Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Fare pratica con lo strumento a 6 corde: si impara subito oppure occorre del tempo?

Blog > Musica > Chitarra > Si Può Imparare a Suonare la Chitarra Velocemente?

In questo articolo cerchiamo di trovare la risposta ad una delle domande più comuni tra gli appassionati di chitarra che desiderano approcciarsi a questo strumento musicale: si può imparare subito? Oppure occorre molto tempo?

Rispondiamo con l’aiuto e i suggerimenti di Ludovic, chitarrista professionista e insegnante privato di chitarra a Parigi.

Cominciamo col dire che imparare la chitarra è un’attività alla portata di tutti, bambini e adulti. Sono ormai anni che pratico la professione d’insegnante di chitarra e di questo sono certo.

Sono abituato a sentire regolarmente i clienti al telefono, per programmare una o più lezioni di chitarra.

I miei corsi si rivolgono soprattutto ai principianti e le domande che i miei studenti mi presentano più di frequente sono:

1. Quanto tempo ci vorrà per imparare a suonare la chitarra?
2. Quanto tempo occorre prima di poter eseguire questo pezzo?
3. Quanto tempo, prima di diventare bravi?
4. Quanto tempo, prima di padroneggiare questa tecnica?

E soprattutto Quando cominciare a suonare la chitarra? “.

Ecco i consigli per suonare la chitarra, magari anche quella elettrica! Quante ore di lezione per imparare a suonare la chitarra?

Che tu ci creda o no, io in genere ho molta difficoltà a rispondere a queste domande, anche se le capisco perfettamente.
Di per sé, la risposta immediata è abbastanza semplice: non c’è una risposta.

Infatti, è impossibile soddisfare in modo concreto ogni singolo individuo, semplicemente perché dipende da caso a caso.

Qualunque professionista ti dirà che non c’è un punto di arrivo nel padroneggiare uno strumento musicale in modo assoluto: il suo livello di controllo può sempre essere perfezionato, tanto più che gli stili sono innumerevoli e d’altra parte è proprio questo aspetto che giustamente mantiene viva la passione a lungo!

Nel frattempo però, non dimenticare di guardarti indietro di tanto in tanto e vedere da dove sei partito.

E’ meglio focalizzarsi sui progressi che stai facendo e che hai fatto e non accusare costantemente il colpo di quello che non riesci ancora a fare. Per ora.
Suona lentamente ma in modo sicuro. E impara a gestire bene le tue dita.

I diversi tipi di chitarra

Ecco alcune informazioni generiche sulle chitarre che ti saranno utili prima di cominciare a studiare questo strumento.

In linea generale, una chitarra possiede sei corde che una, volta installate, producono delle note a vuoto che sono Mi, La, Re, Sol, Si, Mi dalla più grave alla più acuta.

La chitarra classica

Le tre corde acute sono in nylon, le altre 3 sono in nylon, ma con un filo metallico per renderlo più pesanti e diminuire la frequenza della vibrazione.

La chitarra Flamenco

Le corde di questa chitarra sono identiche a quelle della chitarra classica. Sulla cassa di risonanza si trovano anche delle piastre di plastica che colpite con le tecniche del golpe e rasgueado, producono il tipico suono della chitarra flamenca.

La chitarra jazz

E’ dotata di un manico più stretto rispetto alla chitarra classica e le corde acute sono in metallo. Il chitarrista jazz, in genere suona con un pletto e quando si esibisce, è in piedi.

La chitarra rock

Semplicemente conosciuta come chitarra elettrica, è dotata di un sistema elettronico che capta le vibrazioni delle corde e le trasmette a un amplificatore. I pick-up posti sullo strumento sono i ricettori che trasformano le onde sonore in tensione elettrica.

Più che una questione di tempo, è una questione di risorse

La risposta a queste domande varia a seconda dei profili. D’altra parte, è difficile dare un riscontro generico e adatto a tutti: mi metto nei tuoi panni e capisco perfettamente i tuoi dubbi. Ho intenzione di condividere la mia esperienza e quello che vedo nei miei studenti per cercare una risposta la più precisa possibile a questo grande quesito:

Quanto tempo ci vuole per imparare a suonare la chitarra?

Innanzitutto, parti dal presupposto che non è una questione di tempo bensì una questione di risorse personali.

In effetti, siamo tutti diversi. Non esiste una regola universale. Ma c’è un piccolo metodo che spesso mi sento di suggerire in risposta; se applicato correttamente vedrai rapidamente i primi progressi e potrò ben rispondere alla tua domanda iniziale.
Ecco dunque: per imparare a suonare la chitarra rapidamente, utilizza il metodo OTPM.

O per l’obiettivo che ti sei prefissato, TP per il tempo personale da dedicare alla pratica e M per la motivazione.

Questa è fondamentalmente la ragione per cui prima ho affermato che dipende da caso a caso.

Ora sei pronto ad iniziare il tuo corso di chitarra per principianti!

I miei consigli per imparare a suonare la chitarra velocemente

1 – Apprendimento della chitarra: obiettivo

Inizia a “strimpellare” il tuo strumento

Potrai porti come obiettivo quello di imparare le basi e i primi accordi per riprodurre alcuni accompagnamenti semplici, di puntare direttamente ad alcuni pezzi folk e pop rock abbastanza facili o anche solo di iniziare ad accompagnare il canto. (“No woman No cry” di Bob Marley, “What’s Up” dei 4 Non Blondes, “Knockin’ on heaven’s door ” di Bob Dylan, “Jimmy” di Moriarty).

Il primo consiglio è quello di fissarsi un obiettivo, nell'imparare a suonare la chitarra! Non tutte le chitarre sono così facili da suonare!

Potrei darti altri esempi, ce ne sono a bizzeffe, la lista sarebbe molto lunga. Questo non vuol dire che siano comunque brani facili da suonare per intero e in modo corretto.

Attenzione perché per raggiungere l’obiettivo non è sufficiente il semplice fatto di andare a lezione di chitarra. Per riuscire dovrai fare in modo di massimizzare la tua motivazione e di rendere regolare e costante il tuo lavoro personale. Il ruolo del tutor è quello di accompagnarti in questo processo di apprendimento.

Ancora una volta, mi ripeto, bisogna valutare caso per caso. Alcuni hanno più tempo e più agevolazioni rispetto ad altri. Questo dipende anche dall’età dell’aspirante chitarrista.

E sì, non è mai troppo tardi per imparare a suonare la chitarra!

Per le persone che sono molto impegnate e motivate, un trimestre è il tempo giusto per iniziare “a strimpellare”.

Iniziare a suonare assoli alla chitarra

Per alcuni, l’obiettivo sarà quello di perfezionarsi, spingendosi oltre il livello di base. Si tratta di coloro che, essendo già un po’ più esperti, vogliono cimentarsi in pezzi complessi, basati su arpeggi più o meno elaborati, accordi barrè o addirittura assoli!
Ti consiglio a questo proposito di mettere in conto almeno tre cicli di 12 lezioni di chitarra classica, ad esempio, ciascuno, l’equivalente di un intero anno di lavoro, per iniziare a padroneggiare veramente queste tecniche.

Ancora una volta, questa raccomandazione è davvero valida solo se investirai al massimo il tuo tempo nel raggiungimento di questo traguardo e se la tua motivazione sarà impeccabile.
La definizione “caso per caso” ha quindi un senso. Questo potrà richiedere un mese di lavoro per Piero, un anno per Paolo e diversi decenni per Giacomo!!

E anche la scelta della tua prima chitarra può influire sui risultati finali.

2- Tempo personale: lavorare per raggiungere gli obiettivi fissati

Diciamolo, ognuno di noi ha una gestione e un impiego del tempo differenti da un altro.
E questo vale per la vita di coppia, la famiglia, gli amici, il lavoro, il tempo libero, i doveri, gli impegni di beneficenza e via di seguito.

Nessuno di noi può investire lo stesso tempo di un’altra persona in una determinata attività. Sento spesso i miei studenti esclamare, soprattutto all’inizio del corso chitarra: mi dispiace ma non ho proprio avuto il tempo di toccare la mia chitarra!
Io non mi offendo perché capisco tutti perfettamente. È una realtà.

Quindi sappi fin da ora che il tuo tempo personale da dedicare alla pratica, dovrà essere quasi due o tre volte più importante del lavoro che svolgi durante il corso. Quindi privilegia soprattutto l’esercitazione a casa. Prenditi il tempo necessario per isolarti e lavorare.

Il 50% della risposta alla famosa domanda: “Quanto tempo mi occorrerà per imparare a suonare la chitarra?” risiede qui. Nel tempo che dedicherai al suo apprendimento!

In generale, raccomando almeno mezz’ora al giorno di pratica diretta con la chitarra.

3 – La motivazione per imparare a suonare la chitarra velocemente

E’ arrivando a questo terzo punto che ci si rende conto ben presto di come tutto sia collegato. In effetti, il raggiungimento del tuo obiettivo è legato alla quantità di tempo e di lavoro che potrai dedicarvi, a loro volta collegati alla tua motivazione e passione personali. E non ha nulla a che fare con l’età del chitarrista!

Su questo punto, non c’è da aver dubbi né da agitarsi perché, come per qualsiasi altra cosa da imparare, più ci si dedica con determinazione e meglio è.

E non mollare mai, se hai problemi!

La motivazione personale è fondamentale per imparare a suonare la chitarra! Non mollare tutto alle prime difficoltà!

Le basi per imparare a suonare la chitarra

Leggere le tablature

La tablatura di una chitarra assomiglia molto a un classico spartito musicale, ma è fatta di 6 righe, invece di 5. Ognuna delle 6 righe della tablatura corrisponde alle corde della chitarra.

Imparerai a scriverci sopra i numeri che indicano a quale livello del manico (diviso in una ventina di tasti), dovrai pizzicare le corde.

La tablatura è un sistema universale per trascrivere facilmente gli accordi, i riff e gli arpeggi. 

Ecco come leggere le lettere e i numeri sulle tablature per chitarra. Sulle tablature a ogni lettera corrisponde una corda della chitarra!

Le note sono rappresentate tramite le lettere.

  • La corda E rappresenta il Mi grave, posto nella parte più alta del manico.
  • Il Mi acuto è l’ultima corda del manico, ed è molto fina.

Ecco la corrispondenza tra le righe delle tablature e le note equivalenti, spostandosi dal basso verso l’alto:

  • Riga 1 (dal basso): Mi grave (E)
  • Riga 2: corda del La (A)
  • Riga 3: corda del Re (D)
  • Riga 4: corda del Sol (G)
  • Riga 5: corda del Si (B)
  • Riga 6 (in alto): corda del Mi acuto (e)

L’ordine delle righe delle tablature è quindi invertito rispetto alle corde del manico della chitarra. Potrebbe sembrare un po’ fuorviante se sei agli inizi, ma non ti preoccupare, imparerai in fretta!

Online abbiamo trovato questa tattica per le tablature per chitarra:

“Per far fronte a questo problema, c’è una soluzione semplice che consiste nell’inclinare leggermente il manico della chitarra verso di sé, in modo da orientare la corda del Mi grave (E) verso il basso, come sulla tablatura. Ovviamente, devi tenere la chitarra in questa posizione solo per il tempo necessario ad assimilare la lettura delle tablature.”

Aiutati con le tablature per trovare il suono giusto tra le corde della tua chitarra. Hai capito come sono disposte le corde di una chitarra?

Se vedi il numero 0 (zero) sulle tablature significa che devi suonare la corda a vuoto, senza pizzicarla. Il numero 1 corrisponde al primo tasto, quello che si trova sotto il capotasto. Gli altri numeri corrispondono ai tasti successivi.

Spesso le tablature sono accompagnate da spartiti classici in chiave di sol, dove sono raffigurate le note musicali (nere, bianche, crome).

Infine, le tablature per chitarra vanno lette da sinistra a destra, riga per riga. Spesso si trovano diversi numeri allineati verticalmente. Questo indica che bisogna suonare più note allo stesso tempo e quindi pizzicare le corde simultaneamente.

Suonare la chitarra: la lettura dei diagrammi per accordi

Il diagramma per accordi è un altro strumento per semplificare la lettura delle note. Rappresenta le corde di una chitarra quando teniamo il manico di fronte a noi.

Ecco come si presenta un diagramma per accordi:

  • in orizzontale trovi i diversi tasti del manico:
  • le linee verticali rappresentano le diverse corde da E (Mi grave) a sinistra, a e (Mi acuto) a destra;
  • la riga orizzontale al di sotto del primo tasto del diagramma viene chiamata capotasto e rappresenta il tasto 0 (il suono a vuoto).

In questo sistema le corde da pizzicare vengono indicate dai punti del diagramma e mimano la posizione delle dita sul manico.

Ogni dito della mano viene associato a un numero del diagramma:

  • T: pollice (da thumb in inglese)
  • 1: indice
  • 2: medio
  • 3: anulare
  • 4: mignolo

Prova a esercitarti con l’accordo di Mi minore, uno dei primi che s’imparano quando si comincia a studiare chitarra.

Comincia ad allenare le dita con il giro di Do alla chitarra. La canzone del sole è in assoluto la più suonata dai chitarristi principianti!

Se ami i classici e sei un vero principiante, prova il giro di Do e l’immancabile Canzone del Sole di Lucio Battisti.

Saper suonare un riff con la chitarra

Una volta che avrai imparato bene gli accordi, potrai aumentare il grado di difficoltà e cominciare a suonare la chitarra sul serio imparando i riff, dei brevi motivi, ovvero una combinazione di accordi.

Con l’occasione imparerai a scoprire il plettro, lo strumento che ti permette di pizzicare le corde quando non usi le unghie o i polpastrelli.

Online si trovano milioni di risorse su come usare il plettro correttamente. Il minimo da sapere è che si tiene solo con il pollice e l’indice.

Ci sono molti siti web dove puoi imparare a suonare i riff, ma la cosa migliore è rivolgersi a un insegnante privato di chitarra che ti aiuterà a fare passi avanti molto più velocemente di qualunque tutorial su internet.

Quando cominci a prendere confidenza con la chitarra, prova a suonare questa canzone dei Nirvana!

Tutti gli aspiranti chitarristi hanno sognato almeno una volta di poter conquistare una ragazza a suon di musica!

Ora che sai come si suona la chitarra, prova ad accompagnare le tue serate con i Nirvana. Come as you are dei Nirvana è diventato un classico per la chitarra!

La posizione delle mani sulla chitarra

Potremmo dedicare un intero capitolo al buon posizionamento delle mani e delle dita sulla chitarra. E’ una condizione indispensabile per fare bene gli accordi. Senza entrare troppo nel dettaglio di quello che farai durante il tuo corso di chitarra, possiamo dire che:

  • bisogna esercitare una buona pressione delle dita sui tasti per ottenere il suono giusto;
  • bisogna sempre premere la corda vicino all’attaccatura del tasto, per evitare vibrazioni sgradevoli;
  • è possibile toccare le corde con le unghie e con le dita della mano. La posizione delle dita cambia a seconda del modo in cui si toccano le corde.

Questo non è altro che un accenno a nozioni che verranno approfondite durante un corso di chitarra con un insegnante qualificato.

Imparare a suonare la chitarra con un’applicazione: fantasia o realtà?

Le applicazioni non si sono fatte sfuggire il mondo della musica. E’ infatti possibile scaricare dei programmi sul tuo smartphone e imparare a suonare la chitarra!

Coach Guitar, disponibile sull’App Store, è un metodo visivo per imparare a suonare i pezzi più famosi con la chitarra acustica o elettrica. Il vantaggio è che quest’applicazione è gratuita e quindi potrai usarla per completare un corso con un insegnante di chitarra.

Tanto di guadagnato!

Per chi usa Android, c’è Ultimate Guitar Tabs & Chords, un catalogo gigantesco su accordi per chitarra, tablature e testi delle canzoni di tutto il mondo. Puoi imparare più di 1 milione di accordi, aggiornati quotidianamente e gratuitamente. Puoi anche imparare a suonare la chitarra, anche se sei un principiante assoluto!

Il costo di 2.5€ ci sembra molto ragionevole. Più di 150.000 persone hanno già scaricato quest’applicazione e molti di questi hanno lasciato commenti positivi assegnandole un rating di 4 su 5.

Anche la tecnologia ti aiuta a studiare chitarra.

Queste app hanno senso se c’è un insegnante in carne e ossa a cui puoi chiedere consigli, che ti può correggere e seguire passo dopo passo.

Il bagaglio che un insegnante di chitarra accumula in anni di pratica e di insegnamento difficilmente può essere sostituito da software.

Nello studio della chitarra, come nelle altre materie, l’interazione con le altre persone è uno dei fattori di maggior successo. A volte basta un semplice sguardo, o ancora meno, una percezione, per capire che forse c’è ancora bisogno di lavorare su un accordo.

E poi la sintonia che si crea suonando insieme è impossibile da riprodurre da soli di fronte a uno smartphone.

E’ anche vero che ti serve molto studio individuale. Il tuo maestro di chitarra non può fare tutto da solo. Devi allenare orecchio e dita per poter vedere dei risultati. In questo senso le app sono un validissimo aiuto, che puoi usare in ogni momento, ovunque tu sia.

Avrai bisogno di almeno 3 mesi prima di imparare a suonare la chitarra

Avrai quindi capito, la questione non è di sapere quanto tempo ti occorrerà per imparare a suonare la chitarra ma piuttosto di come ottimizzare il tuo corso di chitarra per ridurre i tempi di rodaggio e cominciare rapidamente la fase più piacevole dell’apprendimento della chitarra.

Voglio sottolineare che questi consigli e queste opinioni sono mie, del tutto personali! Ovviamente non tutti gli insegnanti punteranno in modo specifico su questi aspetti o non necessariamente decideranno di sperimentare le mie stesse metodiche.
Inoltre, anche se avrai di certo compreso il ruolo e l’importanza di un metodo come quello OTPM (obiettivo, tempo personale, motivazione), non tutti abbiamo la stessa capacità o volontà di applicarlo.

In linea generale comunque posso affermare che, per iniziare a suonare dei semplici accompagnamenti con gli accordi di base (o ad esempio essere in grado di accompagnare qualcuno nel canto), un periodo di 3 mesi può essere sufficiente. L’importante è che la quantità di tempo personale a disposizione risulti adeguata all’impresa e che la motivazione nel raggiungere l’obiettivo sia forte.

Se invece il traguardo che vuoi raggiungere è quello di suonare canzoni molto più complesse, arpeggi elaborati, assoli semplici e brani strutturati in modo più articolato, allora dovrai mettere in conto un periodo di almeno un anno (circa 40 ore di lezioni di chitarra) per imparare.

Il tempo personale che si dedica alla pratica della chitarra è decisivo per imparare a suonarla bene! Esercitati a lungo prima di lanciarti in un assolo!

E per arrivare a fare tutto questo e anche di più?
Ebbene, la magia della musica, che la rende così speciale e unica, è che non smettiamo mai di impararla per tutta la nostra vita! Ciò che rappresenta la parte più emozionante ed eccitante!

E ogni tanto, lo voglio ribadire, fermati un istante e non dimenticare di guardarti indietro.

Questo ti aiuterà a scegliere il momento migliore per fare pratica con la tua chitarra.
E soprattutto di farti focalizzare sui progressi che compi ogni giorno e che hai fatto fino a questo momento e non magari sul rammarico e la delusione di non riuscire ancora a realizzare delle cose, per le quali probabilmente non è semplicemente giunto il momento.

Suona lentamente ma con sicurezza e impara a controllare le tue dita!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 3 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar