Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corsi di arabo per imparare il percorso della lingua dal passato ai giorni nostri

Di Alice, pubblicato il 20/02/2019 Blog > Lingue straniere > Arabo > Imparare Arabo: Storia della Lingua

La lingua araba è una lingua viva, parlata e scritta da circa 300 milioni di persone nel mondo. Inoltre, è la lingua sacra per più di un miliardo di musulmani.

Attualmente lingua ufficiale di 22 paesi, la lingua araba si è diffusa in tutto il mondo nel corso della storia.

Un tempo lingua della poesia utilizzata dalle tribù della Arabia preislamica, si è imposta con la rivelazione coranica che le ha conferito lo statuto di lingua sacra.

Ma cosa significa la parola «arabo»?

Difficile trovare l’origine di questa parola, ma numerose ricerche hanno provato a dare una spiegazione.

  • Nella mitologia greca: «arabo » deriva dall’eroe Arabos, nato in un paese di nome Arabia; si tratta del figlio del dio Hermes.
  • L’etimologia araba stima invece che la parola «arabo» derivi dal verbo «esprimere». Ma potrebbe anche indicare «il luogo in cui il sole va a dormire».

In ogni caso, possiamo metterci d’accordo su diversi punti:

  1. La lingua araba è una lingua leggendaria e il riflesso di una grande civilizzazione,
  2. Che ha permesso di far circolare molte conoscenze scientifiche, letterarie, religiose attraverso la storia…
  3. Imparare arabo significa avere padronanza dell’alfabeto, la grammatica araba, il vocabolario. Per quello bisogna seguire un corso di arabo.

Scoprite in questo articolo la storia dell’arabo letterario, una lingua che ha viaggiato nei secoli…

Storia e evoluzione della lingua araba

L’arabo appartiene alla famiglia delle lingue afroasiatiche, costituita da più di 300 lingue con il loro dialetto e vocabolario.

Nel vostro corso arabo scoprirete che la prima testimonianza scritta della lingua araba è un’iscrizione trovata nel deserto siriano risalente al IV secolo d.C.

Questo linguaggio poetico, probabilmente composto da diversi dialetti, finì per essere considerato come uno stile letterario che rappresentava un collegamento culturale tra le diverse popolazioni.

Ma si considera oggi che la lingua araba (l’arabo letterario che differisce da quello dialettale) possegga un legame molto particolare con la religione.

Il Corano racconta che il profeta Maometto abbia ricevuto il messaggio di Dio in arabo, con l’intercessione dell’angelo Gabriele.

Il Corano, contenente questo messaggio in arabo, fu inizialmente memorizzato da recitanti professionisti, detti hufaz e qura in arabo.

Poco a poco, il libro sacro dell’Islam divenne allora il collegamento più importante tra musulmani, arabi e non arabi che venerano il Corano.

Questa relazione strettissima tra Corano e arabo è quella che ha dato alla lingua il suo statuto speciale e che ha contribuito all’arabizzazione di diverse popolazioni.

I vettori della lingua araba

L'arabo è anche la lingua del Corano, per questo l'aspetto religioso di questa lingua è molto forte. La lingua araba è una lingua liturgica e si è diffusa con la religione musulmana!

Lo scoprirete fin dalle vostre prime lezioni di arabo: l’arabo è una lingua molto ricca, proprio come la sua civilizzazione, il suo vocabolario e il suo lessico.

La grammatica, complessa ma precisa, l’alfabeto arabo e la sua scrittura artistica, obbligano i giovani studenti a seguire corsi di arabo approfonditi. Sono indispensabili per sperare di poter avere un giorno padronanza della lingua.

Gli arabi si vantano, secondo Ernest Renan, ufficiale della Legione d’Onore, di avere :

  • 80 parole per designare il miele,
  • 200 espressioni per il serpente,
  • 500 per il leone.

Il vocabolario arabo comprende 60.000 parole!

Nomi, nozioni e concetti hanno una tale quantità di sfumature che permette di esprimersi con estrema precisione. Lo scoprirete nelle lezioni di arabo!

Questa ricchezza letteraria che fa dell’arabo una lingua viva è tanto più evidente nella poesia araba, riconosciuta per la sua finezza e per una ricchezza senza eguali.

La poesia preislamica ha fornito alla letteratura araba una forma che ha determinato la creazione letteraria fino all’inizio del XIX secolo.

Queste basi si traducono sotto forma di genere, regole e modelli che sono contemporaneamente di poetica, retorica e linguistica.

Anche se la letteratura araba ha giocato un ruolo fondamentale nella lingua araba, il vettore di diffusione più importante è stato il suo essere la lingua dell’Islam.

Nella maggior parte dei paesi musulmani, l’arabo è rimasto una lingua liturgica.

L’Islam ha conosciuto una diffusione esponenziale in praticamente tutti i quattro angoli del mondo; in questo modo la religione musulmana ha giocato un ruolo davvero importante nella diffusione della lingua arabo.

Oltre alla letteratura, scoprite anche come imparare le cifre arabe nei corsi arabo che frequenterete…

La diffusione della lingua araba

All’inizio dell’VIIIe secolo, l’impero arabo-islamico si estendeva dalla Persia alla Spagna, imponendo la coabitazione tra arabi e popolazioni locali, che parlavano lingue differenti.

In Siria, Libano e Palestina, dove la maggioranza della popolazione parlava un dialetto aramaico e dove le tribù arabe erano presenti nelle vicinanze, le lingue locali furono per la maggior parte sostituite dalla lingua di Ismaele. Una storia da studiare a lezione di arabo con un insegnante privato!

Dominazioni e vicende politiche hanno certamente influenzato la lingua araba e portato l'arabo a essere la lingua che conosciamo oggi. La lingua araba come la intendiamo oggi è una commistione di diversi linguaggi!

Un processo più graduale di arabizzazione si ebbe in Egitto dove il copto e il greco erano le due lingue dominanti. La Persia e la Spagna, tuttavia, conservarono le loro rispettive lingue d’origine.

Tutti questi viaggi della lingua araba non hanno fatto che arricchirla.

Infatti, l’interazione della lingua araba con altri linguaggi ha portato ad abbozzare un nuovo vocabolario che ha arricchito la lingua in campi come i poteri pubblici, l’amministrazione e la scienza.

Questo, in aggiunta alle ricche risorse interne dell’arabo, ha permesso alla lingua di diventare un mezzo appropriato per governare un vasto impero.

Numerosi ricercatori presero parte allo sviluppo della vita intellettuale preferendo usare la lingua araba.

Ma un periodo di declino cominciò nel XI secolo con l’inizio delle Crociate, l’agitazione politica in Spagna, le invasioni turche e mongole a Est e le divisioni interne all’Impero.

Questi differenti eventi hanno segnato un periodo di stagnazione per l’arabo, anche se il suo statuto di lingua dell’Islam non fu mai minacciato.

Il XIX secolo ha costituito un periodo di rinnovamento intellettuale che iniziò in Egitto e in Siria per diffondersi poi nel resto del mondo arabo, cominciando dalla spedizione napoleonica in Egitto del 1798.

La spedizione aveva previsto l’introduzione della prima tipografia araba in Egitto e la traduzione di numerose opere occidentali in lingua araba.

Nel corso della storia l’arabo si è sviluppato in tutto il mondo permettendo di veicolare, con la sua lingua, numerose conoscenze.

Ecco perché imparare arabo è certamente una buona idea, che sia seguendo un corso di arabo di gruppo o un corso arabo singolo.

L’influenza della lingua araba intorno al mondo

La lingua araba è diventata lingua ufficiale sotto il califfato di Abd Malik Ibn Marwan nell’VIII secolo d.C. Prima, il greco era la lingua amministrativa. Abd Malik ha poi deciso di tradurre in lingua araba tutti i testi ufficiali e amministrativi.

Da quel momento la lingua araba non è più solo riservata all’ambito religioso.

L'architettura araba è certamente molto affascinante. L'Alhambra di Granada ne è un esempio. Tra le cose più affascinanti della civiltà araba? L’architettura! Potrete ammirarla anche in Spagna…

Contemporaneamente lingua dell’Islam e supporto della cultura per 5 secoli, l’arabo è entrato in contatto con diverse lingue.

Le lingue asiatiche e africane come il turco, l’urdu e il farsi impiegano anch’esse numerose parole arabe quando affrontano diversi aspetti della cultura.

L’Europa si è rivolta a scritti in lingua araba per l’ambito scientifico e ha riscoperto testi classici greci e latini conservati con le traduzioni arabe.

Durante le vostre lezioni di arabo scoprirete che anche la lingua di Shakespeare, che ha avuto pochi contatti diretti con l’arabo, ha preso in prestito molte parole a questa lingua, spesso in maniera indiretta attraverso il portoghese, l’italiano e lo spagnolo.

Numerose opere linguistiche hanno mostrato il contributo dell’arabo nella lingua inglese: si parla di più di 2000 parole!

E se scopriste la storia ma anche come pronunciare e scrivere l’arabo classico grazie a corsi di arabo professionali?

L’utilizzo della lingua araba

La lingua araba ha segnato molti campi artistici, come la poesia, ma anche scientifici.

Al mondo arabo si devono alcune importanti invenzioni in campo non solo scientifico. Abū ‘Alī al-Ḥasan ibn al-Haitham, da noi noto come Alhazen, ha inventato la prima camera oscura!

Scienza e matematica

Parliamo di scienze arabe quando ci riferiamo alle scienze che si sono diffuse in terra islamica tra l’VIII e il XV secolo.

Ma anche in matematica parliamo arabo… due esempi su tutti: i due trattati del matematico persiano al-Khwarismi, l’uno che descrive il sistema di numerazione decimale indiano, l’altro che presenta in un unico sistema organizzato le equazioni algebriche di primo e secondo grado, sono scritti di capitale importanza per lo sviluppo della matematica.

La medicina

Il mondo arabo conobbe la medicina nel corso del Medioevo grazie a personaggi come Avicenna, autore dell’enciclopedia medica.

Ibn Nafis, che descrisse la circolazione sanguigna polmonare, e il persiano al-Razi, che per primo utilizzò l’alcol in medicina, sono due uomini di scienza arabi che hanno segnato le scoperte in fatto di medicina.

L’anestesia, praticata nell’antichità con l’ingestione di oppio o altre sostanze soporifere, fu perfezionata con l’utilizzo di una spugna imbevuta di un mix di sostanze.

Seccata, questa spongia somnifera, permette al chirurgo di operare mentre il paziente non è cosciente.

Una pratica che somigliava piuttosto a uno stato analgesico accompagnato da perdita di coscienza e che deriva da un’intuizione del mondo arabo.

Insomma, se questa lingua e tutto quello che le sta intorno vi affascinano, è ora di prendere lezioni di arabo letterario! Corsi arabo sono sicuramente disponibili nella tua zona oppure online, sulla piattaforma Superprof.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar