Dalla nascita nel corso del XVI secolo ad oggi, uno degli strumenti a corde più noti e più apprezzati della storia della musica ha attraversato varie epoche e diversi adattamenti, fino a dare nascita, da una sua costola, alla versione elettrica. Una storia, la sua, sempre affascinante.

Musica barocca o musica classica, violino elettrico o violino classico, lo strumento della famiglia delle corde ha conosciuto numerosi cambiamenti ed influenze musicali.

Le origini sono arabo mussulmane, ma il violino diventa celebre grazie ai liutai italiani durante il Rinascimento, prima di conoscere evoluzioni ulteriori durante il XVIII secolo e ancora nel XIX secolo e nel XX, con l’arrivo del violino elettrico.

Le più famose sono senza dubbio Le Quattro Stagioni, ma puoi scoprirne tante altre.
Vivaldi ha scritto tante composizioni per violino!

Dalla musica delle origini, fino alla musica contemporanea. Scopri i segreti dell’arte dei liutai attraverso le epoche, per approfondire la tua conoscenza della cultura musicale.

Ecco tutto quello che devi sapere sul violino!

I migliori insegnanti di Violino disponibili
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Prima lezione offerta!
Antonella
5
5 (16 Commenti)
Antonella
15€
/h
Prima lezione offerta!
Fausto
5
5 (35 Commenti)
Fausto
20€
/h
Prima lezione offerta!
Annalisa
5
5 (26 Commenti)
Annalisa
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giada
4,9
4,9 (10 Commenti)
Giada
25€
/h
Prima lezione offerta!
Leonardo
5
5 (4 Commenti)
Leonardo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Umberto
Umberto
22€
/h
Prima lezione offerta!
Maria gabriella
5
5 (4 Commenti)
Maria gabriella
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Prima lezione offerta!
Antonella
5
5 (16 Commenti)
Antonella
15€
/h
Prima lezione offerta!
Fausto
5
5 (35 Commenti)
Fausto
20€
/h
Prima lezione offerta!
Annalisa
5
5 (26 Commenti)
Annalisa
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giada
4,9
4,9 (10 Commenti)
Giada
25€
/h
Prima lezione offerta!
Leonardo
5
5 (4 Commenti)
Leonardo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Umberto
Umberto
22€
/h
Prima lezione offerta!
Maria gabriella
5
5 (4 Commenti)
Maria gabriella
20€
/h
1a lezione offerta>

Una breve storia del violino per bambini

Ai più piccoli interesserà certamente conoscere qualcosa sul violino, sulla sua realizzazione e sulla sua evoluzione fino ad oggi. Per tutti loro, anziché tediarli con discorsi pesanti, numeri e date, proponiamo un breve riassunto sul violino, che andremo poi ad integrare nelle sezioni successive, dedicate a tutti.

Lo strumento di cui ci occupiamo oggi è il più piccolo degli strumenti della famiglia degli archi: questi strumenti permettono a chi li utilizza di suonare le note più acute. Le sue quattro corde suonano le note SOL – RE – LA – MI, in ordine dalla più grave a alla più acuta.

Il violino è nato per la musica classica, ma nel corso dei secoli è stato utilizzato anche per la musica popolare (basti pensare a Angelo Branduardi, al gruppo folk Modena City Ramblers). Il suo timbro è definito chiaro, espressivo, agile e brillante.

Nasce nel Cinquecento in Italia, fra Cremona, Brescia e Venezia, perché qui avevano le loro botteghe i liutai più abili e capaci dell'epoca e perché la regina consorte di Francia (ma di origini fiorentine) Caterina De Medici ne aveva richiesto uno perché suo figlio imparasse a suonarlo.

Un violino, anche quelli più comuni, è in genere molto costoso, dato che per realizzarlo si impiegano materiali pregiati: legno di abete e di acero ben stagionato, vernici che siano in grado di esaltare il suono prodotto dalle corde, corde resistenti, ...

A questo, aggiungi che i liutai non sono semplici artigiani, ma veri e propri artisti, che possono impiegare anni ad imparare a realizzare lo strumento nel modo corretto e mesi per completarne uno. Nonostante questo, oggi, è possibile acquistare degli ottimi strumenti usati risparmiando parecchio oppure comprare degli strumenti meno prestigiosi, meno precisi, dal suono meno pulito: ideali per iniziare, ti consentono di non spendere poi tanto.

Ma come si tiene il violino?

Quando avrai in mano il tuo primo violino, dovrai appoggiarlo alla spalla sinistra: con la mano destra dovrai impugnare l’arco, ovvero l'accessorio che sfregherai sulle corde per riprodurre i suoni voluti; con la sinistra, dovrai premere le quattro corde, ad altezze variabili a seconda della nota che vorrai riprodurre. Dove la corda è più lunga, ovvero più vicino alla cavigliera, il suono sarà più grave; dove la corda è più corta, ovvero vicino al tuo viso, la nota sarà più acuta.

Ma non ti preoccupare, se tutto ciò ti sembra complicato: il tuo maestro di musica ti spiegherà tutto con calma e nel dettaglio e avrai il tempo di comprendere tutto.

Le origini: chi ha inventato il violino?

La nascita del violino è ancora oggi molto misteriosa, ma quello che sappiamo è che ci sono voluti secoli per arrivare al violino così come lo conosciamo oggi. E questa è già la prima nozione che imparerai durante il tuo corso di violino per principianti.

I primi strumenti a corde strofinate sono comparsi solo nel corso del X secolo.

E qui nacque la fortuna di questo piccolo strumento a corde.
Caterina de Medici ordinò a Cremona un violino per proprio figlio!

Prima di questo periodo, gli strumenti si suonavano pizzicando le corde, come con la lira, per esempio. Le corde da strofinare fanno la loro comparsa un po’ più tardi, nelle terre dell’impero cinese, dell’impero bizantino e nel mondo arabo mussulmano: e in tutti questi Paesi grosso modo allo stesso tempo.

Si tratta di strumenti strofinati con l’aiuto di un archetto elaborato a partire dal crine di cavallo, un po’ come ovunque nel mondo arabo.

Ed infatti, il vero antenato del violino è considerato il rubab.

Primo strumento a corde strofinate nel mondo arabo mussulmano, questo strumento arriverà in Europa, attraverso la Spagna. Sarà chiamato Vihuela in Spagna e Viuola in Italia.

L’evoluzione successiva è quella della viola, viola di gamba e viola di braccio, che saranno impiegate fino all’arrivo del violino stesso. Ma siamo oramai nel 1520!

Lo si vede dipinto, in proporzioni diverse da quelle che gli conosciamo noi oggi, nei quadri italiani del periodo. Questi strumenti, in quegli anni, vengono realizzati a Brescia, Venezia, Anvers o Bruxelles.

Lo strumento, nella versione definitiva, è elaborato dai liutai di Cremona, nell’atelier di Andrea Amati. La sua forma resterà identica per oltre un secolo.

I migliori insegnanti di Violino disponibili
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Prima lezione offerta!
Antonella
5
5 (16 Commenti)
Antonella
15€
/h
Prima lezione offerta!
Fausto
5
5 (35 Commenti)
Fausto
20€
/h
Prima lezione offerta!
Annalisa
5
5 (26 Commenti)
Annalisa
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giada
4,9
4,9 (10 Commenti)
Giada
25€
/h
Prima lezione offerta!
Leonardo
5
5 (4 Commenti)
Leonardo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Umberto
Umberto
22€
/h
Prima lezione offerta!
Maria gabriella
5
5 (4 Commenti)
Maria gabriella
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marta
5
5 (54 Commenti)
Marta
30€
/h
Prima lezione offerta!
Antonella
5
5 (16 Commenti)
Antonella
15€
/h
Prima lezione offerta!
Fausto
5
5 (35 Commenti)
Fausto
20€
/h
Prima lezione offerta!
Annalisa
5
5 (26 Commenti)
Annalisa
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giada
4,9
4,9 (10 Commenti)
Giada
25€
/h
Prima lezione offerta!
Leonardo
5
5 (4 Commenti)
Leonardo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Umberto
Umberto
22€
/h
Prima lezione offerta!
Maria gabriella
5
5 (4 Commenti)
Maria gabriella
20€
/h
1a lezione offerta>

Storia e ricerca sul violino: una prestigiosa ascesa in Italia e nel mondo

Il primo vero violino è del 1564.

Sarebbe stato ordinato da Caterina de Medici per suo figlio Carlo IX. Lo strumento si vede, allora, classificato al rango di strumento della corte reale, mentre fino a quel momento era stato utilizzato solo durante le feste popolari.

Grazie a questo riconoscimento, il laboratorio di Amati si costruì una grande reputazione nel settore. I suoi figli e i suoi nipoti continueranno l’impresa familiare e insegneranno ad altri liutai il loro savoir faire.

La città di Cremona diventa la culla del violino, facendo dell’Italia un vero e proprio riferimento per tutti i musicisti e liutai dell’epoca. La fama della città è arrivata intatta fino al giorno d’oggi.

In effetti, la tradizione continua a perpetrarsi nella città lombarda. Ai giorni nostri, numerosi artisti liutai di tutto il mondo si formano alle tecniche di costruzione tramandate dai secoli scorsi e vengono in Italia per studiare e imparare l’arte dai più grandi maestri. Interamente fabbricati a mano, i violini sono di una qualità eccezionale, degna dei più grandi maestri.

La scelta del legno, il taglio, la scultura con l’aiuto degli strumenti tradizionali è un modo di rendere omaggio ai primi liutai di violini del XVI secolo, che diedero al violino la nobiltà che riuscì ad ottenere.

Ovviamente i puristi si guarderanno bene dal considerarlo un vero violino.
Il ventunesimo secolo ha visto la nascita del violino elettrico!

All’epoca, il re di Francia Enrico IV è il primo a dare origine ad una formazione per diventare liutaio, professione riconosciuta dal re stesso. La formazione durava all’epoca sei anni e, chi la concludeva, diventava maestro di corporazione.

Prima della creazione di questa scuola di formazione, i musicisti dovevano fabbricarsi da soli lo strumento (o richiederlo ad un liutaio).

Il violino nella storia: le grandi composizioni del XVII secolo

Si dovrà aspettare oltre un secolo dopo l’ordine reale del primo violino, perché Antonio Girolamo Stradivari, detto Stardivarius non cambi l’aspetto esterno del violino.

La precisione della sua tecnica di costruzione e la qualità dei suoi violini sono un grande segreto anche per i liutai di oggi. Pensa che su oltre mille violini realizzati, ben 650 sono conservati ancora oggi in uno stato straordinariamente perfetto.

Gli stradivari sono una vera leggenda nel mondo della musica.

Nel XVII secolo, il violino diventa lo strumento di eccellenza delle orchestre, a partire dal momento in cui compositori come Monteverdi o Lully, lo utilizzano regolarmente nelle loro composizioni. Monteverdi è il primo ad utilizzare il violino in un’opera, l’Orfeo. Il musicista ere regolarmente in contatto con i figli di Andrea Amati, Antonio e Girolamo, e con il nipote Nicolò.

I primi due erano i liutai più rinomati a corte e nell’orchestra del re di Francia Enrico IV.

L’arrivo della sonata e il concerto grosso faranno del violino un elemento maggiore, indispensabile per le nuove composizioni del XVII secolo. Jean-Baptiste Lully diventa il violinista di corte.

Non solo questo compositore mette in musica i pezzi elaborati da Molière per Luigi XIV, ma inoltre, il musicista suona in tutte le rappresentazioni. Si possono citare, tra i maggiori successi, opere come George Dandin o il Malato immaginario.

I due artisti inventano la commedia balletto.

Le famiglie reali dell'epoca si rivolgevano ai liutai di Cremona da tutta Europa.
La città di Cremona è da sempre la casa dei più noti liutai!

Il violino è diventato veramente, in questo periodo, uno strumento imprescindibile nelle composizioni musicali. Continuerà ad evolvere anche nel secolo successivo.

La storia del violino: lo strumento nel XVIII secolo

La tecnica musicale con il violino continua a svilupparsi per tutti il XVIII secolo, in particolare, grazie alle opere di musicisti come Vivaldi, Locatelli o ancora Tartini. Questo secolo è contraddistinto dal periodo classico; vivono e producono persone del calibro di Amaeus Mozart, che scrive in quegli anni numerose sonate per violino.

Il violino è già insediato nelle orchestre e i direttori d’orchestra sono, per la maggiore, dei violinisti molto noti.

La città di Parigi diventa un punto di incontro per i violinisti europei. Mozart ci passerà parecchi anni a comporre.

Ma è anche il secolo in cui Antonio Vivaldi compone il suo celebre ensemble di concerti per violino Le quattro stagioni. Scritto nel 1723, ogni concerto rappresenta una delle quattro stagioni dell’anno: queste arie sono e saranno talmente celebri che fanno parte dei brani di musica più suonati al mondo.

Questo dovrebbe essere sufficiente per provare che il violino continua a ritagliarsi un posto d’onore anche durante il XVIII secolo.

La forma del violino è cambiata ancora un po’ rispetto al modello iniziale. in effetti, l’utilizzo maggiore che si fa di questo strumento ha condotto i compositori e i musicisti a ricercare il miglior stile di violino. Per rispondere ai loro bisogni, i liutai hanno allungato il manico, la barra di armonia e il diametro dell’anima.

Così, i liutai dell’epoca ripresero la base dei più grandi violini fabbricati da Amati o Stradivari, per modificarli leggermente.

Questa è la versione definitiva del violino, che manterrà la stessa linea estetica fino ad oggi.

La storia del violino per bambini, ragazzi e adulti: lo strumento contemporaneo

Anche se il mondo musicale popolare contemporaneo rifiuta volentieri i vecchi strumenti come il violino, questo resta sempre uno strumento di scelta.

È spesso connotato come uno strumento appartenente alle classi agiate, molto lontano da quelle popolari, anche se in realtà lo troviamo spesso e volentieri nella cultura zigana, solo per fare un esempio.

Tutti conosciamo l’ormai celebre Canone di Pachelbel, suonato quasi alla nausea, oramai. Grazie ad una sua rivisitazione, pubblicata e ripubblicata su YouTube qualche anno fa, il violino è ritornato in auge recentemente. E molti strumentisti hanno pubblicato video in cui sono alle prese con il violino elettrico.

Qui trovi una versione classica del Canone:

Mentre qui sotto, c'è lo stesso pezzo in versione rock:

Mentre qui, un violinista con uno strumento elettrico, realizza la propria versione del Canone:

Inoltre, le modalità di acquisto online facilitano le cose. Se prima era necessario fare appello ad un liutaio per avere il proprio strumento (e magari cercare il liutaio a Cremona, partendo da una città del nord Europa, magari), oggi, puoi acquistare il tuo strumento, classico o elettrico che sia, con un semplice click, rimanendo comodamente a casa, dove lo riceverai dopo pochi giorni.

E l’estetica del violino e la sua realizzazione non si sono fermate al XVIII secolo: la nascita del violino elettrico determina una nuova fase nella vita di questo affascinante strumento.

Viene selezionato in modo attento e lavorato con estrema cura.
Il legno per il tuo violino viene da lontano!

È oramai possibile inserire questo strumento reale in composizioni più pollari come i gruppi rock, pop o di musica italiana. Il violino elettrico mostra forme più originali. Un modo di allontanarsi dalla cassa di risonanza classica e di mostrarsi come uno strumento nuovo.

Insomma, strumento antico, adattato all’epoca contemporanea.

Bisogno di un insegnante di Violino?

Ti è piaciuto l'articolo?

3,25/5 - 8 vote(s)
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura