Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Come coniugare i verbi nei corsi arabo? 

Di Nicolò, pubblicato il 25/03/2019 Blog > Lingue straniere > Arabo > Imparare Le Coniugazioni Con Le Lezioni Di Arabo

Un proverbio arabo recita: “Chi impara senza agire, lavora senza seminare”. 

Gli insegnanti di arabo e i madrelingua arabofoni sostengono che imparare l’arabo sia molto più semplice di quanto non si creda, poiché la coniugazione araba possiede meno tempi verbali di quella italiana.

Tuttavia, non si può iniziare a studiare le coniugazione araba senza aver prima fatto qualche lezione arabo per imparare a leggere.

La lingua araba è conosciuta per essere una delle lingue extracomunitarie più diffuse tra gli stranieri residenti in Italia. Inoltre, la vicinanza del Nordafrica e la crescente importanza dei paesi arabi nel mercato globale rendono la lingua araba sempre più comune nel nostro quotidiano.

Tuttavia, i corsi di arabo nella scuola pubblica sono davvero rari, e gli studenti non sembrano molto interessati, forse perché spaventati dalla difficoltà della lingua, o perché più attratti da altre lingue europee quali il francese, il tedesco o lo spagnolo.

Volete imparare l’arabo? Ecco i nostri trucchi e consigli per imparare la coniugazione araba in modo semplice e rapido con il vostro insegnante. 

Lezioni di arabo per bambini della scuola elementare

Si dice che imparare le coniugazioni sia uno dei passaggi più facili per chi decide di studiare la lingua araba.

Tuttavia, se siete principianti assoluti, dovrete imparare a leggere e scrivere correttamente la lingua araba prima di lanciarvi nello studio della coniugazione e dei diversi tempi verbali in arabo

Per imparare le coniugazioni, vi conviene partire dai verbi più comuni. Sapreste tradurre e coniugare il verbo “bere” in arabo?

Per costruire una frase di senso compiuto con un verbo coniugato, è infatti necessario saper leggere l’arabo, saper scrivere in arabo e riconoscere tutte le diverse forme delle lettere arabe. 

In genere gli esercizi di coniugazione si rivolgono quindi a studenti che possiedono già una base di arabo.

Proprio per questo, è una buona idea iniziare a studiare l’arabo già dalle scuole elementari, per poi continuare con corsi arabo per studenti delle medie e del liceo, magari con un insegnante madrelingua a domicilio.

La coniugazione araba

Nella lingua araba, la coniugazione verbale è apparentemente più semplice di quella italiana: mentre per la lingua di Dante si devono imparare le desinenze delle tre coniugazioni verbali (-are, -ere e -ire), la costruzione dei verbi in arabo richiede soltanto l’aggiunta di una vocale alla radice. 

Queste aggiunte modificano le parole e definiscono se si tratta di un verbo, di un aggettivo, di un nome d’oggetto, di un nome di luogo, ecc… come imparate durante le lezioni di arabo.

Inoltre, l’attributo del soggetto si accorda in genere e numero se il soggetto è al singolare — come in italiano —, al duale o al plurale se si tratta di persone.

Come in italiano, i verbi arabi vengono coniugati a seconda della persona (prima, seconda e terza persona) e del numero (singolare o plurale), con la differenza che in arabo anche la seconda persona possiede un genere. 

Prendiamo ad esempio il verbo تَكلّم (takallam, « parlare »), la cui radice è costituita da tre lettere ك ل م. Ecco la coniugazione dell’imperfetto (ovvero il presente italiano) di questo verbo, coniugato al singolare: 

  • أنا أتكَلَم (prima persona)
  • أنْتِ تتَكَلَمين (seconda persona femminile)
  • أنْتَ تتَكَلَم (seconda persona maschile)
  • هِيَ تتَكَلَم (terza persona femminile)
  • هُوَ يتَكَلَم (terza persona maschile)

Come regola generale, nell’arabo letterario il pronome personale viene omesso, semplificando così la frase.

La coniugazione arabe per i bambini delle scuole elementari

Non esistono programmi di arabo specifici a livello ministeriale per la scuola dell’infanzia.

I corsi di arabo all'università sono tantissimi in tutto il mondo! Grazie ai corsi di arabo potreste addirittura partecipare a un programma di scambio in un’università del Medio Oriente!

Tuttavia, accordandosi a quello che viene richiesto per le altre lingue, gli studenti del primo ciclo dovrebbero acquisire un livello di lingua equivalente all’A1, ovvero: 

  • Capire e utilizzare espressioni familiari e quotidiane e frasi semplici, 
  • Essere in grado di presentarsi e di presentare altre persone,
  • Essere in grado di formulare domande semplici (nome, luogo di nascita e residenza, età, attività professionale, ecc…) e di rispondere allo stesso tipo di domande, 
  • Comunicare in maniera semplice se l’interlocutore parla lentamente e distintamente. 

Oltre alla capacità di presentarsi, di presentare qualcuno o di descrivere un oggetto in arabo utilizzando il tempo presente, gli alunni devono anche imparare a esprimere consegne all’imperativo, a servirsi della negazione e a rispondere a delle domande al futuro.

Nei corsi di arabo per giovani in età scolastica, gli studenti impareranno anche a coniugare il verbo all’infinito servendosi della radice verbale, composto da tre lettere: la lingua arabo riposa infatti sulle radici triconsonantiche, ovvero su un gruppo di tre consonanti con cui si formano molte parole appartenenti allo stesso campo semantico.

Imparare la coniugazione araba alle scuole medie e al liceo

Durante la prima lezione di arabo per alunni delle scuole medie o superiori, gli studenti scopriranno grazie al loro insegnante che nell’arabo letterario, il singolare fa riferimento a un elemento e il plurale a più di due elementi. 

Perché più di due? Perché come nel greco antico, in arabo esiste un modo specifico per indicare una coppia di elementi o di persone: il duale. 

I verbi arabi si formano grazie a una radice triconsonantica Riuscireste a riconoscere i verbi in questo articolo?

Da notare che la forma del duale da utilizzare dipende dal caso grammaticale : nominativo, accusativo, o genitivo. 

Inoltre i verbi arabi possiedono quello che in alcune lingue viene chiamato l’aspetto:

  • Un’azione in corso si coniuga all’imperfetto, che equivale al nostro presente dell’indicativo italiano
  • Il perfetto indica invece un’azione compiuta, conclusa, e corrisponde quindi al passato prossimo o al passato remoto italiano.

Prima di iniziare a studiare il vocabolario arabo, la storia della civilizzazione arabo-musulmana o le forme dialettali dell’arabo quali l’arabo marocchino — detto darija — il siriano o l’arabo tunisino, un professore madrelingua o esperto dovrà senza dubbio riprendere alcuni elementi basilari della lingua con i propri allievi, soprattutto se questi sono principianti assoluti.

Il programma ufficiale di secondo grado per quanto riguarda le lingue straniere richiede di imparare: 

  • L’imperativo e la frase negativa, 
  • Le forme del futuro, 
  • Un lessico adeguato, 
  • I verbi irregolari. 

I cicli d’insegnamento secondari e superiori permetteranno agli studenti di approfondire diversi aspetti della lingua araba e di arrivare al livello B1 o B2 del QCER (Il Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue).

In arabo, esistono 14 forme verbali di cui nove vengono utilizzate di frequente. Sono forme derivate di ciò che chiamiamo la “prima forma”, che equivale al verbo semplice, coniugato a partire dalla sua radice triconsonantica.

La coniugazione di tutti i verbi semplici non comporta altre aggiunte oltre al prefisso e al suffisso richiesto dal tempo verbale. 

Nelle tabelle di coniugazione arabe, alle forme derivate dei verbi semplici la vocale della seconda radice non varia. È la ragione per la quale la forma derivata è la più utilizzata nel linguaggio corrente: non ci si deve interrogare sulla vocale dell’imperfetto o sulla forma del masdar.

Cos’è il masdar?

Il masdar è un nome intimamente legato a un verbo arabo, esprime l’azione indicata dal verbo e si chiama anche “nome d’azione” o “nome verbale”. Nella lingua araba, ogni verbo possiede il proprio o i propri masdar.

Oltre alla coniugazione araba, bisognerà curare la pronuncia, imparare a comprendere un testo arabo, fare la distinzione tra la voce passiva e la voce attiva, o coniugare il verbo al passato. 

Scoprite tutto quello che c’è da sapere sulla coniugazione araba!

Lezioni di arabo per imparare a coniugare i verbi

347: è questo il numero di professori di arabo iscritti sulla piattaforma italiana di Superprof. 

Oltre alla ripetizioni per imparare le lettere dell’alfabeto, un professore privato vi aiuterà a capire le differenze tra l’arabo dialettale e l’arabo letterario. 

L'arabo è una delle lingue più parlate al mondo Imparare l’arabo vi permetterà di accedere a numerosi testi non tradotti.

Il vantaggio è che se il vostro professore è ad esempio di origine Egiziana, potrà non soltanto insegnarvi l’arabo letterario, ma spiegarvi la cultura della civilizzazione islamica e la socio-politica dei paesi arabi.

Prendere corsi privati è un po’ come una formula all inclusive e personalizzabile: il professore saprà trasmettervi tutte le sue conoscenze e si adatterà perfettamente ai vostri obiettivi!

Durante una lezione arabo a domicilio, l’insegnante vi ricorderà che la coniugazione dei verbi arabi si basa sulla maniera in cui si svolge un’azione, e non sulla temporalità: i tempi verbali arabi non sempre corrispondono quindi a quelli italiani.

Se si vuole padroneggiare l’imperfetto congiuntivo, il futuro o il passivo, bisognerà tenere a mente che la vocalizzazione varia da un tempo all’altro.

All’inizio della lezione di arabo privata, lo studente che vuole imparare la coniugazione potrà chiedere al proprio insegnante una lista di verbi da memorizzare, per esempio i verbi che hanno un suffisso irregolare, o quelli più diffusi nel linguaggio comune.

Un corso privato potrebbe prevedere anche un dettato in arabo al fine di perfezionare al contempo il livello di comprensione orale e di ortografia. 

Tuttavia bisognerà ripassare bene tra una lezione di arabo e la successiva e preparare ogni corso ripassando la coniugazione araba. Potrete anche servirvi dei contributi che lo scienziato Hemann Ebbinghaus ha dato alle neuroscienze per quanto riguarda la memoria.  

Applicabili alle lingue vive, le teorie di Ebbinghaus permettono di ottimizzare la memoria e ricordarsi i termini studiati — le parole e verbi arabi nel nostro caso — praticando la ripetizione distanziata, ovvero ripetendo i termini a intervalli regolari per non scordarseli. 

I siti corsi arabo e Corso arabo Nahza sono solo alcuni degli ottimi supporti online per costituirsi uno stock di verbi da ripassare tra una lezione e l’altra per stupire i vostri insegnanti!

Quali sono i verbi arabi da imparare per primi? Ve lo dice Superprof!

“Arabo” e “coniugazione”: le definizioni

Ecco un piccolo glossario dei termini chiave impiegati in questo articolo, per capire bene di cosa stiamo parlando. 

Cos’è la lingua araba?

L’arabo è una lingua semitica afro-asiatica il cui numero di locutori è stimato a circa 540 milioni di persone nel mondo: 287 milioni di madrelingue e 254 milioni di persone che utilizzano l’arabo come seconda o terza lingua. 

Originaria della penisola arabica, l’arabo diventa la lingua sacra del Corano nel corso del VII secolo d.C., ed è oggi una lingua internazionale di primo piano: si tratta della quarta lingua più utilizzata al mondo, parlata in 28 paesi. 

Cos’è la coniugazione? 

La coniugazione è, nelle lingue dette flessive, la variazione della forma del verbo in funzione delle circostanze. Si tratta, in altre parole, della flessione del verbo.

Si chiama quindi “coniugazione” l’insieme delle varianti morfologiche dei verbi che indicano il tempo, ma anche il modo, l’aspetto (perfetto o imperfetto), la persona, il genere e il numero. 

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar