Quando si pensa al violino, la prima immagine che viene in mente è quella di un’orchestra sinfonica, del conservatorio, di un insieme di strumenti ad arco che suonano all'unisono, o ai concerti di natale nelle grandi sale mondiali. Più rare sono invece le volte in cui si pensa direttamente ai grandi violinisti, e in particolare ai grandi violinisti italiani. Spesso infatti le grandi celebrità del mondo della musica strumentale e in particolare del violino non sono molto conosciute dal grande pubblico. 

Il violino è uno strumento musicale considerato caro, e quindi inaccessibile a molti. In realtà, è possibile trovare un un violino di buona qualità, in legno massiccio e verniciato a mano ad un prezzo accettabile (150€ e 400€). Si tratta pur sempre di una certa somma, che potrebbe scoraggiare qualcuno, ma se il tuo sogno è di diventare un violinista di fama mondiale vale la pena investire!

Puoi trovare degli ottimi consigli per acquistare un violino su infoviolin.com! Ricorda che avere il parere di un esperto e il miglior modo per evitare scelta sbagliate facendo un acquisto troppo caro o di scarsa qualità rispetto al costo.

Ma chi sono quindi i più grandi violinisti italianiVediamolo insieme in questo articolo

Marta
Marta
Insegnante di Violino
5.00 5.00 (11) 30€/h
Prima lezione offerta!
Annalisa
Annalisa
Insegnante di Violino
5.00 5.00 (24) 20€/h
Prima lezione offerta!
Giada
Giada
Insegnante di Violino
4.86 4.86 (7) 20€/h
Prima lezione offerta!
Aurora
Aurora
Insegnante di Violino
5.00 5.00 (4) 15€/h
Prima lezione offerta!
Alessandra
Alessandra
Insegnante di Violino
5.00 5.00 (4) 15€/h
Prima lezione offerta!
Andrea
Andrea
Insegnante di Violino
25€/h
Prima lezione offerta!
Cristiano
Cristiano
Insegnante di Violino
5.00 5.00 (1) 25€/h
Prima lezione offerta!
Giuliana
Giuliana
Insegnante di Violino
20€/h
Prima lezione offerta!

Il violinista più celebre di tutti: Niccolò Paganini 

Sapresti citare un'opera musicale di Paganini?
L'espressione "Paganini non ripete" è entrata a far parte del linguaggio comune.

Musicista e compositore genovese, Niccolò Paganini fu un musicista di fama mondiale, ed è considerato da molti l'inventore della tecnica violinistica moderna, poiché arricchì con grandi innovazioni il modo di suonare lo strumento. Paganini nacque nel 1782 e ricevette le prime lezioni di violino e mandolino da suo padre, appassionato di musica. Niccolò Paganini fu un musicista davvero precoce: già dal 1797, all'età di 15 anni, iniziò a esibirsi in tutta Italia e, in seguito, in tutta Europa.

Firenze, Lucca, Milano, ma anche Vienna, Dresda, Berlino, Varsavia, Londra, Parigi, Marsiglia e tante altre in città — il talento di Paganini si fece largo in tutto il vecchio continente, tanto che il compositore dei celebri 24 Capricci per violino solo è ancora oggi considerato uno dei migliori musicisti della storia.

Dopo la sua morte, avvenuta nel 1894, la città di Genova conserva a Palazzo Turi il violino del musicista, un Guarnieri del Gesù chiamato il "Cannone".

Tra l'eredità lasciata dal violinista, è molto celebre è anche il detto "Paganini non ripete", che viene utilizzato oggi in un contesto in cui non si vuole ripetere una frase o un'azione. L'espressione è nata nel 1818 in un teatro torinese, dove al seguito di un esibizione a Paganini venne chiesto il bis, ma il musicista, che a volte si feriva i polpastrelli suonando, rispose che, per l'appunto, che "Paganini non ripete.

Sei in cerca di ispirazione? Scopri tutti i miglior film che hanno per protagonista il violino!

I migliori violinisti italiani: Salvatore Accardo

La passione musicale viene spesso trasmessa di genitore in figlio!
Salvatore Accardo insegna ancora oggi alla Fondazione Accademia Musicale Chigiana di Siena. (Copyright: Marcella Cistola)

Con un repertorio che spazia dalla musica barocca a quella contemporanea, questo musicista torinese è considerato uno dei maggiori talenti violinistici della scuola italiana del Novecento.

Figlio di Vincenzo Accardo, incisore di cammei e appassionato di musica classica, Salvatore cresce a Torre del Greco. Il suo incontro con lo strumento ad arco avviene in età molto giovane, in particolare grazie all'incoraggiamento della sorella Anna e del cugino Ermanno Corsi. Ma lo studio vero e proprio ha inizio quando Salvatore a otto anni e inizi a prendere lezioni dal maestro Luigi D'Ambrosio, riuscendo due anni più tardi a sostenere l'esame di compimento inferiore del Conservatorio di San Pietro a Majella.

All'età di soli 13 anni, si esibisce al pubblico suonando tutti e 24 i Capricci di Paganini, e diventando così uno dei pochi musicisti solisti al mondo capaci di eseguirne l'integralità in un'unica serata. Il suoi risultati da record non finiscono qui: riesce a diplomati al conservatorio alla tenera età di 15 anni. A 17 ani riuscirà invece a portare a casa il prestigioso premio Paganini, e sarà uno dei più giovani musicisti a vincerlo.

