"Sono indù perché è l'induismo che rende il mondo degno di essere vissuto. Sono indù quindi amo non solo gli esseri umani, ma tutti gli esseri viventi". -Mahatma Gandhi 

Atman. Dharma. Varna. Purushartha. Brahman. Guru.

Cosa significano le parole menzionate sopra? 

Per capirne bene il significato, dobbiamo fare un viaggio intorno al mondo per scoprire di più su una delle religioni più praticate dell'umanità: l'induismo.

I migliori insegnanti di Storia disponibili
Lorenzo
5
5 (25 Commenti)
Lorenzo
31€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (13 Commenti)
Stefano
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (14 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Jacopo e.
4,9
4,9 (14 Commenti)
Jacopo e.
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (11 Commenti)
Alfredo
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (5 Commenti)
Simone
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (14 Commenti)
Alfredo
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Claudia
5
5 (26 Commenti)
Claudia
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (25 Commenti)
Lorenzo
31€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (13 Commenti)
Stefano
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (14 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Jacopo e.
4,9
4,9 (14 Commenti)
Jacopo e.
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (11 Commenti)
Alfredo
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (5 Commenti)
Simone
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (14 Commenti)
Alfredo
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Claudia
5
5 (26 Commenti)
Claudia
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Origini della fede indù

Secondo alcuni studiosi le origini dell'induismo sono da ricondurre alla zona geografica dell'Indo
Si ritiene che l'induismo sia iniziato in una regione conosciuta come la valle dell'Indo che si trova nell'odierno Pakistan. (Fonte: Unsplash)

Dopo aver considerato le due maggiori religioni del mondo, cristianesimo e islam, è giusto completare lo studio e acquisire ulteriori conoscenze sulla terza religione al mondo: l'induismo. Con oltre 1 miliardo di credenti in tutto il pianeta, gli individui che praticano l'induismo costituiscono oltre il 15-16% della popolazione mondiale.

Un abitante su sei del pianeta Terra dichiara di essere indù. 

Inoltre, è essenziale affermare che il popolo indù può sinceramente vantarsi di seguire la religione più antica del mondo con origini e costumi risalenti a più di 4000 anni fa. 

Le origini esatte e la storia dell'induismo sono piuttosto difficili da rintracciare e spiegare, poiché non vi è un fondatore specifico. Ciò che rende particolare l'induismo è il fatto che non è un'unica singola religione, ma piuttosto una raccolta di molte tradizioni e filosofie.

Sebbene non sia facile scoprire date specifiche, molti studiosi ritengono che la fede indù sia iniziata approssimativamente tra il 2300 e il 1500 a.C.

Ma dove? 

Gli studiosi presumono che le credenze e i costumi dell'induismo siano stati fondati nella valle dell'Indo o nel Pakistan moderno. Tuttavia, molti devoti indù non si trovano d’accordo sull'origine poiché credono che le loro tradizioni siano sempre esistite e non possano essere fatte risalire a una data specifica. Pertanto, questo è il motivo per cui molti identificano l'induismo come il Sanātana Dharma o "l'eterna tradizione".

Poiché si ritiene che l'induismo abbia avuto origine in Pakistan, non sorprende che sia ampiamente professato nei vicini paesi asiatici come India, Nepal e nelle Mauritius. 

Quindi, perché gli studiosi credono che l’induismo abbia avuto origine nella valle dell’Indo?

Intorno al 1500 a.C., il popolo indoariano emigrò nella valle dell'Indo e la loro lingua e le loro usanze si mescolarono con le popolazioni indigene che vivevano nella terra ora conosciuta come Pakistan.

Una parte essenziale della storia si è verificata dal 1500 al 500 a.C, tempo noto come "periodo vedico". Durante questo periodo cruciale, i Veda, antichi testi indù, furono scritti a beneficio di tutti.

È essenziale affermare che ogni periodo dell'induismo è caratterizzato da qualcosa di diverso.

