Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

L’eredità odierna del latino

Di Igor, pubblicato il 29/03/2018 Blog > Sostegno Scolastico > Latino > Quali Sono le Lingue che Derivano dal Latino?

Oltre 430 milioni di locutori parlano lingue neolatine.

Le lingue di derivazione latina (o romanica) sono parlate tanto quanto quelle germaniche.

Sai quali sono le lingue Indo-Europee che derivano dal latino?

Qual è l’origine della lingua latina?

Ogni lingua risente degli eventi storici del paese e quindi delle invasioni, più o meno violente, sul proprio territorio di altri conquistatori. La lingua latina deriva dall’etrusco, dal fenicio e dal greco antico!

Le lingue in Europa sono prevalentemente delle lingue indo-europee, ossia delle lingue parlate dall’Europa all’India (dal Greco, al Sanscrito). Le lingue del gruppo indo-europeo sarebbero nate sulle rive del Volga, diversi millenni orsono.

Ma, pur avendo quasi tutte una stessa origine, le lingue europee differiscono tra loro. In effetti, troviamo delle lingue slave, delle lingue germaniche, delle lingue celtiche delle lingue latine.

Le lingue latine usano l’alfabeto latino e seguono l’evoluzione del latino, la cui origine è etrusca. Gli Etruschi presero in prestito l’alfabeto greco. I Greci, per crearne uno, avevano dapprima utilizzato l’alfabeto fenicio, da cui poi trassero le proprie lettere.

All’inizio, il latino era solo una lingua italica fra tante altre parlate sulle rive del Tigri.

Il latino era all’origine parlato nella regione del Latium e dell’Italia Centrale.

Roma esercitò un’influenza importante sul bacino mediterraneo durante l’Antichità ed ecco perché divenne una lingua di massa, che pose fine all’esistenza di altri dialetti. Le nostre lingue, oggi giorno, provengono in gran parte dal latino.

La lingua latina possiede:

  • 5 declinazioni e numerose desinenze,
  • 3 generi nei nomi e negli aggettivi, come il Greco e il Tedesco,
  • Un singolare e un plurale,
  • Nessun articolo,
  • 4 coniugazioni,
  • 1 forma passiva come nella lingua greca.

Il latino è una lingua inversiva: le parole si sistemano nella frase in base al valore e all’importanza, ma anche secondo le leggi dell’armonia (versi, prosa). La lingua latina era una lingua oratoria e veniva praticata molto nell’esercizio della giurisprudenza e del diritto e della politica.

Ovviamente, il popolo, gradualmente, si appropriò della lingua per trasformarla attraverso i secoli e dare vita alle lingue latine che oggi conosciamo e parliamo.

Ma tu sai come imparare il latino e le declinazioni?

Che cos’è una lingua romana?

Le invasioni romane in buona parte del continente europeo ne hanno determinato la fonologia della lingua. Allo stesso modo in cui le invasioni slave hanno influenzato le formazioni linguistiche dell’est Europa. L’appartenenza fonologica dipende dall’origine occidentale o orientale della lingua!

Le differenti lingue romaniche sono lingue derivate dal latino volgare. Questo era parlato dal popolo – cosiddetto latino vernacolare – che lo usava per comunicare nella vita quotidiana.

Le lingue romaniche sono state parlate, o sono ancora parlate, entro un’area geografica designata col nome di Romania, il nord-est europeo dell’Antico Impero Romano. La parola Romania è una derivazione di romanus (romano). Di fatto, i locutori usavano una lingua derivata dal romano, in contrapposizione, ad esempio, alla lingua usata dalle popolazioni germaniche e parlata nelle zone del Nord della Francia.

L’evoluzione del latino volgare ha condotto alla nascita di diverse lingue.

Cronologicamente, esistevano varie forme di latino volgare tra il 200 e il 400. Poi, poco alla volta, le forme si differenziarono sempre più, tra il 500 ed il 600. Nell’813, esisteva una lingua romana ed i discorsi si tenevano in rusticam Romanam linguam, lingua romana rurale. Consultando un dizionario latino troverai, ancora oggi, qualche discorso pronunciato all’epoca.

Per finire, nell’842, un primo testo totalmente in lingua romana venne redatto, Siamo agli albori della futura lingua d’oïl.

Tutte le lingue romaniche presentano caratteristiche quali:

  • Origine delle parole derivante dal latino volgare;
  • Vocaboli del latino volgare;
  • Sistema vocalico diverso dal latino (dittonghi, apofonie, sincopi);
  • Evoluzione consonantica verso una palatalizzazione rilevante;
  • Scomparsa del genere neutro (che persiste solo nel romeno oggi giorno);
  • Sistema verbale riorganizzato (scomparsa del futuro latino, creazione di ausiliari e del condizionale),
  • Sviluppo degli articoli, che non esistevano nella frase latina.

Le lingue romaniche sono esse stesse suddivise in due gruppi, secondo la linea Spezia-Rimini: lingue romaniche occidentali (gallo-romane, ibero-romane, occitano-romane, reto-romane) e lingue romaniche orientali (italo-romane, sarde, traco-romane, dalmate).

Leggi le nostre domande e le nostre risposte sul latino!

Quale lingua latina moderna somiglia di più al latino?

La lingua inglese trae le sue origini dalle lingue germaniche, ma alcune parole di Londra sono di origine latina. Anche gli inglesi parlano un po’ di latino!

Ecco una domanda ben complessa cui rispondere: oggi qual è la lingua che più somiglia al latino?

Il Sardo, il dialetto parlato in Sardegna, sarebbe la lingua più vicina al latino (lezioni di latino). In un contesto più generale, le lingue del Sud Italia sono quelle che più si avvicinano al latino, mentre al Nord se ne distaccano.

Data la presenza del Vaticano in Italia, ove ancora il latino figura come lingua ufficiale, non sorprende che l’italiano sia la lingua che più resta vicina al latino.

Ed ecco perché gli stranieri che studiano latino riescono poi, un po’ meglio degli altri, a capire qualche parola di italiano.

Ma sai che anche l’Inglese possiede molti termini derivati dalle lingue latine? Questo è dovuto ad una discendenza indiretta dal latino, tramite le lingue neo-latine attuali!

Cosa aspetti? Inizia subito a cercare le lezioni di latino che fanno per te!

Le lingue romane più vicine al latino

La somiglianza tra le lingue romane può essere messa in risalto attraverso alcuni esempi, che riportiamo nella tabella sottostante:

Latino Italiano Spagnolo Romeno Occitano Portoghese Francese
Clave Chiave Llave Cheie Clau Chave Clé
Nocte Notte Noche Noapte Nuèit/nuèch Noite Nuit
Cantare Cantare Cantar Cînta Cantar Cantar Chanter
Capra Capra Cabra Capra Cabra Cabra Chèvre
Lingua Lingua Lengua Limbǎ Lenga Lingua Langue
Platea Piazza Plaza Piaţǎ Plaça Praça Place
Clave Chiave Llave Cheie Clau Chave Clé

Le differenze linguistiche si devono ai diversi avvenimenti storici che hanno interessati i diversi paesi. Ogni lingua ha «pescato» in altre lingue. Per esempio: il Francese ha preso molto da Arabo, Spagnolo e Italiano; lo Spagnolo ha fatto ricorso al Francese e all’Arabo; l’Italiano è stato influenzato dal Francese; il Rumeno ha preso dalla lingua della Dacia.

Per quanto le somiglianze tra lingue siano notevoli, il fatto, poi, di aver subito o meno influenze germaniche distingue le lingue: come ad esempio il Francese dall’Italiano.

Le somiglianze riguardano molto più spesso lo scritto, che non l’orale. Prendi il numero 5, ossia cinq, cinque, cinci (romeno):

  • La vocale nasale [~ε] si sente solo in Francese,
  • All’inizio della parola sentiamo «tch» in Rumeno e in Italiano, mentre «s» in Francese,
  • Alla fine, abbiamo [k] in francese, mentre [kw] e «tch» nelle altre due lingue.

L’Italiano

L’Italie si forgia di una estrema varietà linguistica, data la tardiva unificazione del Paese (1861). Le lingue italiane del Nord si avvicinano di più a quelle romane occidentali (come fanno il Francese e lo Spagnolo) mentre al Sud sono le lingue romaniche orientali che hanno influenzato il parlare (somiglianza con il Rumeno, allora). L’opposizione Nord-Sud non è cosa recente, insomma!

La lingua designata come Italiano ufficiale è il toscano di Dante Alighieri, come già ben sai.

Per la cronaca, la Corsica, che è francese, ha un dialetto italiano vicino al toscano delle origini.

62 milioni di persone parlano Italiano nel mondo.

Lo Spagnolo

Lo Spagnolo, anche detto Castigliano (da non confondere col Catalano), deriva dal Latino ma è stato molto influenzato dall’Arabo. I Mori furono presenti per oltre sette secoli in seno alla penisola iberica. Nell’America latina, la lingua si è evoluta diversamente, dando origine a diverse varianti e innumerevoli termini differenti.

Oggi lo Spagnolo è la lingua madre di ben 437 milioni di persone.

Italiani, ma anche francesi, spagnoli, portoghesi e romeni devono la lingua che parlano a Cicerone, Ovidio e amici vari. Uno stesso idioma ha definito e strutturato gran parte delle lingue dell’Europa occidentale!

Il Romeno

La lingua Romena è molto vicina ai dialetti del Sud Italia, come il Napoletano, ma rivela anche influenze slave. «Sì» è detto «Da» come nella maggior parte delle lingue slave, ad esempio.

Il Moldavo, per quanto scritto in Cirillico, si avvicina al Romeno. Le differenze tra le due lingue sono più politiche, che linguistiche.

24 milioni di persone parlano il Romeno come lingua madre.

Il Portoghese

Il Portoghese è un’altra lingua presente nella penisola iberica. Esso si è diffuso nel mondo al ritmo delle conquiste portoghesi.

219 milioni di persone al mondo parlano il Portoghese come lingua madre

Il Francese

Questa lingua è stata unificata e codificata molto precocemente: nel Rinascimento. Ma essa contiene comunque innumerevoli nuances. Due gruppi linguistici coabitano in Francia: le lingue d’oc a sud e le lingue d’oïl a nord. Le due parole furono scelte per distinguere le parlate poiché significano “sì”, nelle rispettive realtà linguistiche.

Il Francese si è imposto poco alla volta come lingua nazionale, ma, alla base, si tratta di una lingua d’oil, diffusa poi nella Capitale. Questa influenza si nota leggendo le citazioni latine, ove parecchi termini somigliano agli attuali francesi.

76 milioni di persone al mondo parlano oggi Francese come lingua madre.

Altre lingue latine

Esistono numerose lingue neo-latine, a cui si fa spesso riferimento anche durante il corso di latino scuola media. Attualmente molte parlate appartengono al gruppo italiano, francese e spagnolo.

Il gruppo ibero-romanico è diviso in più lingue dialettali o meno:

  • Gruppo spagnolo: Castigliano, Asturiano, Lionese, Andaluso, Estremaduro, Giudaico-spagnolo,
  • Gruppo portoghese: portoghese, galiziano, mirandese, acoriano, algarvio, alenteiano, dialetto del Minho…
  • Gruppo catalano: il Catalano è parlato in una parte della Spagna, in Francia, in Andorra, in Catalogna, parzialmente nell’Aragona, parzialmente a Valencia e nelle isole Baleari. Da un punto di vista linguistico, il Catalano si avvicina più all’Occitano che al Castigliano.

Il gruppo occitano-romano comprende il Francese, l’Alverniate, il Guascone, il Linguadociano, il Limosino, il Provenzale, il Vivaro alpino (nella zona transfrontaliera italiana).

Il gruppo italo-romanico comprende tutti i dialetto italiani: piemontese, lombardo, ligure, emiliano, bolognese, vicini al francese per via della pronuncia. Ma anche: i dialetti trentini, oltre a Toscano, Corso, Sardo, Romano, Campano, Siciliano, Calabrese.

Il gruppo gallo-romano o gallo-italico è composto da più lingue d’oïl: franciano (dialetto dell’Ile de France), vallone, piccardo, normanno, parlata della Champagne, francoconteese, borgognone, lorenese, pittavino-santongese, gallò (una variante parlata nell’Alta Bretagna), …

Nel gruppo reto-romano bisogna menzionare il friulano e il ladino per l’Italia e il romancio per la Svizzera.

Infin, il gruppo balcano romano comprende il dacio-romano, ma anche le lingue scomparse come l’istro-romano.

Tutte queste lingue regionali o tutti questi dialetti, all’origine, provengono dal latino.

Hai già iniziato le tue lezioni di latino o un corso di latino online?

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar