Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Lezioni di fotografia: quale materiale per scattare delle buone foto?

Di Igor, pubblicato il 28/08/2018 Blog > Arte e Svago > Fotografia > Un Corso di Fotografia: Quali Sono i Diversi Accessori per la Pratica?

Io mi considero sempre con un amatore, anche oggi, e spero di restarlo fino alla fine della mia vita. Perché sono eternamente un debuttante alla continua scoperta del mondo – André Kertész

Fare foto è una tecnica, un materiale particolare, in cui la profondità di campo e la focale fissa, per non fare che due esempi, sono dei termini spesso importanti se si vuole essere certi di realizzare un prodotto di una qualità ottimale.

Stando a quello che si legge sulle riviste specializzate e sui blog a tema, il 65% dei fotografi ha acquistato i propri obiettivi poco alla volta, in modo da migliorare nel corso del tempo il materiale a propria disposizione. Questa cifra testimonia l’importanza che si dà in quanto fotografi, agli accessori.

Equipaggiarsi, quando si pratica la fotografia, che si sia debuttanti o professionisti, permette di accedere ad un livello ulteriore di questo dominio così affascinante: la creatività. Perché, poter sviluppare la propria tecnica è spesso sinonimo di qualità e apre le porte all’immortalità delle proprie idee più folli, più belle.

A lezione di fotografia: l’obiettivo, accessorio base della foto

Devi scegliere un obiettivo compatibile con il tuo corpo macchina e in funzione delle foto che vorrai scattare. Con un buon obiettivo, sarà facile raggiungere il tuo soggetto!

L’obiettivo è l’accessorio indispensabile quando si desideri adattare la propria inquadratura al soggetto che si vuole fotografare. Effettivamente, sia con un 50 mm, sia con un 300 mm, una macchina fotografica con teleobiettivo consente una messa a fuoco ottimale e di avere il migliore sguardo fotografico su quello che si desidera “catturare”.

Escludendo oramai i rullini, esiste un buon numero di macchine digitali, sulle quali fissare un obiettivo è un’operazione estremamente semplice e rapida. Kodak, Nikon, Fuji, Sony, ogni corpo macchina possiede le proprie specificità, che devi saper prendere in conto.

Dopo aver analizzato l’utilizzo che desideri fare del tuo obiettivo fotografico, potrai capire se quest’ultimo si adatti maggiormente a fotografare un soggetto del mondo animale, un evento in notturna, un paesaggio o un soggetto in studio.

In ogni caso, sia che parliamo di obiettivo zoom, obiettivo grandangolo, obiettivo macro, si deve trattare di un acquisto ponderato attentamente, soprattutto a causa del prezzo spesso elevato e del carattere un po’ speciale di questo accessorio.

Allora, per riassumere: l’obiettivo è fondamentale, certo. Ma non si tratta dell’unico accessorio quando parliamo di fotografia e di lezioni fotografia.

Corso fotografia: il cavalletto, là dove la foto prende il via

Il cavalletto è quell’accessorio che diviene indispensabile nel momento in cui decidiamo di fare una foto allo stesso tempo netta e di qualità. Cavalletto per macchina fotografica, cavalletto per videocamera, mini cavalletto, si tratta di un accessorio disponibile in diversi formati, per tutti i gusti e per tutte le tasche.

Effettivamente, per 20€, puoi trovare un cavalletto, ma presta sempre la massima attenzione alla sua qualità! Se ne farai un utilizzo da debuttante o solamente occasionale, potrebbe andare bene, ma l’idea da cui devi partire è quella di ottenere un risultato della più elevata qualità possibile, anche grazie ai corsi di fotografia che hai già seguito.

Cerca quindi di confrontare le funzionalità di ciascuno dei cavalletti disponibili sul mercato, capisci quale utilizzo ne vorrai fare e se il cavalletto in questione potrebbe andare bene per il tipo di foto che desideri fare. Se si tratta di fotografare un evento sportivo o un pesce nel suo ambiente naturale (il mare o il lago), il cavalletto non ti servirà!

E se ti sembra di non saperne ancora abbastanza, perché non ti iscrivi ad un corso fotografia, per imparare nozioni nuove e tecniche e trucchi? L’utilità degli accessori come il cavalletto è indubbia, quando si desidera migliorare e sviluppare le proprie competenze sul soggetto.

Corsi fotografia: la scheda che immagazzina tutte le foto

A questo scopo, esistono diversi modelli di schede memoria: dovrai scegliere in base al tuo modello di macchina. Quando scatti una foto, l’obiettivo è di conservarla per riutilizzarla in seguito!

La memoria non filma, la memoria fotografa – Milan Kundera

Quando si decide di fare delle foto, lo scopo è spesso quello di esporle, di mostrarle alla propria famiglia, di pubblicarle online, o solo di poterle ammirare ogni qual volta ce ne venga il desiderio. Perché questo sia possibile, oltre all’importanza del momento dello scatto, bisogna approfondire anche il modo di conservazione delle foto stesse.

E, infatti, in questa fase che il bisogno di una scheda, dove memorizzare le foto, si fa più pressante. Perché, sì, essa è l’oggetto che immagazzina tutti i nostri più bei souvenir, tutti nostri scatti migliori, che siano sfocati o di buona qualità, con un inquadratura azzardata o un bilanciamento dei bianchi eccezionale.

Bisogna saper selezionare in modo preciso la carta su cui memorizzerai le tue foto, scegliendo tra marche, prezzi e soprattutto capacità di stoccaggio di cui dispone. Carta SD, micro card, carta micro SD: in commercio si trova tutto, tutto è possibile e sta a te di vedere quale sia compatibile o più adatta al tuo apparecchio fotografico.

In ogni caso, il ruolo della memoria di stoccaggio è capitale nella tua attività di fotografo, perché, come al solito, su 150 foto che scattiamo, ce ne piaceranno al massimo due o tre!

Al corso di fotografia, la batteria come motore della macchina fotografica

Ma sicuramente i due principali sono il corpo macchina e l’obiettivo. Il resto è, per l’appunto, un accessorio. Per fare buone foto, ti servono accessori di qualità!

Eh già, non ci si pensa mai abbastanza, ma la batteria è ciò che fa girare l’attività di fotografo. Immagina di essere in piena seduta di foto, i fari dello studio illuminano la stanza, modelle e modelli sono là, in attesa che tu compia il tuo lavoro e, all’improvviso, il dramma: la macchina esaurisce la batteria e si spegne!

A questo momento preciso deve intervenire una batteria di soccorso, per salvare la seduta di foto. Per meno di 100€, potrai procurarti questo piccolo gioiello, che ti consentirà di fotografare ancora per qualche ora.

Inoltre, considera che, anche se alcune durano parecchi anni, le batterie non sono comunque eterne ed è a volte necessario sostituirle o averne comunque una di scorta sempre con te.

Per conservare al massimo le sue capacità e la sua durata, evita di conservarla in ambienti troppo caldi o troppo freddi. Inoltre, se la tua macchina è dotata di questa opzione, privilegia sempre la modalità foto alla modalità video, che consuma, quest’ultima, molta più batteria.

Con obiettivo, cavalletto, scheda e batteria di scorta, avrai già un bel po’ di materiale a disposizione. Ma, cosa potrebbe servirti ancora per migliorare il tuo kit da fotografo?

Se ne parla anche durante i corsi di fotografia: la borsa per il materiale

Di solito, non ci si pensa subito: ma, altrimenti, dove conserveresti tutto il tuo materiale? come lo porteresti con te in giro per la città alla ricerca delle migliori inquadrature?

È nella borsa che potrai conservare le diverse card su cui memorizzare le foto, le batterie di scorta, il secondo e il terzo obiettivo e, soprattutto, la macchina fotografica in tutta sicurezza.

Sarà quindi utile optare per una borsa pratica, come uno zaino o una borsa a tracolla, con uno o più scomparti, secondo i tuoi desideri e le tue necessità.

A lezione di fotografia l’insegnante potrà sicuramente darti dei consigli molto uili in proposito.

