Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Quali sono le tecniche per impartire lezioni agli adulti?

Di Igor, pubblicato il 31/08/2019 Blog > Lezioni private > Dare delle Lezioni Private > Come Dare Ripetizioni ai Lavoratori?

Dirigere ed imparare non sono due cose distinte

John Fitzgerald Kennedy

Ai tempi d’oggi, coloro che esercitano la professione di insegnante privato sono diventati davvero numerosi. Un po’ in tutti i paesi.

Il mercato della formazione extra-scolastica è in crescita portentosa in tutta Europa.

Migliorare, recuperare approfondire, prendere dunque lezioni di recupero, seguire lezioni di lingue, scovare nuove passioni e nozioni di interesse, è un tipo di esperienza che ormai riguarda ogni fascia di età ed ogni categoria socio-culturale.

Sia considerando un corso di lingua tedesca, ad esempio, sia prendendo in analisi una lezione di musica, l’insegnamento della chitarra, della lingua russa, del greco antico, ogni esperienza di corso privato ha luogo tra insegnanti privati ed allievi, in quantità variabili: uno ad uno, piccoli gruppi, co-presenza di due insegnanti; le esperienze di apprendimento, oggi, sono davvero varie e numerosissime.

Il bello dell’istruzione privata e della formazione extra-scolastica sta nel fatto che la specificità degli allievi è seriamente al centro di ogni sessione.

Gli adulti, così come i giovani, sono al centro di queste richieste iper-specifiche di formazione privata e mettono in evidenza lo stesso genere di necessità, in gran parte.

Ogni allievo di un insegnante privato ha la necessità di migliorare sensibilmente in un determinato campo, che sia per il gusto e la passione creativa nel tempo libero o per esercitare meglio una professione o superare un esame ed un concorso.

Tuttavia, per un insegnante privato, per chi scelga di impartire lezioni a domicilio o presso une ente privato ad adulti e giovani costituiscono pubblici e sfide differenti. Ed ecco, infatti, che i consigli possono differenziarsi, se sono diretti ad una o all’altra situazione.

Come diventare professore per chi non va più a scuola?

A questo punto, la missione sarà sempre quella, ma l’insegnamento si dovrà adattare alle nuove esigenze In poche tappe, un prof del liceo può diventare un insegnante privato!

Di solito, chi sceglie di diventare insegnante per dare corsi in azienda si organizza con una partita Iva, in modo che l’azienda abbia della facilitazioni nei pagamenti e nella defiscalizzazione, recuperando le spese sostenute.

Insegnare privatamente è una professione che ben si accorda con lo statuto di free-lance. Questo consente di lavorare per più aziende, per enti pubblici e privati e di continuare, a latere, ad impartire tutte le lezioni private e a domicilio che si voglia.

Il fatto di lavorare in libera professione consente di dare lezioni ad un numero illimitato di persone, in situazioni diversissime: formazioni aziendali, università della terza età, richieste personali e a domicilio.

Il punto comune a tutte le situazioni è quello della messa a disposizione di competenze e saperi.

In qualità di insegnante privato potrai scegliere davvero tu a cosa dedicarti nel dettaglio: aiutare i giovani a preparare un concorso, i liceali a superare l’esame di maturità o un professionista a passare una certificazione di informatica o in lingue straniere.

D’altra parte potrai anche decidere di dedicarti soltanto alle formazioni in azienda per gruppi piccoli e medi.

Il mestiere di insegnante privato va esercitato secondo una vera passione, che aiuterà ad affrontare al meglio ognuna di queste diverse situazioni.

I pubblici potranno differire e porti delle sfide diversissime tra loro. Gli adulti, ad esempio, avranno delle domande che porranno quasi sempre senza imbarazzo e che dovrai riuscire a soddisfare anche rispondendo a raffica. I giovani potranno apparire più timidi, ossia sono un uditorio più facile. In realtà, ogni categoria di allievo presenta vantaggi e svantaggi: occorre organizzare la lezione tenendo conto di ogni peculiarità.

Naturalmente, economicamente lavorare come libero professionista della formazione privata a pagamento ti consente di spaziare liberamente e di essere tu e tu solo il libero artefice dei tuoi introiti a fine mese. Ciò varrà nel bene e nel male. Dovrai darti da fare.

Le differenze tra dare ripetizioni a bambini e ad adulti

Impartire lezioni ad un bambino, fargli ripassare il programma scolastico ed insegnare qualcosa ad un adulto sono due cose davvero diverse, in fondo. In entrambi i casi, dovrai portare l’allievo a migliorare e a saperne di più, a scoprire qualcosa da zero, ma le vie per farlo sono differenti.

I giovani sono meno maturi, più spontanei, a volte anche senza troppe inibizioni. Salvo casi di estrema timidezza. Un adulto porrà domande più rare, ma davvero salienti, anche impegnative, per un insegnante che debba rispondere su due piedi.

E questo prescinderà dall’età dei tuoi studenti: dai più piccoli ai più anziani. Se ti dai all’insegnamento, la tua passione troverà libero sfogo!

L’insegnante privato che lavori con entrambe le popolazioni sa già che deve possedere una estrema elasticità per passare da un registro all’altro. Coloro che, invece, hanno esperito solo l’una o l’altra delle due popolazioni, avranno inizialmente qualche difficoltà a rimodulare il proprio ruolo, modificando diversi parametri chiave: tipo di linguaggio, modi, colloquialità, aspetto amicale, etc.

Quali sono i vantaggi nel diventare insegnante per adulti?

Insegnare significa imparare due volte

Joseph Joubert

Naturalmente, la natura dell’insegnamento in sé, non cambia, che si tratti di trasmettere conoscenze ad adulti o a bambini. Cambieranno i modi di veicolare il sapere, l’approccio psicologico, le strategie didattiche e pedagogiche. Non gli obiettivi dell’impartire lezioni private, né, tantomeno, i contenuti inerenti al programma di una determinata disciplina.

Ovviamente, però, ogni conoscenza dovrà essere resa accessibile da parte di un determinato tipo di pubblico. Ecco la grossissima differenza. E questo sta tutto nell’abilità del professore. Insegnare agli adulti o impartire lezioni private a bambini, può essere una scelta di comodo, dato che alcuni di noi sono più in sintonia coi primi ed altri interagiscono più facilmente coi secondi.

Di fatto, accade che un adulto che sceglie volontariamente di prendere lezioni private sia più attento e volenteroso, di fronte all’insegnante, rispetto ad un giovane cui la lezione privata sia stata prescritta o imposta da altri adulti.

Ma anche questa non è una verità ferrea. Infatti, gli adulti possono avere maggiori difficoltà ad afferrare concetti diversissimi dal loro vissuto scolastico e formativo, mentre i giovani hanno una certa elasticità mentale dalla loro. Insomma, ogni popolazione, vista come categoria di discenti, ha pregi e difetti.

Naturalmente, se non sai come si tenga l’ordine in una classe scolastica e temi le chiacchiere, i bisticci e gli “agguati” che bambini e ragazzini possono mettere in opera di fronte ad un insegnante, potrai stare più sereno rapportandoti ad un pubblico adulto. Almeno, non dovrai effettuare azioni di “polizia”! Il clima potrebbe essere, da subito più costruttivo, rispetto ad una classe di adolescenti.

Al contempo, un alunno di età avanzata avrà già delle categorie logiche e mentali da mobilitare per assimilare la presentazione di nuovi concetti e saperi. Diventare insegnante per adulti, allora, potrebbe partire da questa considerazione: maggior facilità nella trasmissione e nella condivisione di contenuti.

Sembra semplice, ma mettere nero su bianco questi elementi non è poi un’attività così rapida. Sapresti elencare le principali differenze tra studente bambino e studente adulto?

Il ‘’bello’’ del fatto di diventare professore per alunni adulti può essere illustrato tramite i seguenti punti:

  • Gli adulti hanno facilità nell’apprendimento,
  • Assimilano rapidamente i concetti,
  • Esprimono dubbi e curiosità piuttosto appropriati rispetto ai temi trattati,
  • Hanno un interesse intrinseco ad apprendere, che non dipende da alcuna valutazione,
  • Si appassionano e spesso “divorano” letteralmente quello che viene loro insegnato,
  • Intrecciano una vera e propria relazione con l’insegnante,
  • Etc.

Una relazione più costruttiva, ossia uno scambio verbale che può oltrepassare il minimo necessario. Lo scambio insegnante e alunno adulto è stimolante per entrambi gli attori di questa relazione. L’insegnante, si sente incoraggiato ad ampliare la propria prestazione, presentando nozioni ed esempi che vanno sempre più a fondo.

I nostri consigli per dare lezioni private all’interno di un’azienda

Nella pratica, si osserva che un numero sempre maggiore di insegnanti privati decide di dare lezioni in azienda. Spirito di gruppo, amore per il lavoro in squadra, interesse per le dinamiche di gruppo e, ovviamemte, competenze spinte in una determinata branca del sapere sono le caratteristiche che inducono a vivere questa esperienza.

Dal punto di vista dell’esperienza professionale e del curriculum a venire, poi, riuscire a impartire lezioni per conto di imprese consente di arricchire il proprio bagaglio e di diventare ancora più appetibile sul mercato.

Naturalmente, non si tratta di una professione che tutti possono svolgere. Alcuni tra coloro che stanno leggendo saranno ottimi insegnanti per ragazzi, per studenti presi uno alla volta, altri funzioneranno bene e saranno efficacissimi anche in gruppo ed in situazioni come quella che si crea in azienda. Come sempre, l’insegnante privato dovrà padroneggiare al meglio la propria disciplina. Poi, egli dovrà possedere una certa fiducia in se stesso, un insieme di tecniche espositive ed esplicative, una panoplia di esempi calzanti di fronte ad un pubblico adulto. Dovrà trattarsi di un insegnante che non teme le continue domande, che sa usare un linguaggio appropriato per gli adulti, che non suderà freddo quando costoro inizieranno a porgli delle obiezioni.

Gli adulti, insomma, sono allievi ben esigenti. Ma avere a che fare con loro è davvero un’esperienza che arricchisce e prepara, per il seguito, a qualsiasi genere di situazione didattica.

Il dialogo è importantissimo, se hai deciso di dare lezioni private pe vivere. Non può esservi evoluzione senza scambio verbale, relazionale, legato tanto ai contenuti, quanto ad altri elementi. In azienda, i salariati vivono diverse problematiche: conoscerle, darle per scontate è già un elemento che avvicina alla popolazione cui si impartiranno dei corsi di informatica. Sempre sapere con chi si ha a che fare; quali siano le logiche relazionali; quali le relazioni di base tra i vari ruoli in impresa. Tutto ciò consentirà di non fare gaffe, di non rovinare l’atmosfera colloquiale indispensabile alla diffusione del sapere.

L’obiettivo comune e risaputo deve essere il miglioramento, il progresso. I salariati non dovranno sentirsi giudicati, frustrati, trattati come studentelli alle prime armi. Al contempo, dovranno riconoscere l’autorità del mentore esterno, senza guardarlo dall’alto in basso.

Tutte le conoscenze passano dall’uno all’altro e anche l’insegnante trova soddisfazione in quello che fa. L’impresa è il luogo principe degli scambi tra persone: cerca di approfittarne!

L’impresa ha come obiettivo imprescindibile la competitività. Ogni salariato deve apparire potenziato al massimo, tramite il corso di formazione. Tutto dovrà essere finalizzato a questo risultato reale ed anche alla sua percezione, ovviamente.

I salariati sono adulti che hanno già effettuato tutte le tappe scolastiche che si erano prefissi. Potrebbero non accogliere di buon grado l’idea di rimettersi sui banchetti ad ascoltare spiegazioni prosaiche. L’insegnante privato dovrà riuscire a catturare la curiosità e l’attenzione di tutti, in modo da far dimenticare la situazione frontale, la pesantezza del concetto di “corso”, trasformando questa occasione in una parentesi arricchente e rilassante, un modo per scambiare e ricevere molto.

Ecco perché insegnare in azienda è una sfida appassionante che non ti annoierà. Tentala, se pensi di avere le carte!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar