"La tredicesima fatica di Ercole: trovare un lavoro." Roland Topor (1938-1997)

Prepararsi per un colloquio di lavoro è tanto più difficile se si tratta del tuo primo colloquio: come avere successo nel tuo colloquio, come vestirti per fare una buona impressione, lavorare nel campo delle vendite, saper affrontare le domande destabilizzanti, lavorare sui tuoi gesti, negoziazione del tuo stipendio ...

Trovare un lavoro, in un contesto di mercato del lavoro complesso e competitivo, e con un’alta disoccupazione strutturale è un percorso ad ostacoli.

Ecco alcuni suggerimenti per essere pronti durante un processo di reclutamento.

Preparati psicologicamente al colloquio di lavoro

Ecco il nostro primo consiglio per aiutarti a ottenere un primo lavoro o ad essere accettato: a casa devi rilassarti e immagina te stesso il giorno del colloquio di lavoro.

Non svalutarsi: la chiave del successo.

Fai una simulazione di colloquio per ridurre lo stress: è utile!
Fai una simulazione di colloquio per ridurre lo stress: è utile!

È uno dei baluardi contro lo stress da mobilitare per preparare un colloquio di lavoro, perché visualizzare la scena aiuterà il cervello a programmare sé stessi per avanzare e avere successo.

Come una prova per uno spettacolo teatrale, immagina il tuo arrivo in ufficio o nell'ufficio di reclutamento.

Il linguaggio del corpo, in primo luogo: arrivare con un sorriso sincero senza essere compiaciuti e adottare un approccio diretto e determinato, invierà un segnale al reclutatore, l'idea che tu abbia fiducia in te stesso.

Quindi, la stretta di mano dovrebbe essere sincera perché un saluto debole è un segno di mancanza di fiducia in sé stessi, o peggio, di indifferenza.

Ciò contribuirà a dare una prima impressione positiva di te, anche prima che la prima parola sia stata pronunciata nel vostro scambio.

Immagina, anche se è più facile a dirsi che a farsi, una conversazione tra due amici che parlano fluentemente e cerca di adottare questo tono rilassato (ma comunque serio).

Invece per quanto riguarda l’abbigliamento? Cosa devi fare?

Ponetevi le domande giuste

Rifletti sulle paure che sorgono da questa intervista: avere paura del palcoscenico è normale, quasi biologico, ma cosa c'è di veramente preoccupante durante un colloquio di lavoro?

Cosa c'è in ballo? È sicuramente vero che un reclutatore ha il potere di promuovere o meno lo sviluppo professionale di un individuo, di lasciarlo disoccupato o di tirarlo fuori dalla routine.

Ciò che preoccupa di più, in genere, è ciò che segue:

  • Paura di essere giudicato
  • La paura di rimanere senza lavoro
  • La paura di non essere all'altezza (Se sei invitato a un colloquio, significa che hai le competenze per il lavoro),
  • La paura di avere un curriculum vitae insufficiente

Si consiglia di creare e ripetere il discorso di presentazione per calmare la mente.

Fare una simulazione di intervista aiuta a ridurre lo stress perché la paura del palcoscenico è un'ansia di anticipazione: esserti dato la giusta preparazione ti permetterà di inciampare meno sulle risposte e di discutere meglio.

È sciocco, ma può fare la differenza.

Ecco invece qualche consiglio per superare al meglio un colloquio!

Rifletti sui tuoi punti di forza e di debolezza

Un colloquio professionale è, come sa ogni persona, un esercizio che provoca ansia.

Quali attività sono necessarie per riempire la posizione vacante?
Quali attività sono necessarie per occupare una posizione vacante?

Scrivere CV e una lettera di presentazione è una cosa, sapere come farsi esaminare senza dimostrare di essere stressati il giorno dell'intervista, è una storia diversa!

Il datore di lavoro metterà alla prova la tua personalità perché ti ha convocato: sa già, quindi, che hai le competenze richieste per il tipo di posizione da ricoprire. È pertanto necessario, a monte, riflettere sui suoi punti di forza e di debolezza.

Elencare i tuoi punti di forza da una parte e le tue debolezze dall'altra può aiutarti ad affrontare l'intervista con fiducia.

Per esempio:

"So che il mio CV non attesta una buona esperienza in questo tipo di posizione, ma ho una forte capacità di adattamento, mi piace il lavoro di squadra e posso imparare rapidamente."

Soprattutto, la redazione di un elenco delle sue debolezze consentirà al cervello di sapere come rispondere ad alcune domande imbarazzanti o destabilizzanti, poste volontariamente dal reclutatore.

Non per cattiveria o per il piacere di intrappolarti, ma per valutare se sei in grado di reagire a situazioni stressanti, se sei dinamico e mostri capacità decisionale,  se sei una persona attiva piuttosto che passiva.

Essere timidi, riservati, ansiosi, lenti, inesperti sono certamente dei difetti, ma è comunque meno peggio di un candidato arrogante, troppo loquace o che non è puntuale!

E se dovessimo individuare 5 step per superare un colloquio di lavoro?

Modifica il tuo "discorso interno"

Di fronte a situazioni stressanti, spesso sentiamo una piccola voce dirci che ci mancano le capacità, che siamo incompetenti, che ci manca la coerenza, la fiducia in noi stessi, etc.

Dobbiamo imparare a non ascoltare questa voce insidiosa perché non riflette la realtà.

Questi sono i tipi di pensieri negativi che ci impediscono di parlare, che ci fanno tremare dai primi secondi del colloquio.

Il nostro consiglio è, ogni volta che questi pensieri emergono, sostituirli con pensieri più obiettivi, anche positivi.

Ad esempio: "fai pena, perché hai fatto domanda per questo lavoro?" o "non ce la farai mai" ...

Piuttosto, si pensi a questo: "Non sono incompetente, posso fare molte cose", "Non sono più stupido di qualcun altro e sono in grado di imparare".

Informazioni sulla società

Richiederesti un tipo di posizione dirigenziale o addirittura un primo lavoro senza conoscere la vita dell'azienda, il suo ambiente, la sua storia?

Che gioia! Sono stato assunto come coordinatore!
Che gioia! Sono stato assunto come coordinatore!

Si consiglia di navigare sul sito Web dell'azienda per raccogliere tutte le informazioni che consentono di conoscere la filosofia dell'azienda, le sue recenti evoluzioni, le sue quote di mercato, la sua situazione economica.

Le pagine di Facebook e Twitter possono aiutare a definire le sfide del business e comprendere meglio le sfide che dovrai affrontare.

In altre parole, un candidato deve anticipare ciò che ci si aspetta da lui / lei.

Inoltre, ciò giustifica anche i motivi per i quali lei ha fatto domanda e attesta le sue motivazioni durante la seguente domanda: Signore / a, perché hai fatto domanda per questo lavoro?

Il colloquio individuale è soprattutto una relazione di seduzione.

Non è un incontro di appuntamenti veloci, ma è simile: devi essere in grado di fornire informazioni pertinenti e dimostrare di essere curioso di essere interessato all'azienda.

Ecco sa fare invece per superare un colloquio di lavoro!

Preparati a interrogare il reclutatore

Per distinguersi, può essere utile porre domande aperte al datore di lavoro. Lo stesso accade nelle società di head-hunters.

E sì, il recruiter ti farà sicuramente la seguente domanda: hai qualche domanda?

Rispondere in senso negativo può indicare una mancanza di interesse.

Porre le tue domande è un'opportunità per guadagnare punti, in quanto ti consente di sottolineare il tuo interesse per la posizione proposta.

Quindi, con due o tre domande preparate in anticipo, capovolgeremo un po' le cose e gestiremo meglio lo stress: perché per una volta è il datore di lavoro a parlare, e non il candidato.

Ci sono domande che un reclutatore potrebbe non aspettarsi, che potrebbero sorprenderle piacevolmente.

Esempi:

  • Cosa ti aspetti da un dipendente ideale?
  • Cosa ti piace personalmente della compagnia?
  • Quali benefici ti aspetti da questa assunzione?
  • Nel caso in cui venissi assunto, quale sarebbe la remunerazione? (Il tuo stipendio, infatti, è un prezzo in cambio del lavoro fornito, deve essere negoziato)

Precisamente, nelle trattative salariali, devi sapere come dire ciò che ti aspetti, senza essere fuori dal mercato, in linea con i tuoi obiettivi professionali, le tue abilità e senza infastidire il recruiter.

Lì, camminiamo su un filo... Ma ancora una volta, non temere: qualsiasi agenzia di reclutamento è abituata a negoziare i prezzi.

Diventa consapevole del tuo corpo

Prima di avere la postura giusta da assumere: non arrivare in ritardo!
Prima di avere la postura giusta da assumere: non arrivare in ritardo!

Una buona postura è davvero importante! Per preparare il colloquio, è importante prendersi cura della propria postura. Se si tratta di un'intervista telefonica, dovremo lavorare sul tono della tua voce. Facendo vocalizzazioni, esercizi di respirazione, allenamento per recitare il tuo discorso, lavorando sulla sua articolazione.

Gli esercizi vocali si possono fare anche online magari con un coach di teatro e recitazione che puoi trovare qui su Superprof. Per quanto riguarda la tua postura:

  1. Vestito con una camicia bianca - senza optare necessariamente per una cravatta - stare dritto, la cintura coperta, il petto leggermente inclinato in avanti, le gambe distese a terra, i piedi appoggiati a terra e paralleli.
  2. Mettere le mani sui fianchi, alzare il mento per due minuti dovrebbe aiutarti a porti in maniera sicura davanti al reclutatore.
  3. In posizione sedutabisogna rimanere saldi con la schiena dritta, con i piedi appoggiati a terra.

Secondo Hélène Picot, coach professionista, il linguaggio verbale rappresenta solo il 7% del messaggio da trasmettere mentre il tono della voce rappresenta il 38% del messaggio e la comunicazione non verbale occupa il 55% dello scambio.

Fai un bel respiro

Troppo stress, parlare a voce bassa, strofinarsi le cosce quando si parla, tremare di paura e perdere il fiato ad ogni frase non fanno una buone impressione sul reclutatore.

Per allenarti a casa e per rilassarti, ti consigliamo di fare esercizi di respirazione e meditazione.

  • Respirare lentamente, gonfiando l’addome. Inspira per 5 secondi, quindi espira con calma per 5 secondi, ripeti l'esercizio tre volte.
  • Questi 30 secondi aiuteranno già ad abbassare la frequenza cardiaca, favorendo il rilassamento.

Ci sono molti esercizi di respirazione antistress online che un coach ti può insegnare… Moltiplicando questi esercizi ogni giorno due o tre volte al giorno prima dell'incontro, ciò contribuirà a mantenere la calma durante il colloquio!

Bisogno di un insegnante di Coaching professionale?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Igor

Traduttore e insegnante, mi occupo anche di montaggio video e recitazione. Amo la musica, dal pop italiano alla classica. Curiosità è l'anagramma del mio nome.