Il periodo vedico può essere riconosciuto nella storia come un periodo di canti e sacrifici costanti. Tuttavia, d'altra parte, i periodi più moderni di Epico, Puranico e Classico sono contrassegnati dall'influenza di divinità adoratrici come Vishnu, Shiva e Devi.

Esistono molte denominazioni distinte dell'induismo, ma le quattro più diffuse praticate oggi includono Vaishnavismo, Shaivismo, Shaktismo e Smartismo

Andare in profondità nella conoscenza di religioni diverse come l'induismo, aiuta a sviluppare tolleranza e compassione; qualità che sono necessarie per promuovere l'unità nel mondo frammentato di oggi.

Informazioni degne di nota sull'induismo e sul popolo indù

Quando si studia una nuova religione, è essenziale mantenere una mente aperta e ricordare che anche se le usanze sono diverse da quelle a cui si è abituati, ciò non significa che dovremmo essere chiamati ignoranti.

Informazioni degne di nota come luoghi di culto, libri sacri o scritti antichi, personaggi di spicco e simboli distinti rendono le principali religioni praticate oggi uniche e diverse l'una dall'altra.  

Luoghi di culto

Nei templi gli induisti pregano e si incontrano con le divinità
Le persone che praticano l'induismo si incontrano in luoghi conosciuti come templi. (Fonte: Unsplash)

 

Mentre i musulmani hanno moschee e i cristiani hanno chiese, gli indù dove adorano le loro divinità?

Poiché esistono così tante denominazioni dell'induismo, ci sono diversi ambienti sacri o luoghi di culto che vengono frequentati spesso dai praticanti della fede indù. Ecco i luoghi di culto più popolari per gli indù:

Templi: i templi indù possono variare in dimensioni e significato, ma il loro scopo rimane lo stesso: una struttura creata per riunire e far incontrare esseri umani e divinità. Il simbolismo dei templi indù che si può osservare in varie parti dell'Asia deriva dalle tradizioni vediche e dispiega molti cerchi e quadrati. Ogni tempio è dedicato a un dio o divinità specifiche ed è considerato dal popolo indù come la residenza del dio sulla terra. I famosi templi indù includono il tempio di Brihadishwara in India e Angkor Wat in Cambogia. I templi possono essere visitati da devoti seguaci in qualsiasi momento; non è richiesto alcun servizio organizzato.

Santuari: invece di andare ad adorare un dio o una divinità in un tempio pubblico, la stragrande maggioranza degli indù ha chiese nelle proprie case. Un santuario domestico può essere una statua o semplicemente l'immagine di un dio o di una dea. Il santuario spesso include i cinque sensi in modo che l'intero essere possa essere adorato.

E quali sono i luoghi sacri per la fede islamica?

Libri sacri

Rispetto ad altre grandi religioni, l'uso dei libri sacri è molto diverso nell'induismo. Come mai? I cristiani ad esempio, usano la Sacra Bibbia come testo principale e i musulmani usano prevalentemente il Corano mentre gli indù hanno più di un libro antico.

Gli scritti sacri indù sono conosciuti come Veda e furono composti intorno al 1500 a.C.; sono una raccolta di versi sacri e inni scritti in sanscrito e contengono rivelazioni ricevute da antichi santi e saggi.

Pertanto, ecco di seguito diversi tipi di scritti sacri come i Veda usati da coloro che praticano la fede indù:

  • Il Rig Veda, 
  • Il Samaveda, 
  • Lo Yajurveda, 
  • L'Atharvaveda, 
  • Le Upanishad, 
  • Bhagavad Gita,
  • Ramayana, 
  • Mahabharata. 

Figure importanti dell'induismo

Poiché l'induismo è una religione politeista che crede in più di un dio, nell'articolo di oggi potremmo includere un elenco vastissimo di dei e figure influenti; tuttavia, per mancanza di tempo prenderemo in considerazione alcune delle figure indispensabili che non possono non essere citate:

  • Sri Ramachandra: conosciuto dagli indù come avatara di Vishnu, la vita di Ramachandra è considerata un perfetto esempio di devozione al dharma. La sua esperienza e i suoi insegnamenti possono essere trovati registrati nel Ramayana.
  • Sri Krishna: conosciuto come l'avatara di Vishnu, la vita e l'esempio di Krishna possono essere letti nell'eccezionale Mahabharata; è spesso utilizzato come figura critica nel Bhakti Yoga.
  • Arjuna: uno dei più grandi guerrieri della sua epoca, è conosciuto come uno degli studenti di Sri Krishna.
  • Mahatma Gandhi: se non hai sentito parlare di Gandhi, hai vissuto sotto una roccia negli ultimi decenni. Gandhi era un nazionalista e politico indiano che ha combattuto per i diritti delle donne, le ingiustizie sociali e ha guidato proteste non violente contro gli inglesi. Gandhi era un devoto indù che accettava le credenze fondamentali di tutte le religioni del mondo.

Simboli iconici dell'induismo

L'Om è uno dei simboli della religione indù
L'induismo ha molti simboli che sono unici. (Fonte: Unsplash)

Simile a tutte le principali religioni, l'induismo ha molti simboli che sono piuttosto iconici e unici. Scopriamo ora i più popolari e riconoscibili:

  • L'Om: l'Om o Aum è il simbolo indù più universale e riconoscibile, e il suo suono è continuamente utilizzato in meditazione. La parola Om è la prima espressione pronunciata in qualsiasi preghiera e si crede che simbolizzi l'intero universo e la realtà ultima.
  • La svastica: sebbene usata negativamente dalla Germania nazista nella seconda guerra mondiale, la svastica è un segno di buona fortuna. I suoi quattro angoli simboleggiano le quattro direzioni dei Veda nella fede indù.

Vuoi conoscere i simboli del giudaismo?

Credenze fondamentali dell'induismo

Una religione si differenzia e diventa unica a causa delle sue credenze basiche e delle sue dottrine fondamentali. Quando i seguaci rimangono fedeli ai principi stabiliti, ne beneficiano e sono riconosciuti come praticanti devoti.

Quali sono le credenze di base dell'induismo?

Gli indù si attengono a ciò che è giusto ai loro occhi e seguono le seguenti credenze che caratterizzano l'induismo: 

  • Credenza nel Samsara e nel Karma: la stragrande maggioranza degli indù ha un fermo affidamento sulle dottrine del samsara e del karma. Samsara è il ciclo continuo di vita, morte e reincarnazione. Il karma è la legge universale di causa ed effetto.
  • Tutti i seguaci dovrebbero raggiungere il Dharma: descrivere cos'è il dharma non è un compito facile e non esiste una parola specifica nella lingua italiana che lo traduca direttamente. Il Dharma può essere descritto come buona condotta, rettitudine, legge morale e dovere. Un devoto seguace che cerca di fare le cose nel modo corretto e raggiunge il dharma fa continuamente ciò che è giusto per le altre persone.
  • Rispetto per la natura: poiché uno dei principi fondamentali dell'induismo è l'idea che le azioni e i pensieri delle persone determinino direttamente la vita attuale e futura, gli indù rispettano la natura e considerano sacri gli animali. Molti individui di fede indù non mangiano carne di maiale o manzo e sono vegetariani.

Mentre gli aspetti menzionati in precedenza sono credenze indù solo per alcuni, altre dottrine fondamentali come la meditazione, la moksha e la visione dei Veda come autorità suprema sono essenziali per tutte le persone indù.

Imparare di più sull'induismo è un'ottima idea per conoscere meglio la cultura indù prima di viaggiare verso destinazioni turistiche popolari come Bali, Indonesia, India o Nepal; sicuramente non ti pentirai di incontrare altre culture e tradizioni! Se sei curioso di scoprire di più su altre religioni come ad esempio il buddismo, continua a leggere i nostri articoli!

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

1a lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (1 voto(i))
Loading...

Alice

Colleziono quaderni e penne da scrivere, amo i fogli bianchi ma ancora di più amo riempirli con le mie parole. Copywriter di professione, da sempre innamorata della lettura e della scrittura.