Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Le sfide della lingua d’oltralpe

Scritto da Catia, pubblicato il 28/07/2017 Blog > Lingue straniere > Francese > L’insegnamento del Francese nella Scuola Pubblica!

L’insegnamento del francese ha sempre occupato un posto di primo piano nel sistema scolastico italiano.

Prima del totale take over dell’inglese, era infatti, la lingua straniera per eccellenza che tutti dovevano conoscere.

Gli stretti rapporti Italia-Francia sono il motivo per cui la lingua di Molière rimane la seconda lingua straniera più scelta dai ragazzi delle medie.

Se vuoi diventare un insegnante di francese e desideri trasmettere le tue conoscenze ai tuoi allievi, devi capire quali sono le sfide di questa materia.

Le seconda lingua più studiata in italia dopo l'inglese è il francese. Il francese rimane sempre una lingua importante per la scuola italiana!

Dall’introduzione del Content and Language Integrated Learning (CLIL) nella scuola italiana, il francese può essere usato, come le altre lingue straniere, per parlare direttamente di scienze, geografia, arte…

L’insegnante di francese deve preparare i ragazzi ad affrontare le sfide della lingua di Molière, a cominciare dalla fonetica che è uno degli aspetti più difficili per gli studenti italiani.

Vediamo insieme il ruolo del francese nella scuola di oggi e le prospettive per tutti quelli che vogliono diventare insegnanti di francese.

La lingua francese a scuola

Il francese nella scuola italiana ha sempre avuto un ruolo molto importante:

  • come lingua della diplomazia, fino agli anni ’90 è stata la lingua più studiata a scuola;
  • come lingua minoritaria  in Valle d’Aosta e alcune zone del Piemonte, ha un curriculum scolastico speciale;
  • come seconda lingua straniera, alle scuole medie.

Il plurilinguismo è uno degli obiettivi della Commissione Europea che nel libro bianco Insegnare e Apprendere del 1995 ha invitato gli stati membri a

“Permettere a ciascuno, qualunque sia il percorso di formazione e istruzione, di acquisire e mantenere la capacità di comunicare in almeno due lingue comunitarie, oltre alla propria lingua madre.”

Per la Commissione Europea ogni cittadino dovrebbe conoscere più lingue comunitarie. Bisognerebbe parlare almeno 2 lingue europee, oltre alla propria!

Questa direttiva europea è stata recepita anche in Italia, con l’obbligo di introduzione della prima lingua straniera a 6 anni e della seconda a 11 anni.

Come sappiamo, la prima L2 è obbligatoriamente l’inglese.

Alle scuole medie, invece, i ragazzi possono scegliere tra francese, spagnolo e tedesco. Tre ragazzi su quattro scelgono il francese, che si conferma quindi come la lingua più studiata dagli italiani, dopo l’inglese.

La critica più grande al sistema di studio italiano è che poi la seconda lingua smette di essere obbligatoria nelle scuole secondarie di II grado.

Alle superiori infatti, c’è una sola lingua straniera, l’inglese appunto. Gli indirizzi che permettono ai ragazzi di continuare con il francese sono quelli linguistici o tecnico/professionali con sperimentazione linguistica.

In questo quadro, molti amanti della lingua di Molière temono che il francese scompaia dalla scuola italiana.

Le percentuali di chi studia la seconda lingua alle scuole superiori è infatti del 32% circa.

Il francese torna all’università, come una delle lingue a scelta per gli esami di idoneità. Ovviamente nei curricula linguistici lo si può apprezzare in tutta la sua bellezza.

Un altro strumento a disposizione dei ragazzi italiani che vogliono imparare il francese a scuola sono i viaggi di studio o gli scambi universitari.

Gli studenti del liceo e dell’università possono infatti decidere di trascorrere un periodo di studio in Francia e approfondire così la conoscenza della lingua.

Ma qual è il livello di francese che si insegna nella scuola pubblica?

Il livello di conoscenza del francese

Gli insegnanti di francese devono cercare di risolvere i maggiori problemi che gli studenti italiani hanno con la lingua: l’ortografia e la grammatica.

Il dettato al compito in classe di francese è uno degli esercizi più temuti dai ragazzi.

A dire il vero, è anche una delle maggiori difficoltà nelle scuole francesi.

Uno studio dell’Education Nationale, il ministero dell’istruzione in Francia, ha infatti rilevato che il livello di francese degli studenti si è abbassato nel corso degli anni.

Lo stesso dettato è stato sottoposto a bambini della quinta elementare nel 1987, nel 2007 e nel 2015.

La prima volta, nel 1987, gli studenti hanno fatto in media 10.6 errori ciascuno. Venti anni dopo, questo numero è aumentato a 14.8.

Nel 2015, le cose sono andate peggiorando con una media di 17.8 errori di ortografia per lo stesso dettato.

Per aiutare i tuoi studenti con l'ortografia francese usa dei dettati e altre prove scritte. Il dettato di francese è difficile anche per i madrelingua!

Se i ragazzi francesi hanno molti problemi di ortografia, immagina uno studente italiano che non è madrelingua!

Ecco perché hai un ruolo molto importante come insegnante di francese!

Abitua i tuoi studenti a scrivere in francese sin dalle prime lezioni.

Per scrivere bene, bisogna conoscere la fonetica francese.

A differenza dell’italiano ci sono molti dittonghi, per non parlare delle nasali che un orecchio non allenato non riesce a distinguere.

Le terminazioni dei verbi poi, soprattutto al dettato, non si possono scrivere correttamente se non si capisce il soggetto dal contesto.

Alla fine delle scuole medie i ragazzi dovrebbero raggiungere il livello A2 del DELF. Significa che devono essere in grado di comunicare le loro azioni quotidiane, descrivere le persone, parlare dei loro interessi.

Alla fine delle scuole superiori viene invece richiesto il livello intermedio avanzato, ossia il B2. Chi è a questo livello sa come esprimere le proprie idee, capisce testi più complessi in diverse materie e usa delle forme di espressione più complesse.

Ti piacerebbe insegnare le basi della lingua francese o rivolgerti a studenti più avanzati?

Le prospettive di carriera per gli insegnanti di francese

Quando si decide di insegnare la lingua francese nella scuola pubblica, si può scegliere di farlo nella scuola secondaria di I grado o in quella di II grado.

L’insegnante di francese alle medie si trova di fronte dei principianti che non hai mai sentito la lingua di Molière. Per questo ha un compito molto delicato, ovvero quello di gettare le basi per la conoscenza della lingua.

Sono molto importanti le lezioni di fonetica, le coniugazioni dei verbi più comuni, i falsi amici.

Se invece decidi di insegnare alle scuole superiori troverai dei ragazzi che molto probabilmente hanno già delle basi di francese.

Le scuole superiori dove è previsto il francese sono:

  • liceo linguistico
  • liceo internazionale
  • istituto tecnico turistico
  • ogni altro istituto con la seconda lingua straniera

Il programma ministeriale per il francese prevede che si studino anche i maggiori testi letterari, oltre ad acquisire un livello B2 a livello grammaticale e di espressione e comprensione scritta e orale.

Accanto allo studio della lingua, ci sono quindi riferimenti alla cultura e alla tradizione francese e l’analisi dei maggiori testi di letteratura.

Il particolare legame Italia-Francia mette a disposizione degli studenti che vogliono imparare il francese una grande opportunità: l’EsaBac.

Insegnare bene il francese ali studenti che fanno l'Esabac, il doppio esame di maturità in Italia e in Francia è una bella responsabilità! Puoi preparare gli studenti per l’Esabac, il doppio diploma italiano e francese!

Si tratta di un percorso di scuola secondaria riconosciuto dalle istituzioni italiane e francesi che permette di accedere contemporaneamente all’Esame di stato e al Baccalureat.

In Italia questo doppio percorso italiano-francese viene offerto da 366 licei!

Ogni anno circa 5.000 ragazzi italiani ottengono il diploma di scuola superiore e il Bac.

Una bella responsabilità per l’insegnante di francese che deve preparare i giovani a dare gli esami direttamente in lingua!

Secondo l’istituto francese di Roma, il 90% dei ragazzi supera con successo entrambi gli esami e di questi, il 13% ottiene un “giudizio molto buono”.

Il che significa che il livello di francese insegnato è alto, di conseguenza anche gli insegnanti di francese devono avere delle ottime basi di partenza.

Come insegnante di francese potresti lavorare anche nei licei francesi in Italia, come l’istituto Chateaubriand di Roma.

Questi posti prevedono un curriculum di studi del ministero dell’istruzione francese per cui anche gli insegnanti di solito sono formati direttamente in Francia.

Dare dei corsi di francese come insegnante privato

Alcuni insegnanti di francese offrono anche lezioni private per aiutare gli studenti a recuperare la materia.

In genere ci sono tre tipi di insegnante:

  • un insegnante di francese della scuola pubblica che da lezioni private per arrotondare lo stipendio;
  • insegnanti che hanno lasciato la scuola e che fanno gli insegnanti privati a tempo pieno;
  • insegnanti in pensione che continuano a mantenersi attivi con i corsi di francese online.

In ogni caso, il sostegno scolastico sembra una soluzione molto efficace per rimediare alle falle del sistema scolastico e colmare le proprie lacune con un percorso personalizzato.

Molti ragazzi sin dalla prima media chiedono lezioni private di francese. Le ripetizioni di francese aiutano a colmare le lacune!

Il mercato delle lezioni private in Italia è di quasi 1 miliardo di euro.

L’approccio pedagogico dell’insegnante di francese deve essere diverso da quello proposto a scuola, soprattutto nei confronti degli studenti che hanno bisogno di recuperare la materia.

Si tratta quindi di proporre dei supporti ludici e degli esercizi più interattivi che sapranno coinvolgere l’allievo lavorando su ortografia e grammatica.

Il metodo totalmente personalizzato dei corsi individuali (corso francese milano) permette all’insegnante di adattarsi al ritmo dello studente e proporgli dei corsi di francese online o a domicilio fatti su misura, e in funzione dei punti di forza e di debolezza.

La lingua francese non smetterà di essere importante per gli studenti che aspirano a una carriera internazionale o nel commercio. Il francese poi è la base delle lingue franco-provenzali parlate in Valle d’Aosta e le valli occidentali del Piemonte, tutelate dalla legge italiana come lingue minoritarie.

Per questo ci sarà sempre bisogno di un insegnante di francese.

Sai quanto prende un insegnante di francese della pubblica istruzione?

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar