"Sono me stesso solamente quando tengo una chitarra tra le mani" George Harrison

Se anche tu ti senti completamente te stesso soltanto quando tieni una chitarra tra le braccia, saprai di certo che dovrai lavorare duramente e con costanza per acquisire le tecniche necessarie per definirti un buon chitarrista.

La musica ha sempre fatto parte della cultura italiana, entrando sia nella sfera privata che nella sfera pubblica. Ma ascoltare non significa suonare: chi vuole essere chiamato musicista deve dedicare molto tempo alla pratica.

Scala pentatonica, scala maggiore, accordi di base, i diversi modi (misolidio, dorico, frigio, …), ecc... le cose da imparare sono numerosissime!

In questo articolo, ci interesseremo alla scala minore. 

Valerio
Valerio
Insegnante di Chitarra
5.00 5.00 (12) 29€/h
Prima lezione offerta!
Giovanni
Giovanni
Insegnante di Chitarra
4.75 4.75 (8) 20€/h
Prima lezione offerta!
Lorenzo
Lorenzo
Insegnante di Chitarra
5.00 5.00 (31) 20€/h
Prima lezione offerta!
Antonino
Antonino
Insegnante di Chitarra
5.00 5.00 (6) 25€/h
Prima lezione offerta!
Davide
Davide
Insegnante di Chitarra
5.00 5.00 (10) 15€/h
Prima lezione offerta!
Giacomo
Giacomo
Insegnante di Chitarra
5.00 5.00 (13) 25€/h
Prima lezione offerta!
Federico
Federico
Insegnante di Chitarra
5.00 5.00 (10) 20€/h
Prima lezione offerta!
Davide
Davide
Insegnante di Chitarra
4.95 4.95 (20) 20€/h
Prima lezione offerta!

Che cos’è la scala minore? 

Trova corsi di chitarra nella tua città grazie a Superprof!
Per diventare un vero e proprio Guitar Hero, dovrai imparare anche le scale minori!

La scala minore rappresenta, insieme alle scala maggiore, il binomio fondamentale della musica.

Si tratta di una variante della scala maggiore, in cui cambiano gli intervalli che separano le sette note della sequenza.

Un intervallo è la distanza che separa due note: può essere di un tono o di un semi-tono. Quando si parla di chitarra, un tono corrisponde a due tasti e un semi tono a un solo tasto. 

Fare una scala, significa rispettare una certa distanza regolare degli intervalli 

La scala minore relativa è costruita sul VI grado della scala maggiore. Il VI grado della scala maggiore di Do è un La. 

Ma per riconoscere una scala minore, bisogna prestare attenzione all’intervallo tra la tonica (la prima) e la caratteristica (la terza). 

Nella scala maggiore, ci sono due toni di separazione, mentre nella gamma minore, ce ne sono soltanto 1,5.

La terza nota attribuisce una tonalità melanconica alla scala minore. 

Parlare di una sola scala minore è in effetti un abuso di linguaggio, poiché esistono diversi modi minori, che permettono di ottenere scale minori.

Tutte le scale minori si caratterizzano per un terzo alterato (-1/2 tono). Le altre note alterate della scala sono la sesta e la settima. 

Ogni scala maggiore possiede una corrispettivo minore relativo: le note tra la scala maggiore a la sua relativa minore sono le stesse. La differenza risiede soltanto nell’ordine delle note e nella terza minore. 

Come riconoscere una scala minore relativa? 

Per riconoscere una scala minore, basta guardare se possiede un tono e mezzo tra la tonica e la caratteristica. Quando la terza nota è minore, si tratta quasi di sicuro di una scala minore. 

Attenzione: queste struttura si applica a tutte le scale minori relative. 

Ma esistono tre tipi di scale minori, ognuna delle quali possiede la propria struttura: la scala naturale, la scala armonica e la scala melodica.

Le tre tipologie di scale minori sono molto simili tra di loro. Le differenze tra un tipo di scala minore e l'altro sono davvero minime, e le vedremo nel seguito dell'articolo.

Imparare le diverse scale è davvero utile per chi vuole fare improvvisazione o comporre brani originali con la propria chitarra.

La scala minore naturale alla chitarra 

Per diventare chitarristi professionisti, servono tempo, impegno e costanza.
La scala minore di La è "La Si Do Re Mi Fa Sol La". Queste note ti ricordano qualcosa?

Anche chiamata scala melodica discendente o modo eolio, la scala minore naturale è la più comune tra le tre. Ti consigliamo quindi di impararla per prima.

Proprio come la scala maggiore, la minore è eptatonica, composta cioè da 7 note.

Ogni nota dista un tono o un semitono dalla precedente e dalla successiva.

Ecco la struttura della scala minore naturale: 

  • Dalla I^ alla II^: 1 tono,
  • Dalla II^ alla III^: 1/2 tono,
  • Dalla III^ alla IV^: 1 tono,
  • Dalla IV^ alla V^: 1 tono,
  • Dalla V^ alla VI^: 1/2 tono,
  • Dalla VI^ alla VII^: 1 tono,
  • Dalla VII^ alla I^: 1 tono.

Puoi memorizzarla in due modi diversi: 

  • 1T – 0,5T – 1T – 1T – 0,5T – 1T – 1T,
  • 2 – 1 – 2 – 2 – 1 – 2 – 2.

La seconda formula indica al contempo i toni e i semitoni tra le note e la distanza tra i tasti da osservare per suonare la scala alla chitarra.

Se impari la struttura, potrai poi suonare le scale minori in qualsiasi tonalità. Per rispettare gli intervalli, dovrai talvolta alterare una nota con un bemolle o un diesis.

Per esempio, la scala di La minore è la seguente: La Si Do Re Mi Fa Sol La. 

Sono le stesse note della scala di Do maggiore.

Come esercitarsi con la scala minore naturale? 

Se sei principiante assoluto, concentrati sulla posizione delle dita, sul mantenimento del ritmo, sugli accordi di base e gli accordi con barré. Le scale minori si affrontano in genere dopo due o tre anni di corso chitarra, quando si è un po' più a proprio agio con lo strumento.

Inizia studiando la struttura della scala minore naturale. 

Poi prova a suonare la scala partendo da diverse note, prima su una corda sola, poi su due, poi su tre, fino a suonare la scala utilizzando tutte e sei le corde.

È un ottimo esercizio anche per migliorare il tuo controllo del plettro con la mano destra e la coordinazione delle dita nella mano sinistra (o viceversa per i mancini). 

Per aiutarti, ecco la scala minore naturale di Do, applicano la formula già vista 1T – 0,5T – 1T – 1T – 0,5T – 1T – 1T : Do Re Mib Fa Sol Lab Sib Do.

Non sarà un Re la terza della scala poiché non si può avere un Re e un Re# nella stessa scala musicale - la nota che segue viene quindi indicato come un Mi bemolle.

Esercizio: prova a trovare la scala minore di Fa servendoti della formula che abbiamo dato (la risposta alla fine dell'articolo).

Quando ti sentirai a tuo agio con la scala minore, inizia a studiare la scala cromatica!

La scala minore armonica alla chitarra 

Gli insegnanti di chitarra possono darti i migliori consigli per progredire rapidamente.
Scale, accordi, arpeggi... Sono tante le cose da imparare per definirsi chitarristi esperti!

La scala armonica è la seconda in ordine di frequenza. La incontrerai più o meno di frequente a seconda dello stile musicale che vuoi suonare e ti sarà utile per imparare a comporre e improvvisare. 

La scala minore armonica si costruisce partendo dalla scala minore naturale.

Si conterà sempre un tono e mezzo tra la tonica e la terza, ma la differenza si farà a livello della settima nota, che verrà alterata di un semitono (+1/2 tono). 

Se prendiamo la scala del La Minore, è quindi il Sol che verrà alterato: La Si Do Re Mi Fa Sol# La. 

Questo cambia la struttura della scala: 

  • Dalla I^ alla II^ : 1 tono,
  • Dalla II^ alla III^ : 1/2 tono,
  • Dalla III^ alla IV^ : 1 tono,
  • Dalla IV^ alla V^ : 1 tono,
  • Dalla V^ alla VI^ : 1/2 tono,
  • Dalla VI^ alla VII^ : 1,5 toni,
  • Dalla VII^ alla I^ : 1/2 tono.

Per memorizzarla meglio, ecco la struttura della scala armonica con lo schema visto in precedenza:

  • 1T – 0,5T – 1T – 1T – 0,5T – 1,5T – 0,5T,
  • 2 – 1 – 2 – 2 – 1 – 3 – 1.

È un po’ più complessa da ricordare rispetto alla scala vista in precedenza, ed è per questa ragione che dovrai metterla in relazione con la scala minore naturale: è la stessa scala, ma con la 7a nota alzata di un semitono.  

Come esercitarsi con la scala minore armonica? 

Il principio è lo stesso che per la scala minore naturale. Dovrai ripetere diverse volte, facendo attenzione a iniziare con un tempo molto lento (usa il metronomo per mantenere il ritmo).

Il tuo cervello deve avere il tempo di assimilare la posizione delle dita per poterle replicare in maniera naturale in seguito.

Partendo dalla scala minore naturale di Do, ecco la scala minore armonica di DO, che si ottiene aumentando di un semi-tono la 7a nota: Do Re Mib Fa Sol Lab Si Do. 

Prova a eseguire un esercizio con la tonalità Fa (risposta alla fine dell’articolo). 

La scala minore melodica alla chitarra 

Quale chitarra fa più al caso tuo: acustica, classica o elettrica?
Imparare ogni scala a memoria non è la strategia migliore. Cerca di memorizzare lo schema delle diverse scale: potrai così riprodurle in diverse tonalità.

Anche chiamata scala minore melodica ascendente, la scala minore melodica è più rara nella musica pop e rock, ma la troverai spesso se suoni musica metal, jazz e blues.

Per ottenere la scala minore melodica, dovrai partire dalla scala minore armonica e aumentare la sesta nota di un semitono. 

Ripartendo della scala minore armonica di La, otterrai: La Si Do Re Mi Fa# Sol# La. 

La struttura ovviamente cambia di nuovo: 

  • Dalla I^ alla II^: 1 tono,
  • Dalla II^ alla III^: 1/2 tono,
  • Dalla III^ alla IV^: 1 tono,
  • Dalla IV^ alla V^: 1 tono,
  • Dalla V^ alla VI^: 1 tono,
  • Dalla VI^ alla VII^: 1 tono,
  • Dalla VII^ alla I^: 1/2 tono.

Le tecniche per ricordare: 

  • 1T – 0,5T – 1T – 1T – 1T – 1T – 0,5T,
  • 2 – 1 – 2 – 2 – 2 – 2 – 1.

Rispetto alla scala minore naturale, la scala minore melodica vede la sesta e settima nota aumentate di un semitono. 

E quindi più facile ricordare la scala minore naturale e ricordarsi come trasformarla in scala minore armonica e melodica. 

Tutto questo ti sembra complicato? Impara chitarra con un corso i chitarra o delle lezioni di chitarra online.

Come allenarsi con la scala minore melodica? 

La scala minore melodica somiglia molto alla scala maggiore. 

Compara la scala maggiore di La (La Si Do# Re Mi Fa# Sol# La) e la scala minore melodica di La (La Si Do Re Mi Fa# Sol# La). 

È praticamente la stessa! Solo la terza nota è alterata e perde un semitono nella scala minore melodica. 

È quindi possibile esercitarsi con la scala minore melodica e la scala maggiore al contempo. 

Per la scala minore melodica di Do, si parte dalla scala minore armonica di Do e si aumenta la sesta nota di un semitono. Si ottiene quindi: Do Re Mib Fa Sol La Si Do. 

Prova ora a trovare la scala minore melodica di Fa (risposta alla fine dell'articolo). 

Allenati per imparare a trasformare le scale partendo da una tonalità qualsiasi. 

Poi esercitati con regolarità per progredire rapidamente.

Con molta perseveranza potrai diventare una star internazionale della chitarra!  

Ecco le risposte ai quesiti posti in questo articolo: 

  • Scala minore naturale di Fa : Fa Sol Lab Sib Do Reb Mib Fa,
  • Scala minore armonica de Fa : Fa Sol Lab Sib Do Reb Mi Fa,
  • Scala minore melodica de Fa : Fa Sol Lab Sib Do Re Mi Fa.

Hai fatto degli errori? Migliora con una lezione di chitarra a domicilio. Su internet troverai inoltre molti siti dedicati a chi vuole imparare da autodidatta, come ad esempio Justin Guitar o Guitartricks.

Scopri tutto quello che c'è da sapere sulle scale alla chitarra con il nostro articolo a riguardo!

Bisogno di un insegnante di Chitarra?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Nicolò

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.