccare il nodo della cravatta,
  • Grattarti il collo,
  • Stare troppo avanti / sporgersi sulla scrivania.

Questi sono solo suggerimenti: per fortuna, non tutti i recruiter cercano il minimo difetto nei gesti. È la tua personalità che conta a questo punto.

Invece per quanto riguarda l’abbigliamento? Cosa devi fare?

Presentati in tempo al colloquio di lavoro

È il grande giorno! Ecco un altro aspetto fondamentale: la puntualità.

Dettaglia il tuo background!
Dai il maggior numero di dettagli sul tuo background!

Come avere successo in un colloquio di lavoro, come convincere qualcuno se non si è puntuali? Arrivare in ritardo è uno dei peggiori errori che si può commettere, segno di una mancanza di serietà, e può essere inaccettabile per molti recruiter.

Per qualsiasi appuntamento importante - che sia un colloquio di lavoro o un appuntamento romantico - è meglio pianificare un tempo di viaggio più lungo del solito. Qui, il recruiter ti dà il benvenuto nella sala del colloquio e lo scambio ha inizio. Senza dubbio avrai il cuore a 1000. Questo stress normalmente scompare se hai fatto una preparazione adeguata per il colloquio.

Dovrai descrivere brevemente il tuo background formativo e le tue precedenti esperienze professionali.

Ovviamente, a seconda del lavoro, non dettagliare la tua formazione nello stesso modo: è inutile menzionare un diploma se sei qualificato e laureato con un Master. Questo è il momento di dichiarare i tuoi progetti professionali alla persona di contatto: questi apportano un valore aggiunto a tutti gli sfondi e consentono di collegare gli elementi del CV. Nello scambio, non esitare ad affrontare il tema delle passioni, delle attività extraprofessionali (tempo libero, sport, musica, ecc.) e dei possibili impegni associativi e / o di volontariato.

Anticipare le domande destabilizzanti

E no, non è finita. Prepararsi per un colloquio di lavoro implica anche anticipare le domande che potresti dover affrontare. Rispondere alle domande difficili di un'intervista è un argomento spinoso.

Alla domanda "dove sarai tra cinque anni?", un candidato mi ha risposto: "Al tuo posto!"

Ecco alcuni esempi concreti di domande di intervista:

  • Qual è il tuo difetto principale?
  • Qual è la tua più grande qualità? Oppure: Dimmi 10 qualità e 10 difetti di te...
  • Cosa ti interessa della nostra società?,
  • Siamo nel 2025 o nel 2030: dove ti vedi?
  • Cosa potresti darci in più di un altro candidato?
  • Perché pensi che dovremmo reclutarti?
  • Quali è il tuo compenso richiesto?

Dopo il colloquio, non esitare a inviare una mail di ringraziamento il giorno dopo l'incontro: questo piccolo gesto può essere apprezzato. Infine, cogli l'occasione per ricordare loro la tua determinazione e il tuo desiderio di unirti alla loro squadra! Cerca di controllare al meglio il tuo linguaggio durante il colloquio di lavoro! È importante parlare in modo chiaro e preciso, dall'inizio alla fine del colloquio.

Bisogno di un insegnante di Coaching professionale?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Igor

Traduttore e insegnante, mi occupo anche di montaggio video e recitazione. Amo la musica, dal pop italiano alla classica. Curiosità è l'anagramma del mio nome.