Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Le ragioni per le quali imparare arabo è fondamentale nel mondo musulmano

Di Igor, pubblicato il 11/02/2019 Blog > Lingue straniere > Arabo > Perché Seguire Lezioni di Arabo e di Civiltà Araba è così Importante Oggi?

Come può l’uomo resistere alla bellezza di questa lingua e alla sua logica? Anche i vicini degli arabi, nei Paesi che hanno conquistato, sono stati colpiti dal fascino di questa lingua.

Sigrid HUNKE (1913-1999)

Lingua e cultura arabe, dal momento della loro espansione internazionale, nel corso dei secoli, sono sempre state oggetto di ammirazione, di fascino e di interesse per un gran numero di persone nel mondo intero.

Lingua semitica multi millenaria, l’Arabo è spesso rappresentato come la sola e unica lingua del Corano e come lingua ufficiale dei Paesi del mondo musulmano.

Ma la sfera d’influenza di questo idioma è molto più vasta. La civilizzazione islamica ha penetrato tutte le frontiere del mondo e ha investito tutte le culture del mondo.

In effetti, la lingua ha conosciuto un’espansione folgorante durante i secoli del Medio Evo e la sua eredità va ben oltre la religione musulmana: arte, letteratura – gli scritti di Avicenna – la poesia araba, …, scienze, gastronomia, tradizioni, comunicazione, …

L’apprendimento dell’Arabo, in una società umana globalizzata, costituisce una posta in gioco per la civilizzazione islamica per:

  • I nativi, per i quali questo idioma rappresenta la lingua materna;
  • Gli emigrati della diaspora araba nel mondo (40 milioni di persone);
  • Le persone originarie di qualsiasi altra cultura.

Per dare una visione di insieme dell’importanza della lingua araba per la civilizzazione islamica, noi di Superprof abbiamo tentato di privilegiare un approccio globale, che prenda in considerazione tutti i motivi di interesse per imparare l’arabo oggi.

La lingua del Corano e dell’Islam: iscriviti ad un corso di Arabo

La lingua che Allah ha scelto è la lingua araba. Ha fatto scendere il Suo prezioso libro (il Corano)

in lingua araba e ne ha fatto la lingua dei profeti.

È per questo motivo che ognuno di noi deve imparare l’arabo.

Ach-Châfi’i (767-820) è stato un giurista e uno scienziato egiziano, fondatore della scuola (madhhab in arabo) chaféite, una scuola di giurisprudenza dell’Islam sunnita.

In una moschea puoi praticare una religione, ma anche prendere corsi di Arabo e imparare l’alfabeto. L’interno di una moschea, il luogo di culto della religione musulmana!

L’Hégire (هجرة), che rappresenta la partenzadi Maometto dalla Mecca verso Yathrib – l’attuale Medina – nel 622, segna una tappa chiave per la religione musulmana.

È il libro sacro del Corano (القُرْآن, al-Qur’ān in arabo) ad ufficializzare la lingua araba come lingua ufficiale, l’unica lingua dell’Islam.

Come imparare l’Arabo e la traduzione letteraria della parola “libro”?

La parola libro si scrive kitaab, (کتاب), e la radice « k-t-b » può formare anche le parole scrivere (kataba), scrittore (katib) e biblioteche (maktaba).

Il libro di Allah, libro sacro della religione musulmana è redatto in extenso nella lingua araba.

Di conseguenza, ogni persona di confessione musulmana deve quindi imparare a leggere l’Arabo, a parlare Arabo come il Profeta, per poter capire e interpretare le raccomandazioni di Allah: la preghiera e la lettura del Corano.

Per una persona musulmana, è quindi importante diventare arabofono, perchè l’Arabo è la lingua autentica, LA lingua del Profeta, che permette di capire il Corano.

Lo studio del Corano è uno dei pilastri della cultura islamica.

Il libro sacro comporta più di 6.000 versetti, la cui pronuncia è complessa. La sua interpretazione ha dato luogo ad una vera scienza coranica, i cui scienziati ed eruditi musulmani tendono a realizzarne l’esegesi.

È l’arte di recitare correttamente il Corano, i salmi delle preghiere: il tajwid. Lo scopo è quindi quello di migliorarsi, di diventare migliori.

La sfida di una vita, insomma, per un musulmano praticante, è questa, dato che il libro sacro è talmente complesso, che non tutti gli arabofoni riescono a recitarlo e comprenderlo!

Dei corsi di Arabo coranico e di lettura del Corano sono necessariper imparare le regole del Tajwid.

Lezioni arabo, una lingua influente in tutto il mondo

Con oltre 350 milioni di locutori arabofoni nel mondo e 220 milioni di persone arabofone di lingua materna, l’Arabo è il quinto gruppo linguistico più utilizzato al mondo.

Corso arabo, lingua ufficiale dei paesi arabi

Si tratta, inoltre, della lingua ufficiale in ben 22 Paesi della Lega Araba.

Questa raggruppa l’insieme dei Paesi arabi, che contavano 378,2 milioni di persone nel 2014, mentre dei paesi densamente abitati, come il Brasile, l’India, il Venezuela o la Turchia sono dei semplici osservatori.

La città egiziana è stata per secoli al centro di eventi di capitale importanza per il mondo islamico. Il Cairo è ritenuto la capitale della Liga Araba!

Se vi si aggiunge il numero di locutori arabofoni nati o emigrati in altri Paesi del mondo, si capisce facilmente a che punto l’arabo sia una lingua importante, anche solo da un punto di vista quantitativo.

Imparare a parlare Arabo –  memorizzare l’alfabeto arabo, le lettere arabe, la grammatica araba, ecc. – permette alla fin fine di acquisire:

  • Una migliore pronuncia e una buona comunicazione orale
  • Migliori competenze linguistiche
  • Una polivalenza, che migliora le proprie capacità cognitive
  • Una conoscenza ed una comprensione della religione musulmana nel mondo.

Segui una lezione di arabo: una lingua influente anche nel resto del mondo

La lingua araba è anche una delle lingue ufficiali di organizzazioni internazionali, come l’Organizzazione delle Nazioni Unite, l’Organizzazione della Cooperazione Islamica, l’Unione del Maghreb Arabo e l’Unione Africana.

Imparare arabo è quindi importante per avere degli sbocchi professionali e lavorare negli affari internazionali.

Con la diffusione dell’Islam, l’Arabo diventa la lingua del Corano e conosce un’espansione extraterritoriale rapida, per insediarsi in tutti i continenti nel corso della Storia.

La conquista musulmana della penisola iberica da parte degli Omayyadi, il dominio musulmano nell’Europa dall’VIII al XVI secolo e il dominio ottomano, per diversi secoli, fino alla vigilia della Prima Guerra Mondiale, hanno favorito l’espansione dell’Islam e hanno lasciato delle tracce indelebili nella lingua e nella cultura dei Paesi occidentali.

Le scienze, la letteratura, l’architettura, la musica e l’Islam si sviluppano nel mondo arabo congiuntamente all’istante in cui la cristianità cade in un epoca oscurantista, fino al Rinascimento del XVI secolo.

La lingua araba è quindi stata il veicolo dei pensieri d’avanguardia nei domini letterari, filosofici e scientifici: l’eredità delle grandi civilizzazioni del Medio Oriente, allo stesso modo del pensiero greco e latino, furono ripresi e sviluppati in lingua araba.

Nei fatti, le lingue europee – francese, spagnolo, italiano, inglese – sono impregnate da diversi secoli di influenza della lingua e della cultura araba e questo idioma non dovrebbe quindi essere più considerato come una lingua straniera.

Scopri anche come seguire un corso di arabo online, la lingua più bella al mondo!

Corsi di arabo letterario, una lingua molto ricca, derivata da altri idiomi

Forte di tutte le tracce – storiche, scientifiche e culturali – che l’arabo ha lasciato, questo idioma si ritrova fin dento le lingue europee, come inglese, francese, italiano, spagnolo e portoghese.

E proprio per questo motivo, la lingua spagnolo deve molto all’Arabo, oltre che al Latino. L’Alhambra di Granada. La Spagna e il mondo arabo sono stati a lungo interconnessi!

Tutte queste lingue hanno diverse parole di derivazione araba.

Seguire dei corsi di arabo significa studiare la civilizzazione araba e progredire in arabo classico, letterario.

È questo ad essere stato standardizzato per essere capito da tutti, in opposizione all’arabo dialettale – la stessa lingua, ma con qualche varianti – dato che ogni Paese ha il proprio dialetto. Il darija, per esempio, l’Arabo marocchino.

Leggere l’arabo, comprendere e scrivere l’arabo è un esercizio ritenuto molto complesso.

Ecco perché:

  • L’alfabeto comporta 28 lettere, ma ciascuno comporta quattro forme diverse
  • Le parole arabe sono costituite da radici con consonanti gutturali
  • I verbi arabi formano 17 coniugazioni
  • Un vocabolario molto ricco: vi sono 80 parole per indicare il miele, 200 per il serpente, 500 per il leone, 1.000 per il cammello e la spada e fino a 4.000 per la sfortuna, la malasorte, la tristezza.

Un aneddoto: secondo un grammatico arabo, servirebbero sei cammelli per trasportare tutto il raccolto delle radici della lingua!

Questo per dire a che punto sia densa questa lingua: vi sarebbero 60.000 parole di vocabolario arabo e 6.000 radici nella lingua araba.

Sono molte le parole italiane che provengono direttamente dall’Arabo e che vengono usate normalmente:

  • Alambicco,
  • Alcova,
  • Albicocca,
  • Algebra,
  • Algoritmp,
  • Alcool,
  • Elixir,
  • Arancia ,
  • Sciroppo,
  • Zero.

Imparare l’arabo ti consentirà quindi di conoscere meglio l’italiano.

Sai perché gli arabi scrivono da destra verso sinistra?

Iscriversi a dei corsi di arabo, per non confondere arabi e musulmani

Un dettaglio che imparerai sicuramente ad un corso di Arabo … Terminiamo questo excursus, smontando uno stereotipo che troppo spesso viene preso per vero.

Alcune persone assimilano l’Arabo all’Islam,

  • Il nome Arabo rinvia ad un’etnia, ai popoli originari della penisola arabica
  • Gli arabi sono, come in Francia, popolazioni di provenienza dall’immigrazione dei paesi magrebini
  • I musulmani sono le persone di religione islamica.

Quindi, la civilizzazione islamica non è costituita solo di popolazioni arabe!

Anche se l’Indonesia è agli antipodi rispetto al mondo arabo, conta la maggiore concentrazione di musulmani. L’Islam non è solo in Medio Oriente, ma si spinge molto più lontano!

Si può essere arabi non musulmani, come nel caso dei cristiani libanesi; dei musulmani non arabi, come gli iraniani, i pakistani, gli afgani, i turchi, gli indonesiani, alcune comunità cinesi, gli albanesi, i bosniaci, …

D’altro canto, gli arabi costituiscono solo il20% di tutto il mondo musulmano.

Interessante, no?

Nel 2011, c’erano 1,6 miliardi di musulmani nel mondo, mentre nel mondo arabo vi erano solo 378,2 milioni di persone.

Tra il 10% e il 15 % della popolazione egiziana e siriana è araba e cristiana. Il Marocco e la Tunisia contano numerosi ebrei arabofoni.

I Paesi dove la presenza di arabi è maggiore sono:

  • L’Indonesia, con 205 milioni di persone (12,7% dei musulmani di tutto il pianeta)
  • L’India e il Pakistan, con 177 e 178 milioni di persone (11% dei musulmani del mondo),
  • Il Bangladesh, con 148,6 milioni di musulmani
  • La Turchia, la Nigeria e l’Iran, con 75 milioni di musulmani non arabi.

L’Islam è la religione ufficiale per il 93 % della popolazione del Turkmenistan. Tuttavia, la loro lingua materna non è l’Arabo e i turkmeni non sono arabi.

L’Arabo è quindi la lingua ufficiale del Corano, uno dei pilastri della civilizzazione islamica. Allo stesso tempo, però, non va assimilata ai soli popoli arabi, almeno dalla caduta del Califfato di Bagdad, il 10 febbraio 1258.

Sono passati ben 761 anni, da allora!

Scopri anche i legami che esistono tra la lingua Araba e Allah …

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar