Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

20 belle frasi per motivarvi a suonare il piano

Di Alice, pubblicato il 21/03/2018 Blog > Musica > Piano > Piano: le 20 Citazioni più Belle!
Indice

Richard Wagner diceva:

La musica comincia là dove si arresta il potere delle parole.

Nella storia della musica, numerosi compositori hanno dato il loro contributo. Schubert, Schumann, Chopin, Debussy, Brahms, Tchaïkovski, Berlioz, Haydn, sono dei riferimenti per la cultura pianistica.

Tutti loro hanno un insegnamento da darci.

Per aiutarvi allora nel vostro apprendimento e le lezioni di piano o per il piacere di ascoltare grandi intellettuali e pianisti, ecco alcune citazioni da tenere a mente.

1. «Quando si parla di piano, io mi fido completamente del sentimento. Non mi fido solo nella vita.» – Oscar Wilde

Oscar Wilde (1854-1900) è un autore molto noto in campo letterario. Sue sono numerose citazioni come:

Le follie sono le uniche cose che non si rimpiangono mai.

Allora, se desiderate cominciare a seguire lezioni di piano, buttatevi subito!

E, quando si tratta di piano, Oscar Wilde spiega che è essenziale seguire i propri sentimenti. In effetti, la musica è spesso conosciuta per essere il riflesso dell’anima.

I musicisti realizzano i loro migliori pezzi quando sono tristi, innamorati o arrabbiati.

Un consiglio da non prendere alla leggera.

2. «La caratteristica di un grande pianisti non è ignorare la tecnica, ma dimenticarla.» – Alfred Cortot

Grande pianista del suo tempo, Alfred Cortot (1877-1962) ci dà qui un consiglio prezioso.

La tecnica è importante quando si suona il piano. Ci vogliono diversi anni di lezioni di piano prima di poter avere padronanza nella coordinazione delle mani, il ritmo, gli accordi…

Molti pianisti sono troppo concentrati quando suonano, e questo emerge nelle loro performance.

Se avete già visto un pianista professionista suonare, vi sarete sicuramente accorti che la fa sembrare una cosa semplice.

In questo si vede un grande musicista: riesce a farvi dimenticare tutta la complessità del pezzo.

3. «Come suonare il violino o il piano, pensare richiede una pratica quotidiana.» – Charlie Chaplin

Anche alcuni personaggi celebri, come Charlie Chaplin, suonavano il piano. Tra le sue citazioni, una riguarda proprio questo strumento. Charlie Chaplin si dilettava di tanto in tanto con il suo piano!

Chi non ha mai sentito parlare di Charlot ?

Vero clown, attore e protagonista di denuncia sociale, Charlie Chaplin (1889 -1977) fa parte dei grandi.

Ecco perché, quando parla, lo si ascolta.

In questa frase, Charlie Chaplin paragona la pratica del piano all’atto del pensare. Infatti, per fare progressi al piano, è importante lavorare regolarmente. Potete aiutarvi con supporti didattici anche divertenti, come i film sul piano.

Ma tenetevi comunque un momento per pensare!

4. «Quando si resta a controllare, le patate cuociono troppo lentamente. Quando si va a suonare il piano nell’attesa, cuociono troppo in fretta.» – Thierry Midy

Il piano è un’attività che diventa presto molto coinvolgente.

La mente è attirata dal desiderio di imparare a suonare un pezzo con il solo obiettivo di poterlo suonare alla perfezione davanti alla propria famiglia e ai propri amici.

Questa citazione umoristica dimostra l’interesse che i pianisti hanno per il loro strumento.

Impossibile accorgersi del tempo che passa quando ci si siede al piano.

5. «Quando il pianista se ne va, non c’è un solo piano al mondo che si ricordi della sua performance. » – Stephen King

Estratta dal celebre romanzo di Stephen King «Il miglio verde» – adattato per il grande schermo da Frank Darabont nel 1999 – questa citazione mostra tutta l’importanza del ruolo del pianista.

Solo il musicista dà eleganza ai pezzi. Non è quindi la qualità del piano che farà di voi un bravo musicista. Inutile spendere una fortuna per diventare il prossimo Mozart.

«Il miglio verde» parla di una guardia penitenziaria che scrive le sue memorie e ripercorre i fatti più importanti dell’epoca.

6. « Un piano dev’essere un amico, vale a dire un confidente che toglie la nostra rabbia. » – Félix Leclerc

Félix Leclerc (1914-1988) è un autore, compositore e interprete.

Per questo artista, il piano è un vero confidente.

La musica è fatta per scaricare tutte le preoccupazioni e farle fluire attraverso il piano.

Allora confidatevi con il vostro piano!

7. «Io non so leggere la musica, non suono alcuno strumento a parte il piano con due dita per comporre i miei pezzi… Sono la prova vivente che si può fare musica senza essere musicisti!» – Kavinsky

L’artista di musica elettronica ci invita a riflettere su una problematica reale.

Si può fare musica senza conoscere le basi e senza aver mai seguito delle lezioni di piano?

Imparare il solfeggio è talvolta noioso. Molti musicisti saltano questa fase per passare direttamente alla pratica.

Nascono così le intavolature.

Ma possiamo davvero suonare senza saperne niente?

Kavinsky ci dimostra che la risposta è sì.

Con un orecchio musicale assoluto o meno, è sempre possibile toccare il piano senza conoscere le note. Si tratta allora di provare tutti i tasti e creare una melodia che suoni all’orecchio.

Alcuni musicisti saltano le nozioni di base per passare subito alla pratica. Kavinsky è un esempio di artista che ce l'ha fatta senza avere solide conoscenze teoriche. Kavinsky non ha mai studiato il solfeggio!

8. « La tecnica del piano in realtà è molto semplice, ma ci vogliono anni per averne padronanza. » – Glenn Gould

Leggere lo spartito, coordinare le mani, suonare il ritmo giusto: interpretare un pezzo non è sempre facile.

I grandi pianisti come Glenn Gould (1932-1982) ci hanno spesso messo anni prima di raggiungere una tecnica musicale ineccepibile.

Tuttavia, la tecnica non è così complicata da capire. Ma il cervello deve poter avere il tempo di registrare tutte le informazioni per poi metterle in pratica.

E questo è un processo lungo!

9. «Un vero musicista si giudica dalla sua capacità di saper suonare anche opere lente.» – Aldo Ciccolini

Suonare pezzi con un ritmo lento permette ai principianti di misurarsi con tutte le difficoltà del pezzo.

Tuttavia, il pianista Aldo Ciccolini (1925-2015) ci dice anche è è difficile saper suonare lentamente.

Infatti, i pianisti di successo hanno la tendenza a voler imparare opere piuttosto in fretta per mostrare la loro tecnica e le loro competenze.

Saper suonare pezzi lenti è anche una prova di talenti. Infatti, bisogna saper rispettare tutti i valori delle note, i tempi e mostrarsi aperti a tutto a livello di repertorio.

10. «Il piano è la fisarmonica del ricco.» – Michel Audiard

Le sceneggiatore Michel Audiard (1920-1985) sa trovare le parole giuste!

Questa frase è efficace!

Dimostra che posto aveva il piano nel corso del XX secolo.

All’epoca, i sintetizzatori e le tastiere digitali non esistevano. Solo la borghesia aveva i mezzi per comprare un pianoforte.

Il popolo si accontentava della fisarmonica, vero simbolo dei balli del villaggio.

11. « L’inconveniente del piano è che ogni nota buona è situata tra due cattive.» – Arthur Schnabel

Ottima osservazione Mr. Schnabel!

Questa frase ben rappresenta l’importanza dei tasti del piano. Bisogna conoscere bene ciascuna nota e conoscerne perfettamente la posizione sulla tastiera.

E questo si ottiene con la pratica. Le mani dei pianisti finiscono per abituarsi allo spazio tra ogni tocco.

12. «Guadagnarsi da vivere suonando il piano, è poter contare sulle proprie dita. » – Darry Cowl

Guadagnarsi da vivere quando si è artisti è complicato. Bisogna saper raggiungere una notorietà tale da riempire teatri o sale da concerto.

I cachet non sono sempre adeguati.

Alcuni artisti fortunati fanno carriera nelle grandi orchestre mentre altri tentano di arrotondare gli introiti del mese proponendosi come insegnanti di piano.

13. «La tecnica nasce dalla mente. » – Franz Liszt

La tecnica al piano si reinventa ogni giorno.

Non è un dio che un giorno ha deciso di imporre le regole del gioco per il piano. Sono i musicisti nel corso del tempo che hanno favorito certe tecniche piuttosto che altre.

La tecnica può dunque sempre reinventarsi . Perché non giocare con le proprie mani?

Franz Liszt, grandissimo compositore, pensa che la tecnica al piano si reinventi ogni giorno. Franz Liszt è uno dei migliori pianisti della storia!

14. «La mano rimane prima di tutto il capolinea del pensiero. » – Brigitte Bouthinon-Dumas

Pianista e autrice di diversi libri, Brigitte Bouthinon-Dumas non esita a dare consigli quando si tratta di piano.

Qui la musicista evidenzia il ruolo di mero strumento che ha la mano.

La mano serve prima di tutto come traduttrice del pensiero.

Perché la musica è un vero linguaggio con cui si può comunicare. Numerosi pianisti cantanti utilizzano anche la voce per esprimere i propri sentimenti.

Bisogna apprendere le basi di questo linguaggio perché le mani possano tradurre correttamente i pensieri.

15. «Un attore è come un piano. Dev’essere ben accordato, ma non bisogna farci sopra troppa pressione.» – Monica Bellucci

Questa frase della bella attrice italiana Monica Bellucci non vi farà forse progredire nel vostro apprendimento, ma ha il merito di far sorridere.

Infatti, il pianoforte è uno strumento relativamente fragile. Benché possa assorbire tutta la collera del musicista, non bisogna dimenticarsi di trattarlo bene.

Sicuramente accordandolo e pulendolo regolarmente, per cominciare.

16. «Dire al pittore che bisogna prendere la natura com’è, è come dire al virtuoso che può sedersi sul piano.» – Stéphane Mallarmé

Questo poeta del XIX secolo ci offre un bel paragone.

Proprio come per i pittori, non bisogna dimenticare la parte artistica della musica. Il musicista deve fare una propria interpretazione dell’opera.

I musicisti non sono giornalisti.

L’obiettivo non è di informare sulla realtà del mondo, ma di darne una visione. Quella suscita sentimenti negli spettatori.

17. «I pianoforti dovrebbero essere colpiti da due imposte: la prima a vantaggio dello Stato, la seconda a vantaggio dei vicini.» – Georges Courteline

Lo scrittore deve aver avuto vicini troppo rumorosi. Il genere di vicini che prova i pezzi di Bach o Beethoven in piena notte.

Ma talento e ispirazione non aspettano! Bisogna dar loro sfogo al momento opportuno.

La prossima volta non dimenticate di lasciare un biglietto di scuse o, meglio, utilizzare le cuffie. Tutto il quartiere vi ringrazierà.

Anche Georges Courteline ha espresso con ironia il suo pensiero relativo al piano: segno che su questo strumento ci sono davvero molte cose da dire! Georges Courteline è un romanziere e drammaturgo francese.

18. «Non conosco quest’opera abbastanza per poterla suonare lentamente » – Franz Liszt

Ecco una frase che fa subito pensare a quella di Aldo Ciccolini.

Il pianista Franz Liszt ha il merito di essere onesto.

Suonare un’opera lentamente significa infatti che si possono sentire tutti gli errori che il musicista fa, poiché il cervello ha il tempo di captarli.

Una cosa buona da sapere quando non si è troppo sicuri di sé.

19. «Lavorare efficacemente e con coscienza richiede più pazienza che ripetere meccanicamente ma il risultato è migliore ed è un mezzo per salvaguardare il corpo. » – Patricia Cousin

Benché questa citazione non sia esattamente in linea con il piano, permette di riflettere sui propri metodi di apprendimento.

Talvolta, i musicisti ripetono meccanicamente. Benché questo possa essere efficace affinché il cervello impari a riconoscere i gesti, è comunque importante seguire una logica nel corso delle lezioni di piano o di altri strumenti.

Non dimenticate mai ciò per cui vi state esercitando.

20. «Provo sempre a fare quello che non so fare, è così che spero di imparare a farlo.» – Pablo Picasso

E, per finire, ecco una bella frase di Pablo Picasso.

Qualcosa su cui soffermarsi a pensare!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar