"Con i nostri pensieri, creiamo il mondo." -Buddha

Le convinzioni di un individuo sono personali e lo rendono unico rispetto agli altri, non è giusto giudicare le persone esclusivamente in base a queste convinzioni ma guardarlo nel suo insieme e nel suo contesto.

Inoltre, è stato scoperto attraverso ricerche approfondite, che coloro che sono più religiosi vivono meglio. 

Come mai?

Poiché i religiosi devoti si sforzano sinceramente di seguire le dottrine fondamentali che li avvicinano a un essere supremo, hanno buoni rapporti con i loro coetanei, sviluppano un'apertura ad altre culture e tradizioni e hanno una carta in più per affrontare le crisi di identità o personali.

Pertanto, per guidare i nostri lettori alla scoperta della storia delle religioni mondiali, dedicheremo del tempo ad analizzare le origini, le dottrine e ulteriori informazioni sulla quarta fede più grande al mondo in termini di seguaci: il buddismo.

I migliori insegnanti di Storia disponibili
Lorenzo
5
5 (25 Commenti)
Lorenzo
31€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (13 Commenti)
Stefano
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (14 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Jacopo e.
4,9
4,9 (14 Commenti)
Jacopo e.
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (11 Commenti)
Alfredo
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (5 Commenti)
Simone
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (14 Commenti)
Alfredo
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Claudia
5
5 (26 Commenti)
Claudia
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Lorenzo
5
5 (25 Commenti)
Lorenzo
31€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Stefano
5
5 (13 Commenti)
Stefano
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Francesco
5
5 (14 Commenti)
Francesco
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Jacopo e.
4,9
4,9 (14 Commenti)
Jacopo e.
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (11 Commenti)
Alfredo
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Simone
5
5 (5 Commenti)
Simone
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Alfredo
5
5 (14 Commenti)
Alfredo
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Claudia
5
5 (26 Commenti)
Claudia
10€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Origini del buddismo

Buddha è la figura di riferimento della religione buddista
Il buddismo ha origine dagli insegnamenti del Buddha. (Fonte: Unsplash)

Poiché il buddismo ha oltre 500 milioni di seguaci e comprende il 7% dell'intera popolazione mondiale, è una religione dominante che merita di essere studiata per comprendere il background di così tante persone sulla terra.

Praticato prevalentemente in Sri Lanka e in parti distinte del sud-est asiatico come Thailandia, Myanmar e Laos, il buddismo è una religione che include una grande varietà di tradizioni, credenze e pratiche spirituali.

La stragrande maggioranza dei costumi e delle tradizioni seguite dai buddisti deriva dagli insegnamenti originali di Buddha. 

Quando è nato il buddismo? 

Sebbene il buddismo non sia in alcun modo antico quanto l'induismo, è stato scoperto che le sue radici risalgono alla seconda metà del VI secolo a.C.

Gli insegnamenti del Buddismo provengono da Siddhartha Gautama o "il Buddha". 

Siddhartha Gautama nacque nel 563 a.C. in un luogo vicino alle pendici dell'Himalaya e in seguito iniziò a insegnare intorno a Benares. Il "Buddha" è nato durante un periodo in cui l'ideologia indù della rinuncia alla famiglia e agli amici da parte di persone sante in cerca della verità, si stava diffondendo.

Secondo gli insegnamenti del buddismo, Siddhartha Gautama era il figlio guerriero di un re e di una regina. Le sue esperienze di vita e visioni gli hanno fatto realizzare aspetti intriganti degli esseri umani e della loro sofferenza. Ad esempio, dopo momenti di riflessione, Gautama ha visto il netto contrasto tra la sua vita e la sofferenza umana che gli ha fatto capire che tutti i piaceri sulla terra erano transitori e potevano solo mascherare leggermente il dolore umano che è inevitabile per tutti gli individui.

Pertanto, per cercare di sfuggire alla sofferenza umana, lasciò la sua famiglia e andò nei boschi con diversi altri insegnanti per rifiutare la società di cui faceva parte a tal punto che quasi morirono di fame. Dopo aver realizzato che morire di fame con i suoi compagni non avrebbe risolto nessuna delle sofferenze e dei problemi più radicati del mondo, mangiò e meditò sotto un albero.

Ci sono molte teorie su quanto tempo "Buddha" sia rimasto sotto l'albero per meditare, alcuni dicono solo un giorno mentre altri affermano sia stato più di sei mesi, alla fine ha trovato le risposte corrette alle cause della sofferenza e alla sua realizzazione permanente.

Qual è la risposta? 

Il Nirvana. Raggiungere il Nirvana è uno stato di illuminazione che tutti i devoti buddisti si sforzano di raggiungere per affrontare i molti problemi di sofferenza del mondo.

Dopo che Siddhartha Gautama raggiunse il Nirvana, divenne formalmente noto come il "Buddha" e iniziò a insegnare al maggior numero possibile di persone. Le sue dottrine essenziali includono le Quattro Nobili Verità e l'Ottuplice Sentiero, seguiti dai buddisti fino ad oggi.

Prima di concludere questa sezione, è essenziale affermare che sebbene molte delle attività e degli insegnamenti di Buddha abbiano avuto luogo nel VI secolo a.C., un resoconto della sua vita non è stato rilasciato fino al I o II secolo da Ashvaghosa. Gli antichi scritti su Buddha sono conosciuti come il Canone Buddhista.

Vuoi scoprire altre religioni come l'induismo?

Le dottrine primarie del buddismo

Simile a tutte le principali religioni, denominazioni e credenze personali, il buddismo ha molte dottrine primarie che sono diverse da qualsiasi altra usanza o tradizione praticata da altre fedi.

È essenziale ricordare che la maggior parte delle credenze buddiste ruota attorno all'obiettivo del superamento della sofferenza e del ciclo di morte e rinascita; principalmente raggiungendo il Nirvana o un sentiero buddista.

Proprio perché esistono tante intriganti dottrine racchiuse nel buddismo, è fondamentale concentrarsi su quelle più degne di nota. Nell'elenco seguente, considereremo le Quattro Nobili Verità in modo più dettagliato.

  • Dukkha: la prima nobile verità, conosciuta come la verità della sofferenza. Quando analizzano la sofferenza, i buddisti riconoscono che ci sono tre tipi di dolore che corrispondono alle tre visioni che Buddha ha avuto. Quali sono? Vecchiaia, malattia e morte. I buddisti capiscono che la vita spesso non è all'altezza delle nostre aspettative; la soddisfazione è solo temporanea. Accettando questa prima verità, i buddisti non sono né ottimisti né pessimisti ma realistici.
  • Samudāya: la seconda nobile verità è quella dell'origine della sofferenza. I problemi quotidiani di molte persone possono derivare da cause semplici come la sete, la fame, la tristezza o la perdita di una persona cara. Tuttavia, Buddha ha identificato lo scopo esatto della sofferenza, ed è molto più radicato di quanto si possa pensare. La radice di tutto il dolore viene dal desiderio o tanhā. Conosciute anche come le radici del male, l'avidità e l'ambizione, l'ignoranza e l'odio, sono la causa della sofferenza.
  • Nirodha: la terza nobile verità è conosciuta come la cessazione della sofferenza. Buddha insegnò che l'unico modo per lasciar andare il desiderio è essere distaccati. Il Nirvana può essere raggiunto solo se si estinguono i tre fuochi del desiderio. Raggiungere l'illuminazione riguarda il non essere attaccati a nulla poiché significa compassione per tutti gli esseri viventi.
  • Magga: conosciuto come il sentiero per la cessazione della sofferenza, la nobile verità finale è un insieme di principi chiamato l'Ottuplice Sentiero, conosciuto anche come la Via di Mezzo.

Nell'elenco seguente, prenderemo in considerazione ulteriori informazioni sull'Ottuplice Sentiero.

Profondamente radicato nelle credenze buddiste, vi è l'Ottuplice Sentiero. Ecco le otto fasi, che non dovrebbero essere prese in considerazione in ordine ma sono invece lì per rafforzarsi a vicenda:

  • Samma ditthi: la giusta comprensione, accettare gli insegnamenti buddisti. Buddha non ha mai voluto che i suoi seguaci credessero ciecamente ai suoi insegnamenti; invece, dovevano giudicare da soli se avevano ragione.
  • Samma san̄kappa: può essere inteso come la giusta intenzione o impegno a coltivare i giusti atteggiamenti.
  • Samma vācā: il discorso giusto; il che significa che i praticanti dovrebbero evitare discorsi dannosi, calunnie o pettegolezzi e concentrarsi sul parlare correttamente delle persone.
  • Samma kammanta: la quarta parte o passo è conosciuta come l'azione giusta, che consiste nel comportarsi insieme pacificamente e armoniosamente evitando qualsiasi furto, uccisione o eccessiva indulgenza sessuale.
  • Samma ājīva: noto come il giusto sostentamento, i devoti buddisti che seguono questo percorso lavoreranno duramente per evitare di guadagnarsi da vivere in modi che causino danni ad altre persone o animali.
  • Samma vāyāma: il giusto sforzo è un passaggio fondamentale che implica coltivare pensieri positivi e stare lontani dagli stati non salutari e dal loro possibile sviluppo nel futuro.
  • Samma sati: la giusta consapevolezza, i seguaci si impegnano a sviluppare la consapevolezza del corpo, delle sensazioni, dei sentimenti e dello stato d'animo.
  • Samma samādhi: la giusta concentrazione è sviluppare la concentrazione mentale necessaria per l'Ottuplice Sentiero.

Lavorando duramente per completare tutti i compiti richiesti dell'Ottuplice Sentiero, i buddisti si preparano per l'illuminazione, che è necessaria per la vera felicità nella vita.

Prima di concludere, è essenziale affermare che ci sono molte altre credenze buddiste che sono fondamentali per l'intera struttura del buddismo.

Informazioni supplementari sul buddismo

Sebbene le principali religioni del mondo come il cristianesimo, l'ebraismo, l'islam, l'induismo e il buddismo hanno delle differenze, sono simili nella loro struttura.

Come mai? 

Bene, dobbiamo ricordarci che, anche se le credenze e le dottrine differiscono tra loro, ci sono categorie specifiche che rimangono uguali, come la presenza dei luoghi di culto, libri sacri, personaggi di spicco e simboli iconici.

Anche se non tutte le religioni si incontrano in un luogo chiamato chiesa, hanno almeno uno spazio sacro dove le credenze vengono nutrite. 

Prenderemo ora in considerazione altre informazioni sulla fede buddista.

Luoghi di culto

I templi sono luoghi sacri per la religione buddista
I templi sono i luoghi in cui i buddisti adorano le loro divinità. (Fonte: Unsplash)

Ecco lo spazio sacro più comune dedicato all'adorazione:

  • Tempio buddista: i seguaci del buddismo adorano le loro divinità in aree conosciute come templi, in tutto il mondo. Le strutture sacre buddiste possono essere chiamate vihara, chaitya stupa, wat e pagoda. I templi rappresentano la purezza del Buddha.

Scritti Sacri

I cristiani leggono la Bibbia, i musulmani studiano il Corano e i buddisti analizzano il seguente testo antico per avere delle intuizioni:

  • Canone Pali: noto anche come Tripitaka, il Canone Pali è un importante libro sacro buddista che include molti dei discorsi e degli insegnamenti del Buddha. Significa "la parola di Buddha". Inoltre, è essenziale affermare che le diverse branche del buddismo seguono le scritture canoniche e non canoniche in misura diversa.

Figure chiave del buddismo

Le persone successive sono alcune delle figure più conosciute del buddismo :

  • Gautama Buddha: probabilmente il buddista più importante di tutti i tempi poiché gli insegnamenti del buddismo erano basati sulle sue filosofie e pensieri.
  • Dalai Lama: il 14° Dalai Lama è forse il buddista più famoso ancora in vita. Nato come Lhamo Dhondup, è stato identificato come la reincarnazione del precedente Dalai Lama quando aveva solo due anni.

Curioso di conoscere le figure chiave dell'Islam?

Simboli buddisti

il nodo eterno è un simbolo del buddismo
anche il buddismo ha dei simboli

Come tutte le denominazioni e le fedi, il buddismo ha alcuni simboli che lo contraddistinguono. Vediamo i simboli buddisti più iconici:

  • La Ruota del Dharma: conosciuta anche come Dhamma Chakka, è spesso usata per rappresentare lo stesso Buddha ed è ora il simbolo universale del Buddismo. La Ruota del Dharma ha otto raggi che rappresentano l'Ottuplice Sentiero del Buddha.
  • Il nodo infinito: si dice che l'intreccio di linee sul nodo eterno simbolizzi come tutto sia connesso; la religione e gli affari secolari, così come la compassione e la saggezza.

Analizzando da più vicino il buddismo, sarà possibile acquisire maggiore familiarità con gli aspetti intriganti che sono così ordinari per le persone che vivono in continenti diversi e lontani dal nostro come l'Asia.

Se vuoi approfondire altre religioni come il cristianesimo, leggi gli altri articoli di Superprof!

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

1a lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (1 voto(i))
Loading...

Alice

Colleziono quaderni e penne da scrivere, amo i fogli bianchi ma ancora di più amo riempirli con le mie parole. Copywriter di professione, da sempre innamorata della lettura e della scrittura.