Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Quale strumento comprare perché il proprio figlio diventi pianista?

Di Alice, pubblicato il 12/03/2018 Blog > Musica > Piano > Piano per Bambini: quale Modello Scegliere?

Come Nina Simone, Ray Charles o Mozart, molti artisti hanno suonato il piano fin dalla più tenera età, diventando così virtuosi del genere.

“Re degli strumenti” come il leone per la savana, il piano è lo strumento virtuoso per eccellenza.

Strumento ideale per iniziare i bambini al mondo della musica, il piano dà accesso a tutto il repertorio classico di differenti generi musicali come il jazz, la musica classica, addirittura il rap!

Quale modello e quali tipi di piano si addicono maggiormente a un bambino, affinché sia libero e felice di suonarlo?

La specificità del piano per bambini

Alcuni accorgimenti sono conditio sine qua non per fare reali progressi con il piano. Allenare l'udito è sicuramente uno di questi. Sviluppare l’udito è una condizione necessaria per migliorare il proprio livello di piano!

Tutto comincia per il bambino già dai primi mesi in cui impara a conoscere diversi strumenti musicali, le sonorità e le melodie o il ritmo. Poi, arriva il momento della scelta dello strumento; per coloro che scelgono il piano, la storia proseguirà come nelle parole di Maxime Le Forestier:

“Ero maldestro
Era difficile
La fuga del passato
Che suonavamo tutti e tre”

Il ruolo dell’insegnante di musica nell’apprendimento del piano

Anche se spesso trascurata dai genitori, la relazione tra i professori di musica e il bambino è importantissima. Senza questa connessione musicale, le note, il solfeggio e i tocchi della tastiera resteranno territorio sconosciuto per il giovane pianista.

Dal successo di un insegnante con allievi adulti non consegue necessariamente una riuscita con una classe di corsi di piano per bambini.

Ciò che è certo è che il professore di musica sarà indispensabile anche per consigliare i genitori e il giovane musicista nella scelta del piano. Dall’alto della sua esperienza, è suo compito intervenire anche a questo proposito!

Salvaguardare il piacere del bambino di suonare il piano

Questa nozione vale tanto per i bambini quanto per gli adulti…

Infatti, se il fatto di imparare a suonare il piano è per il bambino qualcosa di noioso, se a volte il lavoro può sembrare quasi una tortura, è meglio cambiare attività.

La scuola, i compiti e il suo ruolo nel gruppo di compagni sono già abbastanza stressanti per obbligarlo a subire altre pressioni al conservatorio.

Verificate bene che il vostro bambino si diverta e provi piacere nel suonare il piano prima di iscriverlo al corso.

Piano per bambini: ciò che lo strumento può insegnare!

A differenza di altri strumenti musicali di più facile accesso, il piano ha la particolarità d’imporre un certo rigore di apprendimento.

Il bambino capirà rapidamente che è necessario compiere diverse azioni per imparare a suonare il piano:

  • Suonare regolarmente.
  • Fare solfeggio.
  • Smettere di giocare il mercoledì per andare a lezione.

Comprare un piano per la casa

Prima di scegliere il pian da comprare per la propria casa, è importante fare alcune valutazioni. Vediamo insieme di cosa tenere conto. Quale piano comprare per la propria casa?

Proprio come per un immobile, una televisione o addirittura una macchina, scegliere un piano per un bambino che ne inizia l’apprendimento può rivelarsi una questione difficoltosa. Nei forum di discussione online questa questione è molto dibattuta… cercheremo di dare una risposta.

Dopo le prime lezioni da principianti, arriva il momento di fare pratica in maniera diversa.

Infatti, per portare avanti il percorso di apprendimento fuori dalla scuola, allenarsi nel proprio ambiente o semplicemente continuare a divertirsi, un bambino può avere bisogno di avere a disposizione un piano in casa.

Diverse opzioni sono percorribili per i genitori per dare un twist musicale al proprio domicilio:

Definire i propri obiettivi prima dell’acquisto di un piano per bambini

Sui forum le stesse domande tornano come un boomerang tra i genitori che cercano un piano per i loro figli tra i 6 e i 12 anni, principianti e appassionati di piano.

Idealmente cercano un piano:

  • Che permetta al bambino di portare avanti l’apprendimento da solo, con una tastiera non troppo tecnica e la cui complessità non porti a un abbandono dell’obiettivo principale: suonare il piano.
  • Che non sia obsoleto o destinato a perdere valore nel giro di poco tempo.
  • Che sia in un range di prezzo ragionevole per un’attività extrascolastica.

Consigli per comprare un piano per bambini

Continuare a esercitarsi e fare progressi è importante per i pianisti stessi: molti di loro, infatti, smettono di suonare lo strumento scoraggiati dal fatto che non sembrano conseguire nessun miglioramento nel tempo. Molti smettono di suonare il piano perché non si vedono più fare progressi come nella fase iniziale!

“Questo piano è adatto al mio bambino?
Si tratta dello strumento adatto per un’abitazione?
Qual è la differenza tra un piano classico e un sintetizzatore?
Esistono altri modelli?”

Affittate un piano piuttosto che comprarlo

I giovani cambiano spesso e repentinamente idea.

Sarà quindi più ragionevole optare per l’affitto di un piano piuttosto che per l’acquisto immediato.

Così, con una media di 50 € al mese, si può offrire un vero strumento al proprio figlio senza impegnarsi sulla lunga distanza.

Evitate i modelli adattati ai bambini piccoli

Benché sembrino specializzati per le loro manine, le braccia piccole e i piedini, i piani per bambini sono sconsigliabili.

A differenza del violino, della chitarra o della batteria in versione mini, i pianoforti per bambini non sono di grande qualità.

Preferite, piuttosto, un pianoforte a coda classico.

Quali marchi di piano per bambini scegliere?

I marchi sono molti ma non si somigliano, ecco la difficoltà di scegliere un piano per bambini (anche per i venditori che dovrebbero consigliare i genitori).

Per il piano acustico si farà riferimento a marchi:

  • Choiseul
  • Yamaha
  • Rameau

Per il digitale privilegiate:

Poiché i brand si moltiplicano e il mercato del piano digitale non smette di evolversi, questi consigli sono da prendere con le pinze.

Non si sa cosa potrebbe essere lanciato domani sul mercato!

Piano per bambini: la scelta del piano digitale

Il rane di prezzo per i pianoforti è molto ampio. Quello che è sconsigliabile è di scegliere un piano apposito per bambini, sicuramente più economico ma di minore qualità. Quanto bisogna spendere per avere un piano di studio soddisfacente?

Il piano digitale sembra essere una scelta da privilegiare quando si cerca un piano per bambini. Offre infatti più opzioni, non trascurabili, come la possibilità di regolare il volume o di indossare le cuffie.

Al contrario, il piano acustico è conosciuto per alcuni inconvenienti come:

  • L’ingombro e la difficoltà di trasportarlo da una stanza all’altra.
  • Il volume sonoro: che non è regolabile, qualsiasi sia il modello di piano acustico.
  • Il prezzo: a parità di prezzo, il digitale è più vantaggioso. Per esempio, per 3 000 € di investimento, ci si può procurare un piano digitale di qualità superaccessoriato mentre, per la stessa cifra, si resterà su un modello base del piano acustico.

Senza alcuna pretesa, grazie alle loro tastiere molto elaborate, i piani digitali possono facilmente sostituirsi a un piano acustico per servire come base di apprendimento serio delle note, delle partiture e delle melodie.

Optate per un piano digitale portatile con un costo abbordabile

La quantità delle tastiere portatili a disposizione offre anche una grande diversità di prezzi.

Per un piano digitale per bambini bisognerà conteggiare tra i 300 e i 500 € di investimento che serviranno da trampolino per sviluppare le attitudini del bambino nel corso dei primi anni.

Tastiera e sonorità del piano

La scelta di un piano digitale deve focalizzarsi su tastiera e sonorità. Sono gli aspetti più importanti da testare per definire il piano più adatto.

Per questo si raccomanda di preparare un pezzo in anticipo –  con una dinamica e un tempo vari –  e di suonarne le prime note.

Si possono anche fare scale ma quest’azione non ci darà una percezione del potenziale musicale del piano digitale.

Principianti, ancora alle prese con le prime note, fate ricorso a qualcuno con più esperienza per l’acquisto di un piano.

Per coloro che vogliono fare dei loro bambini prodigio degli artisti musicali di livello, è preferibile optare direttamente per un piano acustico per completare il corso di pianoforte.

Essendo la tecnica pianistica l’obiettivo primario, è in quest’ottica che bisogna fare i primi passi artistici.

Esistono comunque diverse soluzioni per trovare piani acustici d’occasione a prezzi molto interessanti.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar