“Dove c'è musica non può esserci nulla di cattivo.” — Miguel de Cervantes 

L’inglese è diventato negli ultimi decenni una vera e propria lingua franca, ed è ormai insegnato ovunque. Nella maggior parte dei paesi non anglofoni, gli alunni sono tenuti comunque a studiarlo fin dalla più giovane età.

Secondo un sondaggio organizzato da Babbel, il 47,14% degli intervistati sostengono che il loro metodo di apprendimento cambia di continuo. "Ci sono tanti metodi per imparare una lingua quante sono le persone che la studiano" commenta un utente della piattaforma. 

E come dargli torto? Al giorno d'oggi le nuove tecnologie hanno reso possibile la diversificazione dei metodi di studio, e grazie a internet, alle app e all'accesso diffuso all'informazione, possiamo ormai imparare qualsiasi lingua in qualsiasi momento.

E la musica ricopre ormai un ruolo di rilievo nei metodi di apprendimento, poiché permette di espandere il proprio lessico, imparare nuove espressioni e entrare in contatto con la cultura di un paese.

Inutile dire che questo è ancor più vero quando si parla dell'inglese, dal momento che quello anglofono è uno dei mercati musicali più ricchi del mondo!

Vediamo insieme qualche canzone in inglese che può aiutarci a migliorare la nostra conoscenza di questa lingua.

Georgia on my mind: un classico del blues 

Impara l'inglese grazie ai testi delle canzoni.
Ray Charles è uno dei cantanti Blues/Jazz più amati di sempre! ©: Getty / Smith Collection / Gado

Interpretata per la prima volta da Ray Charles nel 1960, questa canzone è ormai diventata un classico del blues. Composta da Hoagy Carmichael e Stuart Gorrell, Georgia on my mind fa parte di quelle canzoni che ci toccano nel profondo e ci fanno provare emozioni forti, sia per la forza della melodia che per l'intensità del testo.

Le parole della canzone, accompagnate per l'appunto da una melodia memorabile, sono un ottimo strumento per ampliare il proprio lessico in inglese.

Il tempo abbastanza lento, e l'ottima dizione di Ray Charles permettono di cogliere rapidamente le parole della canzone, basterà un piccolo sforzo di concentrazione e un esercizio di memoria per impararle.

C’è un dibattito sul nome all'origine della canzone, Georgia. Alcuni affermano che la canzone si riferisca all'omonimo stato statunitense, mentre altri pensano che la canzone parli della sorella di Hoagy Carmichael. Comunque sia, la canzone diventa subito un grande successo, è, per quanto ripresa nei decenni successivi, rimarrà sempre associata al suo interprete più celebre, il leggendario Ray Charles.

Hai già pensato di imparare l'inglese online?

Shape of You di Ed Sheeran: un ritmo a cui è impossibile resistere  

Traducibile in italiano con "La tua forma/le tue forme", Shape of you è la più grande hit del 2017. In questa ballata sfrontatamente pop, il cantautore britannico Ed Sheeran ci parla d'amore e di sensualità, dell'irresistibile attrazione che prova verso la persona amata.

La canzone presenta la struttura classica dei brani pop, fatta di ritornelli e strofe, ma il ritmo rapido rende il testo difficile da cogliere. un primo ascolto. Ma non preoccuparti, le parole di questa canzone sono assolutamente accessibili!

In effetti, la comprensione è in parte facilitata dalle numerose ripetizioni del brano. In un solo ascolto, sentirai alcuni passaggi ripetersi più volte, il che permetterà di memorizzarli più facilmente.

Puntare sulle hit per migliorare il proprio inglese è sempre un'ottima idea, poiché vengono trasmesse ovunque, e potrai così ripassarne il testo anche in coda al supermercato, in macchina nel traffico, ecc.

Ricorda che per migliorare la comprensione e la produzione orale con le canzoni, è fondamentale ripeterle più volte. La canzone di Ed Sheeran rappresenta un ottimo strumento per migliorare in inglese.

Anche leggere libri in inglese è un ottimo strumento per diventare bilingue!

Let it be: un vero e proprio monumento della musica anglofona 

Sapresti citare altri brani dei Beatles?
La copertina dell'album "Abbey Road" è una delle più conosciute al mondo! © Iain MacMillan – The Beatles – "Abbey Road" – (Reproduction Bloomsbury Auctions)

Non abbiamo neanche la stessa patria, non si parla la stessa lingua, ma fare un bagno di musica sarà sempre un linguaggio universale — Maryanna 

C’è ancora bisogno di presentare i Beatles? Questo gruppo britannico ha collezionato i successi negli anni, e Let it be fa parte dei suoi brani più celebri. Scritta nel 1970 da Paul McCartney, questa canzone si è classificata al 20° posto delle 500 canzoni più belle di tutti i tempi, pubblicata dal celebre giornale Rolling Stone. 

In molti hanno letto dei riferimenti biblici in questo brano, ma McCartney ha rivelato che la canzone è in realtà ispirata a un sogno, e che la Mother Mary citata nella canone è in realtà sua madre, morta di cancro quando il piccolo Paul era adolescente. 

Al di là delle diverse interpretazioni che ne sono state fatte, Let it be è una canzone perfetta per imparare e praticare la lingua inglese. Inoltre, è importante conoscere questa canzone anche per una semplice questione di cultura generale: si tratta di un vero e proprio monumento della musica mondiale.

Il ritmo lento della canzone favorisce l’apprendimento dell’inglese e delle diversi espressioni utilizzate nel brano. Un ottimo strumento per imparare l’inglese gratuitamente, senza grandi sforzi, ampliando al contempo la propria conoscenza della storia della musica.

Inoltre, il vocabolario inglese utilizzato in questo brano è abbastanza semplice, il che la rende perfetta anche per i principianti! Insomma, un vero e proprio must listen!

Feeling Good: il suono delle emozioni 

Sebbene ci siano state molte interpretazioni del brano, quella di Nina Simone rimane la più celebre di tutte!
Impara l'inglese con la voce unica e incredibile di Nina Simone! ©: David Hollander

Come imparare nuovi vocaboli senza dover passare ricorrere a noiosi manuali di grammatica, a podcast su argomenti che non ci interessano o a un costosissimo viaggio-studio in un paese anglofono? Ma con la musica, ovviamente! Molti brani ci aiuteranno infatti a migliorare il nostro livello di inglese e ad ampliare la nostra cultura generale!

Se dovessimo redarre una lista dei grandi classici della musica mondiale, Feeling Good occuperebbe indubbiamente una posizione di rilievo. Scritta da Anthony Newley e Leslie Bricusse per un musical britannico degli anni 1960, Feeling Good è stata resa celebre da Nina Simone nel 1965. 

Da allora, la canzone è stata reinterpretata da moltissimi artisti, tra cui Micheal Bublé, i Muse, John Coltrane e George Micheal! Si tratta ormai di un brano mitico, e quasi tutti ne conosco, almeno in parte, le parole. Questo rappresenta un grande vantaggio per chi vuole imparare l'inglese!

Quando ci troviamo di fronte, come in questo caso, a brani universali, è molto più facile approfondirne il significato e cercare di impararli. Questi ci permettono di migliorare la nostra pronuncia inglese e di scoprire nuovi termini e memorizzarli facilmente. In effetti, chi può affermare di non aver mai sentito una delle numerose interpretazioni che sono state fatte di questo brano? 

E se provassi a migliorare il tuo livello di inglese con le celebrità anglofone?

Imparare l'inglese con Adele

E pensare che questa celebrissima cantante londinese non pensava nemmeno inizialmente di darsi alla musica! Il suo brano Rolling in the Deep è stata una hit mondiale, e ad ogni concerto Adele riempie le sale.

Al di là del successo della cantante, il brano Rolling in the Deep è un ottimo esercizio di comprensione orale. In effetti, l’accento britannico molto pronunciato della cantante può spesso rappresentare una difficoltà per chi non ha troppa familiarità con la lingua inglese.  

Si tratta però di un eccellente lezione di approfondimento per chi ha già un livello medio di inglese. In effetti, la pronuncia di Adele permette di approfondire alcuni aspetti del British English

Quando padroneggerai questi aspetti, sarai in grado di comprendere sia l'inglese britannico che quello americano senza difficoltà. Dimentica gli esercizi di grammatica noiosi e ripetitivi proposti dai manuali, e approfondisci aspetti più interessanti della lingua come le differenze d’accento e le forme dialettali! 

Scopri tutti gli strumenti culturali per imparare la lingua inglese!

Eminem: un rapper di successo

Nella musica rap si trovano molte espressioni dello slang inglese!
Impara a rappare in inglese con Eminem! ©: Getty Images / Kevin Winter

Nel 2010, usciva Not Afraid, canzone del celebre rapper americano Eminem, estratta dall’album Recovery. Acclamato in maniera quasi unanime dalla critica, questo brano è rap puro.

Not Afraid non è probabilmente la canzone che dovresti ascoltare se vuoi imparare a parlare un inglese shakespeariano. Ma si il tuo intento è di imparare l'inglese americano contemporaneo e migliorare il tuo livello di comprensione orale, questo è il brano che fa per te!

Certo, bisogna tenere a mente che i brani rap hanno un ritmo sostenuto, una pronuncia particolare, spesso difficile da comprendere, e ricorrono spesso allo slang: se sei un principiante assoluto in inglese, non sono questi i brani che dovresti studiare per primi.

Tieni poi presente che, come in italiano, esistono in inglese diverse varianti regionali, che si distinguono da suoni o parole specifici.

Ma se possiedi già un livello di inglese medio, la musica rap può davvero aiutarti a migliorare e ad ampliare il tuo lessico. Sarai così in grado di affrontare qualsiasi tipo di conversazione con un anglofono, e coltivare poco a poco la tua ambizione di diventare totalmente bilingue.

Insomma, mantieni alta la motivazione e ricorda sempre che le lingue non si imparano solo sui manuali di grammatica! Esistono milioni di brani in lingua inglese che possono aiutarti a migliorare la pronuncia, la comprensione orale, il lessico, e tanti altri aspetti della lingua. Non esitare a servirtene!

Vuoi migliorare ancora di più? Abbonati a un giornale anglofono!

Bisogno di un insegnante di Inglese?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Nicolò

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.