Per tutta la sua carriera, Accardo mostrerà la devozione alla musica e al violino non solo esibendosi in diverse occasioni, ma anche promovendo sempre attività culturali legate alle sue passioni, come la creazione del Festival "Le settimane Musicali Internazionali" di Napoli o l'istituzione dei corsi di perfezionamento pe strumenti ad arco della Fondazione W. Stauffer di Cremona.

Ancora oggi Accardo insegna violino alla Fondazione Accademia Musicale Chigiana di Siena, continuando a trasmettere la sua passione per lo strumento ad arco ai futuri maestri di questo strumento immortale.

Conosci qualche aforisma o qualche frase di motivazione sul violino e la musica? Se la risposta è no, ci pensa Superprof ad aiutarti!

Un violinista d'eccellenza: Giuseppe Torelli

Trovi più ispirazione nella musica classica o in quella barocca?
Anche se oggi il suo nome non è tra i più conosciuti, Torelli è stato in passato uno dei violinisti più stimati in Italia e in Europa.

Nato a Verona il 22 aprile 1658, Giuseppe Torelli, è stato uno dei violinisti e compositori italiani più importanti del periodo barocco.

L'arte era una dote di famiglia, dal momento che il fratello di Giuseppe, Felice Torelli, fu un celebre pittore del tuo tempo. Giuseppe invece è oggi principalmente ricordato per i suoi contributi allo sviluppo del concerto grosso e solista e le sue composizioni per archi e strumenti a fiato.

Non si hanno notizie biografiche precisissime sui primi anni di carriera di Torelli, ma si presume che la sua formazione iniziale sia avvenuta a Verona, prima di essere ammesso, nel 1684, all'Accademia Filarmonica di Bologna. A partire dal 1692 fu incaricato dall'accediamia di comporre le sinfonia per le celebrazioni liturgiche in onore del anno patrono, San Petronio.

In seguito entrò a far parte dell'orchestra della Cappella di San Petronio, in cui suonò la viola tenore fino allo scioglimento dell'insieme, avvenuto nel 1696. A quel punto, associandosi al castrato Francesco Antonio Pistocchi, Torelli inizia a girare l'Europa, recandosi in diverse località quali Ansbach, Berlin, Amsterdam, Bardeburgo, ecc.... fino a giungere a Vienna. Nel 1701 tornerà poi a Bologna entrando nella Cappelle musicale di San Petronio, di cui farà parte fino alla morte, avvenuta nel 1709.

Sapevi che sono stati scritti anche moltissimi romanzi e racconti in cui il violino è un elemento centrale? Scopri i legami tra musica e letteratura cliccando qui!

I migliori musicisti italiani: Michelangelo Abbado

Diventare violinisti celebri richiede impegno e dedizione.
Michelangelo Abbado (accompagnato nella foto della moglie) è stato uno dei più celebri musicisti italiani del Novecento.

Nato in provincia di Cuneo nel 1900, Michelangelo Abbado è stato un violinista e professore di violino di grande fama.

Si diplomò in conservatorio in violino e in composizione, formato da insegnanti del calibro di Enrico Polo e di Giovanni Orefice. Insegnò anche violino nei conservatori di Palermo, di Parma e infine di Milano, dove svolse l'attività di insegnante per più di mezzo secolo, e di cui divenne anche vicedirettore.

Ma oltre alla lunga carriera accademica, Abbado tenne anche moltissimi concerti sia da solista, che da membro o direttore d'orchestra. Collaborò anche con molti dei musicisti più celebri della sua epoca, dando vita a duetti e quartetti di successo. Nel 1941 creò l'Orchestra d'archi di Milano, prima orchestra italiana specializzata in musica Barocca, di cui Abbado era anche direttore solista.

Il suo repertorio era abbastanza vario, e spaziava dalla musica antica alla musica barocca, dai grandi classici del violino fino alle composizioni di autori a lui contemporanei.

La sua influenza è stata tale che ad Alba, sua città natale, gli è stata intitolata una sala del teatro comunale. Quanti musicisti possono vantare gli stessi riconoscimenti?

Ovviamente i violinisti italiani che hanno fatto in passato o stanno facendo oggi la storia della musica sono molti di più: Uto Ughi, Arcangelo Corelli, Giovanni Battista Viotti, ecc... l'Italia ha una grande tradizione di musica classica e barocca, e il violino ha sempre fatto parte della cultura italiana, dalla musica all'artigianato (non dimentichiamo che il celebre Stradivari è nato a Cremona!).

Ispirarti a uno dei grandi violinisti della storia è il modo migliore per rimanere concentrato e non perdere di vista i tuoi obiettivi, dandoti una meta, un modello da imitare. Quale di questi musicisti corrisponde di più alle tue ambizioni? E personalmente, quali sono i musicisti italiani che preferisci e che più ti ispirano? Faccelo sapere nei commenti!

E se cerchi lezioni di violino, non dimenticare che su Superprof.it troverai centinaia di insegnanti disposti a trasmetterti tutto il loro sapere sul più celebre degli strumenti ad arco!

Scopri tutto quello che c'è da sapere sul modo in cui il violino è raccontato dalle altre arti e sulle formule motivazionali per non perdere la grinta e raggiungere i propri obiettivi!

 

Bisogno di un insegnante di Violino?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 2 votes
Loading...

Nicolò

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.