In commercio esistono borse per macchine fotografiche a tutti i prezzi, l’essenziale è di trovare una borsa ad un rapporto qualità prezzo che sia imbattibile, un oggetto che ti consenta di essere il più organizzato possibile e quindi il più efficace, che sia all’aperto o nelle sedute in studio.

Lo stabilizzatore, dal corso fotografia allo scatto da professionista

Una buona stabilità è spesso fondamentale per fare delle buone foto, in modo che queste non risultino sfocate, mal inquadrate o semplicemente “da buttare”.

Stabilizzare la propria macchina fotografica con uno stabilizzatore è la soluzione più semplice. Fissi il tuo apparecchio sullo stabilizzatore e ti sposti dove vuoi alla ricerca del tuo scatto, fotografando o filmando: l’immagine sarà netta, a fuoco, senza dover fermare l’oggetto.

Se anche sei agli inizi della tua attività da fotografo, i giusti accessori possono aiutarti a progredire rapidamente. Scattare foto è un’attività completa, che può necessitare di diversi accessori!

Ricorda però che lo stabilizzatore contrasta i movimenti del fotografo stesso, non quelli del soggetto, il quale, se si muove troppo, risulterà comunque sfocato nella foto. L’idea è quella di nascondere i movimenti di troppo che si possono fare dietro la macchina.

Gli stabilizzatori sono comunque un po’ onerosi all’acquisto. Valuta attentamente, prima dell’acquisto, se l’utilizzo che ne farai sarà regolare o intenso, per la qualità dei tuoi scatti.

Più si procede e più gli accessori sono precisi e specifici, ma ve ne sono altri?

Impariamo dai maestri fotografia: gli accessori cui non sempre si pensa

Pratiquer la photo est une activité complète, qui nécessite peu d’accessoires de base, mais ceux-ci peuvent nous aider à progresser rapidement !

Eh già, la fotografia è una disciplina completa. Basta seguire alcune lezioni di fotografia per comprenderlo a fondo.

E in quanto tale, comporta numerosi accessori, alcuni dei quali non sono in cima alla lista dei pensieri del fotografo ad inizio carriera.

La luce

Tra questi, l’illuminazione è la componente maggiore di uno scatto, soprattutto in un ambiente chiuso, come lo studio di un fotografo. Ti consentirà di dare una luce più o meno diretta al soggetto che stai inquadrando e, di conseguenza, contribuirà a migliorare la qualità della foto finale.

Pensa anche alle foto notturne, che prenderanno tutto un’altra dimensione, con una fonte di luce artificiale, pensata appositamente per questo fine. Con una fonte di illuminazione alternativa, potrai creare un ambiente diverso, secondo la posizione e l’intensità che darai a questa luce. Non dimenticare, tuttavia, che si tratta solo di un accessorio.

I vari Henri Cartier Bresson, Robert Capa, David Seymour e gli altri fondatori dell’agenzia Magnum Photos hanno iniziato senza!

Il filtro polarizzante

Al vertice degli accessori fotografici, durante la lezione di fotografia, troverai il filtro polarizzante. Ma di cosa si tratta? È un piccolo filtro, che posizionerai di fronte all’obiettivo e che, a seconda della sua posizione, lascerà passare solo alcuni raggi del sole.

Quando osserverai la resa finale, ti chiederai se non sia stata elaborata qualche trasformazione con Photoshop; in realtà si tratta semplicemente della resa data dal filtro sulla foto stessa.

Il filtro polarizzante serve soprattutto ad attenuare i riflessi, a saturare i colori un po’ più del normale e a ravvivare i colori naturali. Insomma: migliora la foto, senza ritoccarla!

Se, nonostante l’utilizzo di tutti questi accessori, le tue foto non dovessero migliorare in qualità, dovresti allora pensare a cambiare apparecchi o semplicemente a seguire delle lezioni fotografia! In ogni caso, il materiale fotografico, dall’obiettivo al cavalletto, passando per la borsa, ci semplifica la vita e dà libera iniziativa alla nostra creatività!

Ma quanto costa il materiale fotografico?

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar